Jump to content

Cantiere Di Costruzione Passo Passo Nave Scuola " Amerigo Vespucci " Scala 1:100 Hachette


pennabianca

Recommended Posts

Ciao Nelau.

 

La spiegazione dell'amico Pennabianca, mi trova perfettamente d'accordo con il procedimento che ti ha suggerito, che sarebbe la cosa esatta da fare. Concordo in pieno anche sulle spiegazioni date su i fascicoli, che moltissime volte non rispecchiano i nostri procedimenti e il modo di eseguirli.

Comunque non è un grosso problema se viene ha mancare sul bordo qualche millimetro, in quanto tutto il coronamento dello scafo sarà coperto da una cornice che coprirà tutto.

Il lavoro esatto è quello proposto da Pennabianca per avere tutto perfetto e preciso.... poi, pondera tu se attuarlo o lasciare tutto così.

Buon proseguimento e auguri di un Buon Anno a te e famiglia.

 

roccowilli.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 1.8k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Carissimi comandanti buona giornata e ben trovati.

Questa mattina, un freddo cane, ho ritirato all'edicola il fascicolo n° 44 così composto:

 

USITA 44

 

Lastra fotoincisa

con le sezioni della murata di dritta.

Eccovi la scansione del fascicolo:

 

img410.jpg

 

img411.jpg

 

img412.jpg

 

img413.jpg

 

img414.jpg

 

img415.jpg

 

Carissimi ecco fatto appena sarà possibile posterò le foto del lavoro eseguito.

 

Un caro saluto

 

Pennabianca.

Link to comment
Share on other sites

Una domanda per chi ha già cominciato ad applicare le fotoincisioni: dove dovrebbero esserci i vetri (come le porte e gli oblò) non avete pensato ad una possibile soluzione per simularli? Stavo pensando al nylon spesso, ad esempio, da tagliare a pezzettini e incollare tra il legname e le fotoincisioni.

 

Che ne pensate?

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno comandanti tutti e buone feste. Caro Sersevel, la soluzione è più facile di quello che sembra: acetato da confezione; punta da trapano da 2 a 6 mm; forbicine; pennarello nero. Fai i contorni degli oblò sullo scafo con il pennarello, usando la fotoincisione come dima, una volta disegnati gli oblò, li apri con le punte del trapano facendo i fori finali di 2 mm più larghi rispetto alla lastra; ritagli dischetti di acetato della stessa dimensione del foro, e lo incolli dietro la lastra; poi applichi la lastra fotoincisa.

Per maggiori info sono a disposizione.

 

Gianele

Link to comment
Share on other sites

Comandanti buona serata, un caro saluto a Simone e a Gian Luca.

Ritornando sulla domanda di Simone, io ho messo l'acetato solamente sulle due porte e sugli oblò adiacenti alle portenon forando l'apertura di essi.

Ho preferito fare questo per non andare a crearmi problemi con fori ecc. ecc. quindi su tutti gli oblò che ho fatto e che farò dipingerò il fondo con vernice acrilica nero opaco.

 

Ora eccomi a postare le foto del montaggio delle due murate indicate nell'uscita 44, basta seguire le foto e le didascalie dell'opuscolo, nessun problema.

Una cosa ho constatato sulla poppa che poi evidenzierò con una foto, per ora eccovi le foto del posizionamento delle fotoincisioni sempre con pezzettini di biadesivo.

 

image.jpg

 

image.jpg

 

image.jpg

 

Ecco carissimi questo è il posizionamento delle murate con i portelli inseriti.

 

Ora la foto sottostante mostra una leggera fessura che si crea posizionando il pezzo di poppa, cosa che, come ho detto nei post precedenti ogni uno di noi lavora col la propria testa e con le proprie mani e non con le illustrazioni e le spiegazioni delle uscite. Detto questo è per spiegare che facendo aderire perfettamente la fotoincisione sulla poppa e posizionarla a filo del ponte, a me si crea quanto detto, se invece faccio aderire la sommità della fotoincisione essa non si allineerà con il ponte e tende a cadere all'estremità. Allora quando andremo a montare definitivamente queste fotoincisioni vedrò cosa si potrà fare per ovviare a questo piccolo inconveniente, certamente non sarà un problema. 1) Tagliare la fotoincisione dove fa la curva in tre parti e rastremando leggermente le estremità superiori di modo da farle aderire perfettamente. 2) stuccare leggermente la fessurina. 3) scartavetrare la poppa di modo che la fotoincisione aderisca perfettamente, come ho detto si vedrà a suo tempo.

 

20141230_162031.jpg

 

Per ora carissimi questo è il quanto, ora attendiamo la prossima uscita.

 

Auguro a tutti voi e alle vostre famiglie una lieta fine e un magnifico inizio d'anno (speriamo)

 

Buona serata e buon lavoro da Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

buongiorno a tutti,

anche io, come voi, sto assemblando passo dopo passo

la nave dove ho trascorso 6 anni stupendi......mammamia!

va bene....ormai si parla di passato... ma mai dire mai!

niente sono felicissimo di essermi unito a voi con la speranza di

avere tantissimi aiuti o consigli utili...ovviamente ricambio nel caso

fossi tirato in ballo.....

per le foto del mio modello dovete aspettare un po', giusto il tempo di capire

come si allegato le foto

un saluto a tutti, marinai e comandanti!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Buon giorno Ettore e un buon giorno e un ben salito a bordo al comandante Frapit.
Ettore grazie per gli auguri contraccambio cordialmente auguri anche a te carissimo Frapit.
Complimenti per l'imbarco, non preoccuparti qualche problema? nessuna preoccupazione siamo tutti qui per aiutarci lun l'altro, quindi chiedi, esponi il problema e ti sarà risposto nel migliore dei odi.
Il tuo lavoro è magnificamente ottimo, continua su questa strada e non avrai problemi.

Carissimi a presto rinnovo gli auguri e buon lavoro a tutti.

Pennabianca.

 

 

PS. Per la fessurina sulla poppa tra la fotoincisione e il ponte, già sistemato il tutto, è bastato scartavetrare quel tanto per pareggiare la poppa e tutto si è sistemato a dovere, quindi nessun problema.

Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Un buon giorno a tutti i carissimmi comandanti.

Vogliate perdonare la mia poca frequenza sul forum, inquanto tra le festività natalizie e la gioia della venuta al mondo della mia prima nipotina Giulia, non ho avuto il tempo materiale di dedicarmi al modello e aggiornarvi come di solito faccio.

Chiedo scusa ad Aniko e a tutti gli altri per non aver corrisposto gli auguri di Natale, e do il benvenuto al nuovo amico frapit79 per la nuova avventura in cui si è imbarcato. Sicuramente sarà perfettamente informato e documentato, visto che ha svolto se non ho capito male 6 anni di servizio su questa splendida e gloriosa nave, dove potra darci spiegazioni in proposito durante le varie fasi di avanzamento dove fosse necessario. Un saluto affettuoso all'instancabile amico carissimo roberto sempre presente con i suoi puntuali e precisi avanzamenti, che dire di più.... per ora da buon nonno mi godo come posso la mia nipotina e dalla prossima settimana cercherò di rientrare in careggiata con qualche piccolo avanzamento.

 

Un grande e caloroso saluto a tutti e un brindisi di cuore per un buon 2015 a voi e alle vostre famiglie, A U G U R I

 

roccowilli.

Link to comment
Share on other sites

Salve comandanti, dopo giorni di problemi con il computer, mi rifaccio vivo.

Ho notato un "errore " sul particolare che vedete indicato dalla freccia gialla.

 

vesp12_2.jpg

 

Secondo me e come si può vedere dalle foto che seguono la profondità dello spazio in questione è minore rispetto a come ci fa costruire Hachette.

 

10590.jpg

 

DSC01919.jpg

 

Vespucci_12.jpg

 

Io l'ho realizzato in questa maniera per il Vespucci che sto restaurando e così lo farò anche per questo dell'Hachette.

 

ANK289.jpg

 

Ciao

 

free image hosting

 

 

 

 

.....scusate il ritardo....sono nuovo ( in tutto) e solo ieri ho scoperto il forum....in effetti sembrerebbe cosi ma non lo è... perche':

oltre alla porta in evidenza (vedi foto originale della nave) dentro si crea una sorta di salettina dove si affaccia lo studio del comandante in II° e una segreteria...

da qui poi esiste un'altra porticina da dove inizia il corridoio ufficiali.....quindi il pezzetto di legno indicato come errore in effetti non lo è perchè indica la seconda porta e non la prima.

credo di essermi spiegato..

un saluto.

Edited by frapit79
Link to comment
Share on other sites

Infatti, questo particolare sarà montato in questo modo, dove questo spazio non è altro che un disimpegno tra una porta e l'altra, se avrai la pazienza di spulciare questa discussione fin dall'inizio potrai trovare spunti,suggerimenti e consigli. Eventualmente se trovi qualcosa di diverso durante tutti i vari stadi avanzamento fin'ora svolti, sarebbe un buon punto di discussione per potere migliorare ulteriormente il modello, visto che al momento ci si può permettere qualche piccola modifica in base alle tue conoscenze reali su quella vera.

 

Ciao e buon proseguimento.

 

roccowilli.

Edited by roccowilli
Link to comment
Share on other sites

Buonasera comandanti,

nell'attesa di applicare i preziosi consigli dei maestri sul come apporre il ponte, avrei un paio di domandine.

L'acetato per simulare gli oblò va comprato in fogli A4?

Lo spessore è standard?

Le fotoincisioni il metallo con quale colla saranno poi applicate?Gel nexus e varie dello stesso genere?

Grazie e saluti

Link to comment
Share on other sites

Salve comandanti ..BUON ANNO A TUTTI. Un benvenuto anche ai nuovi comandanti.

 

Prosieguo del montaggio Vi posto foto, Seguendo i preziosi consigli di Roberto e difficile sbagliare ....per l'ultima fotoincisione ,quella che piega sulla poppa ho dovuto scartavetrare abbastanza ......

 

Per l'acetato ,se posso ,,vi consiglio di usare confezioni da riciclo trasparenti ....per ottenere dei tondini un po piu' grandi degli oblò , usate un forafogli ,fate i fori della stessa misure e con colla cianoacrilica in gel li incollate.....Sinceramente la penso come Roberto su questo lavoro ......

 

Un Saluto e Buon Vento Carmine.

 

PS. Gianfranco che stà indietro :thumbsdown::thumbsdown::whistle::whistle:

 

image.jpg
invia immagini

 

image.jpg
image share

 

image.jpg
upload immagini gratis

 

image.jpg
caricare immagini

Link to comment
Share on other sites

Salve comandanti ..BUON ANNO A TUTTI. Un benvenuto anche ai nuovi comandanti.

 

Prosieguo del montaggio Vi posto foto, Seguendo i preziosi consigli di Roberto e difficile sbagliare ....per l'ultima fotoincisione ,quella che piega sulla poppa ho dovuto scartavetrare abbastanza ......

 

Per l'acetato ,se posso ,,vi consiglio di usare confezioni da riciclo trasparenti ....per ottenere dei tondini un po piu' grandi degli oblò , usate un forafogli ,fate i fori della stessa misure e con colla cianoacrilica in gel li incollate.....Sinceramente la penso come Roberto su questo lavoro ......

 

Un Saluto e Buon Vento Carmine.

 

PS. Gianfranco che stà indietro :thumbsdown::thumbsdown::whistle::whistle:

 

image.jpg
invia immagini

 

image.jpg
image share

 

image.jpg
upload immagini gratis

 

image.jpg
caricare immagini

 

image.jpg
upload immagini gratis

Edited by carminee
Link to comment
Share on other sites

Ciao Carmine, Buon Anno anche a te.

 

Vedo con molto piacere che nonostante tutto il lavoro che hai su gli altri modelli, vai avanti anche con questo modello alla grande mettendo in opera la tua esperienza di costruzione in special modo nel montaggio di queste fotoincisioni. Per quanto riguarda la scartavetratura del bordo della poppa per fare combaciare la fotoincisione credo che non sei il solo che l'abbia dovuta fare, e meno male che abbiamo lasciato un po di abbondanza di listello sottostante che ci ha consentito di tirare ancora di più per fare combaciare questo particolare.

Mi sono piaciute le faccine che hai messo e mi hanno fatto ridere.... ma ti posso assicurare che non sono indietro anzi, credo di avere fatto molto di più. Sicuramente non avrai visto le pagine precedenti dove avevo postato i cassettoni di bastinaggio, gli idranti antincendio, le cornici del coronamento del ponte di prua ed ora mi sono avventurato nella costruzione del casotto di poppa.Quindi amico mio non sono stato con le mani in mano :biggrin: :biggrin: anzi............ :whistle: :whistle: :wink: :wink:

 

Un caro saluto grande carmine e buon proseguimento.

 

roccowilli.

Link to comment
Share on other sites

Buonasera comandanti,

per il montaggio del ponte di poppa ho optato per lo scartavetrare e il risultato mi sembra soddisfacente.

Per l'acetato da applicare agli oblò ho applicato una striscia dello spessore leggermente superiore a quello degli oblò allo scafo e montato la fotoincisione sopra.

Vorrei sapere da voi se questo metodo potrebbe essere usato per tutto lo scafo.

 

Per la fessurina ( a me direi una "fessurrona") non mi è ben chiaro come pareggiare il tutto rastremando la poppa anche perchè la terza parte almeno a me non va proprio perfetta.

Intendete il ponte(che io ho tagliato giusto giusto) o i due pannelli?

Nel caso dato che a me la fessura non si crea solo nella poppa avrei intensione di applicare lo stucco.

Grazie.

IMAG0021.jpg
IMAG0022.jpg
IMAG0023.jpg
IMAG0024.jpg
Link to comment
Share on other sites

Buonasera comandanti tutti ed auguri di buon anno, posto qualche immagine del proseguimento lavori "in solitaria" aspettando le murate della Amati.. Le pareti sono realizzate in plasticard, rispettando quello che è stato rilevato dalle foto della nave vera, e simulando anche le giunzioni delle saldature tra piastre. Sul lato di dritta, dove è presente il cassone di bastinaggio, ho effettuato le aperture per i passacavi. Per il resto, inserisco anche delle foto dei primi boccaporti completi. Per quanto riguarda l'acetato, come ho detto nel mo precedente post, acetato di riciclo e di vari spessori si possono ricavare da molti tipi di confezioni, e sono gli stessi venduti nei vari negozi di modellismo a prezzi esorbitanti, invece di usare le forbicine, come ho suggerito, il consiglio di carmine va benissimo, e per chi ha l'attrezzino per fare i fori della cinta, con varie misure, è anche meglio; per quanto riguarda l'utilità, è una questione soggettiva, anche perché, chi volesse simulare gli oblò semi aperti o aperti, avrebbe questa possibilità. Comunque, a breve proverò ad inserire una foto della realizzazione di parte di una murata con gli oblò realizzati e posizionati da aperti, semichiusi e chiusi.

 

IMG_1208.jpg
Link to comment
Share on other sites

ciao a tutti,buon anno torno dopo tanto tempo,ma siccome sono diventato padre ho tutti i cantieri fermi.voglio complimentarmi con pennabianca per la collaborazione avuta da hachette.mio nipote lavora da amati e lui che prepara i fascicoli di hachette migliaia di foto per i fascicoli,anche per la vespucci un lavoro impeccabile e un piacere vedere le tue foto.pensavo ad una follia illuminare la vespucci.sarebbe bello un ciao a tutti i comandanti e a presto.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Nelau.

Per quanto riguarda ha fare combaciare bene le fotoincisioni, bisogna scaricare con carta vetro il fasciame proprio al di sotto del ponte, incominciare piano piano e provare gradatamente la fotoincisione fin quanto non si allinea per bene con il tavolato del ponte. LO stucco su questi particolari per come la penso io, non va assolutamente bene.

 

****************************************************************

Gianluca carissimo, che cosa devo dire........ i tuoi giapponesini hanno fatto un magnifico lavoro e le foto che hai postato parlano da sole. I complimenti per la tua ottima prestazione sono obbligatori.

Un caro saluto a te e Elena e buon proseguimento sul vostro magnifico modello.

 

*****************************************************************

Ciao Pallino, congratulazioni e auguri vivissimi per il tuo nuovo arrivato in famiglia, capisco benissimo il da fare che c'è in questo momento e giustamente non ti consente di portare avanti i modelli. Comunque sia prima o poi avrai il tempo necessario di continuare e se credi opportuno e hai le capacità di realizzare l'illuminazione sarà un valore aggiunto al magnifico modello.

 

 

Un caro saluto a tutti e rinnovo di cuore gli auguri di un buon e felice anno appena iniziato.

 

roccowilli.

Link to comment
Share on other sites

Sono nuovo del forum e mi trovo un po' indietro nei lavori in quando i fascicoli mi arrivano per posta e con notevole ritardo.

Passando tutta la discussione non mi è parso di vedere una foto della "rastrelliera" da realizzare con i pezzi del fascicolo 29.

Anche Penna Bianca ne parla a pagina 14 al punto # 391 ma poi non se ne vede traccia. Se qualcuno l'ha realizzata potrebbe postarne la foto in quanto son in difficoltà.

 

Un saluto a tutti e grazie.

 

Angelik

Link to comment
Share on other sites

Ciao Angelik

 

Evidentemente sfogliando tutte queste pagine ti è sfuggito il particolare da te menzionato. Se vai alla pag.19 messaggio 546 di Pennabianca, trovi l'immagine che ti può interessare e come dovrà essere montato.

 

Buona continuazione.

 

roccowilli.

Link to comment
Share on other sites

Come molti di noi che stiamo costruendo l'Amerigo Vespucci dell'Hachette e che aspettiamo con tantissima pazienza che arrivino i fascicoli per portare avanti il modello con quei pochi pezzi che ci mettono a disposizione che ci impegnano quella mezzoretta settimanale con scarsa soddisfazione, io...... come mio solito fare, impegno il mio tempo ad autocostruirmi i pezzi. Pertanto avendo una tavola con i disegni dei vari componenti, mi sono dilettato alla costruzione del casotto della timoniera di poppa. Premetto che questa è la prima volta che sono riuscito ha ridimensionare in scala questi disegni ed ho impegnato diverso tempo con l'ausilio di adobe photoshop ha portare la misura adeguata al nostro modello. Sicuramente ci sono altri programmi specifici, ma io non so usarli, quindi mi arrangio come posso.
Quindi..... piano piano.... ho stampato tutto e incollato su del compensato di betulla da mezzo millimetro e con l'archetto da traforo mi sono tirato tutti pezzi che compongono il cassotto.Il lavoro è stato abbastanza lungo, sia per tagliare i pezzi, sia per fare tutte le cornici. Certamente non sarà come quello che proporrà il fascicolo ma....... credo di avere fatto un discreto lavoro in base la mia manualità e con il materiale che ho a disposizione.Il pezzo misura lunghezza cm.5,6 larghezza cm.3,2 altezza cm.2,6, è stato verniciato color mogano e completato con due mani di trasparente lucida, le finestre sono state coperte con dell'acetato trasparente, e le foto che potete vedere sono il risultato ottenuto.Sul tetto del casotto credo che ci vadano altri particolari per completare il pezzo,purtroppo io non so cosa ci andrà, in quanto non riesco ha reperire una foto di come è composto e sicuramente sarà del materiale che io non ho.

 

DSC06907.jpg

DSC06908.jpg

DSC06909.jpg

DSC06910.jpg

DSC06911.jpg

 


Se qualcuno è interessato ha costruirsi questo pezzo, l'immagine postata potrà esservi d'aiuto.


cabina_timone_jpgridotto.jpg

Un affettuoso saluto.

 

roccowilli

Edited by roccowilli
Link to comment
Share on other sites

Carissimi Comandanti buona serata.

Un caro saluto al comandante Angelik nuovo membro del forum quindi ben arrivato a bordo carissimo.

Ho capito cosa intendi, però era una cosa così semplice e spiegata talmente bene che era superfluo postare quella specie di u rovesciata. Puoi trovare notizia oltre a quella postata dall'amico Roccowilli a pagina 15 post 426.

 

Ciao carissimo Gianfranco, è magnifica la cabina, complimenti fa veramente un figurone, bravissimo.

 

Comandanti vi saluto e buon lavoro a tutta la ciurma.

 

Pennabianca.

Link to comment
Share on other sites

a tutti gli amici del forum ed ai nuovi entrati...BUON ANNOOOO!!!!.

visto che Gianfranco corre più di un FRECCIAROSSA e ci propone la sua "timoneria di poppa", anch'io lo voglio imitare proponendovi la mia realizzazione.

ANK095.jpg

ANK096.jpg
ANK098.jpg
ANK194.jpg
Questa realizzazione risale ad un anno fa e l'avevo fatta per l'altro Vespucci.
Come potete vedere dalle prime foto ho anche realizzato le due scalette che dal ponte centrale vanno sopra a fianco della "timoneria di poppa".
Anche per l'A.V. dell' HACHETTE , farò allo stesso modo, prendendo in considerazioni le misure che rileverò dalla sagoma sul ponte di poppa.
Un piccolo appunto per Gianfranco: nella tua realizzazione ho notato il particolare della sporgenza della parte posteriore che allo stato attuale dell'originale, non esiste.
ciao

 

Link to comment
Share on other sites

Buonasera Comandanti,

grande Roccowilli :smiley19: mi fai venir voglia di cimentarmi nel tentare un'impresa del genere ..... ma mi passa non appena mi rendo conto di non esserne capace :biggrin:

Comunque per le fotoincisioni non riesco proprio a farle combaciare a poppa in quanto i due pannelli che la compongono, almeno senza scartavetrare più di tanto per ora, non sembrano andare molto d'accordo con questi pezzetti di metallo ;)

 

Se non erro non mi avete dato un'opinione sull'applicazione dell'acetato.

Vi riporto la mia domanda:

 

"Per l'acetato da applicare agli oblò ho applicato una striscia dello spessore leggermente superiore a quello degli oblò allo scafo e montato la fotoincisione sopra.

Vorrei sapere da voi se questo metodo potrebbe essere usato per tutto lo scafo o lo spessore potrebbe dare problemi"

Grazie e un caro saluto a tutti.

 

PS: appena visto il post di Aniko17, ottimo lavoro ;)

Edited by Nelau
Link to comment
Share on other sites

Bellissimi lavori, complimenti! Una domanda riguardo la colorazione: che cosa utilizzate? Non credo che vi appoggiate ad alcun tipo di bomboletta, qui di immagino che usiate altri prodotti: posso avere i dettagli?

Link to comment
Share on other sites

Grazie per i complimenti, ma si può sempre fare di meglio. La colorazione???? Questa si che è una domanda da 100.000000 $!!!!! Mi ricordo soltanto che mi diede, qualche tempo fa, una boccettina di questo liquido, un falegname di mia conoscenza. Di che liquido si tratti, non saprei proprio.

 

ciao

Link to comment
Share on other sites

Comandanti carissimi buona giornata e ben trovati.

 

Un caro saluto ai comandanti Roccowilli, ad Aniko a Nelau e a Serservel Simone.

I complimenti a tutti sono veramente d'obbligo, a Gianfranco li ho già fatti, ad Aniko glieli faccio ora perché a suo tempo ha fatto un lavoro impeccabile, complimenti a voi tutti.

Per Simone, il liquido che intendeva Aniko non è altro che mordente o anilina. Lo si usa per colorare il legno bianco (grezzo) e dare la parvenza che sia di una essenza ben definita. Lo si compera nei colorifici o nei briko center reparto colori.

Questo colorante è venduto in bustine (almeno io l'ho trovo in bustine) ed è in polvere che può essere diluito con acqua, se è a base d'acqua o diluito e sciolto con alcool denaturato se è a base alcoolica. Ne esistono di varie marche ma praticamente è tutta la stessa cosa.

Viene venduto in tutte le essenze del legno, e anche in vari colori dal nero all'azzurro al verde e al rosso.

 

Non mi dilungo oltre perché questa mattina è arrivato in edicola il fascicolo n° 45, esso contiene:

 

USCITA 45

 

Lastra fotoincisa

con le sezioni della murata di dritta.

 

pZj4G6.jpg

 

f7MFqG.jpg

 

17HD1V.jpg

 

7PQi6L.jpg

 

Ecco fatto carissimo poco o nulla da fare.

 

Posterò a tempo debito le foto del lavoro.

 

Buona giornata a tutti e buon lavoro.

 

Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Buon giorno Comandanti.

 

Roberto sei sempre troppo buono nei miei confronti, lo sai che io mi diletto nei limiti del mio possibile ha fare certe cose. Sono altresi sicuro e certo che se tu ti ci mettessi faresti delle cose eccezionali.

 

**************

Ettore carissimo anche tu hai fatto questo casotto alla perfezione ed è molto meglio del mio. Purtroppo ho dovuto fare tutto di sana pianta e con l'archetto da traforo non è stato facile tagliare ha misura tutti i particolari anche perche lo spessore del compensato era minimo, presumo pure che sia qualche centimetro più lungo e più largo rispetto ha quello che ho fatto io, in'oltre il tuo è molto più completo io mi sono dovuto adattare al materiale che avevo ed ho dovuto rifilare portando le misure ad un massimo di 3/mm e il più piccolo listello e da 1/mm, quindi immagina come ho dovuto eseguirlo.Comunque i complimenti sono d'obbligo per il tuo modo di lavoro.

 

*************

 

Ciao Nelau, apprezzo molto la tua considerazione sul mio lavoro. Comunque basta provarci ha farla, nulla è impossibile.

per quanto riguarda l'acetato, sicuramente farà un minino spessore, bisognerà vedere il listello del capodibanda che andra ha coprire la giuzione del tavolato e le fotoincisioni quale sarà la sua larghezza effettiva sperando che si aggiri su i 3 o 4/mm.

 

***********

Cia Serservel.

 

per quanto riguarda la colorazione l'amico Roberto ti ha spiegato benissmo come fare, io ti posso indirizzare per l'acquisto al brico center con questa foto . Spero che ti sia utle.

DSC06913.jpg
upload immagini gratis

 

Un caro saluto a tutti e alla prossima

Link to comment
Share on other sites

Buon giorno avanzato (ore 13,20) a tutti.

Gianfranco, debbo dire che la mia realizzazione ha avuto bisogno di molta, molta e dico molta pazienza. Io l'ho costruita come puoi vedere dalla foto , mettendo insieme dei piccolissimi listelli, un accanto all'altro, tenendo come riferimento il disegno che si vede in foto. Per quanto sono paziente ne ho costruite due , perchè la prima non mi soddisfaceva.

la PAZIENZA deve essere la prima virtù nel modellismo.

 

ciao!!

ANK115.jpg
ANK116.jpg
ANK122.jpg
ANK148.jpg
Link to comment
Share on other sites

Eccomi, ribuona giornata comandanti.

Come anticipato nel post precedente la pubblicazione del n° 45, il lavoro da eseguire si è risolto solo nello smontare dal telaietto le due fotoincisioni, ripulirle dalle sbavature, spazzolarle, colorare di nero sotto agli oblò e posizionare il tutto semza incollare, eccovi le foto.

 

COpFQU.jpg

 

qvYgvp.jpg

 

IO2use.jpg

 

wmJron.jpg

 

I1oVF8.jpg

 

Ecco fatto comandanti questo è tutto quello che concerne il fascicolo n° 45, (pochino).

 

Buona giornata a tutti e buon lavoro.

 

Pennabianca.

Link to comment
Share on other sites

Salve a tutti i comandanti .

 

Ragà Complimenti per i vostri casotti sono fatti bene complimenti da parte mia... però mi avete risvegliato un ricordo.........................SING SING e l'unica cosa superstite della mia Vespucci distrutta da mio nipote.....AHHHHH

Ben 14 anni fa ...... :smiley21: sing,sing.... Vi posto foto sing .......era pure illuminata ......sing

 

 

Un saluto Carmine

 

image.jpg
host image

 

image.jpg
image share

 

image.jpg
free image upload

 

Link to comment
Share on other sites

Carmine carissimo buona giornata e buona giornata a tutti i comandanti.

Mi dispiace che il nipote ti abbia distrutto la nave, però ti è rimasta la cabina della timoneria, è già qualche cosa he he. Un grazie anche per la visita al Prinz Eugen.

 

Oggi è arrivata in edicola l'uscita n° 46, eccovi la scansione del fascicolo.

 

USCITA 46

 

Lastra fotoincisa

con le sezioni della murata di dritta.

 

SkLsV1.jpg

 

XNy654.jpg

 

1m25VF.jpg

 

bv1Vc1.jpg

 

Carissimi comandanti questo è il tutto.

 

Appena sarà possibile postero il lavoro fatto.

 

Buona giornata e buon lavoro da

 

Pennabianca.

Link to comment
Share on other sites

Eccomi carissimi comandanti con le foto del lavoro, se si può dire lavoro del fascicolo sopracitato.

Nulla di particolare tutte e due le fotoincisioni si sono adagiate perfettamente. Sarà la terza fotoincisione, che ora non andrà montata a dare qualche problema, ma questo lo vedremo prossimamente.

 

20150111_153404.jpg

 

20150111_153410.jpg

 

20150111_153440.jpg

 

20150111_153453.jpg

 

Ecco fatto carissimi comandanti, alla prossima e buon lavoro a tutti da:

 

Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Ciao Comandanti,

nell'attesa di cimentarmi seriamente nell'apporre provvisoriamente le fotoincisione per vedere come vanno, mi chiedo se potessimo usare come soluzione definitiva un buon nastro biadesivo.

Che ne dite?

Usare la colla cianoacrilica anche gel che poi si cristallizza non potrebbe portare problemi?

A parte la non comodità nello spalmare la colla per tutta la fotoincisione e aspettare che si secchi.

Non ho mai avuto la fortuna di usare le fotoincisioni e per questo ho dei dubbi.

;)

Edited by Nelau
Link to comment
Share on other sites

La cianoacrilica col tempo diventa vetrosa e sensibile agli urti, ma anche il biadesivo col tempo si seccherà e si distaccherà, e fra i due mali la cianoacrilica mi sembra quello minore. L'ideale sarebbe trovare il modo di inchiodare le lastre allo scafo, almeno ai quattro angoli, magari con dei chiodini con la testa asportata inseriti in fori fatti con una micropunta.

Link to comment
Share on other sites

buonasera comandanti scusate per il ritardo nel postare il mio lavoro, ma essendo abbonato non solo sono mooooooolto indietro rispetto a voi,

ma in piu devo aspettare la fine, circa, di ogni mese per poter continuare l'assemblaggio del tutto.

Cmq bando alle ciance.... sono stupefatto dei vostri CAPOLAVORI!!!!

Per il momento sono arrivato qui:2015-01-12205043_zps329d94b6.jpg

 

2015-01-12205444_zps41310d86.jpg

 

2015-01-12205325_zpscfcb6636.jpg

 

2015-01-12205145_zps5487046e.jpg

 

Ovviamente come sempre aspetto suggerimenti.... buonanotte!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Carissimi comandanti buona serata.

Carissimo buona serata anche a te Nelau. I tuoi dubbi e sul come applicare le fotoincisioni sono legittimi, però scusami, fino ad ora queste fotoincisioni le dobbiamo solo posizionare per vedere se alla fine della circonferenza della nave le fotoincisioni crescono e si sovrappongono, o se al limite si restringono quindi leggermente più corte, e quindi alla fine rimane una piccola fessura. Per ora le dobbiamo solo posizionate per il motivo sopraindicato, a tempo debito ci sarà illustrato il modo e la colla da usare per fissarle. Io, se leggete i primi post dove ho cominciato a posizionarle provvisoriamente, ho descritto e spiegato che ho usato del biadesivo ma solo per il posizionamento delle stesse che è solo per il colpo d'occhio e le foto, Stavo dicendo che ci sarà descritto che tipo di colla, e io penso e ne sono quasi certo che ci faranno usare la colla a contatto cioè tipo Bostik da spalmare sia sul retro della fotoincisione che sulla murata della nave, in questo modo l'incollaggio sarà sicurissimo. La colla cianoacrilica in gel come hai detto tu cristallizza quindi è facile che col tempo saltino via.

A suo tempo ho fatto delle ricerche su internet e molti modellisti Russi e Inglesi come ho detto adoperano per rivestire lo scafo nell'opera viva la colla a contatto, però bisogna fare molta attenzione, quando posizioni la fotoincisione, la rimane, e non la puoi rimuovere senza rovinarla, quindi perfezione assoluta. Carissimi aspetteremo cosa ci faranno fare per applicarle. Io sulla Victory ho usato del biadesivo industriale molto forte, però non ho applicato lastrina per lastrina ma strisce intere di lamierino rivettato da me lunghe circa dai 20 ai 25 cm. però poi alla fine del rivestimento ho applicato sopra a pennello due belle mani di una vernice trasparente plastica e alla fine un paio di mani di vernice trasparente all'acqua in bomboletta sprai spray.

Però qui è tutta un'altra cosa, vedremo, questo è il mio parere e una spiegazione mia personale.

Vi saluto carissimi buona serata a presto.

 

PS. mentre scrivevo l'amico Frapit69 ha postato il proprio lavoro e mi sembra ottimo, complimenti carissimo continua così e controlla anche tutti i nostri post precedenti alle pagine 8 - 9 - 10 che in questo modo ti farai un'idea nel procedere nel migliore dei modi, e ricordati fare l'angolo di quartabono sulle ordinate e li è spiegato che cosa è e come si fa, complimenti ancora.

 

jhnGcz.jpg

 

APDRw8.jpg

fai attenzione qui.

 

Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Carissimi comandanti buona serata.

Carissimo buona serata anche a te Nelau. I tuoi dubbi e sul come applicare le fotoincisioni sono legittimi, però scusami, fino ad ora queste fotoincisioni le dobbiamo solo posizionare per vedere se alla fine della circonferenza della nave le fotoincisioni crescono e si sovrappongono, o se al limite si restringono quindi leggermente più corte, e quindi alla fine rimane una piccola fessura.

 

Questa cosa mi era sfuggita, nel senso che avevo visto che le fotoincisioni da applicare sulle murate non venivano incollate, ma non avevo inteso il pericolo che fossero più corte. Ognuno di noi avrà uno scafo un po' diverso dagli altri, nel senso che c'è chi ha scartavetrato di più, chi di meno, chi ha stuccato e chi è riuscito a fare un buon lavoro senza fare nessun intervento: come avrà fatto Amati a ideare un sistema che permetta a tutti i modellisti di procedere senza eccessivi problemi con la costruzione del modello?

Link to comment
Share on other sites

Ciao Simone buona giornata.

Queste sono solo supposizioni che ho pensato io, visto che per il momento non le fanno applicare ma solo posizionare, poi non saprei come Amati risolverà il problema, bisognerà aspettare quando decideranno di farcele applicare (fotoincisioni), per ora sono soltanto, come dicevo, supposizioni ciao carissimo e buona giornata.

 

Pennabianca.

Link to comment
Share on other sites

Buon giorno a tutti.

 

Effettivamente ci sono diverse scuole di pensiero ha riguardo la colla da usare e il metodo da adottare. Chi usa la colla a contatto, il cianoacrilato, l'epossidica bicomponente, chi usa il millechiodi e qualt'altro.Ma secondo un mio pensiero personale una colla vale l'altra, in quanto tra la vernice di cui sarnno ricoperti e la trasparente finale, l'eventualità che col tempo si potrebbero staccare sia molto scarsa,in quanto per la pellicola di vernice che si formerà uniformemente su tutto lo scafo formerà uno strato unico plastificato.

Per quanto riguarda le foto incisioni che potrebbero risultare più corte, per mia abitudine conservo sempre le fustelle dove erano inserite le fotoincisioni proprio per questo sporadico motivo. E ha riguardo, ognuno di noi dovrà adattare alle proprie esigenze ogni singolo pezzo, e non credo proprio che l'amati adotta un sistema per facilitarne la posa, in quanto gli step pubblicati su i fascicoli sono stati realizzati da un modellista con le proprie esperienze e capacità di costruzione che si differisce moltissimo dai nostri metodi, e la prova è che molti passaggi su gli step dei fascicoli non sono spiegati lasciando il modellista ad una libera interpretazione di quanto fare. Comunque, ci saranno dei problemi nel montaggio della fotoincisione che andrà montata sulla parte anteriore della prua che con il fascicolo 46 non ci faranno montare, infatti al momento non corriponde minimamente su dove dovrà essere messa,vedremo in seguito se e cosa proporrà il fascicolo con gli accorgimenti da adottare.

 

Un saluto e alla prossima.

 

roccowilli.

Edited by roccowilli
Link to comment
Share on other sites

Salve a tutti i comandanti.

 

Ma per le fotoincisioni ,io credo che la soluzione "" piu' logica"" e che Amati fornisca le ultime un po' piu' lunghe ,

in modo da poterle adattare ......Speriamo che sia cosi......un po' come i ponti pirografati che erano piu' grandi......

 

Discorso colla ... interessantissimo .. ma io credo che la ciano vada bene (ho un modello da più di 10 anni fatto al 70% di attak e regge ancora ) certo ci sono le epossidiche ....ma non lo mai usate .....

 

Per usare la ciano al meglio .. l'ottone andrebbe raschiato un po' ed invece di mettere la colla direttamente sul pezzo e meglio versarlo su di un pezzo di plastica e poi prenderlo con uno stuzzicadenti o uno spillo ed spalmarlo dove serve ..in modo da eliminare la reazione ""Alone""..

 

Importante ricordarsi le istruzioni per l'uso : .....Parlo naturalmente della piu' famosa super attak

Per un uso corretto sarebbe utile seguire queste brevi indicazioni:

  • Pulire i materiali da incollare
  • Togliere con un panno polvere e sporco
  • Rimuovere tracce di grasso con alcol o diluente
  • Asciugare bene le parti
  • Prima di utilizzare Super attak verificare che le superfici da incollare combacino perfettamente
  • Distribuire SA su una sola delle due parti, utilizzando piccole quantità (dosaggi eccessivi allungano i tempi di incollaggio)
  • Unire le superfici premendo forte per alcuni secondi.
  • Una goccia per 2cm quadrati

Dati tecnici:
Aspetto: liquido incolore trasparente
Peso specifico: 1.1 g/l
Velocità di essiccazione: 5 – 10sec
Resistenza alla temperatura: max 70°C
Tempo di conservazione: il prodotto si conserva in contenitori originali, a temperatura ambiente, per circa 12 mesi.

 

 

Ciao e buon vento Carmine.

 

PS. Certo che anche l'avvertimento di Marchetti e da tener da Conto........

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522k
×
×
  • Create New...