Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Membro Onorario In Memoria
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:

Zailan

Sottocapo
  • Posts

    292
  • Joined

  • Last visited

About Zailan

Recent Profile Visitors

6,512 profile views

Zailan's Achievements

  1. Chi se lo aspettava? Dopo tanti anni (6 per la precisione), la marina iraniana a rispolverato il suo bersaglio in scala 1/1 (in realtà 1/3) di una portaerei classe Nimitz che giaceva abbandonato e semidistrutto nel porto di Bandar Abbas (Se ne era già parlato qui http://www.betasom.it/forum/index.php?/topic/42649-portaerei-iraniana/). Come per l'altra volta, anche questa volta gli Iraniani si sono divertiti a crivellarlo di colpi... A che pro poi? Giusto propaganda interna credo, ma farebbero meglio a spendere i soldi altrove. Qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=XyMVYCB9TVU
  2. ciao da marco (base artica-MZ58)

    puoi farmi avere le foto della tua autoblindo lancia ansaldo Z1, per favore.

    da betasom sono non visibili.

     

    mia mail

    bussolino@web.de

     

    ps il cartomodellismo e la mia passione sopratutto quello completamente autocostruito.

     

    salutoni.

     

    ma tui sei anche in "modellismo piu"?

  3. Su ebay e' possibile acquistare una pagina della rivista "Engineering" datata 24 maggio 1912 in cui si parla della trasformazione di una nostra torpediniera con propulsione diesel. Nello schema si possono vedere tre motori da 500 cv (cosi' nel testo) che spingono un'asse ciascuno. A prima vista mi sembra una torpediniera d'alto mare classe Pegaso (1904), qualcuno ha altre informazioni? https://www.ebay.it/itm/Italian-Torpedo-Boats-With-Diesel-Engines-1912-Engineering-Magazine-Print/292152213147?hash=item4405a0fe9b:g:aToAAOSwXetZQqOx
  4. Questo se il testo e' gia' disponibile in un formato di videoscrittura, non in foto. Come ho detto ho dovuto usare dapprima un OCR (cioe' un programma che riconosce i caratteri). Questa operazione comporta sempre qualche errore (esempio 0 per o, I o L ecc... piu' gli accenti). Quando si passa un testo italiano o inglese, la correzione e' semplice (poiche' conosco bene entrambe le lingue), ma non capendo nulla di russo mi sono dovuto affidare solo ad una comparazione ottica, alcuni errori poi, non era possibile correggerli con la tastiera (es. a e o) perche' venivano individuati come caratteri occidentali e non russi (quindi, copia e incolla). Google poi fa errori a sua volta. Posto qui le due traduzioni: Allo stesso tempo, rispetto NIJ con distruttori o specializzati governativa barca navi anti -sommergibile Si rimarrebbe sostanzialmente più conveniente in costruzione e funzionamento , e potrebbe costruita in grandi quantità . Secondo la guida rilasciata dalla Marina spe- ficazione famose costruzioni italiane toro Vittorio Bapetto sviluppato un progetto barche novogodlya classi di tipo Reggia Marina riclassificato come At the same time , compared NIJ with destroyers or specialized governmental anti-submarine ships boat It would remain substantially cheaper in construction and operation, and could built in large quantities . According to the guidance issued by the Navy spe- fication famous Italian constructions torus Vittorio Bapetto developed a draft boats novogodlya Reggia Marina type classes reclassified as Mi pare che la traduzione inglese sia piu' comprensibile.
  5. Visto che nessuno sapeva nulla su questa unità, ho cominciato a fare delle ricerche. Sono così incappato su un articolo russo, pubblicato dalla rivista “Морская кампания”. Per poterlo leggere, l'ho dovuto dapprima passare sull'OCR, con i suoi inevitabili errori, e poi sul traduttore di Google. La traduzione in Italiano era incomprensibile, quella inglese era accettabile, ma sfortunatamente contiene degli errori proprio in alcune parti cruciali (quelle più tecniche) con alcune parole non tradotte o di diverso contesto. A tutto ciò dovete aggiungere i miei errori, visto che non sono pratico di termini navali. Ovviamente, si tratta solo di un sunto/traduzione libera. Il nome dell'autore non era identificabile tramite l'OCR, usando la tabella dei caratteri cirillici ho tradotto S.V. Patyanin o Patianin: Negli anni '30, l'Italia è uno dei pochi paesi che conserva una flotta Mas. Questa flotta è però composta da imbarcazioni di piccolo dislocamento, veloci, ma di corto raggio, con poca propensione a tenere il mare e scarsa stabilità in combattimento. Nel 1934 la Regia Marina sentì pertanto l'esigenza di naviglio di dislocamento maggiore, circa 50t per 30m, che poteva essere usato sia per il siluramento, sia per compiti antisommergibili che per la posa delle mine. Questo naviglio avrebbe potuto operare a notevole distanza dalle basi, indipendentemente dalle condizioni meteo, pur costando meno del relativo naviglio specializzato, sia per la costruzione che per il mantenimento, oltre ad essere riproducibile in larga scala. Il progetto venne affidato alla Baglietto: l'unità venne identificata come Mototorpediniera e non come MAS, evidenziando ulteriormente la differenza di compiti tra queste classi. Il progetto prevedeva un'unità di 51,5 t standard, 68 a pieno carico, con una lunghezza di 32 m, larghezza di 5,25, pescaggio di 0,667. L'armamento previsto era di 4 siluri da 450m, 2 mitragliatrici Breda da 13,2, una da 6,5, due lanciatori per 6 bombe di profondità da 50kg, due ricevitori sonar tipo C (!!! forse voleva dire IDROFONI, ndr). L'unità era mossa da 4 motori diesel Fiat V1616 da 3000 cv complessivi, più un motore ausiliario a benzina Fiat J-108 da 13cv. La riserva di carburante era di 10t normale, 16t max, più 500kg di lubrificante o 1500kg al massimo carico. L'autonomia stimata era di non meno di 2000 miglia a 15 nodi e velocità max non inferiore a 35 nodi. Il progetto di Baglietto prevedeva uno scafo a V, che si apriva fino a 110º nel fondo. Per garantire robustezza strutturale e al contempo leggerezza, lo scafo sarebbe stato costruito in alluminio. Altra grande innovazione sarebbe stato l'uso di motori diesel. Va notato che, prima degli Italiani, a quell'epoca nessuno (tranne forse la Germania) aveva esperienza sulla costruzione di imbarcazioni veloci con motori Diesel. L'unica unità, il Mas 437, dotato di due diesel Fiat v1616, alla fine del 1934 stava ancora completando le prove a mare. Purtroppo, non c'era altra scelta, poiché i normali motori a benzina non avrebbero permesso l'autonomia richiesta. Il progetto Baglietto venne così approvato e, il 27 maggio 1935, venne iscritto nelle liste della Regia Marina come “Stefano Turr”. A giugno, cominciò la costruzione presso la C.M.A. «Costruzioni Meccaniche Aeronautiche S.A. a Marina di Pisa. Il materiale per la costruzione fu fornito dalla "Canadian Aluminum Corporation". La costruzione fu abbastanza spedita e il 9 maggio 1936 la “Stefano Turr” discese in mare pronta per le prime prove. La particolare costruzione permetteva un doppio fondo lungo tutta la lunghezza della scafo. Il materiale usato era l'Aclad, con una forza tensionale di 38-40kg al cm² e un relativo allungamento del 15-20%. I fogli avevano una superficie pressoché piatta, al fine di facilitarne la costruzione, in caso di guerra, da parte di cantieri minori, ed erano uniti con rivetti di duralluminio aeronautico. I compartimenti stagni erano collocati nelle sezioni 8, 11, 15, 29, 40, 48 e 57, e condividevano la divisione dello scafo in 8 compartimenti. Il primo era costituito dalla prua e dal pozzo dell'ancora. Il secondo era il deposito delle munizioni, il terzo il magazzino. Il quarto, il più grande, comprendeva il quadrato ufficiali, quello sottufficiali, la cabina del comandante e del secondo, quella ufficiali e sottufficiali. Nel quinto e sesto erano collocati i quattro motori diesel e il deposito del carburante ausiliario. Nel settimo c'erano gli alloggi dell'equipaggio che, a differenza degli ufficiali, dormiva su semplici amache. Nell'ottavo c'erano i depositi di carburante e acqua. Per diminuire la forza d'impatto dell'onda, a metà scafo c'era un gradino di 0,5 m. Gli Italiani rimasero fedeli a se stessi, creando una plancia chiusa, al contrario degli altri paesi che preferivano una plancia aperta per le motosiluranti. L'armamento definitivo vedeva 2 mitragliatrici da 13,2 su affusto fisso, una da 6,5 mobile, 12 bombe da 50kg e 4 siluri da 450mm, pesanti 860kg, con una testata di 200kg, capaci di 46 nodi con un raggio di 4000m. Il motore diesel Fiat V1616 aveva superato a stento i test di durata al banco. Era un 16 cilindri a V a semplice azione, con cilindri di 160mm di diametro e corsa al pistone di 180mm. Avviamento ad aria compressa. Ogni diesel raggiungeva la potenza massima di 750 cv a 1800 giri al minuto. Due dei motori, quelli più esterni, avevano la marcia reversibile. Il motore ausiliario Fiat J-108 a benzina funzionava da generatore. L'equipaggio era di 16 persone, 2 ufficiali, 4 sottufficiali e 10 marinai. La mototorpediniera era stata dipinta in grigio cenerino chiaro e grigio scuro nelle parti immerse. Codice di identificazione era “TU”. Nei test del giugno-agosto 1936, la Turr fallì nel raggiungere la velocità prevista, il miglior risultato furono 34,62 nodi con un dislocamento di 49t. A pieno carico, la velocità massima fu di soli 30-32 nodi. Visti i continui problemi ai motori, in settembre il programma di prove fu sospeso e i motori rinviati alla Fiat per una completa revisione e dei possibili miglioramenti. Nell'aprile del 1937, i motori furono reinstallati, ma le nuove prove portarono a numerosi malfunzionamenti, (in particolare le frequenti rotture provocarono delle fratture dell'albero motore). I motori furono quindi nuovamente rinviati alla Fiat. In attesa del loro ritorno, furono effettuati dei miglioramenti all'imbarcazione, specie nella prua (qualcosa riguardante l'ancora e gli spruzzi, ma non è chiaro). I motori tornarono solo nell'aprile del 1938. La Turr fu quindi inviata a La Spezia per delle prove che continuarono sino a novembre. Fu quindi accertata la reale autonomia dell'unità. Con 10t, a 25 nodi, la Turr passava le 750 miglia con tutti e quattro i motori accesi, con un consumo di 13,33 kg per miglio. A pieno carico di nafta (16t), superava le 1145 miglia con 17,9 nodi e quattro motori, o 1582 miglia a 13,6 nodi e due motori o 3800 nodi a 6,6 nodi e un solo motore. Il 9 gennaio 1939 la vedetta “Stefano Turr” fu ufficialmente inclusa nella Regia Marina e unita alla 1ª flottiglia MAS, distretto navale del Tirreno settentrionale. La Spezia divenne la sede dell'unità. Nel corso del 1939, la Turr partecipò a numerosi esperimenti sull'uso dei siluri e sulla posa delle mine, durante i quali furono numerosi i guasti ai motori. Inoltre, si accertarono dei seri problemi di corrosione che costrinsero la Turr a ritornare alla base senza compiti operativi. La Turr non partecipò a operazioni di guerra, evidenziando il totale fallimento del progetto. Nell'aprile del 1941, gli Italiani catturarono in Yugoslavia 6 motosiluranti tedesche, subito incluse nella flotta. Benché simili in dislocamento, questi trofei di guerra superavano l'analoga unità italiana in tutti i parametri, velocità, armamento, autonomia e tenuta del mare, tanto da essere riprodotte dai cantieri italiani. Di conseguenza, nel luglio del 1941 la Turr fu radiata. Rimase abbandonata nell'arsenale di La Spezia, fino a quando fu demolita nel 1947-48. L'esperienza della IIGM dimostrò che questo tipo di unità era superiore alle più leggere Mas. Il progetto della Turr fu un passo nella direzione giusta, ma fallì a causa dei materiali di costruzione, soggetti ad una eccessiva corrosione dell'acqua marina e dei motori inaffidabili. Per la stessa ragione, non andò avanti un altro progetto, proposto nel 1938, di una imbarcazioni di 50 t, dotato di motori Isotta Fraschini Asso 1000. Il progetto, proposto alla marina Spagnola nel 1940, fallì poco prima della firma del contratto.
  6. Non so se la notizia e' stata gia' riportata, ma non trovandone traccia nel forum, mi e' sembrato doveroso riportarla. Stavo girovagando in internet alla ricerca del Jammer autocostruito dalle forze siriane quando sono incappato in questo articolo. http://www.hisutton.com/Sad%20to%20Report%20-historic%20SDV%20scrapped%20by%20museum.html In poche parole, uno dei nostri Siluro San Bartolomeo, esposto all'esterno del museo Submarine Forces Library in Groton (USA) e' stato demolito perche', dopo anni lasciato alle intemperie, era in pessimo stato! :(
  7. Volevo avere maggiori informazioni sul “super-mas” Stefano Turr e sul Mas 437. Non ho trovato nulla sul sito e solo cenni alle due unita' nei libri che possiedo. Allora, so già che la Stefano Turr fu costruita in “Aclad” uno speciale alluminio fornito dal Canada, nel 1936. Era lunga 32 metri per 62-68 tonnellate di stazza. Disponeva di 4 motori Fiat v1616, 16 cilindri diesel, per 3000cv complessivi (ergo 750cv l'uno). Non raggiunse mai i 34/35 nodi previsti, ma solo 31,6 in prova e 30 nell'uso normale. Era armata con 2 mitragliatrici Breda da 13,2 e una da 6,5, più 4 siluri da 450. Entrò in servizio nel 1939, dopo che i motori diesel erano stati rimandati in fabbrica a causa dei continui guasti. Il 27 luglio 1941, visto il perdurare dei guasti, uniti a problemi di corrosione dello scafo, l'unità venne radiata. Secondo il libro di Fraccaroli (Italian warships of WWII), nel 1939 si era parlato di sostituire i motori diesel coi più affidabili Isotta Fraschini. Qualcuno sa qualcosa di più della sua vita operativa? E in particolare, com'erano le sue qualità nautiche, specie in confronto con le ottime Schnellboote ex-jugoslave? Collegato a questo argomento, è quello del Mas 437, primo prototipo di Mas diesel, che montava lo stesso motore della Stefano Turr. Costruito nel 1934, fu catturato dai tedeschi e rinominato S625, finendo distrutto nel 1944 da un bombardamento aereo. Di questa unità non ho trovato nient'altro, che velocità aveva? Autonomia? Possibile che fosse ancora attiva nel 1943 dopo tutti i problemi che aveva avuto il Stefano Turr? O, com'è più probabile, il motore era stato sostituito con un Isotta-Fraschini?
  8. Zailan

    Che Unita' E'?

    Ma chi sei, Danilo? Nemmeno Sherlock Holmes sarebbe stato in grado di trovare l'ubicazione di una foto dopo quasi cento anni! Avrebbero dovuto assumerti alla Cia quando cercavano Bin Landen attraverso la foto scattata in Afghanistain! Scherzo, anche se comunque mi inchino davanti alla tua conoscenza.
  9. Zailan

    Che Unita' E'?

    Grazie, siete stati rapidissimi! Nel sito che avevo visitato io c'era solo la foto, senza nessuna indicazione riguardo l'unita'. Pensavo che si trattasse di qualche unita' convertita alla bell'e meglio con materiale di fortuna per la lotta antipartigiana, ma evidentemente mi sbagliavo. Anche su Navyworld le due cannoniere sono citate, ma senza foto di riconoscimento.
  10. Zailan

    Che Unita' E'?

    Girovagando in un sito russo dedicato alla nostra marina, mi sono imbattuto in questa strana unita' della nostra marina. E' certamente una chiatta armata (dove? oserei dire in Jugoslavia per operazioni antipartigiane), si vede un cannone 75/18 campale e delle mitragliatrici montate su scudi da trincea della Grande Guerra. Qualcuno ha maggiori informazioni? Ho provato a cercarla qui su Betasom, ma non ne ho trovato traccia!
  11. E' a dir poco sbalorditiva Marco! Complimenti, mi inchino davanti alla tua abilita'!
  12. A quanto pare, la finta portaerei iraniana non e' stata affondata, ma e' stata riportata in bacino per riparazioni. Da questa foto satellitare si puo' notare l'estensione dei dannegiamenti inflitti al bersaglio.
  13. Dal video si puo' vedere che il bersaglio riceve svariati missili a pelo d'acqua (si vede il missile picchiare e poi proseguire per l'ultimo tratto rasente al mare). La tecnica usata, da quel che posso capire dalle immagini, e' quella dello sciame di battelli veloci. A parte lo show, al posto degli iraniani noterei come i danni su quella struttura gigantesca non siano stati molto estesi... considerando il fatto che il bersaglio non e' protetto. Mi spiego, forse le Nimitz non avranno i ponti corazzati delle Invincible inglesi dell'ultimo conflitto ne' le protezioni subacque dell'epoca, ma non credo nemmeno che siano semplici lastre di metallo saldate come quelle del loro bersaglio. Insomma, serve piu' esplosivo se vogliono metterle fuori combattimento.
  14. Potete guardare i video della sua distruzione qui http://www.iranmilitaryforum.net/naval-forces/iran-blow-up-its-mock-up-carrier/msg289979/?topicseen;PHPSESSID=fb33276cd1eee7dd972312fee3d3eba9#msg289979 Tra parentesi, si vede benissimo che uno dei missili manca il bersaglio (quello col commento in inglese, il quarto mi pare).
  15. Concordo con la diagnosi tedesca... Sei Pazzo!! Scherzo, complimenti Marco, la tua Tegetthoff e' veramente impressionante! Ho recuperato su un sito russo i piani della Dante Alighieri... Visto che dicevi di voler progettare una nave tutta tua, che ne dici? Dioramino a Venezia con Tegetthoff e Dante Alighieri una di fronte all'altra?
×
×
  • Create New...