Jump to content

Cantiere Di Costruzione Corazzata "roma" Scala 1:200 Hachette


Recommended Posts

  • Replies 1.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ciao Italtuf,

diciamo innanzitutto che dobbiamo aspettare le istruzioni di Hachette e non anticipare verniciature e quant'altro...poi si può decidere se seguirle o fare meglio secondo le nostre capacità!

 

Per quanto riguarda il turapori è la tecnica corretta seguita anche da Pennabianca e Vespucci quando costruirono la Bismarck...però la loro tecnica consiste nel posare perfettamente i listelli quasi da non necessitare lo stucco correttivo da legno...ed dopo il turapori passano direttamente alla copertura di stucco definitivo (nel nostro caso : stucco spray).

Io sono più frettolone coi listelli perchè una volta messi e colorati non si vedranno più con le navi come la Bismarck o la Roma!!!!

 

Quindi direi che ci sono due strade:

1= posa dei listelli perfetta, turapori ed infine stucco spray

 

2= posa di listelli imperfetta, stucco da legno in pasta, scartavetrate ed infine stucco spray

 

Altri modellisti potrebbero dire diversamente...ma ti dico che con la strada 2 lo scafo della mia Bismarck è bello saldo da quasi due anni!

Link to comment
Share on other sites

Voglio farvi notare l'utilità di far riposare lo scafo per qualche tempo prima della verniciatura in modo da far emergere i punti deboli della struttura!

 

Solitamente si presentano come delle piccole fessurazioni fra listello e listello oppure dei sollevamenti (che sono più pericolosi). La prevenzione va fatta colando all'interno dello scafo colle e garza ma il secondo strato di fasciame dipende solo dalla nostra abilità di averlo incollato senza lasciare spazi vuoti sotto ai listelli!

 

Vi mostro i due casi di poppa nel mio modello (sono impercettibili...non cominciate a criticare :s03: ):

 

Nella FOTO 1 le frecce rosse indicano delle linee di fessurazione fra listelli avvenute dopo la stuccatura e successiva carteggiatura

 

Nella FOTO 2 le frecce azzurre indicano il sollevamento della lamina in balsa usata per simulare la fascia corazzata...il sollevamento è dovuto al fatto che la carteggiatura ha portato alla luce le parti dove non vi era colla!

 

La cura: tutte le zone problematiche vanno ispezionate per bene...si deve provare a spingere e picchiettare con un piccolo cacciavite o uno stecchino per localizzare l'ampiezza della zona che tende a sollevarsi, poi con un taglierino si eliminano le parti superficiali non fisse, stesso trattamento per le fessurazioni: con la punta del taglierino di piatto si allarga (di pochissimo) la fessura e la si riempie di cianoacrliato liquido (poco)...infine si ristucca e si attende.

 

Se realizziamo navi in legno tipo il Victory e ci viene fuori sta roba: è meglio che ci dedichiamo ad altro :s01:

 

Spero di non avervi annoiato con cose ovvie ritenendo che questo argomento potesse essere utile a qualcuno.

 

img0918d.jpg

 

img0920ds.jpg

Link to comment
Share on other sites

Sono sempre io e mi rivolgo al caro MIX

Le domande che pongo credo che possono servire anche agli altri comandanti poco esperti come me per quanto riguarda il modellismo.

Allora ho quasi completato con stucco spray e carteggiatuta lo scafo .

Io ho coperto con carta le murate prima di effettuare le spruzzate di stucco spray perchè ho pensato che avrei coperto con lo spray i fori degli oblò e delle porte .

Ho proceduto nel modo giusto oppure no ?

Il passo successivo quale deve essere?

Ti Ringrazio ancora

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Ciao italtuf,

va bene come hai fatto...i fori si possono coprire utilizzando anche pezzettini di carta igienica appena inumidita che poi si tolgono con una pinzetta.

Una volta sistemato lo scafo piazzi i sostegni delle eliche e fai i fori dei timoni se non li hai già fatti (i timoni e le eliche è meglio lasciarli staccati fino alla fine), se lo scafo si rovina finchè fai questi lavori dai un'altra passata di stucco e poi ci incolli i bordi degli oblò e gli oblò corazzati con un pò di colla cianoacrilica...e poi aspettiamo le istruzioni Hachette.

(se riuscissi a realizzare dei cerchietti di 2 o 3 millimetri di diametro da simulare gli oblò con la cerniera corazzata come aveva fatto Brasviz sarebbe ottimo...io userò una fustellatrice per ricrearli da dei fogli di plasticard che sarebbe un'attrezzo tipo la pinza per fare i buchi sulle cinture...ma si potrebbero utilizzare anche dei coriandoli di carnevale...ammesso che ne esistano di tale diametro...chi ha fantasia suggerisca)

Link to comment
Share on other sites

Ottima realizzazione ti seguo sempre. :s20: :s01:

 

Scusate se vado OT, si fa per dire: volevo chiedervi se il raccoglitore a voi è arrivato oppure e solo un problema mio?

 

Grazie. :s01:

Link to comment
Share on other sites

Caro mxi voglio l'optimum per quanto riguardo lo scafo( stucco carteggiatura , stucco spray , carteggiatura ) e spero di completare quanto prima .

Dopo monterò i canotti delle eliche etc..

Non ho ancora rivestito il ponte di poppa ne ho ancora inseriti i listelli sugli altri ponti e mi accingo a farlo.

Una domanda che può sembrare stupida , perchè al numero 54 fig.I si dice che bisogna verniciare gli oblò quando successivamente dovendo verniciare lo scafo sia dando una prima mano con vernice grigia chiara e poi definitivamente il colore gli stessi verranno verniciati con questi colori ?

Scusami ancora .

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Ciao Italtuf,

questa è una buona domanda...deriva da una mia mancanza in quanto ho supposto la realizzazione della nave in mimetica!

 

Le istruzioni Hachette tendono a riprodurre il modello di Barbieri: completamente grigio e con gli oblò e la scritta Roma in color ottone, quindi se realizzi questa tipologia dovrai colorare a parte gli oblò (e la scritta Roma) ed incollarli a pitturazione dello scafo ultimata come descritto nel fascicolo.

 

La nave in mimetica, almeno dalle foto in bianco e nero in mio possesso, sembra essere totalmente mimetizzata compresi i bordi degli oblò...in tal caso si possono incollare prima della pitturazione definitiva dello scafo.

 

Chiediamo aiuto agli altri Comandanti più esperti di navi se questa mia interpretazione è corretta, grazie.

 

PS: in bruno scuro ci andrebbero messi anche: a prua lo stemma di Roma e a poppa la corona imperiale!!!!!

Edited by Mximilian
Link to comment
Share on other sites

Mxmilian, la tua interpretazione è corretta; la nave aveva le cornici degli oblò in ottone, e dunque su un modello "di cantiere" potete farle o lasciarle in quel colore. Se invece puntate per un modello realistico, era imposto dal regolamento che tutti gli ottoni fossero verniciati col colore delle superfici circostanti di modo da eliminare possibili punti riflettenti, e sulla Roma così come si presentava al vero non ci sarà nessuna parte in ottone a vista.

Link to comment
Share on other sites

Per Vincenzo da Padova .

Poichè voglio seguire le indicazione di Hascett per quanto riguarda le colorazioni in riferimento a quella tabella che hai postato ti pregherei ( se hai i codici relativi della Life color ) ti postarli.

Ti ringrazio

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Per MXI in riferimento alle varie colorazioni ho deciso di seguire quelle che indica Hachette ( solo per inesperienza in materia di modellismo ).

Comunque gli oblò corazzati dei tribordo e babordo vengono installati senza preventiva colorazione quindi presumo che assumeranno la stessa colorazione dello scafo

Invece quelli riferiti al facsicolo 53 e 54 sono colorati con vernice di bronzo presumo siano quelli di poppa.

Sono quelli da montare dopo la verniciartura definitiva ?

Scusami ancora

Ti saluto caramente

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Ciao Italtuf,

per gli oblò ti sei risposto correttamente da solo.

 

Per i colori Lifecolor non so se riesci a leggere i codici dalla foto:

il grigio cenerino UA613 l'ho confrontato con i vari grigi Humbrol,

però te ne serviranno parecchi di vasetti (oltre a un bianco ed a un grigio più scuro se hai imparato ad eseguire le tonalità con l'aerografo)

 

PS: i Lifecolor vanno diluiti con qualche goccia d'acqua e assolutamente con qualche altra goccia del diluente LIFECOLOR!!!! altrimenti diventano ingestibili con l'aerografo!!!!

Quà trovi la lista : mailmodel.com

 

img0835u.jpg

Edited by Mximilian
Link to comment
Share on other sites

Ti ringrazio MXi

il grigio cicerino UA613 ne ho un vasetto , tu dici che ce ne vogliono parecchi.

E' quello che serve per la pitturazione dello scafo ?

Dovendolo ordinare in on line ti chiedo presumibilmente quanti ne occorerebbero?

Poi voglio pitturare le eliche e gli oblò con bronzo e bronzo dorato esistono questi colori o devono essere composti'

Ti ringrazio

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Mi sono informato telefonicamente allla LIFECOLOR in riferimento ai colori bronzo e bronzo dorato e mi hanno detto che componendo 1/2 e1/2 di LC75(oro) e LC78 (rame) con poco LC74 (argento) si raggiungono tali colori.

Posto tale notizia a chi può servire.

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Caro Italtuf,

io non andrei tanto a complicarmi le cose cercando complicate alchimie con i Lifecolor per ottenere i colori metallici!!!

 

In ogni negozio di modellismo ci sono le marche ModelMaster e Humbrol con tantissime varianti dei metallici...semplici, efficaci, economici e stendibili molto bene anche a pennello.

Tipo l'Humbrol16 per i bronzo dorato, l'H171 per il bronzo scuro, il H55 per il rame, l'11 per l'argento, il 53 per il metallo brunito ecc...

 

per il numero dei vasetti di colore da utilizzare credo che con un paio di grigi UA613 e due verdi UA617 sistemi lo scafo...il problema comincia con le sovrastrutture: poichè il montaggio durerà due anni apriremo e chiuderemo i nostri vasetti parecchie volte, per cui sprecheremo molto colore...mi azzarderei a pensare ad una decina di grigi per chi fa il modello alla Barbieri!!!! Ovvio che io intendo il grigio steso con le luci...per chi si limita ad una sola mano potrebbero servirne un paio in meno.

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno a tutti i comandanti: in riferimento alle mitragliatrici fornite, io chiederei se qualcuno ha un disegno tecnico da vedere in modo da valutare se ci troviamo di fronte ad una ciofeca da buttare, oppure se, con qualche aggiustatura e qualche colpo di lima si potessero renderle accettabili. :s01:

Link to comment
Share on other sites

No, non serve scoraggiarsi, caro Corazzata Littorio,

ma arrabbiarsi e un pò parecchio.

Mi viene alla mente una frase di un libro di Paolo Villaggio:

"........e Fantozzi, si turbò, anzi, si in...........ò come una bestia............."

 

Cari amici questa mi sembra una reazione proporzionata a quanto vendutoci.

 

Come si dice dalle mie parti: "si fa per scherzare", ma mica tanto.

 

Un caro saluto

 

 

Fassio

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo no Maury,

ne avevo già parlato più volte...si trova in 1:200 la scatola Priser art.n.80990 che contiene 190 figurini civili....una parte di questi (poliziotti, operai ecc) si possono utilizzare a simulare ufficiali e marinai.

E' necessario anche modificare piccoli particolari come aggiungere il fazzoletto dei marinai o ricostruire il berretto (vedi foto)...vista la miniaturizzazione non occorre una superprecisione, semmai la dipintura è problematica:

 

img0922yp.jpg

 

img0745gz.jpg

Edited by Mximilian
Link to comment
Share on other sites

Caro MXi ho fatto un elenco dal primo fasc. al 61 relativo ai colori acrilici da utilizzare a meno dei lifecolor per la verniciatura dell'idrovolante consigliati da hachett e cioè ( Grigio azzurro scuro -UA 022, Grigio azzurro chiaro UA0133 ).

Essi sono :

Nero

Verde

Bianco

Argento

Grigio Chiaro

Marrone chiaro

GRigio medio

Bronzo

Bronzo Dorato

Giallo Ocra

Per i primi quattro non è difficile la individuazione

per gli altri ho qualche difficoltà.

Potresti indicarmi le sigle anche se devo utilizzare gli HUmbroll

Ti ringrazio anticipatamente

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Nero

Verde

Bianco

Argento

Grigio Chiaro

Marrone chiaro

GRigio medio

Bronzo

Bronzo Dorato

Giallo Ocra

 

Di color bronzo ne basterà uno. L'argento va eliminato perché nulla, e dico proprio nulla, dovrà/potrà essere color argento. Di contro ci aggiungerei un rosso mattone per la prua ed i canotti.

Link to comment
Share on other sites

Condivido le indicazioni di Marchetti!

 

Verde ..................................dello scafo: Lifecolor= UA617, Humbrol=76 (peccato che il 149 non si trova quasi più) con luci in 78

Argento....................................................................Humbr

ol=11

Grigio Chiaro.........................Lifecolor= UA613, Humbrol=28 con schiarite 147

Marrone chiaro.......................per il teck (legno del ponte di poppa, ovviamente non per chi ha listellato) : Lifecolor UA618 o Humbrol =121o 83 con luci in 94 (oppure, se per il legno delle barche va bene il 110 Humbrol con luci in 93)

Grigio medio............................Lifecolor UA614 o Humbrol 32 con un qualsiasi grigio più chiaro per le luci , tipo il 140

Bronzo....................................Humbrol 171

Bronzo Dorato...........................Humbrol 16 (ma è proprio oro!)

Giallo Ocra................................Humbrol 94

grigio ponte...............................Lifecolor UA615, Humbol 27 con luci in 145

rosso mattone.........................per le righe di prua: Lifecolor UA616 Humbrol160 (il 60 è un bel rosso bandiera , va bene per qualche luce)

canne mitragliere......................Humbrol 53 con colpi di pennello asciutto di 11 (poco)

 

Per adesso non mi viene in mente altro...casomai richiedi. Come vedi usando l'aerografo i colori che stendo non sono mai di un'unica tonalità...stendo sempre una tonalità scura seguita da una più chiara (magari aggiungo dei lavaggi con grigio scuro ad olio e poi pennello asciutto con un'ultima tonalità chiarissima)...sono procedimenti che allungano di molto le fasi della colorazione ma fanno la differenza fra un'aspetto giocattoloso e un modello realistico (anche se sono sempre questioni di gusti personali)

Edited by Mximilian
Link to comment
Share on other sites

Buona sera a tutti,

 

nel fascicolo 54 è prevista la colorazione degli oblo 146.

 

nel fascicolo 60 è prevista la posa degli oblo.

 

Mi ( e vi) chiedo: cosa serve colorarli se poi coloreremo tutto lo scafo?

 

Se lo fanno sicuramente c'è un motivo che mi sfugge.

 

Una passatina di primer gliela diamo anche sono particolari miscoscopici?

 

Saluti a tutti e.... buon sabato sera.

 

Vincenzo

Link to comment
Share on other sites

Ciao Vincenzo,

il fatto è dovuto alle istruzioni che imitano il modello di Barbieri...quindi gli oblò a poppa (fascicolo 54) sono in bronzo mentre quelli a prua (fascicolo 59 e 60) colorati di grigio!

 

Quindi devi già decidere come rappresenterai la nave, se da cantiere seguirai le istruzioni Hachette...se operativa incolli gli oblò e basta perchè andranno tutti dipinti come la mimetica!

 

Primer, sempre :s02:

Link to comment
Share on other sites

Carissimo vespucci,

vedi un pò da te ...ci ho messo un ufficiale 1:200 per proporzione

 

 

img0921an.jpg

 

Grazie carissimo per la foto.

Commentare il pezzo risulta inutile :s68: :s68: :s68:

Forse con una serie di fotoincisioni, un pò di metallo, un pò di resina........insomma disogna farlo novo. :s03: :s03:

 

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Caro MXi la costruzione procede bene.

Ho incominciato ad usare l'aerografo per le verniciature delle parti ( Aereo, barche . gommoni etc. )

Mi sono esercitato come previsto da vari siti che spiegano le basi dell'aerografia e tutto procede nel modo migliore.

A volte si parla di luci quando si vernicia un pezzo.

Potresti spiegarmi cosa si intende e come si procede ?

Ti ricordo che è la prima volta che uso l'aerografo

Grazie

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Caro Italtuf,

è più facile farlo che spiegarlo...osserva quando guardi un oggetto in natura che nelle zone più esposte alla luce solare il suo colore appare più chiaro!

Se mettiamo un cubo rosso in giardino la sua faccia superiore sarà di un rosso vivo chiaro, le altre facce saranno via via più scure col finire con quella in ombra che sembrerà addirittura nera.

Se osservi i dipinti dei pittori famosi vedrai che utilizzano questa tecnica di rappresentazione.

 

Nel caso di un modellino, ad esempio la torretta di un carrarmato o della nostra Roma, si dipingerà prima della tonalità corretta...poi aggiungendo del bianco al colore originale oppure utilizzando una tonalità simile ma più chiara si spruzzerà il centro della parte superiore ed il centro delle facce laterali (solo il centro) ... dovrà essere ben sfumato così da non accorgersi della differenza di colore ma l'aspetto realistico migliorerà notevolmente!

 

Se osservi la poppa della mia Bismarck noterai che i colori sono illuminati...

 

img0809h.jpg

Link to comment
Share on other sites

Scusa MXI ancora un consiglio.

Nel caso non sono contento di un colore ad esempio sull'idrovolante o mitragliera una volta essiccato il colore c'è un modo per sverniciare il pezzo?

Ti ringrazio infinitamente

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Ciao Italtuf,

Per sverniciare i vecchi nodelli sia di plastica che di metallo, uso l'olio per i freni delle automobili.

I sistemi sono due o immergi il pezzo nell'olio, sennò passi sulla vernice l'olio con il pennello fino a che non ottieni l'effetto desiderato.

Quindi il modello va lavato con acqua e sapone, magari strusciandoci sopra con un vecchio spazzolino sa denti, stando bene attenti a non fare danni.

 

Un caro saluto

 

Fassio

Link to comment
Share on other sites

Con il n.62 incominciamo a montare la Tuga (che sarebbe la struttura base delle costruzioni sopra il ponte).

Con l'esperienza fatta con la Bismarck mi permetto di consigliare l'assemblaggio dei pezzi sopra il ponte stesso del modello e non su di una superficie piana come sembrerebbe ovvio...questo perchè, anche se siamo stati molto bravi a pianare i listelli, il ponte non è mai molto preciso e si rischia che a modello ultimato si vada a mettere la tuga sopra il ponte e ci si accorga che non combacia: saranno sudori per rimediare.

Ovviamente una volta impostata la struttura si lavorerà con la tuga comodamente separata e su una base più comoda.

 

Non so come dirlo...ma la mia tuga è un pò più grande dei piani ANB...visto che anche il mio scafo però non è precisamente allineato con tali disegni...posto un disegnetto di massima dove posizionarsi per imbastire la tuga!

Quando andremo ad incollare verificheremo meglio le misure:

 

tugam.jpg

Link to comment
Share on other sites

Caro MXi sto procedendo con la costruzione tutto ok.

 

Ho completato il montaggio degli oblò ed un pò alla volta sto verniciando i pezzi tipo aereo, canotti etc.

Ho iniziato ad assemblare la tuga anzi a tale proposito io mi trovo perfettamente con il piano dello scafo e come già ti dissi ho realizzato come si suol dire una camicia di stucco con lo stucco spray per tutta la superficie dello scafo.

Vorrei sapere da te o dagli altri esperti come comportarmi e cioè attendere per effettuare la verniciatura definitiva o come sembra di aver capito dai post precedenti effettuare una verniciatura precedente a quella definitiva.

E poi la stessa dovrà essere effettuata sempre con l'aerografo oppure con le bombolette spray di vernice acrilica data la superficie notevole dello scafo.

Ti rin grazio anticipatamente

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Ciao Italtuf,

direi di attendere per la verniciatura...nel tempo dovremo fare dei fori per ancorare le aste delle gru, i barcarizzi e (scusate ma non ricordo il termine corretto) quelle specie di aste pieghevoli che servono a non cozzare sui moli.

Io la lascio stuccata, magari anche con una prima mano di un grigio qualunque dato come vuoi, ad attendere i futuri sviluppi ( e tantomeglio che se qualche crepa deve venir fuori non farà danni).

 

Ci dedicheremo nel frattempo alle strutture superiori...che da una prima sensazione ci regaleranno tante ore di lavoro e imprecazioni :s03:

 

PS: nel post precedente intendevo che la tuga è leggermente più grande di quella riportata nei disegni ANB

Link to comment
Share on other sites

Ciao MXi vorrei sapere che tipo di PRImer usi per la preparazione antecedente alla verniciatura dei modellini in alluminioo e plastica , ciò perchè ho qualche difficoltà con quello che ho comprato in un negozio di ferramenta in quanto non viene nebulizzato a dovere e si deposita in modo non uniforme sul modello.

Mi sono accorto che sono andati perduti alcuni modellini e cioè un motoscafo e 4 canotti, devo comunque richiedere i facsicoli ma siccome sono trascorsi 6 mesi non so se me li daranno, nel caso contrario dove posso acquistarli?

Ti ringrazio

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44.9k
    • Total Posts
      521.4k
×
×
  • Create New...