Jump to content

Sottomarino Classe U212 Ad Immersione Statica


serservel

Recommended Posts

Ciao a tutti,

come già citato in questo TOPIC ho deciso di tentare l'esperienza del modellismo dinamico.

Inizialmente avevo pensato all'U31 della Robbe, per poi essere guidato per manina a qualcosa di più abbordabile (per il sottoscritto :s02: ), ovvero l'U212 della Engel.

 

Dopo giorni di mail con il signor Gregor A. Engel, il quale mi ha aiutato a capire quello di cui avevo bisogno per completare il bisogno, ho concluso l'ordine, che mi è arrivato ieri sera.

Su questo spendo qualche altra parola, perchè la spedizione è stata un po' travagliata. Avevo deciso di far arrivare il pacco a mia nonna perchè è molto più facile da trovare in casa del sottoscritto. La Engel ha scritto in modo corretto l'indirizzo sul pacco, il quale è arrivato all'hub Bartolini di Verona senza problemi. Poi il caos. Di colpo l'indirizzo è stato stravolto: il numero di civico 11 è diventato 1 e il nominativo della via ha perso parte delle lette, il nome di mia nonna è invece cambiato trasformandosi in modo che fosse impossibile trovarla! :s14: Fortunatamente io seguivo il tracking su Internet e, quando ho visto per due volte la dicitura INDIRIZZO SCONOSC./INCOMPLETO ho subito chiamato Bartolini, che però non poteva cambiare nulla senza il consenso del vettore tedesco, che gli aveva affidato il pacco! Allora ho dovuto chiamare in Germania, richiedere il cambio di indirizzo e attendere che Bartolini correggesse. Poi ieri ho chiamato tre volte il corriere italiano per avere la certezza che il pacco fosse consegnato! Che disperazione...

 

Detto questo (e scusate la prolissità) poste le immagini del pacco aperto e delle componenti contenute:

 

  • il pacco prima di essere aperto:
    confezione01.th.jpg
  • il pacco appena aperto. La disposizione è su due piani (son due scatoloni incollati tra loro):
    confezione02.th.jpg
  • le parti dello scafo sballate:
    componenti01.th.jpg
  • il resto delle componenti sballate:
    componenti03.th.jpg componenti02.th.jpg
  • il sistema (accessorio) di sollevamento degli alberi in vela. Questo sistema sarà anche da segnalatore in caso di problemi:
    componenti05.th.jpg
  • il sistema di immersione statica a pistone:
    componenti04.th.jpg

 

Questo è lo stato attuale. L'imballaggio originale è stato eliminato in favore di una sistemazione più compatta. Oggi prevedo di procurarmi un tavolino per poter organizzare il mio cantiere.

 

A presto i prossimi aggiornamenti!

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 210
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Prima di dare via all'ordine ho consultato il manuale, liberamente scaricabile dal sito della Engel, e ho consultato la sezione dove erano indicate le componenti necessarie per avviare il modello (Andreavcc docet :s41: ). In più ho scritto una decina di mail per assicurarmi che ci fosse tutto.

 

Ho lasciato da parte il caricabatterie, che ho rodinato oggi e mi arriverà la prossima settimana. Di seguito l'elenco dei componenti arrivati:

 

1 x RAPID CA Superglue Series

1 x Micro Balloons 250 ml

2 x Servo FS 500 MG Micro Robbe

1 x Rookie 20 TAM 6-12V

1 x Pitch Controller DLx

1 x Battery Pack High-Power NiMH for model submarine type 212

1 x Wire and Connector Set for model submarine type

1 x Conning Tower Mechanism for model submarine type 212

1 x 212A Model Submarine

1 x Graupner MC-12 R/C Computer System 40 MHz

Link to comment
Share on other sites

Complimenti è un bel modello con un sistema di immersione molto collaudato ed affidabile!

Sicuramente migliore dell' U31 Robbe!!

Che elettronica hai acquistato per comandare la "cassa", solo on-off oppure on-off più potenziometro per l'assetto "quota periscopica"?

 

Cordialità :s01:

Skipjack

Link to comment
Share on other sites

Che fico! ti invidio.. :s20:

Mi pare ben fatto, ad occhio gli alberi sono disposti correttamente, solo l'elica mi pare strana.. variatore Robbe mi par di vedere..

Vedi bene riguardo al variatore. Per l'elica devo ammettere che l'ho trovata anche io strana, specie il perno che la fissa. PEr quest'ultimo conto di trovare una soluzione alternativa e più elegante, per l'elica credo che alla fine sarà bella così com'è :s02:

 

Complimenti è un bel modello con un sistema di immersione molto collaudato ed affidabile!

Sicuramente migliore dell' U31 Robbe!!

Che elettronica hai acquistato per comandare la "cassa", solo on-off oppure on-off più potenziometro per l'assetto "quota periscopica"?

 

Cordialità :s01:

Skipjack

A questo ancora non so rispondere. In teoria dovrei essere in grado di comandare la quantità di acqua imbarcata (max 500ml), però non ho approfondito la questione.

 

cavolo bel giocattolino. mi fai venir voglia di clonarlo... peccato che fa un pò freddo per resinare altrimenti -).

 

Bell'acquisto complimenti. Ora vogliamo vedere le fasi di montaggio, di collaudo e di navigazione.

Intendo fare foto di tutti i passaggi, in primo luogo percgè sarei contento di condividere con voi tutti la mia esperienza, poi perchè mi permetterò di chiedere suggerimenti e aiuto :s01:

Link to comment
Share on other sites

:s44: vedendo le immagini ho impiastrato la tastiera di saliva.....

scusate la mia ignoranza (a volte abissale :s68: ), cos'ha di strano l'elica?

il sistema d'immersione dovrebbe essere un TA controllato dal CTS, in parole povere un aggeggio elettronico che, oltre a garantire le funzioni fail safe, da il controllo puramente manuale del pistone e relativa zavorra da imbarcare. non è da escludere che più avanti la engel presenti qualche accessorio "dedicato" per il controllo del pistone in automatico simile al t-max.

attendiamo con trepidazione l'inizio dei lavori :s20:

Link to comment
Share on other sites

Comincia il cantiere vero e proprio.

 

I primi passi sono la costruzione del compartimento batterie da accodare al sistema di immersione e pistone, la predisposizione dei tubi in ottone per il passaggio dei cavetti e dell'acqua e la posa del pressure switch:

  • parti del vano batterie e sostegno del pressure switch incollati e uniti alla sezione in plastica del sistema d'immersione a pistione:
    costruzione01.th.jpg costruzione02.th.jpg
  • applicazione dei tubi in ottone nei fori predisposti:
    costruzione03.th.jpg
  • collegamento dei tubi in PVC dal pistone al PS e ritorno:
    costruzione04.th.jpg costruzione06.th.jpg
  • particolare del sistema di motorizzazione trasmissione del pistone:
    costruzione05.th.jpg
  • Il banco di lavoro riordinato dopo la sessione di lavoro:
    bancolavoro01.th.jpg

 

Come si può notare sto procedendo lentamente nel montaggio: è voluto. Prima di tutto voglio fare le cose per bene, secondo vorrei che durasse un po' di tempo :s02:

 

Ora alcune considerazioni; le istruzioni della Engel sono ben fatte, anche se speso danno per scontato cose che invece andrebbero meglio illustrate. Sono andato avanti un quarto d'ora in cerca della parte in plastica che chiudeva il vano batterie, perpoi scoprire che era già applicato al sistema d'immersione :s68: Ho dato un'occhiata alla parte che segue, ovvero circuiteria riguardante la gestione delle batterie: non ci ho capito nulla e per questo ho sospeso in attesa di avere il tempo necessario per studiarmela bene.

Un'ultima cosa: i buchi ricavati sulle parti in plastica per il passaggio dei tubi in ottone sono ben fatti, in due occasioni sono stato però costretto ad allargarli perchè corrispondevano ad un supporto in metallo del pistone e rubavano 1mm al buchetto. Ora mi chiedo: il piccolo gap tra tubo e buco devo otturarlo?

Link to comment
Share on other sites

:s06: non ho capito molto bene di quale buchetto parli... vederlo in foto sarebbe meglio :s02:

un consiglio: dalle foto non capisco molto bene se i tubi per il passaggio dell'acqua sono puliti all'interno da eventuali piccoli trucioletti... se ci sono ti conviene dargli una pulita internamente con una pezzuola prima che questi siano portati nel pistone dall'acqua e possano portare danni.

Link to comment
Share on other sites

:s06: non ho capito molto bene di quale buchetto parli... vederlo in foto sarebbe meglio :s02:
Hai ragione, però ora non è più possibile fare foto perchè sono occupati dai tubi in ottone. Per cercare di chiarire mi riferisco alla seconda foto postata, di cui riporto un particolare qui: particolareforitubiotto.th.jpg

I fori che ho cerchiato in rosso sono quelli che ora ospitano i tubi in ottone; alcuni hanno mezzo millimetro di spazio che gli ha consentito di infilasrsi agevolmente.

 

un consiglio: dalle foto non capisco molto bene se i tubi per il passaggio dell'acqua sono puliti all'interno da eventuali piccoli trucioletti... se ci sono ti conviene dargli una pulita internamente con una pezzuola prima che questi siano portati nel pistone dall'acqua e possano portare danni.
All'interno i tubi sono pulitissimi, tolti dalla loro busta, ispezionati e inseriti direttamente.
Link to comment
Share on other sites

per i tubi, ottimo! per i fori non credo ci siano problemi a lasciarli così, semmai dovessi vedere che è meglio riempire beh.... si stà un attimo con la resina o meglio, con del silicone messo con cura e in maniera pulita :s01:

Link to comment
Share on other sites

Se ci sta fai uno spessorino intorno al tubo con un pezzetto di guaina termo restringente, così non devi usare riempitivi definitivi o poco puliti, parlando di finitura.

 

[edit]

 

..Per l'elica devo ammettere che l'ho trovata anche io strana, specie il perno che la fissa...

 

Intendi il tronco di cono svasato (il congegno che orienta i flussi) nero? a me quello par buono, ti carico un'immagine del vero.

 

1599_Hecka_g.jpg

 

scusate la mia ignoranza (a volte abissale :s68: ), cos'ha di strano l'elica?

 

Sull'elica purtroppo non hanno fatto bene i compiti, ha 6 pale ma il profilo delle stesse è sbagliato.

Ammesso che Simone stia facendo un 212 tedesco (le eliche dei nostri sono diverse e ben custodite) ci sono due opzioni: 6 pale tagliate o 7 lunghe e avvitate, di entrambe le versioni si sono visti esemplari colorati di nero con qualche film mangia attrito. Comunque nessuna delle due rispecchia l'elica fornita nel modello, Ark Model le ha fatte molto bene:

 

Pic_0216.jpg

 

Comunque quella da 6 dovrebbe essere più grossa di quella da 7, secondo Ark è addirittura il contrario..

Noto inoltre che mancano le protezioni per la filoguida dei siluri sui TOAD (solo appunti maniacali, s'intende :s02: )

Edited by Lefa
Link to comment
Share on other sites

Se ci sta fai uno spessorino intorno al tubo con un pezzetto di guaina termo restringente, così non devi usare riempitivi definitivi o poco puliti, parlando di finitura.

 

:s20: :s20: .... e grazie per le delucidazioni sull'elica :s01:

Link to comment
Share on other sites

Intendi il tronco di cono svasato (il congegno che orienta i flussi) nero? a me quello par buono, ti carico un'immagine del vero.
Esatto, intendo quello. Esteticamento non lo trovo molto bello, potevano inventarsi qulcosa di meglio. Per mio conto vedrò se è nelle possibilità fare una modifica.

 

Sull'elica purtroppo non hanno fatto bene i compiti, ha 6 pale ma il profilo delle stesse è sbagliato.

Ammesso che Simone stia facendo un 212 tedesco (le eliche dei nostri sono diverse e ben custodite) ci sono due opzioni: 6 pale tagliate o 7 lunghe e avvitate, di entrambe le versioni si sono visti esemplari colorati di nero con qualche film mangia attrito. Comunque nessuna delle due rispecchia l'elica fornita nel modello, Ark Model le ha fatte molto bene:

 

Comunque quella da 6 dovrebbe essere più grossa di quella da 7, secondo Ark è addirittura il contrario..

Nonostante il modello sia ispirato agli esemplari tedeschi io vorrei renderlo il più simile possibile ai nostri. Oltre alla stellina in vela (che ancora devo capire come posso farne una di carina!) cercherò di imitarne i colori. Ho pensato a modificare il sistema degli alberi dinamici per aggiungere la nostra amata banidera.

 

Noto inoltre che mancano le protezioni per la filoguida dei siluri sui TOAD (solo appunti maniacali, s'intende :s02: )
E' un particolare che potrei cercare di inserire in effetti. Anche quello devo ben elaborarlo...
Link to comment
Share on other sites

Esatto, intendo quello. Esteticamento non lo trovo molto bello, potevano inventarsi qulcosa di meglio. Per mio conto vedrò se è nelle possibilità fare una modifica.

 

Quello è reale così com'è, ti invio un'immagine per fare una comparazione.

 

Nonostante il modello sia ispirato agli esemplari tedeschi io vorrei renderlo il più simile possibile ai nostri. Oltre alla stellina in vela (che ancora devo capire come posso farne una di carina!) cercherò di imitarne i colori. Ho pensato a modificare il sistema degli alberi dinamici per aggiungere la nostra amata banidera.

 

Si approva! :s20: :s67:

Link to comment
Share on other sites

sembra che le stiano togliendo anche dal Todaro (lo Scirè credo non le abbia mai montate...)
A davvero? E come mai? Tra l'altro la pinna del timone ha un inserto per agganciarle, metteranno dei tappi?

Dello scirè ho alcune foto dei timoni dove si vedono i cavi di protezione della filoguida, a questo LINK una da WIKIPEDIA

Link to comment
Share on other sites

Cominciano gli step che mi preoccupano un po': delicati quanto poco spiegati ed illustrati dal manuale. Si tratta del montaggio del CompactTankSwitch al PistonTank, in modo che diventi un corpo unico. Il CTS garantirà il controllo del pistone e i sistemi di sicurezza.

costruzionects01.th.jpg

 

  • come richiesto da manuale vado a saldare due fili elettrici ai poli del motore del tank: giallo positivo e viola negativo:
    costruzionects02.th.jpg
  • con non poche difficoltà di traduzione (più che altro per i termini tecnici) capisco che debbo unire le estremità dei due cavi non saldati ai "blade receptacles", una volta stretti con una pinza dovrei assicurarli con un pezzo di "shrink tube" a mezzo di "heat gun":
    301851.jpgcostruzionects03.th.jpg costruzionects04.th.jpg
    come si vede dalle immagini non ho assicurato i cavicome richiesto perchè non posseggo nessuna "heat gun". I cavi sono stretti a forza e la guaina di plastica nera l'ho inserita per isolare un po' i contatti. So che non è un lavoro 100%, però dovrebbe andare, che dite?
  • inserimento della scheda sul tank; il fissaggio è assicurato dai contatti stessi presenti sul reto della scheda CTS e i micro switch:
    costruzionects03.th.jpg costruzionects06.th.jpg

 

Anche in questa parte, delicata e molto importante per il buon funzionamento del tank, è spiegata in una sola facciata facendo ricordo a uno schema chiaro ma con nessuna immagine che chiarisca il risultato finale. Finito di assicurare la scheda CTS al tank era richiesto di muovere a mano gli ingranaggi del tank per svitarne la vite in modo che si avvicinasse alla scheda. Ma quanto? fino al buco corrispondente? Oltre? :s14:

Link to comment
Share on other sites

.. non posseggo nessuna "heat gun"..

 

Non c'è bisogno di una pistola a caldo per chiudere le termorestringenti (alla Engel si drogano..), basta anche un accendino, o se vuoi fare un lavoro pulito, arroventa (anche poco) un cacciavite o un'altro pezzo di metallo utile, avvicinalo alla plastica e vedrai che si ritira comunque, oppure usa il saldatore, il phon di casa, soffiaci ma non lasciarle così :s02:

E' facilissimo, basta che non fai entrare in contatto fiamma/corpo caldo con la guaina.. scalda un poco il saldatore e avvicinalo, ci metti 2 secondi.

Edited by Lefa
Link to comment
Share on other sites

Non c'è bisogno di una pistola a caldo per chiudere le termorestringenti (alla Engel si drogano..), basta anche un accendino, o se vuoi fare un lavoro pulito, arroventa (anche poco) un cacciavite o un'altro pezzo di metallo utile, avvicinalo alla plastica e vedrai che si ritira comunque, oppure usa il saldatore, il phon di casa, soffiaci ma non lasciarle così :s02:

E' facilissimo, basta che non fai entrare in contatto fiamma/corpo caldo con la guaina.. scalda un poco il saldatore e avvicinalo, ci metti 2 secondi.

Ma cavolo, veramente da quelle parti si fumano la colla... Stasera lo faccio! Mi toccerà rimuovere la scheda ma niente di saldato nel marmo.

Grazie Matteo!

Link to comment
Share on other sites

Per così poco.. i tedeschi sono modellisti davvero for-mi-da-bi-li ma consigliare una pistola termica per chiudere una guaina grossa come un'unghia mi pare una sciocchezza, non solo perchè è evidente che il lavoro si può fare con qualsiasi cosa che emetta calore, ma anche perchè una pistola produce un getto grosso, scalderesti componenti che non servirebbe scaldare.

Se lo stato di avanzamento lavori è come in foto, non devi smontare nulla: usa il saldatore come se fosse un pennarello e mima i gesti che faresti per colorare la guaina (senza toccarla) in tutti i punti esposti. Anche se non vai a scaldare dietro si stringe ugualmente, ingloberà il contatto sulla placchetta ma non si stringerà mai completamente sul filo elettrico, è troppo larga (credo..).

 

[edit]

 

Quanto alla vite, ciò che chiedono è che sia centrata al foro corrispondente, così che l'escursione non vada a toccare la scheda e il relativo tubo di protezione. Credo che consiglino di alzarla un po' per avvicinarla al foro in modo da poter apprezzare con precisione che sia effettivamente centrata (io la farei addirittura superare la scheda per essere certo), se lo facessi con vite e foro distanti, la prospettiva potrebbe trarre in inganno.

Edited by Lefa
Link to comment
Share on other sites

Di seguito il risultato delle ultime due serate di lavoro.

 

  • Si comincia con la costruzione della "sezione centrale", un cubetto con coperchio apribile che dovrebbe alloggiare le componenti per la ricarica delle batterie; su un fianco va fissato il pitch controller, al quale andranno collegati i cavetti provenienti dai servo e il cavetto chye comanderà la marcia inversa:
    p1040234j.th.jpg p1040236y.th.jpg p1040237v.th.jpg
     
  • La sezione centrale andrà fissata alla sezione che contiene e sostiene i due servo:
    p1040238o.th.jpg p1040239z.th.jpg p1040243i.th.jpg

Fin qui tutto abbastanza chiaro, anche se dal nulla spunta uno schema (pagina 12 del manuale) che illustra di punto in bianco il fissaggio dei servo ai sostegni e l'inserimento dei braccetti che comanderanno i timoni. La parte di braccetto che va collegata al servo è diversa rispetto a quella schematizzata: sono stato costretto a rimuoverne una parte e allargarne un buchetto per poter incastrare il "gomito" senza che questo rimanesse incastrato:

p1040241l.th.jpg

 

Il manuale mi riporta la capitolo 10 che spiega come montare le componenti del caricabatterie: nessuna immagin in più oltre a quelle che illustra le componenti. Ho sempre più l'impressione che diano troppe cose per scontato...

Edited by serservel
Link to comment
Share on other sites

Ieri sera ho lavorato sulle batterie e relativi cablaggi: da qui ho veramente bisogno di aiuto! :s06:

 

  • Si procede con il collegamento in serie delle due batterie da 6V, in modo da ottenere la potenza necessaria di 12V:
    p1040245p.th.jpg p1040246w.th.jpg
     
  • Il neo pacco costituito va inserito nel suo alloggiamento, i cavi fatti passare sotto, collegati ad una prolunga e fatti arrivare alla scheda CTS:
    p1040247i.th.jpg p1040248q.th.jpg p1040249w.th.jpg
     
  • Le batterie da 6V, il receiver pack, subisce la stessa sorte:
    p1040250y.th.jpgp1040251p.th.jpg
    Il problema è che da qui le sitruzioni partono per la tangente: non si capisce bene il receiver pack a dove vada collegato: mi viene detto di prendere un cavetto di sezione 0,5sqmm :s14: e lunghezza 300mm, questo cavo va fatto passare in uno dei due tubi di rame che passano sotto il pistone e collegherebbero il pressure switch al CTS: ma i cavi del pacco batterie da 6V allora dove vanno collegati!?!? Le istruzioni dopo seguono la stessa nebulosità!
    Inserisco alcune foto del CTS che forse aiutano a capire la situazione:
    p1040252a.th.jpg p1040253yw.th.jpg p1040254z.th.jpg p1040255u.th.jpg p1040256j.th.jpg
     
    Allego di seguito il manuale del 212: i capitoli che mi danno difficoltà sono dal 6 al 10. Se qualcuno avesse voglia di aiutarmi...
    U212 Manual

Edited by serservel
Link to comment
Share on other sites

Sei andato un sacco avanti! :s20:

 

Mamma mia Simo, lo scotch non si può proprio vedere (oltre a non essere adatto, conosci le temperature sviluppate dalle parti coperte? non è un materiale adatto!).. guardo un attimo le istruzioni.

 

[edit]

 

Non ho capito a che punto esatto del manuale ti sei fermato, fino a che numero sei sicuro di aver fatto bene?

Edited by Lefa
Link to comment
Share on other sites

Sei andato un sacco avanti! :s20:

 

Mamma mia Simo, lo scotch non si può proprio vedere (oltre a non essere adatto, conosci le temperature sviluppate dalle parti coperte? non è un materiale adatto!).. guardo un attimo le istruzioni.

Hai ragione: per il pacco batterie non dovrebbe essere un problema, è usato solo per tenere insieme le due batterie. Per i contatti...mi davano poca fiducia e avevo finito quello da elettricisti. Oggi vado a fare spese e corpirò quegli obbrobri con nastro adeguato.

Link to comment
Share on other sites

No non coprirli, rimuovi tutto, perchè diamine non usi le termorestringenti?

Se usi nastro colloso su parti che scaldano, col tempo la colla si scioglie e impiastra tutto, 'facciamo' un lavoro pulito, non solo da un punto di vista estetico! :s02: :s51:

Link to comment
Share on other sites

Ho tradotto il capitoletto nel quale ti sei inchiodato, spero aiuti:

 

7. Batteria della ricevente e sistemazione dei fili elettrici

 

7.1 Sistemare il pacco batteria della ricevente (5528), composto da 4 celle tipo sub-C (4.8V), a sinistra dentro al compartimento batteria.

 

7.2 Determinare la quantità di filo necessaria a coprire la distanza fra il pacco batteria e la parte sottostante al compartimento batteria (100mm circa), tagliare conseguentemente.

Il resto del filo coi relativi connettori saranno utilizzati più avanti. NOTA: tagliare un filo alla volta, rischio di CORTO CIRCUITO

 

7.3 Spellare l’isolamento dal filo per circa 2-3mm, stagnare e saldare al connettore CT-2 provvisto di guaina rigida. Saldare il polo positivo (rosso) del filo alla spina maschio, quello negativo (nero) va saldato alla presa femmina.

 

7.4 Prolungare il filo del pacco batteria della ricevente con del filo isolato in silicone da 0.5sgmm (sezione), la lunghezza è di circa 300mm. I fili per l’alimentazione della ricevente vanno fatti passare dentro il secondo tubo guida S6, assieme al cavo che connette la CTS all’interruttore di pressione (PS). Il connettore rosso del tipo JST va attaccato ai pin a due poli in linea che si trovano sul lato inferiore della CTS.

 

7.5 Quanto ai fili dell’alimentazione principale, quelli che terminano verso il pacco batteria della ricevente sono provvisti di connettore CT-2 con protezione rigida. I connettori da 2mm sotto la CTS non sono invece provvisti di protezione rigida e vanno dunque isolati con della guaina termo restringente da 3.2mm. Collegare i connettori al filo elettrico (avanzato dal taglio precedente ndr) come appena illustrato e isolare conseguentemente.

 

7.6 Far passare i fili di collegamento al PS attraverso la paratia stagna di prua e saldare ai contatti numero1 e 3 del PS. In questo caso la polarità è indifferente.

I fili possono essere assicurati sul tubo del serbatoio con un pezzo di tubo tagliato a spirale (incluso nel 1599-99) (vedasi immagine pag. 29 ndr)

Edited by Lefa
Link to comment
Share on other sites

Simo dai un occhio qua, ci sono immagini che probabilmente ti aiuteranno: http://www.rcboot.de/forum/viewtopic.php?t...sc&start=30

In particolare questa:

 

212klasse13_955.jpg

 

A pagina due del forum segnalato c'è una foto della modifica per la protezione dell'elica:

 

15012011067.jpg

 

Inoltre guarda che bellino questo con colori italiani, mi pare buona la tinta:

 

1007083.jpg

 

1007081.jpg

 

Colori Tamya

Dark sea Grey XF54

German Grey XF 63

Flat black

Ponte e vela: Mix di Light sea grey XF 25 (80% circa) e Field Blue XF 50.

 

Sono un filo avanti? :s51:

Edited by Lefa
Link to comment
Share on other sites

7.5 Quanto ai fili dell’alimentazione principale, quelli che terminano verso il pacco batteria della ricevente sono provvisti di connettore CT-2 con protezione rigida. I connettori da 2mm sotto la CTS non sono invece provvisti di protezione rigida e vanno dunque isolati con della guaina termo restringente da 3.2mm. Collegare i connettori al filo elettrico (avanzato dal taglio precedente ndr) come appena illustrato e isolare conseguentemente.

Il problema è che sotto la scheda CTS non c'è alcun contatto, di che contatti da 2mm parlano? L'unica cosa che vedo sono i contatti stagnati delle componenti elettriche montate sulla parte superiore della scheda.

 

Scusa ma sono momentaneamente in crisi...

Link to comment
Share on other sites

Calma.

Io ho difficoltà a figurare la cosa perchè non ho i pezzi sotto mano, il problema a mio avviso e che non visualizziamo il risultato finale, non abbiamo capito lo schema completo, per questo abbiamo difficoltà. I connettori da 2mm secondo me sono spine maschio/femmina, se non riesci ad andare avanti devi fare una foto che mostri tutte le componenti, la prima foto che ho postato nell'ultimo intervento, cos'è? ci sono due alimentazioni, una grande e una piccola, non ritieni probabile che i fili piccoli con i relativi connettori siano quelli da 2mm? hai un calibro? misura la sezione.

 

Ragazzi che avete costruito decine di smg rc, volete gentilmente chiarire lo schema generale? sono certo che si tratta di un problema che supera il banale, per voi..

Link to comment
Share on other sites

mmm...leggendo le vostre indicazioni sono riuscito ad andare avanti un pochettino, salvo piantarmi ancora! Comunque vi mostro i risultati:

 

  • Ho collegato il receiver battery pack (azzurro, da 6V) alla scheda CTS attraverso i connettori JTS del cavo-prolunga fornito e i due pin posizionati sotto la scheda stessa; in esatta corrispondenza dei due pin ci sono due contatti stagnati al quale ho saldato due cavetti che vanno al alimentare il pressure switch:
    p1040272y.th.jpg p1040274a.th.jpg p1040275e.th.jpg
     
  • Riguardo al connettore MPX, parte fondamentale per la ricarica delle batterie, sono al punto sotto illustrato, ovvero poco più di zero:
    p1040276y.th.jpg p1040277g.th.jpg
     
    Guardando su Google avevo trovato alcune immagini tra qui quella postata da bilanciozero, però se mi facessero vedere cosa c'è dentro la scatoletta capirei bene cosa vogliono che faccia.

 

Sto seriamente prendendo in considerazione la poposta di bilanciozero! Però, prima di farmi 300km, vorrei sapere se c'è qualcuno più vicino (Treviso) che può aiutarmi. Non voglio che questo lavoro vada a prendere spazio in una scatola in soffitta, però non so veramente da che parte muovermi senza fare danni, mi sono forse imbarcato in qualcosa di troppo complicato per me...

Link to comment
Share on other sites

perdonami ma temo che sia sbagliato.

da quanto mi risulta il pressure switch non richiede alimentazione! di conseguenza, non serve collegare la batteria della ricevente sui medesimi poli a cui hai collegato il pressure switch.

In altre parole, il pressure switch chiude i due poli a cui è collegato quando la pressione supera il valore paria 1,8 mt di profondità.

se colleghi su quei due poli la batteria otterrai che quest'ultima venga messa in cortocircuito al superamento della pressione di cui sopra. Solo i due fili che vanno al pressure switch vanno allla scheda cts.

A riconferma di ciò, lo schema prevede che tu colleghi i pin 1 e 3 del pressure swith ( ovvero quelli normalmente aperti) e non i pin 1 e 2 normalmente chiusi.

 

togli il connettore jts, porta corrente dove non deve esserci e potresti danneggiare la scheda cts.

Appurato che madama Engel non dice proprio tutto, mi sono rifatto allo schema di pagina 7 per i collegamenti di cui ho scritto:

schemacts.th.png

 

Se questo è sbagliato, allora lo schema sopra come va seguito?!

Edited by serservel
Link to comment
Share on other sites

esatto.. lo schema è proprio quello.

La scheda cts riceve l'alimentazione dalla batteria principale (quella a 12v) e il segnale del pressure switch sui due poli su cui hai saldato i fili proveniennti appundo dal pressure switch.

quello che non devi metttere sulla scheda cts è la spinetta jts proveniente dalla batteria a 6v della ricevente. togli la spinetta rossa dal retro dei due contatti a cui hai saldato i fili provenineti dal pressure switch. la spinetta rossa serviva proprio per quei due fili li e non per la batteria della ricevente a 6v.

Scusa bilanciozero, ma c'è una cosa che mi torna: forse sbagliando, però quando ho collegato lo spinotto JTS alla CTS i led sulla schedina stessa si sono accesi e la "vite" del pistone si è riavvolta, come se si fosse svuotato. Visto che la schedina si è accesa ho immaginato che i collegamenti fossero corretti.

 

Sono sempre più confuso. Per ora ho messo via e sospeso la costruzione in attesa che mi chiariscano le idee o trovi qualcuno dalle mie parti che possa insegnarmi e darmi una mano...

Link to comment
Share on other sites

fai questa prova. porta a mano il pistone a metà e poi collega il 12 v alla scheda e il pressure switch sui due poli indicati dallo schema, senza collegare la batteria della ricevente.

a questo punto soffia nel tubicino del pressure switch più forte che puoi in modo da sentire un piccolo "tic" al suo interno. quando ciò avverrà si avvierà (per lo meno si dovrebbe avviare ) anche il pistone comandato dalla scheda verso lo svuotamento. Se non riesci ad attivare il pressure switch soffiandoci dentro, tara il compressore a 0,2 bar e prova con il compressore!

Il pacco batterie da 12V è sempre rimasto collegato alla scheda CTS, ho staccato quello da 6V (ricevente) pur lasciandone i cavi al CTS collegati (tanto senza alimentazione non c'è alterazione). Ho scollegato il tubicino che va al PS e ho soffiato: senza fare troppa fatica ho sentito un "tic", ma nessuna reazione dal sistema, peraltro i LED sulla scheda CTS sono sempre rimasti spenti.

In linea di massima sono daccordo con te, bilanciozero, però mi confondono questi passaggi del manuale:

 

7.4 Extend receiver battery lead with silicone wire 0.5 sqmm (cross section), approx. wire length 300 mm. Wire leads for receiver power are passed through second guiding tube S6, together with cable connecting CTS to Pressure Switch (PS). Red JST connector connects to two-pole pin row on lower back side of CTS.
Se non capisco male intendono che nel tubo di rame S6 devono passare due cavi: (1)quello che collega il pressure switch alla CTS, con il cavo con terminazione JST che si infila nei connettori appositi sotto la schedina stessa, e (2)il cavo esteso di alimentazione della batteria della ricevente (6V). Corretto?

 

7.5 As for the main power leads, wire ends towards receiver battery are fitted with CT-2 connectors with housing. 2 mm connectors below CTS are fitted without housing and insulated with heat shrink tube 3.2 mm. Fit connectors to remaining cable lengths accordingly and insulate in the same manner.
Qui buio assoluto: sotto la CTS non si cono altri contatti da 2mm, a parte i due pin per il cavetto JST!

 

7.6 Feed connection leads for PS through bow bulk head and solder to contacts 1 and 3 of PS. Polarity is irrelevant here. Wires can be fastened with a piece of spiral cable wrap (also included in 1599-99) alongside Piston Tank tubing.
Questo passaggio sarebbe quello sbagliato da rifare: il cavetto con terminazione JST, precedentemente infilato nei suoi pin sotto la CTS, va collegato alle lamelle 1 e 3 del pressure switch.

 

Se trovassi in giro foto delle componenti e dei cablaggi avrei vita facile, ma nel web si trovano solo viste non molto utili! :s05:

Edited by serservel
Link to comment
Share on other sites

Grazie per il supporto, bilanciozero!

Simone non gettare la spugna, sono certo che è un'assemblaggio elementare, basta sapere cosa si sta facendo: con l'aiuto degli amici esperti che hanno già messo mano su questi schemi pian pianino risolvi, e lo fai da te, imparando. Comunque se decidi di venire a Milano, mi aggiungo anch'io, così imparo!! :s20: :s51:

Link to comment
Share on other sites

Ok, allora forse la batterie da 6V deve essere passata nel tubicino di rame percè va ad alimentare la ricevente. Uno dei problemi è che non è schematizzato come va collegata e posizionata la ricevente, debbo guadarene lo schema.

 

Domani sera (oggi non posso purtroppo) toglierò i fili dell'alimentazione a 6V dalla CTS, quindi rifarò i punti 7.4, 7.5 e 7.6 come chiarito sopra. Poi riporterò le foto e vedremo che ne pensate: se credete sia giusto proseguirò.

 

A questo punto forse è meglio che per il resto dei punti faccia così: posto delle foto (non troppe per non appesantire il post) dei componenti coinvolti nella procedura e di come intendo montarli, dopo il "via libera" procederò, che dite?

 

 

Grazie infinite!

Link to comment
Share on other sites

ciao sersevel, non demordere :s02:

vedrai che col supporto del buon bilancio puoi superare questi punti oscuri.... mi sento di darti un consiglio :s01:

segui alla lettera le istruzioni e non porti quesiti che ti possano confondere... se la prolunga della batteria della rx entra in un tubicino insieme ai fili del pressure switch e non sai che fine devono fare.... lasciali lì (li ritrovi al punto 10)... e non testare la scheda cts prematuramente... l'assenza di qualche componente, come la rx o qualcos'altro, potrebbe pregiudicare il corretto funzionamento e di conseguenza aumentare il senso di confusione e basta. alla engel hanno una logica tutta loro... sono d'accordo, dicono di usare una pistola a caldo per delle guainette termoretraibili... anche lì sono d'accordo con te, ma prova a seguire le istruzioni e vedrai che, alla fine, tutto apparirà chiaro. inoltre tieni sempre presente che: la batteria da 4,8 volt alimenterà solo la rx, e che la scheda cts và alimentata dai due pacchi che erogano i 12 volt.

bellissimo il modello con colorazione italiana scovato da lefa.... aumenta la mia voglia di prenderne uno :s41:

Link to comment
Share on other sites

ciao sersevel, non demordere :s02:

vedrai che col supporto del buon bilancio puoi superare questi punti oscuri.... mi sento di darti un consiglio :s01:

segui alla lettera le istruzioni e non porti quesiti che ti possano confondere... se la prolunga della batteria della rx entra in un tubicino insieme ai fili del pressure switch e non sai che fine devono fare.... lasciali lì (li ritrovi al punto 10)... e non testare la scheda cts prematuramente... l'assenza di qualche componente, come la rx o qualcos'altro, potrebbe pregiudicare il corretto funzionamento e di conseguenza aumentare il senso di confusione e basta. alla engel hanno una logica tutta loro... sono d'accordo, dicono di usare una pistola a caldo per delle guainette termoretraibili... anche lì sono d'accordo con te, ma prova a seguire le istruzioni e vedrai che, alla fine, tutto apparirà chiaro. inoltre tieni sempre presente che: la batteria da 4,8 volt alimenterà solo la rx, e che la scheda cts và alimentata dai due pacchi che erogano i 12 volt.

bellissimo il modello con colorazione italiana scovato da lefa.... aumenta la mia voglia di prenderne uno :s41:

Ciao Andrea! Grazie dei consigli, ho in effetti trovato in bilanciozero (e anche Lefa che mi ha sopportato fino ad ora :s02:) un aiuto estremo e preziosissimo, spero che la sua pazienza nei miei confronti sia ancora tanta!

Oggi mi ci rimetto e cerco di non pormi tante domande :s68:

Link to comment
Share on other sites

Eccomi qui. Come detto precedentemente ho rimediato all'errore e ora sono in questa situazione:

 

  • Ho scollegato e isolato i cavetti di alimentazione provenienti dal pacco batterie da 6V; il Pressure Switch (PS) è ora direttamente collegato alla scheda CTS, mediante cavo con terminazione JST alla pedinatura (2 pin) predisposta sotto la scheda stessa:
    p1040278lo.th.jpg p1040281u.th.jpg


     
    Nonostante mi sia ripromesso di non saltare alcun passaggio ho deciso di rifare il passaggo proposto da bilanciozero: collegato l'alimentazione a 12V al socket blu sopra la CTS e con un cacciavite ho cortocircuitato i due pin al quale è collegato il PS, ma il pistone non è rientrato (svuotamento). La stessa prova l'ho fatta collegando la ricevente alla CTS usando lo schema qui sotto ma con lo stesso risultato: nessun led illuminato e nessun movimento della scheda :s06:
    schemacts.th.png

 

[EDIT]

Oltre a quanto sopra riportato ho letto e cercato di seguire il capitolo 8 del manuale, ne riporto le parti inserendo la mia interpretazione:

8.1 Cut TAM style connector from power lead (black/red) of electronic speed controller (ESC) and feed through triangular openings in both servo bulk heads T5 and T7, just below bottom plate of Centre Section.

8.2 Solder plug and socket 3 mm (without housing) to these two leads, leave to cool and insulate with heat shrink tube 4.8 mm.

La prima immagina immortala il mio speed controller (ESC) e la ricevente Graupner. Se non ho capito male devo tagliare il connettore di tipo TAM lasciando "liberi" i cavetti rosso e neri, quindi dovrei saldare un plug e un socket ai due cavetti

p1040282z.th.jpg p1040283g.th.jpg

 

8.3 Shorten connection lead of ESC to motor (blue/white) by approx. 95 mm (measurement for Rookie 25, item no. RO8400). Solder this length of wire to main drive motor, blue to "+" pole, white to counterpole.
Ora devo tagliare i cavetti blu e bianco e saldarli ai poli del motore (blu sul positivo):

p1040284i.th.jpg

 

8.4 Solder sockets 3 mm (without housing) to both wire ends of ESC. If Dual Pitch Controller DLx is used, solder ESC wires together with leads for automatic pitch reverse of the DLx. Solder wire with black vein together with WHITE lead.
Qui sono confuso: non dovevo precedentemente saldare un plug e un socket ai due cavetti rosso e nero? E il collegamento con il DLx?! :s12:

 

8.5 Solder plugs 3 mm to both ends of motor leads. 8.6 Insulate all plugs and sockets with transparent heat shrink tube 4.8 mm. 8.7 As the R/C system aboard is powered by a receiver battery the BEC (Battery Eliminating Circuit) system provided by the ESC remains unused. The BEC itself must therefore be eliminated. To interrupt this circuit, pull the red wire lead out of the plug connecting to the receiver. Insulate bare connector with tape as shown. 8.8 Should direction of rotation be inverse, meaning that in forward mode the propeller spins anti-clockwise (seen from aft to bow), polarity of motor can easily be reversed by inverting the wire leads (blue/white) between ESC and motor. 8.9 ESC can be fixed with double-sided adhesive tape onto its mounting plate. Only use high-quality tape as adhesive strength of cheap tape will soon
Qui le cose si complicano: i plugs di cui si parlava nel punto 8.4 ora vanno collegati al motore. Insieme a quelli bianco e blu? Oppure il DLx sta in mezzo al circuito?

Il resto riguarda l'isolamento dei cavetti e il fissaggio dell'ESC alla base di plastica. L'unica cosa che ho capito con certezza :s68:

Edited by serservel
Link to comment
Share on other sites

uhm.. strano che non ti si siano accesi i led. sicuro che il pistone fosse in posizione di immersione? quando sei in immersione il perno centrale filettao del pistone è tutto fuori.
L'unica volta che ho visto i led accesi era quando qavevo collegato (erroneamente) l'alimentazione da 6V (per la ricevente) alla CTS. Il pistone non era completamente fuori, però avrei dovuto vedere comunque un movimento, no?

 

muovendo lo stick sulla trasmittente corrispondente al canale a cui hai collegato la scheda il motore del pistone si muove? domanda forse stupida ma d'upo: hai acceso la ricevente e la trasmittente vero?
Quale stick intendi?

 

riguardo al cablaggio del regolatore: hai per caso lo schema di collegamento del DLX? mi sembra di intuire che vada messo in cascata fra regolatore e motore e d ecco spiegato perchè parla di plugs.
Lo schema del DLx è QUI, io l'ho guardato ma non ho trovato le informazioni che cerco...

 

[EDIT] Corretto link di download dello schema sopra citato

Edited by serservel
Link to comment
Share on other sites

il DLx fa da controller e va messo in cascata sui due servi. in altre parole devi collegare l'ingrresso della dlx alla ricevente sui canali corrispondenti ai timoni di direzione e di profondità, le uscite della Dlx ai servi rispettivamente dei timoni di direzione e di profondità.

poi derivi due fili dai due poli del motore e li metti (mantenendo la polarità indiucata sul motore) sui poli della DLx destinati al motore. quando metti la retromarcia la dlx rileva l'inversione della polarità e a sua volta inverte i movimente che lei stessa da ai servi per mantenere l'assetto del modello durante la navigazione in immersione.

Scusa bilanciozero, leggendo il post mi sono reso conto che ho sbagliato il link del download (ora corretto): lo schemda della DLx è QUI

Varia qualcosa rispetto a quello che hai scritto? Riguardo lo speed controller (ESC) va bene così come intendo collegarla? Non ho ancora capito i fili avanzati dove andranno poi collegati, ma pazienza...

Edited by serservel
Link to comment
Share on other sites

Mamma mia, quanta grazia :s20: :s20: :s20:

 

Il cavetto con spinetta che va dalla CTS alla ricevente può essere collegata a qualsiasi canale? Stesso dicorso per il regolatore di velocità: il cavetto (al quale viene rimosso un filo) va collegato a un qualsiasi canale della ricevente?

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      521.8k
×
×
  • Create New...