Jump to content

Le Navi Di Carta Della Marina Militare


brin

Recommended Posts

Non avevo visto l'interessante "refit" del Littorio. Alle considerazioni di Alfa aggiungo che il sistema Terrier (come quello ritengo immaginato per il Littorio in versione BBG) prevedeva 2 radar guidamissili, nel disegno l'unico radar mi sembra collocato troppo vicino alle strutture. Per il radar di scoperta non vedrei male un albero a traliccio. Immaginando poi un Littorio (con naltro nome...) nel dopo guerra direi che le artiglierie secondarie avrebbero potuto essere gli ottimi 127/38 americani. Che dici Enrr per il nostro diletto fai una seconda versione?

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 294
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Quei progetti di trasformazione erano solo dei concept fatti sul profilo originale ben lungo dall'essere finito :s03:

 

L'Impero CV non è di mia concezione ma è la disposizione del modellino di una conversione presente al museo di Venezia.

 

Il mese scorso ho iniziato un refit più leggero con 1 sola rampa in stile Garibaldino :s03: con l'obiettivo di non rimuovere la torre poppiera anche se ad ora sembra un problema, in pratica non so dove mettere il radar LR :s14: In sintesi sopra il torione segato sopra le 2 diretrici di tiro ci piazzo un tripode con i vari radar (SPS-39 principalmente e 1 radar di tiro)

Per le artiglierie al posto delle 90 i 76 Allargati mentre per le 152 le alternative sono 2, o le lasci o le sostituisco con 6 135 binate AA, quelle messe sul GG, di cui 2 a prora e 4 a poppa di cui una leggermente rialzata

 

bblittorioroma60b1.png

 

A questo punto il dubbio è cos'altro levare dal profilo, se le artiglierie minori s'assomigliano un pò tutte e le posso lasciare, pensavo a rimuovere le direttrici di tiro tra i fumaioli e metterci i radar di tiro per i 76.

Accetto altri suggerimenti :s10:

 

Per la conversione da BB a CV ho fatto un incrocio, sotto Impero e sopra Aquila... in pratica l'Aquila Imperiale :s03:

 

icvfalco.png

Link to comment
Share on other sites

Semplicemente MERAVIGLIOSA l'Aquila Imperiale (che però rinominerei, senza dubbio alcuno, OTTAVIANO AUGUSTO)!

Circa la BBG mi sembra ottimistico lasciare tre torri principali ed aggiungere "roba" in più. Molto a malincuore, sbarcherei una delle tre torri: e, a questo punto, toglierei, anzichè la poppiera, la nr.2 di prora. In questo modo dovrebbe essere possibile installare un sistema AA a prora, e uno a poppa (ognuno dei due con DUE illuminatori). Sicuramente, piazzando un lanciatore ottuplo ASROC da qualche parte, anche non ricaricabile. Ho esagerato? :s43: :s10:

Link to comment
Share on other sites

:s03: :s20: Divertente la battuta dell' "AQUILA IMPERIALE"! :s20: :s03:

Già che ci siamo proporrei di modificarne la prua su modello Inglese del tipo, tanto per intenderci, di quello dell' ARK ROYAL per una miglior tenuta al mare.

 

Per quel che riguarda il LITTORIO lanciamissili non mi son spiegato bene: due rampe binate sono ok per una nave di tali dimensioni, devi solo trovare il modo di "abbassarle" di più al ponte principale. Per ottenere questo suggerirei l' eliminazione dell' hangar-elicotteri installando solo un semplice "spot" di appontaggio senza possibilità di ricovero. Ribadisco l' importanza di un secondo radar guidamissili anche in presenza di una sola rampa binata.

 

Infine il LITTORIO con una sola rampa mi sembra eccessivamente "impoverito" di artiglierie AA di medio calibro.

Link to comment
Share on other sites

Già, 2 lanciatori binati Terrier con 2 guidamissili ciascuno. Il problema ASROC sarebbe risolto impiegando lo stesso tipo di lanciatore utilizzato sul Vittorio Veneto che era bivalente. Poi in dipendenza del periodo immaginato si potrebbe pensare a qualche sistema di difesa di punto e missilistico antinave.

Link to comment
Share on other sites

Già, 2 lanciatori binati Terrier con 2 guidamissili ciascuno. Il problema ASROC sarebbe risolto impiegando lo stesso tipo di lanciatore utilizzato sul Vittorio Veneto che era bivalente. Poi in dipendenza del periodo immaginato si potrebbe pensare a qualche sistema di difesa di punto e missilistico antinave.

 

E allora qui ci vogliono i pozzi dei Polaris!!!!

Link to comment
Share on other sites

Già, 2 lanciatori binati Terrier con 2 guidamissili ciascuno. Il problema ASROC sarebbe risolto impiegando lo stesso tipo di lanciatore utilizzato sul Vittorio Veneto che era bivalente. Poi in dipendenza del periodo immaginato si potrebbe pensare a qualche sistema di difesa di punto e missilistico antinave.

 

:s68: Giusta osservazione, CB!! :s68: Mi ero dimenticato della bivalenza della rampa del VENETO!

Link to comment
Share on other sites

Il problema ASROC sarebbe risolto impiegando lo stesso tipo di lanciatore utilizzato sul Vittorio Veneto che era bivalente.

 

:s68: Giusta osservazione, CB!! :s68: Mi ero dimenticato della bivalenza della rampa del VENETO!

... mi pare ci fosse pure sui Belknap americani.

Se non ricordo male Mk 20 Aster.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Suggerirei anche, per l'Italia in versione BBG, di togliere le torri da 152 e di sostituire tutto con dei complessi da 127/38, magari due sovrapposti al posto di ogni torre :s02:

Edit: anche i 120/40 per il tiro illuminante, penso che siano sbarcabili senza rimpianti :s03:

Edited by Secondo Marchetti
Link to comment
Share on other sites

Semplicemente MERAVIGLIOSA l'Aquila Imperiale (che però rinominerei, senza dubbio alcuno, OTTAVIANO AUGUSTO)!
Ma se guardate bene sul disegno e sulla fiancata si chiama FALCO :s02:

 

Per quel che riguarda il LITTORIO lanciamissili non mi son spiegato bene: due rampe binate sono ok per una nave di tali dimensioni, devi solo trovare il modo di "abbassarle" di più al ponte principale. Per ottenere questo suggerirei l' eliminazione dell' hangar-elicotteri installando solo un semplice "spot" di appontaggio senza possibilità di ricovero. Ribadisco l' importanza di un secondo radar guidamissili anche in presenza di una sola rampa binata.

 

Infine il LITTORIO con una sola rampa mi sembra eccessivamente "impoverito" di artiglierie AA di medio calibro.

Allora le possibilità sono 2:

- rimozione di torre Y (o B) e 2 rampe

- artiglierie principali, A B e Y, intatte e 1 rampa

Poi il problema è trovare il posto per 4 illuminatori, 2 davanti e 2 dietro

 

Per le AA è impoverito semplicemente perchè non ho ancora aggiunto i 76 Allargato

Suggerirei anche, per l'Italia in versione BBG, di togliere le torri da 152 e di sostituire tutto con dei complessi da 127/38, magari due sovrapposti al posto di ogni torre :s02:

Edit: anche i 120/40 per il tiro illuminante, penso che siano sbarcabili senza rimpianti :s03:

Giammai monterò un 127/38 americano sull'ammiraglia :s05: ho detto che i 152 o restano o vengono sostituiti da 135mm. Quest'ultimi o 6 binate o 12 singole.
P.S. già che ci siamo secondo me ci vorrebbero una poppa a specchio e un paio di tls trinati Mk.32
Per i tls mi sembrano poco utili e la poppa... non so che vuol dire a specchio :s41:
A questo punto propongo due soluzioni di ri-motorizzazione!

  1. Due grandi diesel per asse (più coerente con il periodo storico)
  2. Una LM-2500 e un motore elettrico per asse (più fashion)

Rimotorizzare con i diesel non mi pare conveniente e nel 58-60 data di questo ipotetico refit al massimo si potrebbe pensare alle Tosi-Metrovic delle Alpino, le LM2500 son arrivate oltre 10 anni dopo sulle nostre unità :s02:

 

 

Nessun suggerimento sulla disposizione dei vari radar? Un LR come l'Argos 5000 avrebbe problemi ad asser sistemato sopra i fumaioli?

Link to comment
Share on other sites

Ma se guardate bene sul disegno e sulla fiancata si chiama FALCO :s02:

 

Per i tls mi sembrano poco utili e la poppa... non so che vuol dire a specchio :s41:

 

 

Con tutto il rispetto per gli aliscafi, falco è appunto un nome da... aliscafi! :s03:

Suggerivo di nominare le portaerei Italiane con i nomi degli imperatori romani...

 

Poppa a specchio: tagliata di netto anzichè arrotondata

Link to comment
Share on other sites

sui lanciatori dei Terrier, mi preme fare notare che il problema serio sta "sotto" e non "sopra"....

 

Difatti se si confronta il profilo con la sezione, i depositi dei Terrier sarebbero ricavati dai locali macchine (!!!) e dubito seriamente che la MMI negli anni '50 si possa permettere dei "pontoni antiaerei e guardiaporto" del genere, anche considerando i pesantissimi bombardamenti aerei e Navali subiti da Napoli e Genova nella II GM.

 

Sull' armamento contraerei, sono d' accordissimo su 12 (o 16, che mi sembra fattibile) 76/62 ma io sarei più per una batteria missilistica "secondaria" con lanciatori per Tartar al posto dei 152/55

 

Ricordo che Terrier e Tartar avevano un ruolo secondario antinave, anche se dopo la più spettacolare delle manifestazioni di Murphy (0% colpi a segno sul bersaglio in presenza in plancia di JFK che ordino' l' imbarco ASAP del buon vecchio 127/38 sui pochi CG non dotati di artiglierie...) si avevano non pochi dubbi in ambito USN.

 

Saluti,

Dott. Piergiorgio.

Link to comment
Share on other sites

Ecco un.. aggiornamento come si deve

 

BB-Littorio-Roma60_b3.jpg

 

6 x 381mm

12 x 152mm

12 x 76mm

2 x Terrier (40 o 72 missili, a scelta)

 

Personalmente sono contrario a 2 sistemi missilistici AA diversi sulla stessa nave, preferisco 2 Terrier... per i magazzini non si può voler tutto eh eh

Edited by enrr
Link to comment
Share on other sites

Ecco un.. aggiornamento come si deve

 

Personalmente sono contrario a 2 sistemi missilistici AA diversi sulla stessa nave, preferisco 2 Terrier... per i magazzini non si può voler tutto eh eh

 

Quest'ultima versione è proprio un bel bocconcino. Concordo sull'unico tipo per il sistema missilistico. Ho qualche preplessità sulle mitragliere.

 

 

... e le l'Italia avesse ambizioni Artiche e/o Antartiche ci servirebbero dei rompighiaccio...

 

Lazer_ :s02: ne

 

Fantastiche. La versione armata è un'autentica diavoleria! :s02:

Link to comment
Share on other sites

... e le l'Italia avesse ambizioni Artiche e/o Antartiche ci servirebbero dei rompighiaccio...

 

 

KI_AOPV_Amedeo_di_SavoiaIIAR1.png

 

Lazer_ :s02: ne

La seconda è bellissima -anche la prima non è male- e molto interessante. Posso chiedere se ti sei ispirato a qualcosa di esistente e, se si, a cosa? Accetteresti qualche piccolo migliorativo?

Link to comment
Share on other sites

La seconda è bellissima -anche la prima non è male- e molto interessante. Posso chiedere se ti sei ispirato a qualcosa di esistente e, se si, a cosa? Accetteresti qualche piccolo migliorativo?

 

La prima è praticamente la Polar Star della USCG (WABG10). L'originale non era armata ma è semplice pensare di rimuovere le gru e sostituirle con qualche pezzo. La versione italica prevede dei Riva come tender, 2 Agusta ed un paio di Kassboerer (gatti delle nevi).

USWABG10PolarStar.png

 

La seconda è invece l'ultimo OPV Norvegeese Svalbard allungato.

 

No_OPV_W303_Svalbard.png

 

Ogni suggerimento è molto gradito.

 

Lazer_ :s02: ne

Link to comment
Share on other sites

  • 7 months later...

Una carellata di produzioni recenti di design che non sono andati oltre la carta, presenti in queste pagine

 

Il SES di SEC (sperando che le dimensioni siano giuste :s03: )

 

SES_SEC_1200.png

 

SES_SEC_1200.png

 

e quelli di Fincantieri

 

SES_Fincantieri200_ASuW.png

 

SES_Fincantieri200_ASuW.png

 

SES_Fincantieri200_ASW.png

 

SES_Fincantieri200_ASW.png

 

Le Feluca degli anni 80

 

FAC_Feluca_AAW.png

 

FAC_Feluca_AAW.png

 

 

FAC_Feluca_ASW.png

 

FAC_Feluca_ASW.png

 

 

FAC_Feluca_GP.png

 

FAC_Feluca_GP.png

 

 

FAC_Feluca_DeepV.png

 

FAC_Feluca_DeepV.png

 

Le varianti delle Minerva

 

FS-551_Minerva_V1.png

 

FS-551_Minerva_V1.png

 

 

FSH-551_Minerva_V2.png

 

FSH-551_Minerva_V2.png

 

La C-1000

 

I_CNR_C1000.png

 

I_CNR_C1000.png

 

 

PS: Qualcuno ha la lunghezza dell'incrociatore polivalente del CNR progettato a fine anni 70/inizio 80 postato qualche pagina fa? L'idea era fare quello e il Fermi assieme.

Edited by enrr
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Molto migliore (e più solido dal pdv ingegneristico ) questo secondo progetto di BBG Vittorio Veneto; solo che presumo che il 76 allargato, essendo alquanto più piccolo di una torre da 90, potevano tranquillamente essere 8 per lato, anche se questo comporterebbe lavori più complessi. Sui 135 pero' forse a quel punto diventava fattibile un impianto trinato (del resto erano proprio le torri da 135 triple dei Doria le prime artiglierie a caricamento semiautomatico, se non mi sbaglio, quindi non si partiva da zero.....)

 

E a proposito di Duilio e Doria, questa ucronia implicherebbe... ugh... la fattibilità di un secondo radicale rimodernamento delle due veterane; (se in questa timeline si rimodernano le Veneto verso la fine degli anni '60, cosa impedirebbe, almeno a uso sperimentale, di rimodernare alla fine degli anni '50 Doria e Duilio ?)

 

D' altro canto, rimodernare più avanti le Nb Veneto (diciamo metà '70) ne uscirebbero bestie davvero notevoli (ad occhio, e' possibile sostituire 1:1 i 90 con i 127/54 Compatto, ed almeno due torri da 152 con lanciatori di Aspide (con ricarica automatica) e la tuga centrale dona spazio sufficiente per Teseo e 76 Compatto e/o 40/70 ; l' impatto di besti del genere a fine '70-primi '80 sarebbe da non poco (ed i 381 avrebbero nell' ordine: munizionamento prodotto come si deve, tubi anima cromati ed l' elevazione portata a 45° (leggi: gittata comparabile con i Teseo, precisione largamente superiore, e minore usura delle canne)

 

Saluti,

dott. Piergiorgio.

Link to comment
Share on other sites

La modernizzazione dei Veneto l'avevo collocata in contemporanea a quella di fine anni 50/inizio 60 del Garibaldi da cui ho attinto i sistemi.

 

Per le VV rimodernizzate anni 70... arriveranno quanto prima, troppo stuzzicanti :s28:

 

Un'altra sfornata di Never Built made in Italy, i cui originali si trovano nelle pagine precedenti di questa discussione.

 

La recente New Maestrale, premetto che potrebbe non esser precisa visto che è derivata dall'unico rendering disponibile e le info sono assai scarse, specie sull'armamento di cui l'unica cosa certa è il 127!

 

FFG-New-Maestrale.png

 

FFG-New-Maestrale.png

 

Il Fermi nella versione ibrida incrociatore / AOR

 

AOKRCN_Fermi.png

 

AOKRCN_Fermi.png

 

L'Incrociatore Polivalente dei CNR

 

CG_Incrociatore_Polivalente.png

 

CG_Incrociatore_Polivalente.png

 

Sempre del CNR, un'AOR da 13,500 tons del 1976

 

I-AOR-CNR-SST13500t.png

 

I-AOR-CNR-SST13500t.png

 

La corvetta da 1000t

 

FS-Corvetta1000t.png

 

FS-Corvetta1000t.png

 

La Fregata veloce da 1800t

 

FFG-FregataVeloce1800t.png

 

FFG-FregataVeloce1800t.png

 

Il mezzo da sbarco Picchiotti

 

LSMH_PICHIOTTI_LC-67.png

 

LSMH_PICHIOTTI_LC-67.png

 

e da parte di EnrFe la Lupo CODAD

 

I-FFGLupoCODAD.png

 

I-FFGLupoCODAD.png

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

come sempre non smetti mai di stupirmi.

Bellissmi profili e quello che conta di più inediti a colori

Grazie e dinuovo bravo

Fassio

Link to comment
Share on other sites

Dal sito di Orizzonte SN (la Joint Fincantieri & Finmeccanica) - LINK

 

newMaestrale.jpg

 

 

I dati sul sito... sono un pelo errati (ma poco, ad occhio han preso la scheda del Cavour e hanno dimenticato di aggiornarne metà :s03: ).

 

Ad ogni modo da quando diceva RID tempo orsono è un progetto di fregata low-cost (rispetto alle FREMM almeno) che va a sfruttale lo scafo delle Maestrale con nuove sovrastrutture stealth derivate dall'esperienza delle FREMM e compagnia. Nella pratica serve per coprire il buco nel portafoglio di Fincantieri che c'è tra le FREMM e la famiglia MOSAIC (Fulgosi e derivati) e che vanno in stretta concorrenza alle FM400 di DCNS che son le eredi delle LaFayette.

Edited by enrr
Link to comment
Share on other sites

  • 8 months later...
:s02: ... e con questa me ne vado a dormire. A Itaca di giorno si lavora.

 

10f100z.jpg

 

Anche se sarebbe stata della Regia Marina e non della Marina Militare ...

 

 

Secondo la didascalia è il progetto di una nave da battaglia per la flotta britannica...

Edited by Alagi
Link to comment
Share on other sites

:s02: ... e con questa me ne vado a dormire. A Itaca di giorno si lavora.

10f100z.jpg

Anche se sarebbe stata della Regia Marina e non della Marina Militare ...

Secondo la didascalia è il progetto di una nave da battaglia per la flotta britannica...

 

Si tratta del progetto "ideale" di Cuniberti di una nave monocalibra che portò poi alla Dreadnought.

Lo schema è quello inizialmente presentato sul Jane's Fighting Ships del 1903 e più volte riprodotto - tra l'altro - sulle varie edizioni del British Battleships del Parkes.

Purtroppo, spesso e volentieri, l'attuale "editoria" navale (o sedicente tale :s03:) russa - oltre a non citare le fonti - non riesce neppure a definire con esattezza cosa ha copiato... :s05:

Edited by Alagi
Link to comment
Share on other sites

Si tratta del progetto "ideale" di Cuniberti di una nave monocalibra che portò poi alla Dreadnought.

Lo schema è quello inizialmente presentato sul Jane's Fighting Ships del 1903 e più volte riprodotto - tra l'altro - sulle varie edizioni del British Battleships del Parkes.

Purtroppo, spesso e volentieri, l'attuale "editoria" navale (o sedicente tale :s03:) russa - oltre a non citare le fonti - non riesce neppure a definire con esattezza cosa ha copiato... :s05:

.. e Odisseo oltre il greco, il latino, il messinese ed un po' d'italiano, non va proprio ! :s68: :s03:

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

:s20: FINALMENTE!!! :s03: E' la prima volta che vedo il progetto del fantomatico TRIESTE. Il mio parere è che la MARINA MILITARE ha fatto bene a non costruire una simile nave che non sarebbe stata nè zuppa nè pan bagnato.

 

Ad osservare l' altezza del ponte di volo dalla superficie del mare ne deduco che la M.M. intendesse imbarcare gli HARRIER.

 

:s68: Ma questa nave non doveva avere il bacino allagabile poppiero? Esistono forse altri progetti?

Edited by Alfabravo 59
Link to comment
Share on other sites

Infatti, nell'articolo allegato si legge che nel 1967, a fronte dell'articolo a firma Giorgio Giorgerini apparso su Rivista Marittima del luglio 67 "La nave d'assalto, sua genesi ed evoluzione", si aprì un dibattito avanzato da commentatori esterni alla MMI, circa la possibilità di realizzare il Trieste con bacino allagabile poppiero.

 

A questo punto si apre la caccia a quest'articolo!!

Link to comment
Share on other sites

  • 2 years later...

Notavo come molte immagini in questo topic siano ormai non piu' visibili.
Mi riferisco in particolare alla gran parte di quelle postate dal Sig. Enrr.
Probabilmente tutto questo è dovuto ad una sua meno assidua frequentazione del forum ed alla chiusura del sito hosting.
La mia osservazione è nata in seguito alla ricerca di un disegno fantasioso di una corazzata Littorio-Roma riallestita con Terrier ed equipaggiamento anni 60 da lui eseguito.
Mediante Google immagini sono riuscito a racimolare solo un disegno ma a bassa risoluzione. Qualcuno di voi (Sig Lazer_one specialmente), gentilmente, avendone la possibilità,potrebbe ripostarla? Sarebbe anche un' ottimo spunto per recuperare il materiale perduto ed arricchire la discussione con nuovi disegni!

63902016.jpg

Link to comment
Share on other sites

... Ho capito di che disegni si tratta: sono quelli relativi ad un Alternative Universe, denominato Kingdom of Italy, che stava sviluppando Enrr.

In effetti c'è qualcosa nell'archivio di Shipbucket ma non ci sono i disegni in oggetto.

Provo a contattare Enrr...

Edited by lazer_one
Link to comment
Share on other sites

... Ho capito di che disegni si tratta: sono quelli relativi ad un Alternative Universe, denominato Kingdom of Italy, che stava sviluppando Enrr.

In effetti c'è qualcosa nell'archivio di Shipbucket ma non ci sono i disegni in oggetto.

Provo a contattare Enrr...

 

Si, in effetti avevo dato una sbirciata anche lì:

ho trovato tante cose interessanti ma non queste.

Grazie. :smile:

Link to comment
Share on other sites

Attenzione!

Le navi di un AU sono completamente inventate...

 

Si, certo.

Sono versioni fantasiose di navi realmente esistite o completamente inventate.

Trovo interessante vedere esteriormente come una nave sarebbe potuta essere o come si possa modificare (es. maestrale e delapenne stealth).

Comunque da come si evince anche dalla seconda immagine da me postata, la flotta della Regia Marina, l'interesse è rivolto anche a navi realmente esistite e che hanno fatto storia.

Link to comment
Share on other sites

  • 8 years later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522k
×
×
  • Create New...