Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Membro Onorario In Memoria
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:

Totiano

Membro Consiglio Direttivo - MS*
  • Posts

    23,233
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by Totiano

  1. Grazie Ocean_s, un rapporto stupendo, che ti rende onore! Per quanto riguarda i siluri, mancando un riferimento, potrebbero anche essere da 533; di certo manca la testata esplosiva che avrebe permesso di capire qualcosa di piu. Considerando dove sono potrebbero essere i siluri del MAS 452

  2. nr1.jpg
    Questa foto a quota 40 metri del piccolo sottomarino nucleare NR-1 (Navy Reactors-1) mi suggerisce che forse l'underwater domain non è un problema di oggi. Definito sottomarino da ricerca, era di gran lunga il più piccolo sottomarino nucleare al mondo quando fu varato il 25 gennaio 1969.
    In realtà la US Navy lo impiegava  per missioni in intelligence, soprattutto intercettazione di dati da cavi sottomarini e, talvolta, anche per ricerca e oceanografia anche grazie alla notevole quota massima raggiungibile di oltre 700 metri.
    Oggi è conservato al museo di Groton http://www.ussnautilus.org/
     
     
    Per saperne di più: http://www.hisutton.com/NR-1.html
  3. 7 ore fa, S513 ha scritto:

    @Totiano non hai contatti con il Varignano? Penso che loro dovrebbero avere qualcosa in merito. Alla piscina che frequento viene un ex aggregato Consubin, non un GOI, proverò a chiedere anche a lui. Questa settimana la piscina è chiusa per lavori, se non lo incrocio la prossima settimana se ne parla a settembre.

    azioni in corso, speriamo trovino quanto cerchiamo

  4. bellissima idea e, se non ricordo male Dart aveva i disegni ma i dati che chiedi non credo siano in possesso di qualcuno se non, forse, in ANAIM. Suggerirei una scappata al museo della scienza di Milano dove il maiale mi sembra sia originale per avere idee piu precise. 

    1-Maiale.jpg

     

    questa è l'unica foto che conosco di maiale in superficie ma mi è sempre sembrato un fotomontaggio.  forse nei film d'epoca qualche immagine in galleggiamento totale si vede.

  5. 12 ore fa, Ocean's One ha scritto:

    Mi sa proprio di sì, evidentemente...

     

    So che era facile, ma mi perdurava l’entusiasmo per il quiz precedente, e così ho ceduto...

    Ora, mi perdoni il Dir, ma io darei la vittoria all’amico IHSV, che ha beccato subito il museo tecnico di Zagabria, dove staziona il CB-20.
    Se anche non ha citato espressamente il nome dell’unità, era scontato.


    Il timone torna ad @inhocsignovinces

    Perfettamente d'accordo, gia citando Zagabria lo aveva individuato.

     

    Per la nuova Unità a me ricorda molto un bacino di Taranto e la parte superiore dell'Unità sembrano piu tendali. 

  6. Sul Giornale del 13 Luglio al link Individuato il relitto del sommergibile italiano Jantina: venne affondato nel '41 dagli inglesi - il Giornale è stato dato l'annuncio del ritrovamento del sommergibile Iantina. Sorvolando sul alcuni refusi come le 800 t di stazza che potrebbero derivare dalla traduzione di articoli in altre lingue, l'articolo non è male.  La sua storia è a questo link 

     

    e questo è l'articolo


     

    Citazione

     

    Individuato il relitto del sommergibile italiano Jantina: venne affondato nel '41 dagli inglesi
    La prua di un sommergibile della Regia Marina affondato da un suo rivale della Royal Navy nelle profondità dell'Egeo è stata scoperto dopo 83 anni a largo dell'isola di Mykonos

    Individuato il relitto del sommergibile italiano Jantina: venne affondato nel '41 dagli inglesi

    La prua del sommergibile Jantina, unità classe Argonauta, scomparso il 5 luglio del 1941 nelle acque a sud dell'isola greca di Mykonos, è stata individuata dopo 83 anni dal suo affondamento. Unità sommergibile in forza alla Regia Marina italiana nel corso dell'intensa guerra aeronavale per il controllo del Mar Mediterraneo, lo Jantina, varato a La Spezia del 1932, venne affondato da un siluro lanciato dall'Hms Torbay. Sottomarino britannico in forza alla Royal Navy che incrociò la rotta dello Jantina mentre era in missione tra l'isola militarizzata di Leros, nel Dodecaneso, e la base navale di Messina.

     

    L'agguato dei corsari inglesi
    Secondo i diari di bordo della Marina inglese, lo Jantina "navigava in superficie" quando il sottomarino avversario lo avvistò ad una distanza di "poco meno di quattro miglia nautiche" preparandosi all'agguato in immersione. Erano le 19:46 quando l'Hms Torbay, in missione di pattugliamento al largo dell'isola di Stapodia, decise di ingaggiarlo lanciando da 1.500 iarde una salva di 6 siluri all'affondamento il sottomarino italiano, centrato da almeno uno di essi, intorno alle 20:16 della sera.

     

    A bordo del Jantina era 48 sommergibilisti ai comandi del capitano di corvetta Vincenzo Politi. Di questi solo sei uomini - due ufficiali, due sottufficiali e due marinai - sopravvissero all'attacco trovando il mare e nuotando verso la costa di Delo. I soccorsi allertati da un aereo tedesco in pattugliamento che aveva assistito all'attacco, partiti da Leros, Rodi, e dal Piereo con imbarcazioni Mas e idrovolanti non individuarono altri superstiti.

     

    Il ritrovamento dello Jantina
    Lungo 61 metri per oltre 800 tonnellate di stazza, armato con quattro tubi lanciasiluri a prua, due a poppa e un cannone da ponte navale da 102/35, il sommergibile italiano classe Argonauta fu investito da una forte che "tranciò la prua" prima di farlo inabissare con i 42 caduti che vi perirono, compreso il comandante Politi, il cui corpo verrà poi recuperato.

    Secondo Kostas Thoctarides, subacqueo e ricercatore che ha individuato il relitto dello Jantina, il sommergile italiano doveva essere stato colto si sorpresa. E a testimoniarlo sono alcuni particolari scoperti in seguito al ritrovamento della sezione del relitto che ha riposato nelle profondità marine per ben 83 anni.

    "Sono visibili anche i tubi lanciasiluri chiusi, il che dimostra che la Jantina non era in stato di prontezza al combattimento e quindi non si rese conto del pericolo rappresentato dal sottomarino britannico", ha spiegato Thoctarides che nel novembre 2021 aveva localizzato la sezione principale dello Jantina a una profondità di 103 metri con torre di comando e il cannone di coperta ben visibili, periscopi abbassati e il boccaporto della torre di comando aperto. La prua, invece, non era stata trovata fino ad ora, a una distanza considerevole dal relitto .

    "Stiamo effettivamente parlando di due parti del relitto, la prua e il resto del sottomarino, che è la parte più lunga."

    Mentre la prua è affondata immediatamente, il resto del sottomarino ha continuato a navigare ed è affondato in seguito, percorrendo una distanza considerevole fino alla superficie del mare", ha continuato a spiegare il cacciatore di relitti, chiarendo ulteriori le dinamiche dell'affondamento che rappresenta una parte di storia del nostro Paese e della nostra Marina.

     

     

     

     

  7. Come sapete a caserma Farinati, nido dei sommergibilisti tarantini dagli ani 20 è stata demolita, peraltro dopo una travagliata procedura che ha visto fallimenti di ditte.

    Presto partiranno i lavori pe la nuova caserma, sicuramente bella e moderna,

    Caserma sommergibili Farinati – Nousfera

     

    ma, per ora, l'idea è di salvare le fotografie che la ritraggono come era.... postate le vostre foto, se le avete!

    Come questa vecchia foto:

     La Scuola Sommergibilisti per i “marinai degli Abissi” (parte prima) -  Difesa Online

     

    Campaccio Farinati da alto 99.jpgCaserma Farinati 1.jpgCaserma Farinati 2.jpgCaserma Farinati 3.jpg

     

  8. 2 ore fa, marcellodandrea ha scritto:

    Poi ho fatto la timoneria ausiliaria a poppa, qui indicata dalla freccia rossa. Si vedono abbastanza bene i cavi che vanno alla timoneria principale in plancia, ai due lati della ruota del timone ausiliario (nel disegno una spessa linea nera) con i relativi sostegni. Quella specie di barra orizzontale che si vede nel profilo (e che raddoppia nel disegno in pianta), sotto i sostegni del timone, l'ho interpretata come un sistema di emergenza per la manovra a mano del timone. DJ63 mi dice che lo ha pensato anche lui, ma in effetti non vedo cosa altro potrebbe essere.

     

    Concordo anche io su un sistema di emergenz di manovra del timone, se puo essere utile

  9. Ci fu un bel proliferare di questi orologi negli anni 90 e nei mercatini  se trovavano un po di "tutti i colori" in mezzo alle cianfrusaglie "diciamo" dismesse dalle forze armate sovietiche al disfacimento di quella gestione. Non sono riuscito a trovare i miei, che ricordo comparai piu o meno nel periodo dell'uscita di caccia a Ottobre Rosso. Nel frugare per cercarli è saltato fuori quello che ormai è diventato un cimelio...

    orologio.jpg

  10. Mentre il nostro Uccio ci comunica che è stata tagliata la prima lamiera del 3°NFS,

    giampy.jpg

    su RID al link  RID - Rivista Italiana Difesa - shownews - Contratto per il quarto sottomarino U-212 NFS. Via libera anche per la batterie al litio e un occhio agli U-212 NFS EVO si legge che:

    Citazione

     

    Contratto per il quarto sottomarino U-212 NFS. Via libera anche per la batterie al litio e un occhio agli U-212 NFS EVO
    28/06/2024 | REDAZIONE
    OCCAR (Organisation Conjointe de Coopération en matière d'Armement, l'Organizzazione internazionale di cooperazione per gli armamenti), ha esercitato l'opzione per la costruzione da parte di Fincantieri del quarto sottomarino U212NFS (Near Future Submarine) per la Marina Militare. L'unità ha un valore di circa 500 milioni di euro, compreso il relativo Integrated Logistic Support e In Service Support.

    Contestualmente è stata attivata un'importante Engineering Change Proposal per l'industrializzazione, la produzione e l'integrazione a bordo di tutti gli U212NFS di batterie al litio in sostituzione delle tradizionali batterie al piombo.

     

     

  11. Si, tanta tristezza e rimpianti. il mio Bersagliere hanno iniziato a demolirlo mentre una delle maestrale è affondata di poppa. a dir la verita anche il sauro piu in alto nella foto  mi sembra molto appoppato ma forse è solo una impressione...

    Grazie Fabio 

  12. Quanti dati che hai trovato, Marcello!

    per prima cosa davvero interessate che fossero i timonieri gli incarichi di commissario e di segretario del comandante, probabilmente deriva dalle tradizioni delle navi a vela di i timonieri era di massima fiducia del comandante.

    Per le maniche a vento, in effetti quella centrale sembra mancare anche nelle foto, fa quasi pensare a un refuso sul disegno.

     

    La struttura rigida, invece, mi fa pensare a una garitta, essendo in prossimità dello scalandrone di accesso. Ovvio che è una illazioni senza alcun supporto concreto

  13. Il giorno 21 u.s., promosso da ANMI Ravenna, ATENA Ravenna e, ovviamente, Betasom, ha avuto luogo la presentazione del libro Fischia Immersione presso la sede ANMI di Marina di Ravenna. Una sede che molti di noi già conoscono e sanno bene che è intitolata all'Amm. Sq. Luigi Longanesi Cattani. Già il poter presentare il mio libro, che parla di sommergibili, in una sede intitolata a un sommergiblista tanto famoso è stato motivo di orgoglio ma, evo dire, lo è stato ancora di più quando due relatori di eccezione hanno accettato di partecipare all'evento: l'on. prof. Alberto Pagani (docente UNIBO che nelle passate legislature, eletto alla Camera nelle liste del PD ne era il rappresentante in commissione congiunta Difesa e presso la NATO) profondo conoscitore delle problematiche dei militari, e l'Amm Dario Giacomin (Comandante di Mocenigo, Dandolo e Longobardo e, successivamente del Garibaldi e di MARICOSOM) in qualità di "totiano" e Comandante dei sommergibili che ha scritto la prefazione. 

       20240621-181643.jpg

    Alla presentazione la bellissima sorpresa di avere un altro Totiano, capo posto RT su Dandolo e Toti ai tempi descritti dal saggio, e un comandante che ha vissuto "solo" Sauro. Con la scenografia già in approntamento dal mattino, parte del pubblico (i 10 studenti del Nautico presenti) dati in consegna alla AdB dell'Ammiraglio Giacomin - in grado di raccontare cose ben più attuali e interessanti -e dopo che il vice presidente della locale ANMI (Il presidente era impegnato in una emergenza di lavoro) ha presentato l'evento, è iniziata la presentazione davanti a, devo dire, una inaspettata presenza di pubblico (peraltro in continua aumento).

    20240621-182557.jpg

     

    A riguardo come non citare i betasomiani e le betasomiane presenti: Dart,  Alfabravo56 (con figlio), Mascal (cui devo buona parte della foto) e Peve per i maschietti nonchè Luisa e la moglie di Dart. Il libro credo che lo conosciate, è un saggio sociologico organizzato come intervista tra un out group (il sociologo) e un in-group (il direttore di un Toti) ed analizza le dinamiche di vita a bordo dei batttelli di quella classe dal punto di vista della sociologia qualitativa, traendo conclusione ancora oggi applicabili nella gestione del personale.  

    448765242_448401754811153_7949382614331328235_n.jpg

    Passo la parola all'Amm Giacomin sfruttando quel grandissimo gioco di coincidenze dove, in tanti, vediamo lo zampino di Mago Baku. I ricordi di bordo, le risate, gli aneddoti e qualche scherzo hanno divertito il pubblico presente, mantenendo vivissima l'attenzione. Credo che l'apice lo abbi araggiunto raccontando della sua gestione del Dandolo e della soddisfazione quando, a termine addestramento, scovarono un nucleare americano che ci stava osservando mentre ci addestravamo tra Toti e Dandolo. 

    20240621-190043.jpg

    Parola infine all'on e professore alberto Pagani che, a dipetto degli altisonanti titoli, è una persona che sa gestire e interessare davvero bene una platea e, da "out-group"  e  con competenze di sociologia non indifferenti, ha ben spiegato tanti meccanismi, compensando l'assenza del co-autore del libro, assente per problemi familiari.

    20240621-193146.jpg

     

    Al termine scambio di doni con il presidente della locale sezione ANMI, finalmente rientrato, molte domande e tanti complimenti ma, la cosa piu bella è stato trovare tanti sgradi attenti quando le luci hanno rischiarato la penombra che ormai incombeva

    20240621-194638.jpg

     

    Non puo mancare un ringraziamento particolare a donna Luisa che, in un momento di emergenza non ha esitato a prendere il comando del banchetto dei libri, gestendolo con ampio successo

    448861814_448401704811158_2554830528796785785_n.jpg

    E infine una interessante nota di colore che ha un enorme valore per l'associazione e per i nostri costruttori di simulatori timoneria dei Toti. Dopo la cena, incuriosito dal controller per playstation, l'amm Giacomin ha voluto provare la versione per PC del simulatore. Critiche costruttive ma, soprattutto, direi, un grandissimo impegno del gestore la timoneria dopo tanti anni e nello spiegarne il funzionamento (della timoneria reale) ai presenti. I vivissimi elogi sono colminati con 2 paroline della AdB dell'Ammiraglio che ne ha richiesto l'invio per impiegarlo come antistress....

    1f0bf4d9-4909-4d1b-9c6c-fbbe94a7e3a6.jpg

    f78709ee-a4c8-4c08-80f7-3b13891f68e1.jpg

        

  14. Non sono riuscito a trovare dati però, forse, qualcosa potrebbero avere all'Ufficio >Storico. hai provato anche li?

    Per i torpedinieri potrebbero esserci diverse idee oltre alla possibile manutenzione di siluri trasportati. Forse il Verbano aveva la possibilità di minare posti e quindi il compito poteva essere manutenzione e controlo durante il rilascio, oppure la mera semplice manutenzione dei compressori aria che, all'epoca, era deputata ai siluristi e non ai meccanici

×
×
  • Create New...