Jump to content

Cantiere Di Costruzione Avviso-Scorta Aldebaran 1952, Scala 1:350


marcellodandrea

Recommended Posts

beh, a quanto pare dovrò modificare il fumaiolo. Un amico sul forum di modellismopiù.it mi ha postato alcuni disegni della situazione dei tubi dentro il fumaiolo delle Cannon ed è un po' diverso da quello che vedevo dalle foto. La situazione sembra sia questa:

 

2uh4m8n.jpg

 

con 7 tubi interni e uno esterno. In particolare, due tubi sotto ogni protezione rettangolare (con le flangie), due scoperti (questi 6 dalle caldaie), più uno di fianco (tubo del diesel d'emergenza: era quello che vedo con la copertura conica nelle foto, simile ad un comignolo) e infine un tubo del vapore esterno, sulla mezzeria davanti. Insomma torniamo a quegli 8 tubi di cui mi aveva parlato il curatore del museo dello Slater ma di cui, purtroppo, non era riuscito a mandarmi nessuna foto.

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 122
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

A questo punto devo aggiungere una certa quantità di dettagli sopra la tuga a centro nave. Comincio dagli areatori a sinistra, visibili in questo fotogramma del solito filmato. Si tratta di 2 secondi (non di più) dell'intero film nei quali si vede un dettaglio importante, e cioè la struttura a parallelepipedo a poppavia degli areatori (dietro la testa del comandante della nave).

 

sl1f05.jpg

 

 

Come sapete la mia opinione è di datare quel filmato alla fine del 1953 per via della presenza contemporanea dell'albero di primo tipo e dei codici Nato sulle fiancate. Si tratterebbe perciò del documento più vicino al 1952 che ho a disposizione per attestare la presenza di questa struttura dietro gli areatori. Non so a cosa servisse questa sorta di scatolone. Compare e si vede chiaramente in questa foto della Aldebaran a Taranto nel 1960,

 

a11pow.jpg

 

ma lo vedo anche su foto del 1959, 1958 e 1955 come questo dettaglio qui sotto dove si nota anche un'altra cosa interessante, e cioè che lo "scatolone" :smile: in questione è presente insieme a due areatori solo nell'Aldebaran, mentre nell'Andromeda (in mezzo) gli areatori non ci sono (c'è solo uno scatolone più lungo) e nell'Altair ce n'è uno solo davanti al medesimo scatolone...

 

2ret6rr.jpg

 

e quindi si tratta di un ulteriore dettaglio (assieme alla forma dei paraschegge delle postazioni AA sulla sovrastruttura di prua e a quelli all'estrema poppa) che differenzia le tre navi.

Ho deciso perciò di inserire lo "scatolone" nella Aldebaran perché secondo me è molto probabile che lo avesse in opera anche nel 1952.

 

Per inciso, almeno sulle mie foto, questa struttura scompare sull'Aldebaran ad un certo punto e nel 1978, al disarmo, non c'è più, ma non ho date sulle foto in questione e non saprei dire da quale anno. Non so neanche se fosse presente sul Thornill (cioè la nave sotto bandiera americana, perché ho una sola foto di questa e come al solito è ripresa sul lato sbagliato...).

 

Sulla Altair è ancora presente nel 1967 e poi non ho foto successive che mostrino il lato sinistro. Sul Gandy è chiaramente presente con la stessa conformazione.

 

Sulla Andromeda la vedo ancora nel 1969 e poi non ho foto posteriori, così come era sul Wesson.

 

Ho due domande se potete aiutarmi. Che cosa è lo "scatolone"? Perché dietro è fatto così come si vede nel fotogramma tratto dal filmato (cioè con una specie di grata)?

 

ciao grazie

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

In questo link tratto dal sito dello USS Slater


http://www.ussslater.org/tour/decks/superstr/superstr.html

e in quest'altro

http://www.ussslater.org/tour/decks/main/main.html

ci sono alcune indicazioni, ma non so quanto possano essere utili per capire, a me spiegano poco perché non conosco la funzione di diverse cose. In particolare nella posizione dello "scatolone" c'è una sagoma rettangolare color grigio chiaro definita "Spud Lkr", ma non saprei proprio che cosa significhi (Lkr è una abbreviazione, compare in diversi posti nel disegno).

Link to comment
Share on other sites

lkr potrebbe essere l'abbreviazione di locker traducibile con armadietto, stipetto. Si tratta probabilmente di un armadietto o una riservetta. L'esatta traduzione di "spud" dirà di cosa.

Ciao,

C.

 

Edit: ooops, mi sono incrociato col c.te Secondo Marchetti

Edited by chimera
Link to comment
Share on other sites

cari amici

 

nel frattempo ho ricevuto un chiarimento dall'amico GS49 del forum modellismopiù che credo spieghi la situazione. Mi permetto perciò di riportarlo qui virgolettato,m penso che sarà di aiuto per tutte le persone interessate all'argomento.

 

 

 

 

"Spud lkr= Deposito Patate..........Locker=Deposito (ma non centra niente con gli scatoloni) a destra c'è anche il Vegetable lkr=deposito verdure.
Gli scatoloni sono "Casotti di ventilazione" e quelli circolari sono Casotti di ventilazione pure loro (alcuni definiti "Natural Vents = Ventilazione Naturale" ed Exhaust= Estrazione forzata (significa che c'è un ventilatore assiale che aspira l'aria dai locali e la espelle all'esterno mediante un casotto circolare o rettangolare).
I casotti di Sinistra Nave sono quelli di presa aria di ventilazione forzata dei locali apparato motore e locale riduttori.Quelli di Destra nave sono quelli definiti "Natural ventilation" = Ventilazione naturale ma in effetti sono di Estrazione Naturale degli stessi locali (l'aria entra da sinistra ed esce da destra).
Tutti i casotti rettangolari sono provvisti di "griglia di presa o scarico ad alette" le quali sono inclinate di 45° in modo da evitare l'entrata dell'acqua all'interno del casotto (le linee verticali sono tondini di rinforzo saldati sulle alette per evitare la vibrazione delle alette durante il moto dell'imbarcazione). Dentro al casotto c'è il ventilatore inizialmente trattavasi di "Turboventilatori a vapore" successivamente sostituiti da ventilatori elettrici.


Nel tuo caso i casotti sono due appaiati (hanno una parete in comune).
I casotti circolari potevano essere a manica a vento e nel caso di "Ventilazione Naturale" erano rivolti verso prora per sfruttare la pressione dinamica della nave in movimento quelli di estrazione naturale erano ovviamente rivolti verso poppa per lo stesso motivo.
Comunque dalle foto a disposizione di noi modellisti non sono facilmente discriminabili questi particolari "

Link to comment
Share on other sites

Oltre ai chiarimenti del messaggio precedente, ho ricevuto un'altra osservazione molto interessante da parte di Maurizio Maggi, sempre su modellismopiù. Maggi mi fa notare che la Andromeda NON monta uno "scatolone" (lo descrivo così solo per semplicità) lungo che copre tutto lo spazio, bencì, lì sul bordo, una paratia metallica che potrebbe fungere da battaglila ma anche da frangivento. Mi porta a dimostrazione questa foto

 

http://www.naviearmatori.net/ita/foto-125811-dHg9QW5kcm9tZWRhJm5hPTEmaW1vPTAmZGM9MCZjbD0wJmFyPTAmY2E9MCZzbT0w.html

 

dove la paratia si vede chiarissimamente. Sono d'accordo con lui, ma osservo che in quest'altra foto

 

http://www.naviearmatori.net/ita/foto-146492-dHg9QW5kcm9tZWRhJm5hPTEmaW1vPTAmZGM9MCZjbD0wJmFyPTAmY2E9MCZzbT0w.html

 

la paratia non c'è e, dietro, si vede il solito "scatolone", anche se è più corto di come sembrava. Davanti, infatti, c'è un contenitore cilindrico posto orizzontalmente (che si vede anche nella prima foto, così come lo scatolone dietro). Di nuovo, non ho idea di che cosa sia il contenitore cilindrico.

 

Per la Aldebaran la presenza dello "scatolone" nonché la sua forma e dimensioni sono fuori di dubbio (vedi filmato e foto), ma anche sulla Altair, almeno per il momento nelle foto che conosco, non vedo mai una eventuale paratia al posto della battagliola. Per finire, in questa foto del Gandy (poi Altair) del giugno 1945, lo "scatolone" si vede fin troppo bene

 

2r4sny9.jpg

 

Dunque in conclusione bisogna stare attenti, almeno sulla Andromeda (ma è bene cointrollare con attenzione anche sulle altre navi perché la possibilità esiste evidentemente), a identificare chiaramente se quello che si vede in quella posizione è davvero lo "scatolone" dietro, oppure una paratia che a volte era montata lì davanti al posto della battagliola :smile:

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

A me pare che lo stipetto ci sia anche sull'Andromeda, primo perché l'ipotesi del paragambe non ha molto senso (perché togliere uno stipetto utile e lasciarne solo una parete?), secondo perché c'è un Carley sopra.

Il contenitore cilindrico potrebbe essere il serbatoio per la benzina della scialuppa, che doveva essere messo in un posto dove potesse essere buttato fuori bordo facilmente in caso di incendio.

Link to comment
Share on other sites

In quella zona (la tuga subito davanti il fumaiolo; a sinistra il tubo di stufa dovrebbe essere proprio un ... tubo di stufa, e viene su dalla cucina; a destra c'è il primo ventilatore) ci sono altri dettagli interessanti che si vedono dal filmato. Uno è questo:

 

214d4g.jpg

 

Cos'è l'aggeggio indicato dalla freccia? Si direbbe una presa d'aria alla base del fumaiolo, ma non ne sono sicuro ovviamente.

 

 

 

Per amore di precisione, mi fanno notare che ad un certo punto nel filmato si sente la voce di commento che dice che le navi sono state consegnate all marina "cinque anni fa", il ché farebbe 1951 + 6 = 1956.

 

... però non torna con quello che si vede, almeno per quello che ne so io. Mi farebbe piacere se qualcun altro nel forum potesse darmi indicazioni in merito. le mie argomentazioni per datare il filmato a fine 1953 o inizi 1954 sono le seguenti: nel 1956 tutte e tre le navi dovrebbero avere già il tripode e dovrebbero aver già sostituito la postazione della direzione di tiro subito prima delle bofors di poppa (l'ulima postazione sopra la tuga) da una a forma cilindrica con un'altra di forma cubica o comunque a parallelepipedo: invece si vede al tempo 59.25 (ma anche in altri punti) che l'albero è ancora singolo e al tempo 55.58 che la direzione di tiro è ancora cilindrica. Infine, anche se più indiretto, c'è la festa da ballo a casa del marinaio imbarcato, dove si legge un cartello con scritto "w la classe 1934" e 1934 + 18/19 = 1952/53 (il 1952 no perchè il codice è già quello nato, quindi 1953).
Non voglio dire di avere per forza ragione, ma mi ci vorrebbe qualche conferma diversa, tipo il periodo di sostituzione degli alberi (io so il 53/54 per tutte) o della direzione di tiro a poppa

 

(all'inizio c'è scritto "Le inchieste del telegiornale", e si tratta evidentemente di quello televisivo. Leggo che il primo telegiornale è stato trasmesso il 3 gennaio 1954 e perciò il filmato è andato in onda dopo quella data, ma potrebbe essere stato fatto anche diverso tempo prima di quando è stato trasmesso. Forse la RAI potrebbe dircelo?... )

 

Aggiungo infine una cosa dell'ultimo minuto. Spulcia che ti spulcia, guardando meglio una minuscola foto della Aldebaran trovata su internet e datata 1955, l'albero sembra ancora singolo (si vede solo il lato sinistro della sovrastruttura di prua e la base dell'albero). Siccome la foto è di E Bagnasco, penso la datazione sia giusta. Questo potrebbe spostare un po' in avanti la data del filmato. Ho chiesto lumi, vediamo se almeno possiamo chiarire questo aspetto.

 

icon_smile.gif

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

giuro che me ne sono accorto ora, comunque questo è quanto si legge relativamente al filmato e alla sua datazione

 

288o0vm.jpg

 

io preferisco attenermi a quanto si vede dalle foto se possibile, comunque quella data tornerebbe anche a me.

 

E, a proposito, ho trovato un altro filmato, non è molto utilizzabile per i dettagli ma è comunque molto interessante.

 

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

Sono andato avanti a mettere qualche altro dettaglio, ventilatori, stipetto (lo "scatolone"), tubo di scarico della cucina e i due funghi di ventilazione davanti, postazioni delle direzioni di tiro più a poppa. La tuga non è incollata al ponte né il fumaiolo alla tuga.

 

23h2blj.jpg

 

Si noti che i ventilatori con copertura curva a sinistra della foto (quelli accanto al tubo di stufa sul lato sinistro della tuga) non sono uguali, il secondo è più alto e più stretto.

 

Si noti che ultima direzione di tiro Mk51, a poppa, ha ancora la forma cilindrica complessiva, mentre appena qualche anno dopo (già nel 1955 credo) esteriormente diventerà a sezione quadrata in tutte e tre le navi.

 

 

33uwx2a.jpg

 

15xr8cx.jpg

 

4lloh2.jpg

 

rsxxza.jpg

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Prima di incollare la tuga al ponte dovrò pianificare la verniciatura del ponte e delle pareti, in particolare di quelle anteriori, coperte dalle paratie laterali che si estendono sul ponte lungo il trincarino nella zona a lato del fumaiolo. Nel frattempo, vedo di aggiungere gli ultimi dettagli, in questo caso i sostegni delle cucchiaie che servono a sparar via le bombe di profondità dai lanciatori laterali. Ne serve uno per ogni bomba imbarcata, perchè la cucchiaia va perduta in mare insieme alla bomba. Presumo perciò che le navi imbarcassero tante cucchiaie quante erano le bombe di profondità che portavano.

 

In queste navi sono visibili sia nelle foto della consegna, nel 1951, che in altre posteriori di qualche anno, perciò nel 1952 erano presenti e dovrei metterli. In particolare, direi che sono presenti sicuramente:

 

1) sul paraschegge del cannone di poppa;

 

e poi, forse:

 

2) sulla parete a poppavia della tuga.

 

 

Dettaglio di foto, 1951 consegna delle navi a Norfolk (VA). Si noti che la disposizione dei sostegni (o cucchiaie, non so) sulla Altair è diversa rispetto a quella sulla Aldebaran. Probabilmente sulla Altair ci sono solo tre cucchiaie per fila (per ogni lato), perchè così è in una foto del Gandy (poi Altair) nel 1945.

Si noti anche che la freccia che indica la fine della tuga è posizionata erroneamente (da me) su un cesto; al di sotto del cesto, comunque, mi sembra di vedere qualcosa che assomiglia a delle cucchiaie, ma non sono sicuro.

2poyzgm.jpg

 

dettaglio di foto, Aldebaran a Taranto 1954

 

akelvr.jpg

 

 

Quello che non capisco dalle foto è:

 

1) come era la disposizione corretta complessiva? nelle foto si vedono chiaramente solo due file in alto sul paraschegge di poppa.

 

2) che cosa sto vedendo in realtà? Solamente i sostegni delle cucchiaie oppure proprio le cucchiaie in posizione?

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

1) Ce n'erano probabilmente tre file sovrapposte. Poi basta contare le bombe per far tornare i conti.

 

2) Stai vedendo solo i sostegni. Mi chiedo in effetti se i lanciabas non fossero stati sostituiti con impianti nazionali tipo Menon, più efficienti e che non avevano bisogno di cucchiaie a perdere.

Link to comment
Share on other sites

Capisco, grazie. Altre due domande:

 

1) secondo te ci sono sostegni anche sul lato a poppavia della tuga (sotto il cesto)?

 

2) hai qualche immagine dei lanciabombe tipo Menon? ho cercato ma non trovo niente, se sono diversi da quelli originali devo cercare di capire dalle foto quali erano imbarcati nel 1952.

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

Secondo me ci sono anche sotto il cesto del flotta-net, si intravedono e comunque ne servivano talmente tanti che ogni spazio verticale libero doveva essere sfruttato.

 

Per il Menon, ci sono i disegni nel libro sulle armi delle navi italiane, che però non ho qui con me. Quando hai fatto le ricerche per la corvetta Ape, se hai trovato delle foto che mostrano i lanciabombe, puoi riferirti a quelle perché usavano lo stesso impianto.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

L'immagine qui sotto è tratta dal filmato "Navi americane donate all'Italia" (1951, arrivo delle tre Aldebaran in Italia). L'immagine mostra le bombe di profondità mk6 sui lanciabombe (freccia rossa) e le cucchiaie in posto sui sostegni (freccia gialla). Si ricorderà che nelle foto della consegna delle navi, a Norgfolk, le cucchiaie non ci sono, i sostegni sono vuoti.

 

 

ib9e78.jpg

 

D'altra parte, in foto posteriori del 1952-54 o nel filmato del 1953-54, i sostegni delle cucchiaie sono vuoti (tempo 53.16 ad esempio, oppure 56.56). Per ritrovare le cucchiaie in posto bisogna arrivare, almeno nelle foto che ho io, al 1958 (Tenerife). Nel frattempo, le bombe vengono cambiate e le navi imbarcano le mk9 (si veda il filmato del 1953-54, ai fianchi e a poppa, tempo 41.22 oppure 29.36).

 

Dunque abbiamo due problemi:

 

1) nel 1952 (codici letterali) le bombe erano le mk6 o le mk 9? -- Non lo so, metterò le mk 6 (anche perché le mk9 non ce le ho...)

 

2) le cucchiaie c'erano oppure no? -- Anche qui non ne ho idea. A Norfolk non c'erano, all'arrivo in Italia sì, poi nel 1953 sono sparite di nuovo etc. etc. Ho deciso, se non avete argomenti forti in contrario, di metterle, per il semplice fatto che ne ho una quantità nel foglio di fotoincisioni della GMM e che, mettendole, mi evito il serio problema di simulare sostegni vuoti realistici (che sarebbero un sacco piccoli e sottili).

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

Mettile, penso che il fatto che a volte si vedano e a volte no dipenda dall'approntamento della nave più che dall'anno. Se era prevista un'esercitazione antisom le cucchiaie erano a posto, altrimenti le si sbarcava o riponeva, inutile tenerle lì a ingombrare e ad arrugginire.

Link to comment
Share on other sites

La questione dei lanciabombe è un pochino più complicata del previsto, perchè ogni singola cucciaia è lunga 1,5 mm e mi ci vuole la lente di ingrandimento per riuscire a vederle bene... Se le metto ora non riusciro poi a dipingerle singolarmente, anche perchè quelle alla fine della tuga sono difficili da raggiungere. Mi sa che dovrò prima dipingere tutto, poi dipingere le cucchiaie separatamente e infine attaccarle (spero, vedremo).

 

 

Lasciando da parte la faccenda per il momento, vi sottopongo un altro quesito, che riguarda questa volta il fumaiolo della nave. Nella foto sottostante (di metà anni '60 più o meno) si vede quella cosa che sporge indicata dalla freccia rossa.

 

i5vkti.jpg

 

che non è la piccola piattaforma che porta il tromboncino della sirena, indicato dalla freccia verde.

 

Lo stesso dettaglio si vede su ogni altra foto dell'Aldebaran, ad esempio questa del 1953:

 

33bloqc.jpg

 

Che cosa è secondo voi? Sullo Slater non c'è (mentre c'è nella stessa posizione la piattaforma con il tromboncino):

 

2qjxc81.jpg

 

Non credo sia una piattaforma più grande che chiude la scala, altrimenti non si può salire al di sopra. O no?

Link to comment
Share on other sites

Ho scovato questi fotogrammi sul filmato, che prima mi erano sfuggiti. Ho cercato di cambiare i colori per capirci qualcosa di più, ma con scarsi risultati.

 

Nel primo si direbbe che il dettaglio misterioso (freccia rossa) sia un anello di forma quadrata (la piattaforma del tromboncino è indicata dalla freccia verde)

 

2uos3fc.jpg

 

 

Nel secondo invece sembra che in quella posizione non ci sia niente... (osservate i tempi, sono a pochi secondi di distanza)

 

28arqmu.jpg

 

Comunque, vuoi per il primo fotogramma, vuoi perchè mi sa tanto di uno di quei dettagli da terno al lotto, mi sto orientando a mettere un anello quadrato in quella posizione.

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

Qualche aggiornamento. Ho messo la scaletta verticale che scende dal secondo livello della plancia sulla tuga: in altri Cannon e nello Slater è obliqua, ma nella Aldebaran era verticale come si vede dal solito filmato.

16kp304.jpg

 

Anche questo è un dettaglio visibile sul filmato al tempo 53.16: la presenza di due grossi bauletti ai lati dell'osteriggio dietro la postazione del cannone di poppa

23rx3t5.jpg

 

Ho messo anche le altre scalette su tutto lo scafo, così come la cornice (o quello che è) sul fumaiolo. L'ultimo livello della plancia non è incollato. Le scalette provengono dal foglio GMM 350-38 dedicato alla England, ma bisogna aggiungerne delle altre perché non sono abbastanza. Vanno bene quelle del set di scalette GMM 350-9 (extra ladders).

 

2q88qqt.jpg

 

2ylrbpt.jpg

 

1zvbnmf.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ho cominciato a fare l'albero, che costituirà un unico blocco con il livello superiore della plancia, da incollare poi tutto assieme dopo aver verniciato i livelli sottostanti (altrimenti è impossibile colorare il ponte del secondo livello). Al momento comunque l'albero è separato da tutto. L'allestimento dell'albero è complesso ma si può ridurre ad una serie di passaggi più semplici.

Ho sistemato per prima la piattaforma asimmetrica (freccia rossa) in alto, che sorregge il radar.

2zppdv9.jpg

Poi ho messo la piattaforma ovoidale sottostante, con i relativi sostegni.

2mwoap.jpg

Qui mi sono fermato perché avrei dovuto sistemare le piattaforme indicate, nella foto sottostante, con le frecce rosse e gialle.

(dettaglio di foto, Aldebaran a Tolone, 1952)
zkshuv.jpg

Il problema è che non trovo nulla che mi dica come erano fatte le piattaforme e che cosa contenevano (salvo vedere un po' meglio, in altre foto, il dettaglio con la freccia rossa). Non posso usare lo Slater come riferimento, perché la disposizione è diversa e forse anche quello che c'era, ovviamente.

 

Nei due filmati più volte citati qualcosa si vede. Nel filmato "F 590 avviso scorta" al tempo 52.23, 52.38 e nel filmato "navi per la difesa" al tempo 58.28, ma non è gran ché e non mi consente di fare con sicurezza.

Noto, per finire, che nella foto di Tolone del 1952 fatta a tutte e tre le navi in transito, Aldebaran e Altair sembrano avere la medesima disposizione delle piattaforme sull'albero, mentre quella della Andromeda è diversa.

Qualcuno può aiutarmi a capire meglio la situazione?

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

Ho cercato un po' e ho avuto anche qualche foto extra dello Slater da altri modellisti, ma in fin dei conti non sono di grande aiuto salvo farsi un'idea, perché l'Aldebaran è diversa.

 

Comunque nel modello ho messo la piattaforma indicata con la freccia rossa (che attrezzatura è?) calcolando la sua posizione sull'albero dalla foto dell'Aldebaran nel 1952 a Tolone riportata di seguito.

 

2j5l6iw.jpg

 

Riguardo la conformazione delle piattaforme, ecco alcune considerazioni:

 

28b4gia.jpg

 

Nella foto sopra, del 1952, la freccia rossa indica la solita piattaforma centrale. Le frecce gialle indicano tre piattaforme diverse, una bassa, due alte.

La piattaforma bassa, nel 1953, è fatta come quella con la freccia rossa, come si vede dal fotogramma sottostante (dal filmato "F 590 avviso scorta" - la piattaforma bassa è quella col tromboncino, quella sopra è quella indicata con la freccia rossa in precedenza). Si noti che la scaletta sale all'interno del rettangolo delle due piattaforme.

 

331efzp.jpg

 

La parte più alta si vede in quest'altro fotogramma, sempre del filmato "F590 avviso scorta" del 1953. Le frecce gialle indicano le piattaforme alte, che NON hanno la medesima struttura di quelle basse, ma sono piuttosto simili a quelle ipotizzate da Secondo Marchetti nel post precedente (luci con seduta qui simil rettangolare per la manutenzione). In questa immagine la freccia rossa indica la posizione del pennone dell'albero, che è posto DIETRO l'albero e non davanti. Per finire, la freccia celeste indica i sostegni della piattaforma in alto, che non sono pieni come li ho messi io in un primo tempo e dovrò quindi sostituirli.

 

14cv79d.jpg

 

Il fotogramma qui sotto invece è tratto dal film "navi per la difesa" e risale al 1951.

 

sdpf83.jpg

 

Si nota la posizione delle scalette e di molti altri aggeggi, così come delle piattaforme già dette e due dettagli ulteriori: il picco indicato dalla freccia rossa e soprattutto (freccia e punto interrogativo verde) l'assenza di un'antenna che, DOPO il 1952 (si noti che l'antenna NON c'è neppure nella foto a Tolone, la seconda dall'alto in questo post), compare invece proprio lì alle spalle del radar in testa d'albero. Nel mio modello questa antenna non ci va dunque, ma potrà essere messa se si facesse l'Aldebaran con l'albero di primo tipo ma già con i codici nato sulle fiancate (F 590), quindi dal 1953 fino alla sostituzione dell'albero con il tripode. Si può confrontare la posizione dell'antenna nella posizione della freccia verde con la foto successiva (Aldebaran a Taranto 1954) dove l'antenna, appunto, è in posto. Nel ritaglio si notano anche abbastanza bene i punti di arrivo e partenza della scaletta che porta alla parte più alta dell'albero (frecce blu).

 

bfesth.jpg

 

La foto sopra mi permette di chiedere il vostro ulteriore aiuto a proposito di un dettaglio che mi lascia perplesso, e cioè la posizione della scaletta nella parte bassa dell'albero (non quella indicata dalla freccia blu, ma quella più in basso). A giudicare dalla foto, sembrerebbe scorrere leggermente spostata sul lato destro dell'albero e non davanti. Se volete scaricare la foto e ingrandirla adeguatamente, è qui:

 

http://www.naviearmatori.net/ita/foto-107833-dHg9QWxkZWJhcmFuJm5hPTEmaW1vPTAmZGM9MCZjbD0wJmFyPTAmY2E9MCZzbT0w.html

 

Noi abbiamo visto, però, la scaletta scorrere dentro le prime due piattaforme basse sul davanti del'albero (terza foto dall'alto di questo messaggio). Ma è anche vero che le piccole piattaforme alte (le luci con le sedute ipotizzate da S Marchetti) non sono vuote dentro, quindi la scaletta deve passare per forza a lato (diciamo quindi sul lato destro). Per finire, si consideri il cavo che scende dal radar cilindrico sulla piattaforma in testa d'albero, fa una curva ad S proprio sopra il pennone e scende lungo l'albero, come si vede bene nella penultima foto (1951, la piccola freccia gialla). La "scaletta" potrebbe essere questo cavo in realtà, però a me sembra di vedere i pioli. Ergo... come diavolo è messa questa scaletta ???

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

A rigor di logica una scaletta dovrebbe sempre passare sul lato a prua di un albero, di modo che, se un disgraziato dovesse salirci in navigazione, il vento relativo e l'inclinazione dell'albero tendano a schiacciarcelo contro, aiutandolo a mantenere la presa. Se fosse a poppa, l'effetto sarebbe opposto.

Link to comment
Share on other sites

Sì hai ragione ma ricorderai che sui tre pipe era per l'appunto a poppa dell'albero... Comunque qui non è a poppa, semmai sembra un po' spostata e mi tornerebbe con le piattaforme alte ma non con quelle basse dove si vede che è interna.

Link to comment
Share on other sites

Metto un ultimo contributo alla scaletta. Sto pensando che forse una scaletta alta, sul davanti dell'albero, non ci sia. Cioè forse c'è una prima scaletta sull'albero dalla base alla piattaforma centrale, poi c'è semplicemente la scaletta esterna sul lato destro, dalla piattaforma centrale a quella in alto.

 

Avrò di nuovo pochissimo tempo nel prossimo futuro, mia mamma si è lussata la spalla e così avrà bisogno di molta assistenza almeno per un mese e più, comunque un'occhiata la darò ogni tanto, poi vedremo... (solo perché non pensiate che sono sparito così, non mi sembrava corretto) :smile:

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Ciao a tutti e rieccomi di nuovo qui, mia mamma sta facendo la riabilitazione da un paio di settimane e ricomincia a muovere il braccio, per ora un millimetro alla volta e ci vorrà molto tempo ma insomma la situazione si è molto alleggerita, così posso mettere insieme le cose che, anche io un millimetro alla volta, ho fatto in questo periodo. Grazie a tutti per gli auguri :smile:

 

 

Dunque, ecco la mia intepretazione dell'albero dell'Aldebaran nel 1952 stante le foto e i filmati a disposizione. La freccia (n.1)indica il punto dove finisce la scaletta inferiore e comincia quella superiore.

 

312ive1.jpg

 

Ho messo la cupola del radar in alto e il cavo a "S" che scende da questo lungo l'albero (n.2), fino al ponte della tuga

 

el65v8.jpg

 

Un dettaglio del'albero con le varie attrezzature, compresi rinforzi a squadra sotto la cupola del radar (n.3) e le antenne circolari all'estremità del pennone (le ho fatte con delle piccole manovelle fotoincise) (4). Ho anche sostituito le squadre piene che sostenevano la piattaforma della cupola del radar con due tondini, come si vede nel solito filmato ("F 590 avviso scorta").

 

t8omdu.jpg

 

Ho poi aggiunto il radar rettangolare in testa d'albero (5), il picco della bandiera (6) e le fotoincisioni per i comandi della plancia scoperta e la scaletta che scende dalla piattaforma della plancia (7).

 

6yjthe.jpg

 

Nel filmato "F590 avviso scorta" si nota all'inizio quando la nave parte, lo sgancio della catena del corpo morto (si sente distintamente anche il comando) : la catena è agganciata ad un anello indicato dal n. 8. Ho aggiunto anche le ancore, queste sono quelle originali del kit della USS England.

 

i1n2n7.jpg

 

 

Ho fatto poi le... (? come si chiamano? ) che proteggono la parte iniziale della tuga. Al n. 10 e 11 si vedono montate.

 

2jg0xl4.jpg

 

105xsfl.jpg

 

ilzr6h.jpg

 

All'interno ho messo la parte interna di due portelli, per simulare appunto i portelli di passaggio (12).

 

15n4040.jpg

 

 

Per finire, ho messo i sostegni delle zattere di salvataggio (13 e 14) , a prua e a poppa (il terzo livello della plancia è solo appoggiato). Si noti la battagliola che chiude la piattaforma stondata alla base dell'albero.

 

eise14.jpg

 

av0fvn.jpg

 

 

E questa è l'ultima per ora. Ho dato una lisciatina ai lati della basetta interna del diorama, quella con l'acqua per intenderci. All'esterno ci va quella più grande, che alloggia la bacheca. Tra le due navi c'è il pontile e a poppa la banchina.

 

24zisev.jpg

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

ciao a tutti. Finiti i tre pipe Insidioso e Schiaffino, riprendo l'Aldebaran per completarla.

Sto valutando un po' la questione Vespucci da metterle a fianco, perché non riesco a trovare viste chiare del ponte negli anni '50. Il disegno più vecchio che ho risale al 1977 e ho giusto qualche foto degli anni precedenti ma con poche certezze. Il fatto di aver trovato alcuni disegni della nave riferiti al 1977 (sulla vecchia rivista navale "Navi e modelli di navi" edita a Firenze negli anni '70 e '80 da Lusci e soci, che ho conosciuto quando ero studente...) mi fa un po' da calamita e mi suggerisce di soprassedere per l'Aldebaran e fare il Vespucci accanto ad un'altra nave più moderna: l'unica al momento che avevo in programma era il Fante (ex classe Fletcher) e prendendo a riferimento (per il Fante) la metà degli anni '70, potrebbe anche andare bene con un Vespucci basato sul disegno del 1977.

Se lascio il Vespucci per il Fante, ovviamente farò l'Aldebaran da sola, magari in navigazione questa volta.

Link to comment
Share on other sites

Ecco un po' di nuovi dettagli, prima della verniciatura del modello.


Da sinistra a destra: colonnine delle piazzole delle Bofors binate, cucchiaie dei lanciabombe, armadietti delle munizioni del cannone e altri dettagli interni alla postazione, altre cucchiaie, armadietti delle munizioni per le Oerlikon di poppa.

 

10nsyti.jpg

 

Da sinistra a destra: gruetta dello scalandrone, gru della lancia baleniera (questa e quella accanto sono del kit Trumpeter, con qualche dettaglio in più), staffa di sostegno della lancia, colonnine delle postazioni delle Oerlikon sulla sovrastruttura di prua

aaa9s0.jpg

 

Botole (vanno sotto, ma non so dove) nelle postazioni delle Oerlikon dietro il fumaiolo, scalette interne alle postazioni delle direzioni di tiro, rastrelliere per i caricatori delle Bofors (li ho messi anche nella postazione centrale subito a poppavia, alla fine della tuga). I dettagli di questa foto vengono tutti dallo Slater (cioè da una Cannon americana) perché sono invisibili nelle foto della Aldebaran, ma mi sembravano tutti ragionevoli anche sulla nave italiana, almeno per il 1952.

 

2wptrhz.jpg

 

Colonnine delle oerlikon a prua, e quello bianco è ... non lo so, nel filmato "F 590 avviso scorta" su youtube, si vede questo dettaglio al tempo 57.08 e sembrano una serie di proiettili addossati alla parete. Perché lì dovrebbero esserci dei proiettili non lo so, ma sembrano proprio tali.

 

2w73ayc.jpg

 

Il modello quasi pronto per essere verniciato. Questo è il momento in cui mi metto a spulciare foto e filmati da prua verso poppa e cerco di aggiungere tutti i dettagli che eventualmente ho lasciato. Armi etc. le monterò dopo. Gli ultimi livelli della plancia e l'albero non sono incollati.

akh62w.jpg

Edited by marcel
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      521.9k
×
×
  • Create New...