Jump to content

Progetto di sottomarino italo-tedesco del 1954


Recommended Posts

Ciao a tutti,
questo è il mio primo post qui. Si tratta di un progetto di sottomarino che probabilmente non molti conoscono. Tutti conosciamo la collaborazione tra Italia e Germania per il sottomarino U212. Ma sapevate che negli anni Cinquanta c'è stato un altro progetto di sottomarino comune, che ha coinvolto ingegneri tedeschi e italiani?
Ulrich Gabler è stato il fondatore della Ingenieurkontor Lübeck (IKL), che ha costruito tutti i progetti di sottomarini tedeschi dall'U201 all'U212. Due libri tedeschi ("Konstruktionen für die Welt", un libro sulla IKL, e l'autobiografia di Ulrich Gabler) riportano che Gabler fu assunto per progettare un sottomarino con ingegneri italiani a Roma. Nella sua autobiografia, Gabler ricorda che nel 1954, attraverso la società italiana SICME, stipulò un contratto con la Marina Militare. A lui si unirono gli ingegneri tedeschi Diestelmeier e Buhr, e ha collaborato con i progettisti di sottomarini della Marina Militare. I due soci della SICME si chiamavano Roghella e Culotta. Era coinvolto anche l'ufficiale di Marina Ruzzier. Credo che sia già stato citato alcune volte su questo forum.

Nel 1955 Gabler tornò nuovamente in Italia. Questa volta non lavorò per la Marina, ma per i Cantieri Navali di Taranto. Gabler e il suo team progettarono un sottomarino di 1400 tonnellate per il Brasile. È molto interessante che l'Italia stesse già cercando di esportare sottomarini ad altri Paesi nel 1955, anche se non aveva costruito un nuovo sottomarino dalla fine della guerra.


Purtroppo non so nulla del sottomarino progettato nel 1954 con la Marina Militare, ed è per questo che sto facendo questo thread. Penso che ci siano due possibilità per il progetto di questo sottomarino:
Possibilità 1: Potrebbe essere stata la nuova versione del sommergibile Bario, che fu poi rinominato Pietro Calvi. Ci sono due buoni argomenti a favore di questa ipotesi: In primo luogo, si inserisce perfettamente nel periodo in cui il Bario/Calvi fu ricostruito. In secondo luogo, il Pietro Calvi ricostruito assomiglia a un sottomarino (560 tonnellate, 1200/1400 cavalli, 15,5 nodi) progettato da Gabler nel 1949, soprattutto se si guarda la poppa (ho trovato questo progetto in "Konstruktionen für die Welt").
Possibilità 2: era un primo studio per la classe Enrico Toti. Nel tomo II di "Sommergibile e mezzi d'assalto subacquei italiani", si dice che lo studio di questo nuovo sottomarino iniziò contemporaneamente alla ricostruzione di Bario/Calvi. Inoltre, il sottomarino progettato da Gabler nel 1949 ha un dislocamento simile a quello della classe Enrico Toti.


Forse c'è una terza possibilità o forse qualcuno ne sa più di me su questo progetto di sottomarino. Attendo con ansia le vostre risposte! Saluti dalla Germania!

 

In appendice: il progetto del 1949 di Gabler e Pietro Calvi per un confronto.

 

(

 

Gabler 1949.jpg

Pietro Calvi.gif

Edited by XXIsottomarino
Link to comment
Share on other sites

Ben approdato a Betasom! Se cuoi raccontaci un po di te nella sezione benvenuto.

Veniamo ai quesiti: l'allora colonnello del GN Fulvio Ruzzier fu effettivamente parte molto attiva in questo trasferimento di tecnologia. La prima traccia dei "Toti" sembra comparire nel programma navale del  1958 ma gia dall'adesione alla NATO (1949) e successivo programma navale del 1950 c'era il progetto di recuperare almeno uno dei 3 "Tritone" sugli scali a Monfalcone e ammodernare Giada e Vortice. Peraltro se nel 1957 gia si impostava il SSN Marconi, l'idea di un piccolo SSK doveva gia circolare da tempo.

Mentre su Giada e Vortice si impiegò tecnologia americana, sul Calvi fu applicata la tecnologia tedesca e, per quanto il risultato si dimostrasse fallimentare, fu  un comunque ottima base per addestrare gli equipaggi dei Toti, battelli che impiegarono la stessa tecnologia per gli impianti di propulsione.  

Il disegno che riporti , in effetti, gia inizia a ricordare la disposizione interna dei futuri battelli che saranno impostai da Italcantieri a metà anni 60, anche grazie al know how non totalmente scomparso per la costruzione di alcuni tipo XXIII, anche se sono concettualmente ancora molto vicini ai Typ 201 e 205.

Link to comment
Share on other sites

Grazie per le risposte e i benvenuti 🙂

Citazione

La prima traccia dei "Toti" sembra comparire nel programma navale del  1958 ma gia dall'adesione alla NATO (1949) e successivo programma navale del 1950 c'era il progetto di recuperare almeno uno dei 3 "Tritone" sugli scali a Monfalcone e ammodernare Giada e Vortice.

Sembra quindi più probabile che il progetto del 1954 fosse per il Pietro Calvi e non per l'Enrico Toti. Ci sono altri due argomenti a favore:
Il primo è che il Vortice ricostruito, che come avete già detto era basato sulle conversioni americane del tipo GUPPY, non ha soddisfatto le aspettative, raggiungendo solo 7 nodi in immersione, che era più lento di quello che questi sommergibili erano originariamente in grado di fare. È possibile che la Marina Militare si sia avvicinata al Gabler come reazione a questi cattivi risultati.
In secondo luogo, il sistema di propulsione del Pietro Calvi è molto simile al progetto del 1949 (che si chiamava IK 1) ma anche piuttosto diverso dall'Enrico Toti: La classe Toti (e il Tipo 201, che aveva lo stesso motore elettrico Siemens e motori diesel progettati da Daimler-Benz) era completamente diesel-elettrica per eliminare i rumorosi e inefficienti riduttori. La Calvi e la IK 1 avevano entrambe due motori diesel e due motori elettrici, la cui potenza generata veniva poi convertita in un unico albero. Questo sistema di propulsione permetteva di risparmiare spazio e peso perché eliminava la necessità di generatori, ma era anche, come già detto, rumoroso e inefficiente, motivo per cui ricevette un motore silenzioso molto efficiente da 75 cavalli (per una velocità di circa 4 nodi), un'altra novità della costruzione dei sottomarini tedeschi degli anni '40 che possiamo vedere anche nell'IK 1. I moderni motori elettrici, come il motore Siemens della classe Toti, hanno reso superfluo un piccolo motore elettrico aggiuntivo, poiché questi motori moderni funzionano a un basso numero di giri.
Nel complesso, quindi, sembra molto più probabile che il sommergibile progettato da Gabler e dalla Marina Militare fosse il Pietro Calvi e non un primo studio per la classe Toti. Naturalmente, potrebbe trattarsi di entrambi, ma l'autobiografia di Gabler implica che egli abbia creato un solo progetto di sommergibile con la Marina.

 

Se qualcuno ha altre idee in merito, mi piacerebbe sentirle. Cari saluti!

Link to comment
Share on other sites

In tutte le Marine del mondo raramente un progetto nasce a se stante, è il frutto di una continua evoluzione. Anche in questo caso penso che la base di partenza e lo sviluppo delle tecnologie abbiano seguito il loro corso, prendendo spunto  dai disegni hanno prima modificato il Bario e, sulla base delle esperienze acquisite anche dagli ExUSA arrivati in Italia con le modifiche GUPPY, affinato il progetto dei Toti.  

Ho anche un'altra convinzione: considerando che solo alla fine del 1954 Gabler ebbe l'incarico di progettare nuovi battelli tedeschi a seguito della caduta delle restrizioni, penso che stesse mutuando quanto la Germania  fece prima della 2GM, ovvero costruire all'estero per mantenere il know how ed essere "pronti alla bisogna".

Link to comment
Share on other sites

14 ore fa, Totiano ha scritto:

Ho anche un'altra convinzione: considerando che solo alla fine del 1954 Gabler ebbe l'incarico di progettare nuovi battelli tedeschi a seguito della caduta delle restrizioni, penso che stesse mutuando quanto la Germania  fece prima della 2GM, ovvero costruire all'estero per mantenere il know how ed essere "pronti alla bisogna".

Sì, ricorda un po' l'ufficio segreto tedesco per la costruzione di sottomarini nei Paesi Bassi, essenziale per preservare e far evolvere l'esperienza acquisita nella progettazione di sottomarini durante la Prima Guerra Mondiale. Tuttavia, è importante chiarire che la cooperazione del 1954 non era un progetto dell'Ufficio Blank (il predecessore del Ministero della Difesa tedesco, intitolato a Theodor Blank) per consentire agli ingegneri tedeschi di fare esperienza, ma un accordo privato mediato da una società italiana.

Ma sì, l'offerta arrivò al momento giusto per Gabler. Non solo perché gli permise di progettare un sottomarino con un team numeroso ed esperto per la prima volta dal 1945, ma anche perché aveva davvero bisogno di soldi dopo che il piccolo cantiere navale che dirigeva in precedenza era diventato poco redditizio a causa dell'aumento dei prezzi dell'acciaio dopo la Guerra di Corea.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
Posted (edited)

Ciao a tutti,
Vorrei aggiungere qualcosa per coloro che sono ancora interessati.
Ho letto recentemente "Sommergibile e sottomarini italiani 1945 - 2016", un numero di "Storia Militare Dossier".
In questa rivista, a pagina 88, l'autore Michele Cosentino cita concretamente una collaborazione tra Maricominav, l'ufficio costruzioni della Marina Militare diretto da Ruzzier, e Ulrich Gabler.

 

Citazione

I progetti tedesco-occidentali erano dovuti allo studio d'architettura navale IKL (Ingenieurkontor Lübeck), capeggiato da quell'Ulrich Gabler che aveva partecipato allo sviluppo delle unità germaniche "Typ XXII" e "Typ XXVI", dotate di scafo dalle forme idrodinamiche e concepite - rispettivamente - per operazioni costiere e d'altura. Partendo da concoscenze pregresse che includevano anche gli "Elektroboote Typ XXI", Gabler concretizzò dapprima le unità "Typ 205", ottenendo risultati soddisfacenti. Su queste basi, Maricominav - e in particolare l'allora colonnello del Genio Navale Fulvio Ruzzier - avviò un fitto rapporto con Gabler e - con l'apporto dei CRDA de Monfalcone - portò a compimento il progetto dei futuri "Toti".


Se da un lato questo conferma che Gabler e l'IKL hanno contribuito alla progettazione della classe Toti, dall'altro gli eventi descritti nella rivista devono essere avvenuti circa dieci anni dopo il progetto comune del 1954, dato che i primi sottomarini Tipo 205 sono entrati in servizio nel 1962.

Per quanto riguarda il Pietro Calvi, Cosentino afferma che il sommergibile fu progettato da Maricominav e che i Cantieri Navali di Taranto (per i quali Gabler lavorò anche in seguito) furono influenti per la sua costruzione. Non c'è alcun riferimento specifico all'assunzione di Gabler per la progettazione (solo che le conoscenze tecniche furono acquisite da "varie fonti nazionali ed estere"), ma dopo aver considerato tutte le informazioni a mia disposizione, concluderei che la collaborazione del 1954 era sicuramente legata alla conversione del sommergibile Bario.

Edited by XXIsottomarino
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      521.7k
×
×
  • Create New...