Jump to content

(betasom) Sommergibili All'attacco


Recommended Posts

Titolo: Sommergibili all'attacco

Autore: Aldo COCCHIA

Editore: Rizzoli

Anno : 1955

Pagine: 235

Dimensioni 22x14

Prezzo: -------

 

smgattacconf0.jpg

 

 

Titolo: BETASOM - Sommergibili all'attacco

Autore: Aldo COCCHIA

Editore: Ferdinando Gianni BIANCHI Tel. 328 5405547

Anno ristampa: 2008

Pagine: 198

Dimensioni 24x17

Prezzo: Librerie € 20.00

Ordine diretto all'editore € 15.00

 

betasom0001ls9.th.jpg

 

Aldo Cocchia, che ha vissuto sul mare tutte le guerre combattute dall'Italia dal 1915 in poi,

durante l'ultimo conflitto fu Comandante di sommergibile in Atlantico, Capo di Stato Maggiore del "Gruppo sommergibili atlantici" dislocato a Bordeaux e, successivamente comandante di una squadriglia di cacciatorpediniere incaricata della scorta di convogli in mediterraneo.

Si trovò in tal modo ad operare sempre nei settori più impegnativi della nostra guerra navale e dalle sue esperienze personali è nato questo libro.

Nella prima parte del volume l'Autore narra come nacque e venne organizzata la base di "Betasom" a Bordeaux e come i nostri sommergibili attraversarono ben 44 volte lo stretto di Gibilterra, superando felicemente il contrasto nemico e le difficoltà nautiche.

Nella seconda parte del libro affronta il tema della "battaglia dei convogli", amara e disperata ma non così tragica come comunemente si crede.

L'Autore traccia alla fine la succinta biografia di alcuni valorosi combattenti del mare: Bergamini, Tesei, Picchio, Fecia di Cossato, Todaro Visintini ecc...

 

Trattasi di un libro scritto da un "attore" del secondo conflitto mondiale, e se non si possiede l'originale

bisogna averlo in biblioteca.

 

Ad Majora

xtgold

Edited by Totiano
ho aggiunto il volume originale a quello di Bianchi postato da xtGold. il testo è identico variano solamente il titolo del volume e il numero di pagine per il diverso formato
Link to comment
Share on other sites

e se non si possiede l'originale bisogna averlo in biblioteca

 

Già, solo se non si possiede l'originale*.... :s10:

La prima edizione è del 1955

 

* attualmente in deposito fiduciario a MARIDIPART Ancona

Link to comment
Share on other sites

caro GM Andrea,

immaginavo che un originale fosse in tuo possesso; avevo precisato per questo.

Passi da Ancona a fine luglio?

io sarò nei paraggi.

ad majora

xtgold

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

ho nascosto i post non inerenti al libro, giusto per non andare OT anche se erano assolutamente innocenti!

 

dunque, ho finito adesso il libro nella versione di Gianni Bianchi. parlando della ristampa ci sono alcuni errori, probabilmente da imputare alla trascrizione via programmi di scrittura. Ma non sono frequenti e non "ammazzano" la lettura. di sicuro al Bianchi va ogni onore per tenere viva la nostra storia attreverso tutte le ristampe e i libri che sta facendo.

 

e adesso parliamo del libro:

conoscevo lo scrittore Cocchia e già mi pregustavo la sua prosa ma, stavolta, ha superato ogni aspettativa.

in effetti il libro non è sui battelli se non per una piccola parte, non è autobiografico se non in un paio di capitoli e anche il titolo è davvero poco azzeccato. un libro così pieno di storia, che parla di sommergibili, di sbarchi a creta, di convogli, e di eroismi non dovrebbe rimanere relegato nella nicchia dei battelli!

 

entriamo nei dettagli:

nella prima parte, dedicata ai battelli, affronta in pochi capitoli molti dei tanti episodi che hanno fatto grande la componente, e lo fa con una semplicità bellissima: disarmante e attenta ai dettagli come solo chi ha vissuto gli eventi può fare.

 

la seconda parte è un compendio di "episodi strani", l'allucinazione collettiva su colleoni e Fiume è davvero degna del "tringolo delle bermude" e se non fosse che la scritto Cocchia...

 

La battaglia dei convogli occupa una terza parte intensa, pregna di eroismi quasi sconosciuti fatta di un lavoro continuo e di uomini mai stanchi di servire la Patria.

 

L'ultima parte "purissimo eroismo" si commenta da sola nel titolo. l'autore racconta di Beramini, Di Cossato, Tesei e Visintini. Li ha conosciuti tutti e di tutti ne elenca pregi e (pochissimi) difetti rendendoli leggenda.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      521.7k
×
×
  • Create New...