Jump to content

Mas 527 1/20...da Ventimiglia


Steffsap

Recommended Posts

Il modellismo si sà, è una passione, ma non vedo perchè non sia possibile riuscire ad "arrotondare" soprattutto di questi tempi, con qualcosa di cui si è praticamente ognuno di noi (modellisti) un esclusivo realizzatore, chi con stampi, chi con fotoincisioni, chi con decals, chi con lavorazioni cnc e via discorrendo. La casualità vuole che in questo specifico caso il committente sia un "Ex", ma questo non deve essere un impedimento, anzi! se il lavoro è eseguito a regola d'arte (e diciamocelo, Luciano ha una buonissima mano!) la persona in questione sicuramente sarà invogliata anche a spendere una cifra maggiore. Questo non vuole dire abusare, ma ogni tanto, se la Nostra bravura trova un estimatore, dobbiamo anche sentirci in colpa??

Ho amici che pagano cifre folli per i treni in H0 o peggio, in scala N...eppure, lì comanda solo la passione e l'effetto fisarmonica del portafoglio....perchè per noi "Navali" deve eessere diverso??

 

Eppoi permettetemelo : Un modello esclusivo non ha prezzo...per tutto il resto c'è Mastercard....

 

:s33: :s53:

Link to comment
Share on other sites

Ripeto che ho fornito solo un suggerimento senza disconoscere il lavoro altrui e senza voler invitare il prossimo a lavorare gratis in quanto pur sempre di un lavoro per quanto piacevole si tratta.

Se una persona chiede un consiglio pubblicamente é logico che ognuno poi dica la sua.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Patrizia,

il tuo è stato (dal mio personale punto di vista) molto costruttivo,ma penso che forse sarebbe meglio aprire una discussione separata, giusto per non riempire di OT questa, che è pur sempre di C.te Secondo Marchetti.

 

Sia chiaro, che davvero ho apprezzato questo Tuo (Patrizia) intervento e quello che ho scritto, non era una critica nel tuo scritto, ma semplicemente una esposizione del mio pensiero.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 years later...

Caro "Secondo" i più vivi complimenti per il tuo MAS 527, inizialmente non avevo ben compreso le dimensioni del modello, veramente impressionante. A proposito di bandiera a breve invierò la foto della bandiera di combattimento del MAS 531 che l'Amm. Francesco Rizzo ha donato a mio padre (non è andata dispersa con l'affondamento, insieme con il diario di bordo del Stv Giorgio Rizzo è stata donata al padre, Amm. Luigi Rizzo di Grado e di Premuda). Per il mio modello statico ho recuperato i riferimenti dei modellisti Bolognesi per le tavole. Vorrei sapere se il modello della Italeri, con i dovuti adattamenti, può fare al mio caso(come sai voglio costruire una versione il più possibile fedele del MAS 531, primo imbarco di mio padre) e poi dove posso reperire documentazione storica sulla II serie. Grazie

Edited by Duilio Bellone de Grecis
Link to comment
Share on other sites

Dopo scambio di mail, ecco la bandiera del MAS 531

 

20170110.jpg

 

(ne abbiamo già parlato via mail, ma lo ridico qui, per interesse generale)

 

Il modello Italeri è senz'altro il modo più conveniente di ottenere una riproduzione di un II Serie; anche se rappresenta un III Serie, gli scafi delle due versioni erano identici, cambiavano solo la mitragliera e i lanciasiluri. Per ottenere il 531 dalla scatola Italeri bisogna solo ricostruire i lanciasiluri e la Breda 31 più qualche dettaglio da poco come la battagliola a poppa, le parti essenziali e più difficili da riprodurre (penso in particolare alla plancia, che sarebbe molto complessa da costruire ex novo) sono identiche e ben rese dal modello.

Edited by Secondo Marchetti
Link to comment
Share on other sites

Gentilissimo Secondo,

ricordavo bene i Tuoi preziosi suggerimenti anticipati via mail; ho riproposto il quesito per socializzare l'oggetto della discussione.

Seguirò il Tuo consiglio e procederò all'acquisto del modello della Italeri.

Una notizia.

Il motto del MAS 531 era: "ibis redibis non morieris in bello".

Qualcuno ha un'idea della possibile collocazione a bordo?

A breve inserirò un articolo di mio padre pubblicato sulla rivista dell'Istituto del Nastro Azzurro tra i decorati al Valor Militare; narra un episodio di guerra interessante (e per me commovente) che vede coinvolto anche quel motto.

Riguardo alle fonti storiche, pensavo all'archivio della Marina Militare per trovare materiale sui MAS durante la II Guerra Mondiale.

Qualcuno ha notizie utili?

Grazie a tutti.

Duilio

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522k
×
×
  • Create New...