Jump to content

Differenze Tra Resina E Plastica


antonio74

Recommended Posts

Qualcuno mi può spiegare la differenze tra un modello in lplastica e un modello in resina montaggio colorazione, domani dovrei andare alla dolphin models per acquistarne uno ma mi sono accorto che sono tutti in resina e non ho mai lavorato con questo materiale :s02:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Antonio, i modelli in resina di solito consistono in un minore numero di parti solitamente stampate attaccate ad un "ceppo" da rimuovere con un segetto fine.

 

Per incollare le parti in resina devi usare colla cianoacrilica, in certi casi anche la vinilica potrebbe essere usata, io comunque non la uso.

 

Solitamente i kit in resina hanno un dettaglio maggiore rispeto alla controparte in plastica, ma necessitano di un pò più di attenzioni nel montaggio e nella stuccatura in quanto spesso non presentano riferimenti per il posizionamento delle varie parti ed è necessario affidarsi ai disegni del modello che si vuole realizzare.

 

Il mio consiglio è di iniziare a lavorare con modelli in resina partendo da soggetti semplici, una torpediniera o un cacciatorpediniere sono ideali.

 

Il kit in resina si presenta cosi ( tratto da una recensione di un kit Regia Marina MAS su www.steelnavy.com )

 

Ar6080pack.JPG

 

Ciao

 

Dino

Link to comment
Share on other sites

:s01: Acquisto effettuato!!! incrociatore bolzano della Delphis Models, scala 1/700 i modelli 1/700 sono tutti in water line. carini non ho mai fatto niente di cosi piccolo e la cosa mi affascina

Link to comment
Share on other sites

Acquisto effettuato!!! incrociatore bolzano della Delphis Models, scala 1/700 i modelli 1/700 sono tutti in water line. carini non ho mai fatto niente di cosi piccolo e la cosa mi affascina

 

 

 

Quello che non ti sfiora neanche è che sono entrato nel negozio dieci minuti dopo che c'eri uscito a bordo del Bolzano. I servizi funzionano, ragazzo ....

Comunque, ti sei risposto da solo: il dettaglio, almeno in scala 1/700, è di solito decisamente superiore. Peccato che anche il costo sia nettamente diverso (è una conseguenza dei metodi di produzione: la plastica è industriale, la resina quasi esclusivamente artigianale).

 

La cosa più importante è che, se continui a frequentare i cantieri Delphis, ti renderai conto che c'è molto da divertirsi. Io ho cominciato con uno Zara (non avevo mai messo mano ad un modello) e dopo un anno ho fatoo il mio primo master.

Link to comment
Share on other sites

:s01: ok per sgrassare cosa mi consigli?, mentre per la verniciatura dovro prendere il mio aereografo della italeri, visto che lacquisto di un areografo professionale e stato soppiantato e sorpassato dall'acquisto di una casa :s14: , con relativa stanza per i miei modellini :s41: :s41:

altra domandina solitamente quando faccio modelli grandi non ho tutti i particolari gia sul ponte, come faccio a verniciare il ponte :s09:, anzi facciamo un passo avanti come procedi tu di solito nella verniciatura e fino a dove ti spingi con l'aerografo

Edited by antonio74
Link to comment
Share on other sites

Ciao Antonio, andando per ordine, per "sgrassare" il modello è sufficente un pò di alcol avendo cura di non danneggiare i dettagli, questa operazione è intesa a rimuovere l'unto delle mani che si deposita manipolando la nave.

 

A tal proposito conviene applicare qualcosa sotto lo scafo in modo da poter manipolare il modello senza continuare a toccare lo scafo stesso, io uso un pezzo di legno di solito.

 

Per la verniciatura applico ad aerografo il colore base su tutto il modello, nel caso si debba rappresentare il mimetismo sulla nave applico il colore più chiaro.

 

In seguito procedo con tutti i trattamenti sulle superfici verticali tralasciando i ponti orizzontali, washing e drybrushing, una volta finita questa parte passo alle superfici orizzontali.

 

Nel tuo caso specifico dovrai applicare il grigio scuro sui tre quarti di ponte non coperto dal legno, ed eventualmente trattarli con washing e drybrushing, poi dovrai ritoccare i dettagli, cable reels, mushrooms ecc col grigio chiaro. Io queste operazioni le faccio con pennello a mano.

Alla fine ti resterà la parte in legno che copre la poppa, io di solito applico una prima mano con un colore humbrol che al momento non riesco a identificare non essendo a casa, poi tratto il tutto con i colori ad olio fino ad ottenere la tonalità desiderata, nel tuo caso suppongo piuttosto chiara parlando di una nave operante nel Mediterraneo.

 

Spero di essere stato di aiuto.

 

Ciao

 

Dino

Link to comment
Share on other sites

Sei stato stratosferico :s20: , certamente da come parli devi avere una padronanza dell'aerografo non indifferente, io sono solo 8 mesi che mi cimento e solo con grossi modelli, scusa ma per applicazione di qualcosa sotto lo scafo va bene anche un listello di legno con magari del bostik

Link to comment
Share on other sites

A dire il vero l'aerografo lo uso solo per dare il colore di base non sono assolutamente un esperto :) tutto il resto lo faccio con i pennelli.

 

Per fissare in modo non permanente il modello al supporto di legno ci sono due modi abbastanza semplici, uno è applicare del nastro biadesivo tra lo scafo e il legno l'altro è "puntare" lo scafo in 3/4 parti con della colla cianoacrilica, l'importante è metterne poche gocce e magari utilizzare degli spessori nei punti di appoggio, altrimenti lo scafo non lo stacchi più.

 

Magari più tardi ti posto una foto per maggior chiarezza.

Link to comment
Share on other sites

salve a tutti !

non sono pratico di modelli in resina, ma ho sentito dire che per sgrassarli bene prima della verniciatura c'e' chi li lava in acqua con detersivo per piatti , Inoltre mi fate invidia quando parlate di modelli 1/700!! Col passare degli anni mi si e' abbassato la vista, e sono costretto a lavorare con scale sempre piu' grosse. Beata gioventu'.

ciao

 

(attendo foto del modello finito)

Link to comment
Share on other sites

Come promesso ecco le foto "esplicative", naturalmente tieni presente che il mio metodo non pretende di esser il migliore in assoluto, anzi, altre idee sono sempre ben accette :s01:

 

abruzzi4.jpg

 

abruzzi1.jpg

 

Di solito poi rimuovo il modello dalla basetta in legno e lo metto sul diorama prima dell'allestimento finale, nel caso della foto ci siamo quasi ... infatti sono già in apprensione !

 

@ Anteo, credo che il lavaggio con il detersivo da piatti sia ottimo, io non lo faccio perchè effettuando l'operazione col modello già parzialmente assemblato non mi va di mettere a contatto le parti incollate con colla cianoacrilica con l'acqua ... non si sa mai ...

 

Ciao

 

Dino

Link to comment
Share on other sites

@ Anteo, credo che il lavaggio con il detersivo da piatti sia ottimo, io non lo faccio perchè effettuando l'operazione col modello già parzialmente assemblato non mi va di mettere a contatto le parti incollate con colla cianoacrilica con l'acqua ... non si sa mai ...

Esatto, io uso del sapone neutro liquido e abbondante acqua tiepida per sciaquare, in modo da non lasciare residui. La cianoacrilica resiste abbastanza bene a costo di non insistere eccessivamente. Il problema invece si pone se avete usato anche della colla vinilica. In quel caso l'acqua è da evitare come la peste.....

 

In effetti in scala 1/700 è meglio l'alcool che non lascia residui che si potrebbero formare nella moltitudine di dettagli presenti sul modello. In un modello grande spazzolino e sapone potrebbero andare.

 

Complimenti per il modello Dino!! :s20: :s20:

Link to comment
Share on other sites

salve a tutti !

non sono pratico di modelli in resina, ma ho sentito dire che per sgrassarli bene prima della verniciatura c'e' chi li lava in acqua con detersivo per piatti , Inoltre mi fate invidia quando parlate di modelli 1/700!! Col passare degli anni mi si e' abbassato la vista, e sono costretto a lavorare con scale sempre piu' grosse. Beata gioventu'.

ciao

 

(attendo foto del modello finito)

 

Io ho ancora 42 anni, ma ti assicuro che i problemi di vista sono MOOOLTO presenti. Erano già presenti da bimbo, ma si sono aggravati con gli studi. Ora uso alle volte delle lenti per aiutarmi nei dettagli più minuti.

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

:s03: :s03: :s03: vecchietti, vorra dire che per voi e solo per voi contattero dei cantieri navali cosi vi faccio lavorare su modelli 1/1 pero non voglio sentire lamentele di mogli che si svegliano con un incrociatore in soggiorno :s03: :s03: :s03:

per dino c grazie per la dritta del bi adesivo

Link to comment
Share on other sites

complimenti per il modello, non esageriamo ! 1/1 e' troppo, pero' attualmente sto' lavorando in 1/15. A proposito di lenti, e' vero che usandole a lungo si danneggiano gli occhi?? Purtroppo io sono gia' arrivato a 60 anni.

saluti.

Link to comment
Share on other sites

:s03: :s03: :s03: vecchietti, vorra dire che per voi e solo per voi contattero dei cantieri navali cosi vi faccio lavorare su modelli 1/1 pero non voglio sentire lamentele di mogli che si svegliano con un incrociatore in soggiorno :s03: :s03: :s03:

per dino c grazie per la dritta del bi adesivo

 

Già mia moglie mi dice che ho riempito la casa di barche e che non siamo in un museo :s11: :s02: :s02:

Link to comment
Share on other sites

:s01: comunque oggi inizio il lavoro, devo solo rilavare il modello credo di non averlo fatto bene, poi iniziero verniciando lo scafo e poi aggiungero i vari pezzi, vi mettero al corrente sull'avanzare dei lavori, approposito, qualcuno mi sa indicare il link dove si spiega come mettere le immagini sui post :s01: grazie

Link to comment
Share on other sites

E allora, visto che dobbiamo scoprire gli altarini...

Io sono di molto, ma di molto più giovane di Anteo, visto che sessant'anni li farò solo fra undici mesi. In compenso sono miope come una talpa, e fin da quando ero bambino. Ma, coupe de teatre, siccome i miopi a tre centimetri contano i piedi delle pulci, a me l'1/700 mi viene a meraviglia (almeno spero).

Link to comment
Share on other sites

grazie poseidon :s02: mi sapreste dire per chi lo ha fatto come fate a fare la mimesi sullo scafo a mano libera o con l'aiuto di qualcosa, e come fate a simulare i cavi da un traliccio a laltro vedi varie antenne

Edited by antonio74
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522k
×
×
  • Create New...