Vai al contenuto


Foto

Classe Fieramosca (1926)


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 4 risposte

#1 sonar

sonar
  • Guardiamarina
  • 1857 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Cinquefrondi (R.C.)

Inviato 29 febbraio 2008 - 07:06

Dist.smg.RM.(trasp).png

 

Regio sommergibile Ettore FIERAMOSCA


Nunc saltem pateat quid possit itala virtus
(Si veda almeno ora quanto possa l'italico valore)

 

1931-1941%20Smg%20Fieramosca%20-%20I%20s
da "I sommergibili italiani" di Paolo M. Pollina - USMM - 1963, per g.c. Sergio Mariotti


Caratteristiche generali:

Tipo: sommergibile di grande crociera

Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 17 Luglio 1926
Varo: 14 Aprile 1929
Consegna: 5 Dicembre 1931
In disarmo: 10 Aprile 1941
Radiazione: 18 Ottobre 1946
Dislocamento
- in superficie: 1556 t
- in immersione: 1965 t
Dimensioni
- Lunghezza: 82,38 m
- Larghezza: 8,04 m
- Immersione: 5,30 m
Apparato motore in superficie: 2 motori Diesel Tosi, 2 eliche
- Potenza complessiva: 5.500 cv
- Velocità max. in superficie: 15,5 nodi
- Autonomia in superficie: 5.300 miglia a 8 nodi - 1.675 miglia a 15,5 nodi
Apparato motore in immersione: 2 motori elettrici di propulsione Marelli
- Potenza complessiva: 2.000 cv
- Velocità : 9,0 nodi
- Autonomia in immersione: 90 miglia a 3 nodi - 8,0 miglia a 9 nodi
Armamento:
- 4 tls AV da 533 mm, 7 siluri da 533 mm
- 4 tls AD da 533 mm, 7 siluri da 533 mm
- 1 cannone da 120/45 mm
- 4 mitragliatrici 13.2 binate
Equipaggio: 7 ufficiali, 71 sottufficiali e marinai
Profondità di collaudo: 100 m
 

Compartimentazione%20scafo%20e%20descriz
Rielaborazione grafica di una tabella tratta da "Sommergibili italiani fra le due Guerre Mondiali"

di A. Turrini - MariStat/UDAP - 1990, per g.c. Sergio Mariotti


Generalità

Nel quadro del programma di sviluppo dei sommergibili di grande dislocamento, atti all'impiego oceanico, la Regia Marina decise di sperimentare un altro tipo di sommergibile con caratteristiche di scafo diverse da quelle dei battelli classe "Balilla" e, nel 1925, ne affidò la progettazione al generale g.n. Bernardis.

Nel 1926, dopo l'approvazione di massima del progetto, venne ordinata la realizzazione di un prototipo ai cantieri Tosi di Taranto. La novità nella progettazione, e continui cambi nelle specifiche tecniche portarono ad un prolungamento della fase costruttiva, e fra il varo (1929) e l'accettazione da parte della R. Marina (1931), passarono piu di due anni e mezzo.

Questo battello aveva lo scafo resistente cilindrico raccordato a tronchi di cono chiusi alle due estremità da calotte semisferiche; nella parte centrale dello scafo un altro cilindro resistente interno al principale, creava un'intercapedine nella quale trovavano posto i doppi fondi centrali resistenti e le casse emersione, rapida e compenso; esternamente allo scafo resistente, per circa i due terzi della sua lunghezza, erano applicate due controcarene, non resistenti, in parte adibite a compartimenti allagabili ed in parte a depositi combustibile; lo scafo resistente si raccordava opportunamente alle estremità con le strutture leggere di avviamento contenenti le casse zavorra AV e AD.

Nei riguardi dell'armamento si era inizialmente pensato di dotare l'unità di cannoni di calibro non inferiore al 203; tale idea fu però scartata prima della stesura del progetto definitivo.

Tale progetto definitivo assegnava al Fieramosca un armamento da unita posamine-silurante; esso prevedeva infatti la sistemazione di due tubi lanciamine poppieri intemi con una dotazione di 24 armi da 1000 Kg., due lanciasiluri

esterni fissi stagni, quattro lanciasiluri interni prodieri ed un cannone scudato simile, anche come sistemazione, a quello dei "Balilla"; per il Fieramosca era inoltre prevista una rimessa stagna a poppavia della torretta per un piccolo idrovolante.

Durante la costruzione l'armamento venne però sensibilmente modificato: furono eliminati i tubi lanciamine e i due lanciasiluri esterni, in loro vece furono sistemati quattro lanciasiluri intemi poppieri, il cannone fu portato più a proravia e separato dalla torretta. La rimessa stagna per aereo fu costruita e sistemata a bordo, ma venne eliminata nel 1931, prima della definitiva consegna dell'unita alla Marina, principalmente per difficolta relative all'adozione del tipo di aereo da imbarcare.

Il Fieramosca, risulto quindi un'unità subacquea sovradimensionata in relazione all'armamento che effettivamente ebbe; le varie modifiche apportate influenzarono negativamente il progetto iniziale e la prevista velocità di 20 nodi non fu mai raggiunta; a questo bisogna aggiungere che il battello prendeva l'immersione con lentezza e difficoltà ed era poco manovriero sia in superficie sia in immersione.

Il Fieramosca ebbe inoltre, durante la sua vita, numerosi incidenti dipendenti dalle cause più svariate; molti di tali incidenti produssero anche ferimenti e danni all'equipaggio.

Il prototipo non venne pertanto più riprodotto e, per quanto riguarda i sommergibili di grande dislocamento, si rese necessario mettere allo studio altri progetti.


 

1941%20Smg%20Fieramosca%20-%20I%20Smgg.%

Disegno del battello nel 1941 tratto da "I sommergibili della II Guerra Mondiale" di E. Bagnasco - 1973 

 

Attività operativa

Ultimato il lungo periodo di prove di collaudo a Taranto, che imposero l’eliminazione di numerosi inconvenienti, l'unità, nel 1932, raggiunse La Spezia, sede della Prima Squadriglia della Prima Flottiglia alla quale il Fieramosca era stato assegnato.

L'attività del battello fu molto inferiore alla media fino al 1935, epoca in cui si rese necessario un lungo periodo di lavori presso i cantieri di costruzione. ll sommergibile venne quindi assegnato alla Seconda Squadriglia e, negli anni che precedettero il secondo conflitto mondiale, oltre al normale addestramento, effettuo anche due missioni speciali durante la guerra di Spagna della durata complessiva di 32 giomi, una crociera a Tripoli (1937) e una a Barcellona (1939).

Dopo lo scoppio della guerra compì nel giugno 1940, due missioni di cinque giomi ciascuna in Alto Tirreno; la seconda di esse venne interrotta in seguito ad esplosione intema che demolì le sistemazioni di alcuni locali e provocò il ferimento di dieci persone.

Rimesso in efficienza, venne escluso dal nucleo dei sommergibili operanti e nell'ottobre 1940 fu inviato alla costituenda Scuola Sommergibili di Pola ove rimase in attività per pochi mesi.


Piccola annotazione, nel libro del C.te Antonio De Giacomo " Sommergibili italiani nell'Atlantico" (vedi http://www.betasom.i...a...st&p=121275 ) parlando della scuola sommergibili tedesca di Gotenhafen (oggi Gdynia) al cap. V pag. 62 si parla del sommergibile Fieramosca il quale veniva definito "... il sempre claudicante Fieramosca detto Fieroguaio" a riprova della conosciute problematiche del battello.
Fu posto in disarmo nel marzo 1941.

Sommergibili%20italiani%20fra%20le%20due
Il sommergibile Fieramosca durante le prime uscite in mare tratto da "Sommergibili italiani fra le due Guerre Mondiali"
di A. Turrini - MariStat/UDAP - 1990, per g.c. Sergio Mariotti

5z4qv7.jpg

sgprph.jpg

fp0cq9.jpg
... dall'Almanacco navale del 1942.

flottasmg.jpg

24v4302.jpg

4q4jd0.jpg

29erouc.jpg


Modificata da magico_8/88, 18 gennaio 2018 - 05:59 .

Immagine inviataImmagine inviata Immagine inviata
O mar sempiterno, salute!
Sui gorghi
dell'equoreo tuo regno,
mi risfavillano i sogni
che bimbo sognai.


#2 magico_8/88

magico_8/88
  • Guardiamarina - MS*
  • 1509 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Pescara
  • Indirizzo Email Pubblico:giangi66it(NOSPAM)@yahoo.it

Inviato 12 novembre 2010 - 11:19

Dalla rilettura di un interessante articolo di Franco BARGONI, su "L'intervento navale italiano nella Guerra Civile Spagnola" - RID marzo 1985 - riporto in sintesi le operazioni "speciali" effettuate dal sommergibile Ettore Fieramosca in quel contesto:


ETTORE FIERAMOSCA - 2° Grupsom Napoli - Com. CC. Bartalesi (Uff. spagnolo TV. Cebreiro)

Partito da La Spezia il 21 dicembre 1936 - Zona d'agguato Valencia

Fu la prima missione di un nostro sommergibile effettuata con mare calmo nella zona d'agguato.

Inizio ben 12 manovre d'attacco a piroscafi in transito. Una sola di queste azioni fu portata a termine, senza nessun esito, lanciando, di notte in superficie, tre siluri da 533 mm. contro l'incrociatore Mendez Nunez cho entrava nel porto scortato da due cacciatorpediniere.

Rientro missione a La Spezia 5 Gennaio 1937.


Alla sua seconda missione, (partenza da La Spezia il 28 gennaio 1937), diretto alla zona d'agguato di Valencia, dopo poche ore di navigazione dovette interrompere la missione per una avaria.

Rientro missione a La Spezia 29 Gennaio 1937.


Riparata l'avaria, ripartì dalla Spezia il 2 Febbraio, diretto alla zona d'agguato di Barcellona. Nel corso della missione, effettuata con mare grosso, iniziò 13 manovre di attacco, tutte interrotte prima del lancio.

Effettuò inoltre due bombardamenti notturni:

I) 8 febbraio 1937 - Bombardamento contro la darsena Morot (porto di Barcellona) - Dopo avere sparato 10 granate da 120 mm. dovette sospendere il tiro per una avaria al sistema di percussione. Dopo il terzo colpo, porto e città si erano completamente oscurati, mentre da terra, con i proiettori, si cercava di individuare il sommergibile, ma senza nessun’altra reazione.

II) 9 febbraio 1937 - Effettuò un nuovo bombardamento della darsena Morot, sparando 35 granate da 120 mm. in 15 minuti. La città si oscurò fino dai primi colpi, mentre si accendevano alcuni proiettori, fra cui, sulla testata del molo, uno autotrasportato. Si ebbero anche tiri contro il battello, mal diretti e completamente inoffensivi, da parte di tre batterie terrestri. Uno dei colpi del sommergibile raggiunse la petroliera spagnola Zorrosa (4597 t.) appartenente alla Soc. CAMPSA, ormeggiata ad una banchina, danneggiandola non gravemente.

 

magico_8°/88


Modificata da magico_8/88, 18 gennaio 2018 - 06:02 .

"La sconfitta reclama ad alta voce perchè esige spiegazioni;
mentre la vittoria, come la carità , nasconde un gran numero di peccati."


Alfred T. Mahan

Studi_militari.jpgValorMarinaBronzo.gifStudi_militari.jpg

logo%20collaborazione.jpg

#3 F21

F21
  • Sottocapo
  • 296 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Pozzuoli
  • Interests:Storia, Aviazione, Marina, Esercito, Ferrovie, Campi Flegrei

Inviato 15 marzo 2014 - 04:29

Potrebbe trattarsi del Fieramosca?

2pr7gwi.jpg



Perché le due foto sono dello stesso periodo

63ufx0.jpg



#4 serservel

serservel
  • Tenente di Vascello - MS*
  • 5446 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Treviso
  • Interests:Storia, simulazione, Marina Militare Italiana, modellismo navale
  • Indirizzo Email Pubblico:cervellin.simone(at)gmail.com

Inviato 15 marzo 2014 - 05:50

Potrebbe trattarsi del Fieramosca?

 

63ufx0.jpg

 

Non sono un esperto, ma la foto in bianco e nero qui sotto (riportata nel post #1) e la tua sono uguali, quindi direi di sì!

Sommergibili%20italiani%20fra%20le%20due


Modificata da magico_8/88, 15 gennaio 2018 - 08:43 .

Serservel_BetasomSign_v12_zpsr2x6cyh2.pn


#5 F21

F21
  • Sottocapo
  • 296 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Pozzuoli
  • Interests:Storia, Aviazione, Marina, Esercito, Ferrovie, Campi Flegrei

Inviato 15 marzo 2014 - 06:51

Grazie Serservel.

Ammetto di non aver notato che si trattava della stessa foto (o meglio inquadratura) del sommergibile Fieramosca.

La mia Famiglia possiede questa foto (dietro è formato cartolina) da oltre 80 anni ed essa mi ha sempre incuriosito per via di quella freccia che indica mio zio Enrico Peluso ripreso a bordo del sommergibile.

Comunque la mia domanda tendeva a domandare se anche nella prima foto fosse ripreso il Fieramosca.

Grazie Peppe F21






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi