Vai al contenuto


Foto

Classe Settembrini (1928)


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 2 risposte

#1 sonar

sonar
  • Guardiamarina
  • 1857 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Cinquefrondi (R.C.)

Inviato 28 febbraio 2007 - 08:42

Sommergibili classe " Settembrini "


Immagine inviata
da "I sommergibili italiani" di Paolo M. Pollina - USMM - 1963, per g.c. Sergio Mariotti


Catteristiche generali della classe " Settembrini ":

Tipo: sommergibile di media crociera

Dislocamento:
- in superficie: 953,5 t
- in immersione: 1.153,3 t
Dimesioni:
- Lunghezza: 67,50 m
- Larghezza: 6,60 m
- Immersione: 4,00 m
Apparato motore superficie: 2 motori Diesel Tosi, 2 eliche
- Potenza: 3.000 cv
- Velocita max. in superficie: 18,0 nodi
- Autonomia in superficie: 3.700 miglia a 12,5 nodi - 5.500 miglia a 8,0 nodi - 9.000 miglia a 8,0 nodi(in sovraccarico)
Apparato motore immersione: 2 motori elettrici di propulsione Ansaldo
- Potenza: 1.300 cv
- Velocita max: 8,0 nodi
- Autonomia in immersione: 7,0 miglia a 8,0 nodi - 100 miglia a 3,0 nodi
Armamento:
- 4 tls AV da 533 mm, 6 siluri da 533 mm
- 4 tls AD da 533 mm, 6 siluri da 533 mm
- 1 cannone da 102/35 mm (200 proiettili)
- 2 mitragliatrici 13.2 singole (6000 colpi)
Equipaggio: 6 ufficiali, 50 tra sottufficiali e marinai
Profondità di collaudo: 100 m

Immagine inviata
da "I sommergibili italiani" di Paolo M. Pollina - USMM - 1963, per g.c. Sergio Mariotti


Unità della classe " Settembrini ":

Regio sommergibile Luigi SETTEMBRINI
Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 16.04.1928, Varo: 28.09.1930, Consegna: 25.01.1932, Affondato: 15 novembre 1944,Radiazione: 18.10.1946

Regio sommergibile Ruggiero SETTIMO
Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 16.04.1928, Varo: 29.03.1931, Consegna: 25.04.1932, Radiazione: 01.02.1948

Generalità di classe
Queste unità derivarono dalla classe "Mameli" (vedi classe "Mameli") della quale mantennero le caratteristiche di scafo del tipo "Cavallini". Un sensibile aumento del dislocamento e delle dimensioni principali inserì questa classe al confine fra le unità "Cavallini" di medio dislocamento e quelle che seguirono nel tempo e che appartennero tutte a quella del massimo tonnellaggio.
Rispetto alla classe "Mameli" i "Settembrini" ebbero forme di scafo piu affinate; poterono così superare la velocità delle unità precedenti nonostante l'aumento del dislocamento, e senza che fosse necessario aumentare la loro potenza motrice.
Nel campo dell'armamento, i "Settembrini" furono dotati di quattro tubi lanciasiluri poppieri anziché di due, e di un numero di mitragliere maggiore dei tipi "Mameli". Anche l'autonomia segnò un sensibile incremento e, in determinati limiti, poteva essere anche considerata sufficiente all'impiego delle unità fuori degli Stretti. Se queste unità non furono inviate in Oceano durante la guerra lo si dovette alla loro età ormai avanzata più che alla non buona attitudine a sostenere il mare in prora riscontrata durante i primi anni di esercizio.
Durante la loro dislocazione in Mar Rosso i "Settembrini" fornirono buona prova svolgendo un intensa attività nella stagione che imponeva il maggior rischio agli uomini ed ai materiali.

Attività di classe
Le unità entrarono nel 1933 a far parte dell'Ottava Squadriglia insieme con Salpa e Serpente; nel febbraio Settimo e Settembrini iniziarono una lunga crociera di resistenza in Mar Rosso spingendosi fino ad Aden e rientrando a Taranto nell'aprile dopo aver fornito ottima prova delle loro qualità.
Nel 1934 furono aggregati alla squadriglia due unità posamine di nuova costruzione; il Settimo effettuò in quell'anno una crociera addestrativi nel Mediterraneo occidentale toccando le Baleari e alcuni porti della Spagna.
Nell'estate del 1935 Settembrini e Settimo furono nuovamente inviati in Mar Rosso ove rimasero circa un anno disimpegnando logorante servizio riconosciuto meritevole di specifico elogio ministeriale al loro rientro in Patria.
Durante la guerra di Spagna, nel 1936-37, le due unità effettuarono ciascuna due missioni speciali della durata complessiva di 37 giorni.
Nel 1937 le unità furono per sei mesi dislocate fuori dalle acque metro-politane suddividendo mediamente la loro permanenza fra Tobruk e Lero.
Nel quadro della generale riorganizzazione dei sommergibili, nel 1938 le due unità furono assegnate alla 41^ (poi 42^) Squadriglia, costituita con tutte unità del tipo "Cavallini" sempre con base a Taranto.
Settimo e Settembrini nel 1939 furono destinati alla Scuola Comando (Augusta) ove rimasero fino allo scoppio del secondo conflitto mondiale; dopo i tre primi mesi di guerra entrarono a far parte del Gruppo sommergibili di Messina.

Modificata da magico_8°/88, 18 gennaio 2011 - 09:17 .

Immagine inviataImmagine inviata Immagine inviata
O mar sempiterno, salute!
Sui gorghi
dell'equoreo tuo regno,
mi risfavillano i sogni
che bimbo sognai.


#2 Totiano

Totiano
  • Membro Consiglio Direttivo - MS*
  • 20216 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Ravenna

Inviato 15 dicembre 2009 - 02:09

Regio sommergibile Luigi SETTEMBRINI
motto:Sopra ogni cosa la Patria



Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 16 aprile 1928
Varo: 28 settembre 1930
Consegnato : 25 gennaio 1932
Affondato: 15 novembre 1944
Radiazione: 18 ottobre 1946

Attività operativa
Effettuò la prima missione di guerra, un agguato antisom protettivo, il 21 giugno 1940 nel golfo di Taranto. Nel successivo mese di luglio effettuò la sua prima missione offensiva a levante di Capo Passero senza venire in contatto con unità nemiche. Nel periodo 7-16 agosto 1940 il Settembrini, al comando del C.C. Bardi, pattugliava una zona a ponente del Canale di Cerigotto. Nelle prime ore del 7 agosto, mentre navigava in superficie, avvistò due cacciatorpediniere nemici. Si portò prontamente all'attacco dapprima in superficie per accorciare le distanze e successivamente in immersione: riuscì a lanciare un siluro che tuttavia fallì il bersaglio per la pronta manovra delle unità nemiche. II 24 dicembre 1940, in agguato al largo di Derna, avvistò un sommergibile nemico contro il quale lanciò un siluro che non raggiunse il bersaglio. Il mattino del 23 aprile 1941, sempre al comando del C.C. Bardi, mentre pattugliava una zona di mare al largo del golfo di Sollum, avvistò un incrociatore della classe «Leander» fortemente scortato. Il Settembrini si portò all'attacco e lanciò due siluri che non colpirono il bersaglio. Subito dopo fu sottoposto a caccia antisom senza tuttavia subire avarie. Durante una successiva missione al largo di Tobruch nel luglio 1941, il giorno 10 avvistò due motoscafi antisom. Ingaggiò un violento duello con il cannone e le mitragliere e costrinse le due unità avversarie ad allontanarsi visibilmente danneggiate. Il mattino del 13 lanciò un siluro contro un cacciatorpediniere senza colpire, il 15 attaccò con le artiglierie due motoscafi antisom danneggiandoli. Infine nella notte del 16 luglio 1941 attaccò ed affondò con il siluro ed il cannone una motocisterna di 7.000 t.s.l. Nell'ottobre 1942 fu inviato alla scuola sommergibili di Pola dove rimase per un paio di mesi. Nel mese di dicembre
1942 il Settembrini effettuò due missioni di trasporto materiali strategici in Africa Settentrionale. Il 10 e il 25 dicembre 1942 sbarcò a Tripoli complessivamente 85,7 tonnellate di munizioni. Nella primavera del 1943 il Settembrini fu inviato nuovamente alla scuola sommergibili di Pola dove rimase fino a luglio 1943. L'8 settembre 1943 il battello era in mare in missione offensiva: raggiunse, secondo gli ordini ricevuti, Augusta e quindi Malta ed infine Taranto. Dall'inizio della guerra fino all'armistizio il Settembrini aveva effettuato 31 missioni e percorso 21.780 miglia. A Taranto fu sottoposto ad un turno di grandi lavori per essere successivamente inviato alle Bermude come unità addestrativa per le navi antisom statunitensi. Durante la navigazione di trasferimento, il 15 novembre 1944, per errore di manovra, fu speronato dal cacciatorpediniere statunitense Frament nell'Atlantico occidentale. Il battello affondò portando con sé gran parte dell'equipaggio.


Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata
Il sommergibile Settembrini durante la guerra con la sola falsatorre mimetizata con disegni non a "norma".
(da Sommergibili italiani - A. Turrini O.O. Miozzi - USMM - 1999)

Modificata da magico_8°/88, 18 gennaio 2011 - 11:23 .


#3 magico_8°/88

magico_8°/88
  • Guardiamarina - MS*
  • 1419 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Pescara
  • Indirizzo Email Pubblico:giangi66it(NOSPAM)@yahoo.it

Inviato 17 gennaio 2011 - 05:33

Regio sommergibile Ruggiero SETTIMO
motto:Qualunque sacrificio non mi sgomenta



Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 16 aprile 1928
Varo: 29 marzo 1931
Consegnato : 25 giugno 1932
Radiazione: 1 febbraio 1948

Attività operativa
Entrato in guerra al comando del tenente di vascello Giovanni Cantù, operò nelle acque a nord di Creta per il controllo e l'intercettazione del traffico avversario diretto a La Canea.
Il mattino del 12 luglio 1940, in una missione al largo cli Capo Passero, mentre era in navigazione in superficie per rientrare a Augusta, fu attaccato cla un aereo "Sunderland" con lancio di bombe che colpirono il battello nella parte poppiera causando lievi danni.
Passato al comando del capitano di corvetta Mario Spano il Settimo che la sera del 7 dicembre aveva sbarcato a Derna un carico di viveri, in rotta di rientro avvistò, il mattino dell'8, una sezione di cacciatorpediniere naviganti in linea di fila, contro i quali lanciò clue siluri che però non colpirono il bersaglio.
Dopo aver portate a termine 7 missioni di trasporto materiali in porti libici, sbarcando 146,4 t di rifornimenti. tra cui 136,4 t di munizionamento e 9,6 t di viveri, il 5 marzo 1943 il Settimo fu inviato ad operare presso Mariscuolasom, a Pola, da dove, fino all'8 settembre dello stesso anno, effettuò 93 uscite addestrative.
Dal 10 giugno 1940 all'8 settembre 1943, compì 17 missioni esplorative e di agguato offensivo e 14 di trasferimento tra porti nazionali, dense d'incontri con forze avversarie che portarono numerose volte al lancio di siluri e all'uso delle artiglierie di bordo, ma che non furono coronate da accertati successi.
All'atto dell'armistizio, in ottemperanza agli ordini ricevuti, l'unità salpò da Pola e, dopo una breve sosta ad Ancona, si trasferì a Taranto dove rimase tino al termine del conflitto, impiegata in esercitazioni ecogoniometriche antisom con unità di superficie e per l'addestramento degli allievi di Mariscuolasom. Successivamente venne radiata nel 1948 e di seguito demolita

Immagine inviata
altre foto e aneddoti a questo LINK

Immagine inviata
Il sommergibile Ruggero Settimo fotografato in Mar Piccolo a Taranto.

Immagine inviata
Il sommergibile Ruggero Settimo durante la guerra con la falsatorre modificata di tipo "tedesca" e la nuova livrea mimetica.
(da Sommergibili italiani - A. Turrini O.O. Miozzi - USMM - 1999)

alcune foto di Ennio Bartoli, imbarcato sul Settimo, sul Fratelli Bandiera e sul Corridoni al link
http://www.betasom.i...w...c=33812&hl=

Modificata da magico_8°/88, 18 ottobre 2011 - 05:22 .

"La sconfitta reclama ad alta voce perchè esige spiegazioni;
mentre la vittoria, come la carità , nasconde un gran numero di peccati."


Alfred T. Mahan

Studi_militari.jpg ValorMarinaBronzo.gif Studi_militari.jpg

logo%20collaborazione.jpg sanmarcoh.jpg





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi