Jump to content
Sign in to follow this  
enzo47

Un Corpo Sul Fondo

Recommended Posts

edit Totiano: per maggiore facilita di consultazione ho copiato i dati del libro dalla recensione di GM Andrea in data 5 febbraio, che ritroverete quindi anche dopo qualche post

 

 

Titolo: Un corpo sul fondo

Autore: Pietro SPIRITO

Casa editrice: Guanda

Anno di edizione: 2007

Pagine: 237

Dimensioni: 21x14

Prezzo: euro 14,00

Reperibilita : facile

 

 

 

 

corponh8.jpg

 

 

 

 

Sul Piccolo di Trieste di Mercoledi 24 Gennaio 2007. medusa11mt.jpg

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il libro dovrebbe raccontare la storia del Medusa silurato durante il suo rientro in porto a Pola dopo un’esercitazione e i tentativi dei palombari per salvare i quattordici marinai intrappolati vivi sul fondo. D' oscuri complotti, di gente che ha voluto lasciar morire i sommergibilisti Italiani.

In pratica è la storia che racconta un certo Domenico C. un vecchio reduce della X Mas

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un mio concittadino all'epoca frequentava le Scuole Somm. a Pola, e partecipò sui pontoni ai vani tentativi di salvataggio...

 

GM Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sto leggendo il volume di Spirito...intanto ecco un'intervista radiofonica all'Autore

 

GM Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto ecco il testo di un trafiletto apparso oggi sul "Foglio". E' la giornaliera "Preghiera" di Camillo Langone. Da leggersi appunto come una preghiera:

 

Che Pietro Spirito, un casertano a Trieste, venga ricompensato per la pieta  mostrata verso i defunti in "Un corpo sul fondo" (Guanda), avvolgente romanzo-verita che ricorda Javier Cercas e Leonardo Sciascia ma anche Francois Truffaut ("La camera verde"). Indagine senza commissario e inchiesta senza risultato in una Italia senza Italia, l'Istria.

Ricompensato come? Col famoso "centuplo quaggi: un congruo numero di copie vendute, una bella trasposizione televisiva e mille immersioni fra Duino e Pola senza mai incontrare meduse urticanti ma solo magnifiche sirene.

 

GM Andrea

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Titolo: Un corpo sul fondo

Autore: Pietro SPIRITO

Casa editrice: Guanda

Anno di edizione: 2007

Pagine: 237

Dimensioni: 21x14

Prezzo: euro 14,00

Reperibilita: facile

 

Recensione:

 

Alla fine del gennaio '42 il Smg. Medusa, in addestramento fuori Pola, venne affondato da un battello inglese. I soccorsi non servirono a salvare i pochi sopravvissuti nei locali di poppa.

Sessant'anni dopo la vicenda e i suoi misteri sono oggetto delle ricerche di un giornalista (l'Autore) spronato da un vecchio reduce.

Alla fine non si scopriranno grandi segreti; la ricerca interiore, nel significato della parola "memoria".

Inconsueto.

 

Per un recensione giornalistica si veda qui

 

 

 

corponh8.jpg

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Kashin

Dalla recensione deve essere interessante ,suggerito poi da un reduce.....edizione 2007...fresco di stampa quindi ??

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest auc65

Ho finito di leggerlo ieri sera: indubbiamente avvincente anche se con qualche "filosofeggiamento" di troppo per i miei gusti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dispaccio: Recensione del libro UN CORPO SUL FONDO di Pietro Spirito

 

per uno come me che non legge mai, e' durato 4 giorni, e mi ha portato a fantasticare negli abissi dell' Alto Adriatico.

 

 

Anche meno di 4 giorni... :smile:

E' bello, si legge d' un fiato, mi piace il tono autoironico del giornalista ( indeciso se interessarsi al problema della "gattara" che protesta sulle deiezioni canine o su un bandolo improbabile di un reduce della XMAS con pannolone, e così via).

Che lo studio storico e l' approfondimento di fonti e ricerche ci siano, è lampante.

Che sia un testo di riferimenti storicamente validi, idem. Che parecchi dei personaggi siano veri, è evidente.

Ma allora perché, santiddio, parlare delle tette dell' "assistente sociale"? (mai conosciuta un'assistente sociale con tanto tempo libero da dedicare a pazienti , per intenderci) o roba del genere? Ed altro? Insomma, perché queste deviazioni?

E' dai tempi di Boccaccio che la "cornice" non piace ( chi di voi la legge?) eppure siamo ancora soggetti ai voleri editoriali...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,302
    • Total Posts
      510,405
×