Jump to content

la fine dei guerrieri


Totiano

Recommended Posts

Da Vinci, Marconi e Di Cossato sono nomi che hanno tracciato la storia del sommrgibilismo italiano durante l'ultimo conflitto mondiale e i loro nomi sono stati reimpiegati diverse volte negli ultimi 70 anni, fino ad arrivare alla classe Sauro 1 e 2 serie. Per questi battelli che sono stati fulcro della componente fino all'arrivo dei Todaro sono state ipotizzate molte valorizzazioni. 

La Spezia si era per longo tempo concentrata sul Da Vinci poi, passato il 5 centenario del grande scienziato, ha cercato di musealizzare in varie sedi il Marconi, sempre senza esito.

Taranto aveva seriamente ipotizzato il Marconi musealizzato nella parte storica del suo Arsenale.

Salerno ( O Catanzaro, Bob Napp ricorda meglio) aveva ormai consolidato un battello nel loro museo del mare

anche a Ravenna c'è chi ha combattuto per portare il Da Vinci (Legato alla Romagna con Longanesi Cattani) a museo, prima tutto intero e poi anche solamente le vele di Da Vinci e Marconi. 

 

Alla fine tutto è sfumato e quelle care lamiere, intrise di ricordi che ne forgiano l'anima, saranno imbarcate a loro volta su una nave che li porterà ad Aliaga (Turchia), loro ultima destinazione, per essere smantellati. ecco le ultime foto in banchina, a breve l'imbarco sulla  Seaway Albatross, "lifter" operata dal gruppo britannico Seaway7, per l'ultimo viaggio.

Le foto provengono d Facebook e dovrebbero essere di Alessandro Achille Burla 

 

dv1.jpg

dv2.jpg

dv3.jpg

dv4.jpg

Link to comment
Share on other sites

 

Magra soddisfazione... Non credo che i vertici della Marina lo vedano come un segnale divino da rispettare a scanso di piaghe d'Egitto tipo cavallette o acque rosse!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Certo che no, ormai sono proprietà della raggruppamento dite che li demolirà ma, per chi crede che i battelli abbiano un anima, piace pensare queste cose, giusto Fabio?

Link to comment
Share on other sites

Non so se qualcuno ha letto il libro di Valerio Massimo Manfredi “Il mio nome è nessuno – il ritorno”

C’ è una frase che rappresenta bene quello che sta accadendo ai nostri guerrieri: “Le navi hanno un’anima e una voce, e quando affondano salutano con un ultimo gemito straziante il loro comandante, prima di morire.”

Il Marconi non sta affondando ma è consapevole della morte che lo attende in modo così spietato.

Forse ha cercato nel Vento e nel Mare due fedeli compagni per rendere il suo destino meno sofferto.

Lo so, le mie sono solo romanticherie, ma a me, come a Totiano, piace pensarle queste cose, e tutta questa triste storia mi ha fatto tornare in mente il commovente film di De Robertis “I fantasmi del mare”

Fantasmidelmare.jpg.f9d808cafafa53b45a07182e05e4f21c.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Perbacco! altro che un'anima! Ci parlavamo col battello ed avevamo la sicurezza che ci rispondeva!

A novembre, grazie a te, rivedere il mio Dandolo e ritoccarlo mi ha scatenato sensazioni che solo noi sommergibilisti possiamo provare e soprattutto capire, chi non ha vissuto queste situazioni ci prenderà per matti ma per fortuna per noi è così. Per orgoglio e per fortuna!

A settembre, per una rimpatriata col Comandante Pagnottella ed altri del mio equipaggio, ho dormito una notte in un b&b a Spezia proprio dietro la nostra Bastianini ed ho visto bene i tre scafi abbandonati, una gran tristezza, come le foto del Bagnolini che abbiamo visto dalla Turchia.

Purtroppo funziona così, occorre "mettersi in tasca" i sentimentalismi e guardare avanti.

Lucio Dalla recitava: "hai davanti una canzone nuova e una città per cantare", vedremo altri battelli, qualcuno più fortunato li vivrà, certo non avranno lo stesso peso del Nostro battello!

 

20230923_085854.thumb.jpg.036d02b8bf1ef139689a2533cedc47c2.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Oggi hanno completato l'imbarco dei tre battelli. ovvero Di Cossato Marconi e Da Vinci. Domani partiranno per l'ultima destinazione, Aliaga (Turchia) per essere smantellati. Ad ognuno è legato un pezzo, piu o meno lungo, della mia vita. Il Di Cossato era il battello che mi ospitava durante il corso a Scuola Sommergibili, il Da Vinci mi ha visto prima come sottordine e poi direttore dal 1995 al 2000 mentre il Marconi mi ha ospitato peri 4 meravigliosi mesi in Nord Europa per il BOST e, anche se all'ultimo minuto annullarono la sosta a Bordeaux è impossibile non ricordare quel bellissimo periodo. Ecco le foto degli imbarchi, un po arrivate dagli amici un po scaricate da Facebook...

436449671_934935641968501_5535455788491478883_n.jpg

436368317_934668468661885_9096912003620277068_n.jpg

436329769_934935521968513_1927710655526213524_n.jpg

436315548_933849555410443_5216668400637317013_n.jpg

436313100_934935498635182_8259676801245190824_n.jpg

436297760_933798232082242_7440057773522595050_n.jpg

436206167_934240268704705_1427276506982466663_n.jpg

436205864_934935588635173_1494391763712797250_n.jpg

436197541_934935755301823_198799894845138538_n.jpg

436108793_934669725328426_848629803283214559_n.jpg

436036315_933753678753364_1913757210679173859_n.jpg

435993645_934669835328415_7482322335665166645_n.jpg

435981280_934935685301830_6940918978519176099_n.jpg

435977633_934669775328421_5922925537886015618_n.jpg

435961502_934669858661746_2272208552288610881_n.jpg

435942015_934935708635161_273487775897442823_n.jpg

435926010_933749198753812_8540508024876749946_n.jpg

435924874_934236002038465_1405452682471515823_n.jpg

435922699_933754265419972_7695592708864914246_n.jpg

435920369_934668448661887_8031400543819785091_n.jpg

435913732_933798355415563_4386924482829567138_n.jpg

435909056_933753508753381_6893256547657099372_n.jpg

435905038_933798482082217_535933935807487262_n.jpg

435904356_933849898743742_4367215926940626582_n.jpg

435739928_933753588753373_5859654699023448425_n.jpg

435094046_934245985370800_2275861852184440755_n.jpg

435094046_934245985370800_2275861852184440755_n (1).jpg

435078256_933754845419914_981667958733662265_n.jpg

435003019_933849495410449_670195096734447673_n.jpg

434837403_933757952086270_86823591824744426_n.jpg

434834198_933753272086738_5258105979538386406_n.jpg

434736991_933798438748888_2575345564402479583_n.jpg

436784488_934662365329162_5261187058971594654_n.jpg

436753753_934240858704646_6627818906015543856_n.jpg

436815509_934669698661762_7510982377587104147_n.jpg

436960637_934935558635176_3566375555229214424_n.jpg

Link to comment
Share on other sites

Che scempio!!!!!!😪🤬  Una domanda per @Totiano che è sicuramente più addentrato di me: ma perché smantellamento in Turchia? Regole meno ferree sugli smaltimenti? Manodopera meno cara? Il ricavo del metallo recuperato penso sia uguale, dov'è il guadagno? vengono venduti al cantiere di demolizione?

Link to comment
Share on other sites

la gara che fa il ministero è al miglior offerente (con alcune clausole tra cui obbligo di demolizione e di non vendere ad altri).

La manodopera in Turchia ha un costo minore (ho qualche idea sul perche ma preferirei non sbilanciarmi) e chi vince queste gare è, in genere, un consorzio di imprese che si occupa di trasporto, demolizione e vendita dei materiali pregiati (ricordiamoci che anche il rame abbonda, a bordo) e la Turchia è affamata di materie prime.

Non che l'Italia non lo sia ma gli tentativi fatti in Arsenale a Spezia (Alpino e Carabiniere) o l'idea di Piombino sono miseramente falliti, purtroppo 

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo la spiegazione è assai semplice: 

...Ad oggi sono i cantieri in Asia a fornire il prezzo migliore: i cantieri in Turchia riescono a pagare circa 325 dollari per tonnellata, mentre Pakistan e India si aggirano intorno ai 525 dollari per tonnellata. Il Bangladesh è attualmente il porto più conveniente, con navi che vengono acquistate a circa 600 dollari a tonnellata. Il totale, per navi da cargo medio grandi, può facilmente arrivare a 5-10 milioni di dollari.

I prezzi dipendono dalla domanda in loco delle aziende siderurgiche, che comprano rottami per la fabbricazione di nuovo acciaio, ma anche dalle condizioni di lavoro nei cantieri di demolizione. Rinunciando, infatti, a una serie di precauzioni, attrezzature e diritti per i lavoratori, le compagnie di smantellamento asiatiche riescono a garantire prezzi più che competitivi. Non c’è da stupirsi quindi se i proprietari delle navi scelgono i cantieri asiatici rispetto ai corrispettivi europei, i cui prezzi variano dai 50 ai 150 euro a tonnellata, avendo spese molto più alte.

https://irpimedia.irpi.eu/ereditadellamianto-ultimo-viaggio-rottami-navi-inquinamento-e-salute/

Riguardo ai costi di demolizione, agli standard di lavoro, sicurezza personale e ambientale, è arcinoto che la situazione è quella ben illustrata nell'articolo leggibile al seguente link:

https://www.ilpost.it/2021/02/28/demolizione-navale-mercato-cantieri/

 
Edited by danilo43
Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...

Con grande amarezza aggiungo delle notizie a questo argomento. Da tempo tenevo d'occhio i cantieri di Aliaga (Turchia), in questi giorni hanno aggiornato l'immagine. Le inserisco senza commenti...............

 

IMG-20240624-WA0002.thumb.jpg.c73ecca4c7a45b0c793e54b0da125abf.jpgIMG-20240624-WA0004.thumb.jpg.a0bcc87837279b2d3946dd640641d038.jpgIMG-20240624-WA0006.thumb.jpg.400ca593d7fc972eff79c07df14db0ee.jpg

Link to comment
Share on other sites

Si, tanta tristezza e rimpianti. il mio Bersagliere hanno iniziato a demolirlo mentre una delle maestrale è affondata di poppa. a dir la verita anche il sauro piu in alto nella foto  mi sembra molto appoppato ma forse è solo una impressione...

Grazie Fabio 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522.3k
×
×
  • Create New...