Jump to content

Servizio Sanitario E Medici A Betasom


LucaLazzarini

Recommended Posts

Senz'altro la Base era dotata di un servizio sanitario, con a capo un Ufficiale medico.

In serata potrà essere più preciso con nomi e cognomi

Link to comment
Share on other sites

Ti fornisco per ora queste prime informazioni, limitate all'8 settembre 1943:

 

Maggiore Medico Giulio Crucillà - Capo Servizio Sanitario - da 25.08.1940 a 01.03.1941

Maggiore Medico Mario Meoni - Capo Servizio Sanitario - da 02.03.1941 a 05.08.1942

Maggiore Medico Giuseppe Castellani - Capo Servizio Sanitario - da 06.08.1942 a 08.09.1943

 

....La normale assistenza sanitaria veniva assicurata da un'infermeria con 24 letti, ubicata sul De Grasse.

I malati gravi potevano essere ricoverati nei due ospedali militari della città.

 

da: La Marina nella seconda guerra mondiale -I Sommergibili negli oceani - Volume XII - USMM 1976

Link to comment
Share on other sites

Danilo mi ha preceduto!

Aggiungo qualche particolare sui tre capiservizio medici betasomiani.

 

Giulio Crucillà (1899-1946), mantovano, entrò in Marina nel 1926 come Tenente in SPE. Nel giugno/agosto 1940 fu Capo Servizio Sanitario sul Bolzano (croce di guerra al v.m. per Punta Stilo). Dopo la parentesi della destinazione a Betasom - di cui curò i primi approntamenti sanitari, come ricorda Aldo Cocchia in Convogli - fu destinato al Cavour.

 

Su Mario Meoni, classe 1906, non ho trovato notizie significative, eccezion fatta per una precedente destinazione a Massaua.

 

Idem per Giuseppe Castellani, da Malo (Vicenza), che a Bordeaux si meritò una croce di guerra al v.m. per il suo comportamento sotto un bombardamento il 15.07.1943.

 

Fra gli altri Ufficiali medici destinati a Betasom ricordo il tisiologo e radiologo maggiore Roberto Lo Schiavo, a Bordeaux nel 1941-1942, croce di guerra al v.m. per aver preso parte a una missione sul Finzi. In seguito fu Capo Servizio della Base di Napoli

 

Pure il capitano Antonio Di Maggio prese parte ad alcune missioni, fra cui quella di soccorso ai naufraghi di Atlantis e Python (come ricorda Maronari).

 

Il capitano Dante Enea, cardiologo, a Bordeaux nel 1942-43, già imbarcato sulla nave ospedale Arno sulla quale si guadagnò una croce di guerra.

 

Il tenente medico di complemente Giuseppe Denaro, a Betasom nel 1942-44, meritò una croce di guerra nella stessa occasione di Castellani.

Link to comment
Share on other sites

Ti fornisco per ora queste prime informazioni, limitate all'8 settembre 1943:

 

Maggiore Medico Giulio Crucillà - Capo Servizio Sanitario - da 25.08.1940 a 01.03.1941

Maggiore Medico Mario Meoni - Capo Servizio Sanitario - da 02.03.1941 a 05.08.1942

Maggiore Medico Giuseppe Castellani - Capo Servizio Sanitario - da 06.08.1942 a 08.09.1943

 

....La normale assistenza sanitaria veniva assicurata da un'infermeria con 24 letti, ubicata sul De Grasse.

I malati gravi potevano essere ricoverati nei due ospedali militari della città.

 

da: La Marina nella seconda guerra mondiale -I Sommergibili negli oceani - Volume XII - USMM 1976

In effetti il De Grasse venne utilizzato solo all'inizio. Dopo il bombardamento del dicembre 1940 venne riorganizzata la base: l'infermeria venne dislocata all'inizio del lungo edificio sul lato sud del bacino n. 1. Inoltre, sulla strada per Gradignan, c'era l'ospedale militare di Talence assegnato alla Kriegsmarine a cui si appoggiavano gli italiani (veniva chiamato Marinelazaret e risaliva alla 1GM)

Link to comment
Share on other sites

In effetti il De Grasse venne utilizzato solo all'inizio. Dopo il bombardamento del dicembre 1940 venne riorganizzata la base: l'infermeria venne dislocata all'inizio del lungo edificio sul lato sud del bacino n. 1. Inoltre, sulla strada per Gradignan, c'era l'ospedale militare di Talence assegnato alla Kriegsmarine a cui si appoggiavano gli italiani (veniva chiamato Marinelazaret e risaliva alla 1GM)

http://bordeaux3945.forumaquitaine.com/t729-livret-18-quand-l-hopital-robert-picque-etait-kriegslazarett-bordeaux

Link to comment
Share on other sites

Di Mario Meoni ho trovato che ricevette l'onorificenza di cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia.

 

Sono deliziato di sapere che a Bordeaux operò un medico mio conterraneo, vicentino.

Ringrazio tutti i forumisti che hanno risposto finora e quelli che lo faranno.

Link to comment
Share on other sites

  • 6 years later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44.9k
    • Total Posts
      521.4k
×
×
  • Create New...