Jump to content

Riportiamo A Casa I Ragazzi Del San Marco...


Totiano

Recommended Posts

Credo di avere capito che i "contractors" siano "mercenari";

in questo caso, i mercenari e l'impiego di mercenari sono vietati dalla legge italiana.

A meno che non si parli di GpG (quelli volgarmente e impropriamente detti "Vigilantes"); in questo caso si apre un capitolo a parte ma sempre italiani sono, non diversamente dai militari.

saluti, gbn

 

 

Certo, ma in caso che (speriamo di no) le prove balistiche confermino che a sparare siano state le armi dei nostri Marò, se non erro la legge indiana prevede la pena di morte o sbaglio? E a quel punto....cosa si fà?

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 2.2k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Guest giovannibandenere

Appunto: che si fa ..?

 

(Indipendentemente da ciò, militari, GpG, o mercenari che siano, da un certo punto di vista non ci cambia la situazione, sempre una brutta fine fanno)

 

Ti saluto con un "mannaggia !!" detto in generale; gbn

Link to comment
Share on other sites

Guest giovannibandenere

Ps:

In caso di sentenza di colplevolezza, speriamo che anche loro distinguano tra omicidio premeditato, volontario e colposo; speriamo che passi il colposo, il volontario è un pò peggio ma non è da ... ri-mannaggia !

gbn

Link to comment
Share on other sites

Mi riallaccio a ciò che dice il Comandante De Domenico,

fatta la fesseria di mandare la nave in porto, far scendere i due Marò, facendogli perdere quella cosa più che santa che è la Extraterritotialità,

perchè una nave o un'aereo civile della compagnia di bandiera, rappresentano a tutti gli effetti, un pezzetto di nazione, vedasi la cattura di Eichmann in Argentina, egli fu dichiarato in arresto quando salì a bordo di ciò che rappresentava lo stato di Israele.

Ritornando a noi, il Ministero difesa a detto chiaramente che l'ordine non è partito da loro, ma anzi era stato comunicato di continuare a stare al largo e di procedere per la propria rotta,

dal Ministero degli Esteri dopo un pò di contraddizioni, sembra che l'ordine famoso non sia stato dato.

A questo punto mi viene da farmi una picola domanda:

"Ma l'ordine di entrare in acque indiane e poi di ormeggiarsi in un porto Indiano, e ciliegina sulla torta di far sbarcare i due Marò, :s67: mannaggia li pescetti ecc.....

 

CHI L'HA DATO?

 

Mi piacerebbe saperlo, sperando che non faccia la fine di uno dei tanti misteri insoluti della nostra Italia.

Ad ogni modo secondo me, premetto che non me ne intendo, potevamo fare qualsiasi cosa per non arrivare a questo, dall'intervento armato puro e semplice, ad azioni Diplomatiche molto più incisive sin da subito, per fare capire bene e a lettere cubitali ai signori BRIC (Brasile-India-Cina) che questa nazione non è quella che viene dipinta all'estero, come mangiatori di spaghetti e suonatori di mandolino,

ma che abbiamo coraggio e gli uomini adatti, la forza del diritto internazionale e che loro non possono fare ciò che vogliono.

Scusate tanto, spero di non essere andato fuori del seminato, se l'ho fatto non me ne sono neanche accorto.

 

Un saluto

 

Fassio :s67: :s67:

Link to comment
Share on other sites

"Ma l'ordine di entrare in acque indiane e poi di ormeggiarsi in un porto Indiano, e ciliegina sulla torta di far sbarcare i due Marò, :s67: mannaggia li pescetti ecc.....

 

CHI L'HA DATO?

 

Ne abbiamo parlato quale post fa. Dalle notize riportate dalle agenzie, sembra che i militari della CP indiana abbia convinto il comandante della nave italiana ad attraccare al porto er poter fare un riconoscimento sulla presunta imbarcazione pirata.

Ovviamente era solo un espediente per fare entrare le nave in acque territoriali. Gli stessi militari indiani sono stati elogiati e trattati come eroi per la loro sagacia nell'ingannare il comandante italiano.

 

Vorrei poter recuperare le varie fonti, cercherò di farlo appena ho più tempo.

Link to comment
Share on other sites

Grazie Serversel,

strada facendo mi sono perso qualche cosa.

Di nuovo grazie, non ammattire lascia stare, non cercare niente, mi basta ciò che mi hai detto.

 

Un saluto

 

Fassio :s67:

Link to comment
Share on other sites

Come ho già scritto all'inizio, l'atteggiamento dei BRIC (e in particolare di Brasile, India e Cina) è sempre di grande arroganza verso la vecchia Europa. Vedere anche l'Argentina (e il Brasile) sulle Falkland. Vedere il caso Battisti: abbiamo alzato la voce, e il risultato è stato lo scherno pubblico. Nel caso dell'India, una volta fatta la ca...ta (di far entrare in porto la nave) rimediare è assai difficile, perché quelli hanno il coltello dalla parte del manico: alzare la voce servirebbe a poco. Il problema è riportarli indietro, non "riprendere il posto che ci spetta nel mondo" (quale?). In questi tre mesi abbiamo recuperato prestigio e status in Europa, in Nordamerica, ma i BRIC sono un'altra storia (a parte Putin, naturalmente)...

Quoto.

... ma soprattutto condivido la ragionevolezza ed il buon senso.

Grazie, Francesco.

Link to comment
Share on other sites

mi permetto un paio di commenti su quanto scritto dai Comandanti più sopra.

 

- Contractors: in realtà si potrebbe anche fare. La dizione 'mercenario' è giornalistico-dispregiativa, ma in fondo non cambia granchè dall'istituto, gia regolamentato, delle Guardie Giurate. Ovvio che la legge andrebbe ampliata e riveduta, ma in fondo si potrebbe fare. Era una delle ipotesi: poi il buon LaRussa preferì fare intervenire le FFAA (come per i terremoti, le inondazioni, la monnezza, l'ordine pubblico ecc ecc).

 

- Nave che cambia rotta: è assodato che l'ordine l'ha dato l'armatore. Su questo non ci sono dubbi.

La 'militarizzazione' di un mercantile, cosa possibile in termini giuridici, è ovviamente improponibile a livello armatoriale, perchè se ne verrebbero, de facto, spossessati della proprietà. E anche perchè la situazione attuale (i marò non rispondono al comandante della nave, come si è scritto spesso) cozza contro l'art.186 del CDN, che recita, semplicemente:

Tutte Le persone che si trovano a bordo sono soggette all'autorItà del comandante della nave. Forse l'articolo più corto e chiaro di tutto il codice.

 

- sul fatto del 'trappolone', che resterà sempre il grande dubbio della vicenda, teniamo anche conto che la legge internazionale, e anche l'art. 201 del CDN prevedono: Le navi mercantiLI nazionali devono obbedire all'intimazione di fermata delle navi da guerra di potenze amiche, giustificando, se richieste, la propria nazionalità. Anche in questo caso, un guardiacoste indiano avrebbe potuto fermare e ispezionare la nave. Un caso limite? Certo, ma non impossibile.

 

- il punto 'acque territoriali o no' è decisivo. L'art. 27 della conv. ONU 10.12.1982 sul Diritto del Mare recita 'Lo stato non dovrebbe esercitare la propria giurisdizione penale......(omissis) salvo nei seguenti casi.

a) se le conseguenze del reato si estendono allo stato costiero b) se il reato è di natura tale da disturbare la pace del paese o il buon ordine del mare territoriale.

Come si vede, un minimo di appiglio giuridico (se si era in zona di competenza) gli indiani ce l'hanno, mentre l'art.97 della stessa legge smonta ogni accusa, in caso la nave fosse con certezza in acque internazionali.

 

- Per quanto riguarda i forumisti indiani, ribadisco quanto detto ieri: se 1000 stupidi, su un milione di persone, scrivono sciocchezze, è (fastidiosa) statistica, e nulla più. Un po come chi da noi promette di boicottare i ristoranti indiani, come se la colpa del rapimento dei marò fosse di chi prepara pollo al curry al Testaccio.

Link to comment
Share on other sites

Guest giovannibandenere

Solo a titolo di pura integrazione, le GpG sono tuttora regolate dal TULPS del 1936, con successive integrazioni prefettizie, variabili da provincia a provincia.

Sono regolate in maniera capillare in tutto e per tutto compreso il disciplinare e il territoriale tranne che, ovviamente, nella parte contrattuale lavoristica.

Inoltre, a meno di mutamenti che non conosco, sono armate di pistola o revolver (ma non posso escludere qualche eccezione che tuttavia reputo rara e ben circoscritta e parecchio limitata).

Sempre che non abbiano cambiato le cose, sono iscritti al TASN e devono frequentarlo almeno una volta l'anno, ed infatti per lo più è così; con esclusione degli appassionati.

Personalmente sono favorevolissimo a rivedere tutta la legislazione in materia dalla A alla Z, anche da subito.

Ma temo che passerà molto, ma molto tempo; troppo tempo.

Al momento, sono assai diversi dai mercenari, non sono minimamente assimilabili o comparabili ad essi, puoi credermi (se vuoi, naturalmente).

Non conosco i motivi per cui l'Ignazio li abbia esclusi; posso solo immaginarli; se può servire, non so dargli torto.

gbn

Link to comment
Share on other sites

@Franca: si, ho gia provveduto a spuntare gli approvo/non approvo nei blog dei giornali indiali, ma siamo ancora in pochi

 

Bene, bene :s20:

 

Forzaaa, quanti mancano all'appello ? :s01:

 

Votate, votate

 

 

P.S. : però gli interventi sono un po' calati, sarebbe buon segno se cominciassero a occuparsi di altro.

E non sono solo 1000 forumisti, come si è visto sia dalle manifestazioni che hanno organizzato, sia dalla paura che ha il Gov. di perdere voti. E, ccccerto dopo la campagna di stampa che hanno montato...

Edited by Franca2011
Link to comment
Share on other sites

Madmike, mi piace molto il tuo modo equilibrato e competente di esporre. Nin è piaggeria.

Solo sull' ultimo punto vorrei ritornare. Non sottovaluterei le 1000 persone invasate che scrivono.

Di questi tempi, fanno molto di più 1000 bloggers/ internauti/ forumisti/ webbiani (boh...come si chiamano? :s14: ) molto convinti (o isterici che dir si voglia), che non alcune centinaia di migliaia di persone equilibrate .

Ne abbiamo avuto prove recenti, nel bene e nel male.

 

 

Curiosità (in parte OT...in parte no!): su National Geographic di questo mese c'è un lungo servizio sulle diffusione del cristianesimo in Kerala ad opera di San Tommaso.

 

EDIT: sul TG 1, fiocchetto giallo anche stasera...

Edited by malaparte
Link to comment
Share on other sites

Malaparte, ti capisco: e credimi, mi sono avventurato due-tre volte su quelle pagine di commenti, ma alla quarta lettura di equazione 'italia-mafia', di 'spaghetti-assassini', mi sono rifiutato di andare oltre. Se questo è il loro livello, non mi ci abbasso di sicuro. E resto convinto: il popolo indiano, NON è quello che appare, o traspare, da quei blog.

 

Un cordiale saluto.

Link to comment
Share on other sites

E resto convinto: il popolo indiano, NON è quello che appare, o traspare, da quei blog.

 

Non conosco bene l' India, ovviamente. Ma sono ovviamente convinta di quel che dici.

Peccato per l'opinione pubblica indiana...che credo sia, come dappertutto, manipolata. Quindi, una qualche voce fuori dal coro, chissà, magari può servire.

Chissà.

Link to comment
Share on other sites

Ps:

In caso di sentenza di colplevolezza, speriamo che anche loro distinguano tra omicidio premeditato, volontario e colposo; speriamo che passi il colposo, il volontario è un pò peggio ma non è da ... ri-mannaggia !

gbn

 

Già speriamo... comunque quei due ragazzi stanno dando una lezione di dignità a tutte le nostre istituzioni. Forza non ragazzi non mollate!!!!!!!!!!!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo questa è la nostra vera realtà: :s12: Siamo troppo condizionati dalle assurde ideologie che devono contraddistinguere questa nostra Italia. Questa nostra Italia che è stata fatta declassare a Italietta da una classe dirigente politica che nemmeno quando sono toccati gli interessi nazionali che dovrebbero vedere tutti compatti ed uniti, riesce ad esprimersi con una sola voce :s06: :s06:

http://www.primocanale.it/notizie/-salviam...rsi-105461.html

 

Poi, mi tocca vedere bandiere raffiguranti il CHE (Guevara) ad ogni manifestazione :s06: :s06:

Edited by pugio
Link to comment
Share on other sites

Sempre meglio... :s06:

Sul Corriere di oggi un articolo di Maurizio Caprara (sul sito c' solo in forma ridotta) sulla relazione al Senato di Terzi.

Dopo aver parlato di "azione coercitiva" per far scendere i due marò e ha aggiunto "La consegna e la discesa a terra dei marò sono avvenute nonostante un'opposizione fermamente opposta dalle nostre autorità diplomatiche e militari presenti sulla Lexie".

Terzi ha confermato che è stato il Centro per il coordinamento della sicurezza in mare di Bombay a chiedere alla Lexie di andare a Kochi "per contribuire al riconoscimento di alcuni sospetti pirati", e il comandante, autorizzato dall'armatore, decideva di andare e "il comandante della squadra navale e il Centro interopreativo interforze della Difesa non avanzavano obiezioni".

Le virgolette non sono mie, ma sono citazioni delle parole del ministro.

 

Per quanto riguarda Madame Ashton, è talmente presa ed impegnata dall'argomento che in un comunicato del suo ufficio dopo l'incontro con Monti i marò sono stati definiti "guardie private". :s05:

Link to comment
Share on other sites

Guest giovannibandenere

Dispiace vedere divisioni del genere; per me personalmente non è una questione politico-partitica, io la penso liberamente secondo le mie convinzioni, i miei sentimenti.

E quei ragazzi meritano tutta la nostra solidarietà, ciascuno secondo il proprio mezzo, purchè siano sempre nel nostro pensiero e nel nostro agire.

---

Allego nota Reuters di ieri ore 18.39, reputo particolarmente importante l'ultimo capoverso.

 

http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE82C06320120313

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo questa è la nostra vera realtà: :s12: Siamo troppo condizionati dalle assurde ideologie che devono contraddistinguere questa nostra Italia. Questa nostra Italia che è stata fatta declassare a Italietta da una classe dirigente politica che nemmeno quando sono toccati gli interessi nazionali che dovrebbero vedere tutti compatti ed uniti, riesce ad esprimersi con una sola voce :s06: :s06:

http://www.primocanale.it/notizie/-salviam...rsi-105461.html

 

Poi, mi tocca vedere bandiere raffiguranti il CHE (Guevara) ad ogni manifestazione :s06: :s06:

 

Che profonda tristezza :s06: :s06: :s06: !!!!!!!!!!!!!!!

Non si può e non si deve essere divisi su queste cose!!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Se mi permettete un pizzico di "realpolitik" con le pantofole (pregandovi di non scambiarla per cinismo): L'India è membro del British Commonwealth.

Ci dovrebbero essere rapporti previlegiati tra i due paesi, anche diplomatici.

La Gran Bretagna ha qualcosa di recentissimo da farsi perdonare dall'Italia.

Potrebbe essere la leva giusta.

In fondo non è successo qualcosa di simile per la strage del Cermis (vi ricordate la storia della presunta terrorista condannata negli U.S.A. e estradata in Italia dopo la strage del Cermis, nonostante le tante richieste precedentemente ignorate)?

Mah... vedremo!

Non ci sono andato poi tanto lontano..... speriamo bene!

 

immagine1wkn.jpg

 

Uploaded with ImageShack.us

 

Credits: Il Messaggero, giovedì 15 marzo 2012

Edited by chimera
Link to comment
Share on other sites

Per sostenere i nostri fratelli del Reggimento "San Marco", ho aperto una discussione sul forum internazionale "Militaryphotos.net" ( link della discussione: http://www.militaryphotos.net/forums/showt...alone!-quot ), inserendovi l'immagine del Nastro Giallo tratto dal sito ufficiale della Marina Militare Italiana ( link: http://www.marina.difesa.it/Conosciamoci/N...llowribbon.aspx ) che, di seguito, riporto:

 

333z8ua.jpg

Link to comment
Share on other sites

Scusatemi tanto,

eggendo tutii i post, mi è sorta una domanda a cui in altra discussione avevo fatto cenno.

Mi levate una curiosità, se la Enrica Lexie faceva parte di un Convoglio scortato, da unità Nato,

che cosa sarebbe accaduto, se la situazione si sarebbe evoluta come allora senza cambiare una virgola,

( I Marò aprono il fuoco e due indiani malauguratamente ci rimettono la vita).

Secondo il mio parere non sarebbe successo niente, in quanto la Marina Indiana o chi per essa, si sarebbe ben guardata dal farsi vedere,

tutto si sarebbe sgonfiato finendo con una nota diplomatica, anche di quelle brutte assai, al nostro governo.

Un'altra picola domanda carissimi amici, ma al momento del fattaccio, di navi Italiane o NATO, c'era niente nelle vicinanze per dare supporto alla Enrica Lexie?

Che me la date una mano, a sbrogiare la matassa alquanto complicata e intrigata per me.

 

Un carissimo saluto a tutti.

 

Mi raccomando,"Non sparate sulla Croce Rossa".

 

Fassio

Link to comment
Share on other sites

Comandante RN POLA, organizzare convogli è, allo stato, una cosa economicamente insostenibile. Parliamo, nelle acque indicate (diciamo dall'India a Bab El Mandeb, passando dalle Seychelles) di decine di migliaia di mercantili all'anno.

 

Le perdite economiche, per il solo 'fermo' relativo alla organizzazione dei convogli, sarebbero insostenibili.

 

E, francamente, organizzare convogli per quattro barcacce che si tengono a bada con una mitragliatrice, mi pare eccessivo.

 

Comandante Pugio, La Corte dell'Aia potrà essere investita della questione, ma solo dopo che le dispute fra India e Italia siano irrisolte. Essa infatti esercita una funzione giurisdizionale riguardo all'applicazione e l'interpretazione del diritto internazionale. Ad oggi, ogni richiesta sarebbe prematura.

Link to comment
Share on other sites

Intervengo su due punti:

 

a) la Baraldini: in realtà non e' stata scambiata per il cermis, ma per il kossovo (il PRC all' epoca era al governo...) e serviva qualcosa per evitare problemi connessi all' antiamericanismo "di default"

 

b) non credo sia saggio chiedere assistenza diplomatica al governo britannico, notoriamente inaffidabile in cose che coinvolgono l' Italia..

 

Saluti,

dott. Piergiorgio.

Link to comment
Share on other sites

Scusatemi tanto,

eggendo tutii i post, mi è sorta una domanda a cui in altra discussione avevo fatto cenno.

Mi levate una curiosità, se la Enrica Lexie faceva parte di un Convoglio scortato, da unità Nato,

che cosa sarebbe accaduto, se la situazione si sarebbe evoluta come allora senza cambiare una virgola,

( I Marò aprono il fuoco e due indiani malauguratamente ci rimettono la vita).

Secondo il mio parere non sarebbe successo niente, in quanto la Marina Indiana o chi per essa, si sarebbe ben guardata dal farsi vedere,

tutto si sarebbe sgonfiato finendo con una nota diplomatica, anche di quelle brutte assai, al nostro governo.

Un'altra picola domanda carissimi amici, ma al momento del fattaccio, di navi Italiane o NATO, c'era niente nelle vicinanze per dare supporto alla Enrica Lexie?

Che me la date una mano, a sbrogiare la matassa alquanto complicata e intrigata per me.

 

Un carissimo saluto a tutti.

 

Mi raccomando,"Non sparate sulla Croce Rossa".

 

Fassio

Come già detto in altri post, da quelle parti abbiamo il Grecale, che fra le altre cose, sta facendo un ottimo lavoro....

Non so dove fosse al momento del "fattaccio"...

Saluti :s01:

Link to comment
Share on other sites

Ho promosso su Facebook il seguente evento:

 

UNA CARTOLINA PER MASSIMILIANO E SALVATORE

Inviamone migliaia si dimostrerà una volta di più la solidarietà verso i Marò ingiustamente imprigionati. Gli stressi indiani addetti al servizio postale ed al carcere vedendo arrivare le missive percepiranno che i due prigionieri non sono soli ma hanno la solidarietà ed il calore della loro Patria.

L'indirizzo cui inviarle è il seguente:

 

Consulate General of Italy

Kanchangunga Building

72 Deshmuk Marg (Pedder Road)

400 026 MUMBAI (INDIA)

 

 

Ecco il link relativo:

 

https://www.facebook.com/events/348070048572207/

 

 

 

AVVISO IMPORTANTE DAL CONSOLATO GENERALE DI MUMBAI:

 

Unitamente all'indirizzo postale messo a disposizioni alcuni giorni fa il Consolato Generale d'Italia a Mumbai ha predisposto una mailbox ESCLUSIVAMENTE DEDICATA

a cui far giungere le email per i due Fucilieri di Marina: Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

 

La email è:

---------------------------------------------

consolato.latorre.girone@gmail.com

---------------------------------------------

Il Console CUTILLO precisa che:

 

"Sara' nostra cura, nei limiti di possibili difficolta'/ritardi di carattere logistico, recapitare le comunicazoni indirizzate ai nostri due militari."

 

SI INVITANO QUANTI STIANO NEL FRATTEMPO UTILIZZANDO LA MAIL DI SERVIZIO DEL CONSOLATO (consulgeneralmumbai@esteri.it) AD UTILIZZARE ESCLUSIVAMENTE LA MAILBOX DEDICATA AL FINE DI EVITARE POSSIBILI DISSERVIZI A QUANTI AVESSERO REALE NECESSITA DI METTERSI IN CONTATTO CON LA NOSTRA SEDE CONSOLARE. -- GRAZIE

Link to comment
Share on other sites

Qualcuno ha il testo del Decreto del Comandante generale delle capitanerie di Porto 7 ottobre 2011 n. 963?

Questo decreto avrebbe dovuto disciplinare le procedure tecnico-amministrative ai fini della sicurezza della navigazione (safety) e della sicurezza marittima (security), relative all'imbarco dei Nuclei militari di protezione (Nmp), a bordo delle navi mercantili e motopesca nazionale in navigazione negli spazi marittimi internazionali a rischio pirateria.

Sembra che in base all'articolo 3 ''i componenti dei Nuclei militari di protezione della Marina Militare Italiana che imbarcano a bordo delle unità mercantili, assumano la qualità di "personale diverso dall'equipaggio''. A questo scopo il Comandante della nave redige, prima dell'imbarco del personale, un'apposita lista contenente le generalità dei singoli componenti il Npm con la qualifica di Personale governativo militare (Government Military Personnel). L'articolo 4 riguarda invece il "Locale deposito munizioni" e prevede che le unità navali ''devono possedere idoneo locale per il deposito e trasporto di munizioni classificate almeno per la classe 1.4S "Esplosivi" di cui al Codice IMDG (codice marittimo internazionale per il trasporto delle merci pericolose, ndr).

Fonte militare mi ha detto però che non è stato affatto chiarito se i militari a bordo (che sembra abbiano pro tempore anche la qualifica di ufficiali di polizia giudiziaria) rispondono gerarchicamente al comandante nè se, in caso di intervento, i militari possano dare ordini al comandante stesso.

Edited by Leopard1
Link to comment
Share on other sites

Mi associo alla richiesta del C.te Leopard1, e se non ci fossero problemi di classifica, inviterei a postare il testo in questione; in effetti, anche alla luce di quanto evidenziato da altri, bisognera' chiarire ASAP la catena di comando relativa ai npt...

 

(come dissi in passato, ci sta la passata esperienza del personale AA della RM e RE a bordo dei mercantili durante la II GM. ma non so ben dire quanto possa essere ancora valido nel contesto corrente)

 

Saluti,

dott. Piergiorgio.

Link to comment
Share on other sites

Ho promosso su Facebook il seguente evento:

 

UNA CARTOLINA PER MASSIMILIANO E SALVATORE

Inviamone migliaia si dimostrerà una volta di più la solidarietà verso i Marò ingiustamente imprigionati. Gli stressi indiani addetti al servizio postale ed al carcere vedendo arrivare le missive percepiranno che i due prigionieri non sono soli ma hanno la solidarietà ed il calore della loro Patria.

L'indirizzo cui inviarle è il seguente:

 

Consulate General of Italy

Kanchangunga Building

72 Deshmuk Marg (Pedder Road)

400 026 MUMBAI (INDIA)

 

 

Ecco il link relativo:

 

https://www.facebook.com/events/348070048572207/

 

 

 

AVVISO IMPORTANTE DAL CONSOLATO GENERALE DI MUMBAI:

 

Unitamente all'indirizzo postale messo a disposizioni alcuni giorni fa il Consolato Generale d'Italia a Mumbai ha predisposto una mailbox ESCLUSIVAMENTE DEDICATA

a cui far giungere le email per i due Fucilieri di Marina: Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

 

La email è:

---------------------------------------------

consolato.latorre.girone@gmail.com

---------------------------------------------

Il Console CUTILLO precisa che:

 

"Sara' nostra cura, nei limiti di possibili difficolta'/ritardi di carattere logistico, recapitare le comunicazoni indirizzate ai nostri due militari."

 

SI INVITANO QUANTI STIANO NEL FRATTEMPO UTILIZZANDO LA MAIL DI SERVIZIO DEL CONSOLATO (consulgeneralmumbai@esteri.it) AD UTILIZZARE ESCLUSIVAMENTE LA MAILBOX DEDICATA AL FINE DI EVITARE POSSIBILI DISSERVIZI A QUANTI AVESSERO REALE NECESSITA DI METTERSI IN CONTATTO CON LA NOSTRA SEDE CONSOLARE. -- GRAZIE

Ho inviato la mail... ora provvederò a spedire anche una cartolina!

Link to comment
Share on other sites

Grazie Lupo Bianco, il decreto è proprio quello.

Per ccercare di capire meglio la condizione giuridica dei nostri, è utile leggere l'art. 5 del DL 107/2011 (su: http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:...legge:2011;107)

Circa gli spazi marittimi in cui dovrebbero operare i nostri, vedi l'art 2 del decreto ministreo difesa 1.settembre 2011 su http://www.marina.difesa.it/attivita/opera...20pirateria.pdf

"Art.2 - Spazi marittimi internazionali a rischio pirateria di previsto intervento dei nuclei militari di protezione

1. Gli spazi marittimi internazionali a rischio di pirateria, nei quali la protezione delle navi battenti bandiera italiana puo' essere assicurata mediante l'imbarco di Nuclei militari di protezione, sono individuati dalla porzione dell'Oceano Indiano delimitata a nord ovest dallo Stretto di Bab El Mandeb, a nord dallo Stretto di Hormuz, a sud dal Parallelo 12°S e a est dal Meridiano 78°E.

2. La medesima protezione e' assicurata anche negli spazi marittimi internazionali esterni a quelli di cui al comma 1, per la durata della permanenza dei Nuclei militari di protezione a bordo delle navi resa necessaria da esigenze di natura tecnica od operativa connesse alle zone di possibile imbarco e sbarco sul e dal medesimo naviglio."

Link to comment
Share on other sites

Ho dato una veloce occhiata :s21: e non ho trovato questa domanda, che perciò vi faccio subito:

 

dove si possono acquistare i nastrini gialli con il simbolo della marina militare?

Link to comment
Share on other sites

io impiego i "pin" con il jack della Marina e semplice passamaneria conprata in merceria, vi mostro qualche foto. sono reperibili nei negozi di articoli militari e, se non li trovate, mandatemi un pm che ve li invio piu che volentieri! (scusate la qualità delle foto)

 

img3163i.jpg img3166d.jpg

Link to comment
Share on other sites

Dal sito della MM, il Capo Ufficio Comunicazione della Marina (nonchè mio ex comandante) in una foto dei giorni scorsi:

 

90101788.png

Link to comment
Share on other sites

Aggiornamento di qualche ora fa sul possibile rientro della Leixe sul Corriere

http://www.corriere.it/esteri/12_marzo_17/...1fb610746.shtml

 

mentre oggi su QN si parla di un eventuale arresto anche per Umberto Vitelli

http://qn.quotidiano.net/esteri/2012/03/16...casa_mesi.shtml

 

mentre qui http://www.siciliaway.it/mar%C3%B2-%E2%80%...E2%80%9D/176115

si dice che secondo l'avvocato " “La polizia è già convinta che il comandante è estraneo a quanto successo"

 

:s14:

 

 

EDIT : No comment

http://www.ilgiornale.it/interni/contro_ma...ge=0-comments=1

Edited by malaparte
Link to comment
Share on other sites

Guest giovannibandenere

Ognuno mette gli spilli che vuole, se vuole e per chi vuole.

Se non vuole, liberissimo di non mettere spilli.

A sua libera scelta.

gbn

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522.2k
×
×
  • Create New...