Jump to content

Corazzata Bismarck Amati 1:200


Recommended Posts

Vorrei iniziare questo diario per risolvere con il vosto aiuto le difficoltà che mi si presenteranno man mano che cotruirò anzi costruiremo il modello!

 

Detto questo possiamo cominciare con una carrellata di foto che mostrano lo stato del modello alla consegna del corriere, tuttosommato non ci sono molti problemi,

apparte che le stuccature sono errate, alcuni listelli tendono a staccarsi ed il legname ha subito i traumi dell'umidità!

 

Nelle prime foto possiamo notare la prua scheggiata, per fortuna il pezzo mancante era nel pacco

 

180720111431.jpg

 

180720111432.jpg

 

180720111427.jpg

 

Molte delle sovrastrutture si sono accartocciate ma vi farò vedere come è facile risolvere questi problemi con molta molta pazienza e mano ferma.

 

180720111425.jpg

 

180720111426.jpg

 

Diciamo che è una settimana che ho ricevuto il tutto ed ora sono stati risolti l'80% dei problemi, infatti lo scafo e stato già rettificato e verniciato le sovrastrutture sono state smontate pezzo per pezzo e rimontate, sono state montate tutte le stutture portanti delle 10 torrette, ecc ecc, ma poi vi farò vedere!!

 

Spero che questa idea del restauro passo passo vi piaccia! A presto! Desert Eagle.50

Link to comment
Share on other sites

Peggio di quel che immaginavo... :s07:

 

Per ripristinare quelle fotoincisioni si può fare... serve pazienza, però alcune pieghe si possono spezzare...servono microsaldature.

A disposizione per qualsiasi consiglio.

 

E' ora di adunare l'arsenale:

 

img0850p.jpg

Link to comment
Share on other sites

Si in effetti è messa male, ma sono sicuro che si riuscirà a tirar fuori un modello soddisfacente!!!

 

Continuiamo con le foto delle fasi di lavoro...

 

... il primo passo è stato consolidare tutti i listelli precari, quindi facendo leva con il tagliabalsa ho alzato leggermente il listello ed ho iniettato della colla vinilica nella fessura,

ho poi tenuto in posizione il listello con degli spilli ed ho eliminato l'eccesso di colla.

 

190720111433.jpg

 

il passo successivo è stato staccare le derive antirollio che non erano state sagomate correttamente

 

190720111435.jpg

 

Quindi sono state sagomate è rimesse in sede con abbondante cola vinilica

 

190720111439.jpg

 

Con degli scarti di compensato da 0.6mm opportunamente sagomati ho riempito gli spazi sotto le derive,

 

200720111455.jpg

 

Finisco con quest'ultima foto che mostra la differenza che c'è tra la parte destra dalla sinista, nella parte destra si puo osservare la cubia ripulita da tutto lo stucco inutile.

 

190720111440.jpg

Link to comment
Share on other sites

Si è messa un pò male ma tutto si risolve. Per qualsiasi cosa chiedi, la nostra discussione ti porterà passo passo alla meta. Ciao e buon lavoro.

 

Ventoinpoppa da Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti, ecco le altre fasi di lavoro che dicevo!

 

 

Ho staccato tutte le fotoincisioni dalle sovrastrutture, perche molte erano piegate ed alcune incollate male..

 

190720111448.jpg

 

Da questa foto si capisce quante fotoincisioni vanno ripulite

 

190720111449.jpg

 

Alto passo è stato lo smontaggio delle sovrastrutture pezzo per pezzo con alcol denaturato

 

190720111446.jpg

 

190720111447.jpg

 

lo scollaggio dei pezzi è un'operazione semplicissima si può anche abbondare con l'alcol ed il legno non si gonfia (spessore 4mm)!!!

 

190720111452.jpg

 

Concludo con quest'ultima foto che mette a confronto le murate della ROMA e della Bismarck.

 

 

A presto Desert Eagle.50

Link to comment
Share on other sites

Allora dove eravamo rimasti?

 

Ho terminato di ripulire il lato sinistro dello scafo ed ho stuccato tutto

 

200720111453.jpg

 

avrei voluto non usarne ma è proprio indispensabile..

 

ed ecco lo scafo con uno strato bello grasso di vernice acrilica ad acqua stesa a pennello

 

200720111462.jpg

 

i rigonfiamenti dovuti all'acqua con cui diluisco la vernice sono inevitabili, ma possono essere di grande aiuto, infatti dove spuntano vuol dire che il listello non è incollato e quindi si corregge con colla e aghi

 

210720111475.jpg

 

in questa panoramica si possono notare molti dei pezzi ancora nei telai e la pinza a becchi lisci che sarà indispensabile per le prossime fasi di lavoro.

 

220720111478.jpg

 

ecco una foto che voglio condividere! il mio cantiere italo-anglo-tedesco!!!

 

190720111450.jpg

 

Desert Eagle .50

Link to comment
Share on other sites

Continuiamo con le fasi di lavoro illustrate...

 

Come dicevo le battagliole anche se completamente deformate con molta pazienza ed una pinza a becchi piatti da 2 euro si possono tranquillamente sistemare!!!

 

220720111482.jpg

 

piano piano si comincia a raddrizzare i candelieri, e inutile dirvi che devono procedere tutti insieme altrimenti si mozzano senza pietà!!

 

220720111483.jpg

 

in questa foto ormai si è vicini al risultato finale

 

220720111484.jpg

 

Peccato che la foto sia sfocata ma si intuisce come i pezzi siano diventati utilizzabili, in più quelle macchie scure che si notano sono dovute al fatto che per eliminare la colla attack l'unico modo è bruciarla, infatti è impossibile eliminarla con carta

abbrasiva ecc, l'alto fatto positivo di "bruciare i pezzi in ottone" è che tutte le piccole parti si staccano all'istante senza possibilità di danneggiarle!

 

220720111490.jpg

 

 

 

 

220720111492.jpg

 

220720111498.jpg

 

meglio di così credo sia difficile raddrizzare quest'ultima battagliola, ma comunque mi accontento!!!

 

A presto!

Link to comment
Share on other sites

Ciao Desrt,

alla faccia della pazienza,

come sapevo già, stai andando bene e come un treno.

Dai avanti così, visto e considerato che da un brutto lavoro stai tirando fuori un medello di serie A.

 

Un caro saluto

 

 

Fassio

Link to comment
Share on other sites

Ecco le ultime foto per mostrarvi lo stato attuale dei lavori, cioè una terza stuccatura ed una seconda verniciatura.

 

240720111524.jpg

 

240720111525.jpg

 

nella foto sopra ed in quella sotto il fasciame sembra dare l'idea delle placche metalliche della corazzatura.

 

240720111535.jpg

 

240720111529.jpg

 

240720111530.jpg

 

Con un altro po di lavoro ed olio di gomito lo scafo sarà completato a dovere.

 

 

P.S. anche se sono sicuro che lo avete capito da voi, le sovrastrutture ed i pavimenti non sono incollati!!!!

 

 

A presto! Desert Eagle .50

Link to comment
Share on other sites

oooh scusa Fassio non ho letto in tempo il tuo messaggio, beh si sono adato abbastanza spedito, ma perchè questo modello lo aspetto da almeno 2 anni,

e quindi l'ho studiato nei minimi particolari soprattutto grazie alla discussione di Vespucci e Pennabianca.

Edited by Desert Eagle .50
Link to comment
Share on other sites

:s20: bravissimo, da un relitto ad una nave da battaglia! :s20:

una domanda sul fasciame.... su qualsiasi post riguardante costruzioni in legno, dalla bismarck alla roma, passando per le altre corazzate..... si applicano sovente due strati di fasciame, uno dopo l'altro anche se lo scafo poi sarà stuccato e carteggiato.... qual'è il motivo? non basta uno strato solo? tanto và stuccato e carteggiato....

scusate la domanda "banale" ma non ho esperienza alcuna con queste costruzioni :s01:

Link to comment
Share on other sites

Ciao carissimo Desert Eagle.50, stai facendo un ottimo e bellissimo lavoro, hai recuperato lo scafo in modo eccellente, recupera in tal modo anche le fotoincisioni, complimenti, :s51: :s51: vedrai che verrà fuori una magnifica nave, avanti così e non ti fermare. Complimenti ancora. :s02: :s02:

 

Un caro saluto da Pennabianca. :s55: :s55: :s33:

 

PS. Una curiosità, ma il tipo dove ha tenuto le fotoincisioni? Quelle della corazzata vera vista nelle fotografie sottomarine, cannoneggiata e poi affondata, le battagliole sono messe molto meglio!! he he he. Ciao

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti, approfitto di questo momento di tregua dal caldo è dai lavori sui vari cantieri, per mostrare qualche avanzamento, la stazione segnaletica di poppa...

 

Oltre al già complicato assemblaggio dei pezzi io ho dovuto aggiungere smontaggio e pulitura di quest'ultimi, la vecchia colla attack è stata eliminata con fuoco e lametta in più tutti i pezzi sono stati satinati con carta abbrasiva ad acqua per ospitare la verniciatura

 

020820111546.jpg

 

Come prima cosa ho cominciato a separare i vari pezzi in categorie porte, oblò, ecc...

 

020820111550.jpg

 

dopo aver trovato tutti i pezzi per la stazione segnaletica ho cominciato a pulirli, rettificarli ed assemblarli.

 

020820111552.jpg

 

Da notare come ridiventano dorati i pezzi (che si erano ossidati) dopo essere stati passati sulla carta 1200 ad acqua.

 

030820111563.jpg

 

questi eranoi i pezzi che il vecchio proprietario aveva montato, io ovviamente o concluso il lavoro con il resto dei pezzi!

 

030820111571.jpg

 

Il risultato per me è ottimo sicuramente non perfetto come quello di Pennabianca, ma come dico sempre mi accontento!!!

 

 

tra i materiali di lavoro ricordo la colla BOSTIK NEXUS fà davvero la differenza! Un saluto A presto!!!!

Link to comment
Share on other sites

Carissimo Desert. ciao buona serata. Complimenti stai facendo uno splendido lavoro, la stazione segnaletica è perfetta. Una dritta, se devi staccare, smontare o pulire dalla colla cianoacrilica i vari pezzi di ottone, mettili a bagno per qulche tempo nell'acetone, più il tempo e lungo e meglio si puliscono, quello industriale mi raccomando, non quello per lo smaldo da unghie delle donne, ripeto quello industriale che trovi in latte da un litro nei colorifici o ferramente, vedrai è uttimo. A suo tempo me ne sono servito anche io per rifare certe strutture. Lava i pezzi con un pennellino di setola rigida, al limite con uno spazzolino da denti morbido.

 

ciao carissimo complimenti ancora e buon lavoro.

 

Ventoinpoppa da Pennabianca.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Pennabianca, ciao Andrea, solo ora ho letto i vostri messaggi!!!!

 

Allora innanzitutto grazie per i complimenti davvero ben accetti!!!

 

 

Allora per quanto riguarda la domanda di Andrea sul fasciame, il secondo strato di fasciame è indispensabile per avere una superfice compatta e levigata, infatti se già il primo strato deve presentare il minimo margine tra un listello è l'altro

(cosa spesso difficile) con il secondo fasciame si può essere più sicuri dell'accoppiamento dei listelli anche dovuto al materiale ed alla dimensione del listello del secondo fasciame, sempre più sottile rispetto al primo fasciame e questo ci permette di poter seguire meglio l'andamento dello scafo.

 

 

Per Pennabianca, vedrò di procurarmelo al più presto, ma in alternativa cosa potrei usare?

 

 

ecco gli avanzamenti!!!

 

100820111671.jpg

 

Prendendo spunto da Pennabianca...

 

100820111672.jpg

 

guadando bene la murata verso poppa mi sono accorto di questa rientranza che ovviamente non posso tralasciare

 

100820111676.jpg

 

per sistemarla ho preso uno spezzone da 0.6 mm lo ho lavorato in modo da avere più aderenza possibile allo scafo.

 

100820111674.jpg

 

100820111684.jpg

 

anche se dalla foto lo stucco sembra tanto non è così, comunque ho gia verniciato e per il momento è perfetto non si nota nulla,

 

La prossima fase di lavoro sarà fare le file di oblò, per ora non posso dire niente perchè non ho nemmeno cominciato,

ma e una fase di lavoro che non mi preoccupa, credo che il motivo sia la pratica maturata con gli oltre 400 oblò del Titanic, quella si che è una cosa epica!!!!

 

a presto...

Link to comment
Share on other sites

Ciao Desert..... in alternatina nulla, solo l'acetone che trovi nei brico e dove vendono vernici scioglie il cianoacrilato, altrimenti, come hai fatto tu fino ad ora. Però ora che ci penso te lo sconsiglio, mettere le fotoincisini sul fuoco per bruciare e staccare il cianoacrilato, in questo modo cucini l'ottone e lo rendi molto tenero e di conseguenza nel ripiegare certe parti e facile che si spezzi essendo stato cucinato. Già le fotoincisioni sono fragilissime, se poi le cucini.

 

Buon lavoro e cerca di procurarti l'acetone. :s02: :s02:

 

Ventoinpoppa da Pennabianca.

Link to comment
Share on other sites

Complimenti Desert,

stai dimostrando una pazienza da vero restauratore..al posto tuo le avrei prese a martellate quelle fotoincisioni solo a vederle...ma ci si sedeva sopra il primo proprietario?

 

Per il prezzo d'acquisto che hai rifilato stai facendo un vero affare...ed in più, parlo almeno per me, stai dando una lezione di volontà e di passione che porterò nel ricordo...grazie :s01:

Link to comment
Share on other sites

Per Pennabianca, allora me lo procurerò a tutti i costi. Menomale che non le ho bruciate tutte le fotoincisioni, ne ho bruciacchiato solo 4 o 5! in effetti è vero un metallo temprato diventa sempre più delicato, cioè perde l'elasticità!!!

 

 

Per Mximilian, grazie per i complimenti, allora per quanto riguarda lo stato dei pezzi, il fatto è che si sono piegate nel viaggio anche la prua si è scheggiata, l'unica cosa magari che può aver sbagliato il vecchio proprietario è che doveva imballarla meglio, ma comunque non fa niente, la parte più dura è stata riprendere lo scafo, sempre parlando del vecchio proprietario, vorrei dire che l'ho invitato a seguirci così da avere un ricordo della corazzata.

 

Comunque come avevo detto nel precedente messaggio ecco gli oblò che ho fatto stamattina!!!

 

110820111697.jpg

 

110820111698.jpg

 

In questa foto si vede bene il problema con il fasciame, anche se come ho già detto sembra simulare la pannellatura dello scafo di molte navi, forse però non della Bismarck!!!!

 

110820111700.jpg

 

110820111699.jpg

 

 

Credo che ormai finirò lo scafo, domani farò il passa ancora o cubia di prua, cosa molto delicata visto che la mia prua si era spezzata, e poi mettero i rivetti per gli oblò e le gliglie della parte bassa dello scafo!

 

A presto!

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti! Come dicevo ieri ho concluso i lavori sullo scafo tranne le griglie di raffreddamento!!! che farò domani!!

 

La monumentale prua ora è dotata della bitta a tre ed ho praticato il foro dell'ancora di prua.

 

120820111714.jpg

 

ecco come ho fatto il foro della cubia.

 

120820111709.jpg

 

120820111713.jpg

 

gli oblò ancora sporgono perche non avevo la carta vetrata adatta per limarle, sarà per la prossima volta!!!

 

120820111715.jpg

 

120820111716.jpg

 

gli astucci delle eliche mi sono venuti bene non ci sono stati problemi nell'incollaggio, ho usato colla Nexus previo aver cartegiato lo scafo con carta vetrata 80, così da rendere la superficie dello scafo molto ruvida!!

 

Beh!! a presto!!

Link to comment
Share on other sites

Carissimo Desert ciao e ben trovato. Ottimo lavoro complimenti. Però io sugli astucci della mia corazzata, ho stuccato per benino tutto attorno ad essi, da rendere i medesimi tutt'uno con lo scafo, ti consiglierei di farlo, controlla i miei post a pagina 69 a tal rigurado. Per il resto ottimo ed abbondante.

 

correzioneimg1881.jpg

 

Carissimo ti saluto e buon lavoro, nonchè buon ferragosto.

 

Ventoinpoppa da Pennabianca.

 

PS. Scusami Desert, guardando le foto degli astucci, mi sembra che manchino i fori dei perni due timoni. Ho visto male o ci sono???

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Ciao Pennabianca

 

 

Allora per quanto riguarda la stuccatura, anche se non si vede dalle foto, ti assicuro che l'ho fatta, forse non si capisce bene perchè avevo dato una mano di grigio su stucco ed astucci.

 

A proposito di buchi, al tuo occhio esperto non sfugge nulla, proprio ieri mi sono accorto che no ci sono i buchi dei timoni che a quanto ho capito andavano fatti a scafo aperto, ora non so se il vecchio proprietario se li sia scordati! Però io non li trovo sotto il secondo fasciame!

 

Caro Pennabianca come devo fare a bucare proprio in direzione della piccola ordinata che da l'inclinazione ai timoni?

 

e poi ad occhio come ti sembra il foro che ho fatto nella prua, io mi sono limitato a seguire le istruzioni quindi ho usato quella specie di dima ma il foro mi è venuto assai più in basso della fotografia delle fasi di lavoro, potresti postare una foto della prua della tua Bismarck , così da capire a che altezza deve essere fatto il buco!!!!

 

Anticipatamente mille grazie!!! a presto!!!

Link to comment
Share on other sites

Ciao Desert,

se mi permetti...dalle foto che hai postato, il tuo scafo sembra abbia bisogno di ulteriore stucco.

 

prova lo stucco acrilico spray (si trova anche nei centri fai da te): due tre mani veloci..un giro di carta 400, 200 e vai con il primer per la verniciatura

Link to comment
Share on other sites

Eccoti servito carissimo, foto 1) le dimensioni le ho passate a suo tempo anche all'amico Vespucci, si era dimenticato anche lui di fare i fori. Ricordati i fori devono essere fatti leggermente che vanno dall'esterno verso l'interno vedi foto 4), il diametro credo sia di 3 m/m, comincia a misurare esattamente dalla facciata dove andrà applicata l'elica centrale foto 2). Queste misure sono esattissime, misurate ancora al tempo della mia foto 1), la foto 3) fa vedere l'interno dove c'è il supporto che serve ad incollare i perni dei timoni sui due lati contrassegnati dalle frecce, il pezzo è evidenziato e contornato in rosso. Foto 5) foratura ed inclinazione dell'occhio di cubia ancora di prua, il tuo foro è esatto.

 

img1120bu.jpg

1)

 

1208201117161.jpg

2)

 

12fascicololavoriincors.jpg

3)

 

img2309y.jpg

4) questa per farti vedere l'apertura dei timoni.

 

img0834w.jpg

5)

 

ciao carissimo e buon lavoro.

 

Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Ciao Mximilian! forse mi hai frainteso io mi riferivo alla stuccatura degli astucci, lo scafo va inveve ancora raffinato, è l'idea di usare uno stucco sprai mi sembra ottima, vedrò di procurarmelo come ho fatto per l'acetone!

 

In più ringrazio calorosamente Pennabianca per le istruzioni e per le foto, con cui sono riuscito a trovare l'ordinata nascosta senza problemi, infatti i timoni che ho provato senza incollare hanno un'inclinazione corretta, poi sono anche felice perchè la cubia non è sbagliata!!!

 

Un'altra cosa per Pennabianca ma intorno agl'assi dei timoni sembra esserci una boccola, una specie di raccordo, c'è nel kit o l'hai fatte tu????

Link to comment
Share on other sites

Caio carissimo Desert a tua disposizione. No nel kit non ci sono quelle boccole, le ho messe io perche pulendo i fori per inserire gli assi dei timoni con la punta da trapano a mano, era saltato via il colore attorno ad essi e quindi ritoccare non mi entusiasmava, allora ho messo due rivetti ad occhiello che trovi in tutte le cartolerie attrezzate, quei rivetti che vanno su cartelle ecc. ecc. ecc. li si colora e li si infila come stanno mi sono piaciuti e ho salvato al meglio i fori, che ne dici? Li puoi mettere anche tu a scafo finito prima di montare i timoni. Se hai intenzione di metterli, ricordati di scartacetrarli per renderli ruvidi, così la vernice tiene bene.

 

Eccoti la foto.

 

img0839xf.jpg

 

Ciao carissimo e buon lavoro.

 

Ventoinpoppa da Pennabianca.

 

PS. Gli occhielli o rivetto ad occhiello, li trovi sicuramente da chi ripara scarpe, borse, cinture, valige, borsoni ecc. ecc. e roba in pelle.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti ho di nuovo bisogno di voi!!!

 

allora il problema è questo: secondo le istruzioni la piccola scaletta da due pioli va messa nel punto indicato dalla freccia nella prima foto.

 

 

250820111778copia.jpg

 

 

Però secondo me non ha senso mettere una scaletta per quello sportello che si trova ad altezza cintola, io dico che la scaletta va messa sotto la porta infatti sarebbe stato difficile aprire quella porta senza una scala, visto che si trova a mezzo metro d'altezza!!

 

 

250820111779copia.jpg

 

 

 

Voi che ne pensate? avete già trattato il problema? fatemi sapere!!!

Link to comment
Share on other sites

Scusa Desert,

ma la risposta ce l'hai già,

ovvero sfoglia il topic di Pennabianca inerente il Bismarck e troverai la risposta che cerchi.

Io ad ogni modo la posizionerei sotto, perchè altrimenti per aprire il portello bisognava essere dei mezzi acrobati.

 

Un caro saluto

 

Fassio

Link to comment
Share on other sites

Carissimo Desert e carissimo Fassio buona serata. Allora le due scalette ci sono, nella prima foto va messa diciamo a muro cioè va appiccicata sotto il portello, metti però due gradini, dall'altra parte ce ne va una sempre sotto la porta ma di quelle in plastica a gradini piani e sempre 2 gradini, non a pioli, però quest'ultima va montata a sovrastruttura terminata perchè va appoggiata ed applicata alla piattaforma dove andrà incollata questa torretta e sotto la porta, praticamente come una scaletta a gradini normali. Spero di essermi spiegato. Eccoti le foto, clicca sulla barra nera e ingrandirai.

 

img2280ir.jpg

 

img2240s.jpg

By Pennabianca

Ciao carissimi, buon lavoro Desert.

 

Pennabianca.

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti, vi chiedo scusa se sto di nuovo per chiedere aiuto!!!

 

Allora siccome finora mi sono limitato solo a sistemare le fotoincisioni gia staccate dal vecchio proprietario, ora sto cominciando a vedere i pezzi ancora attacati ai telai dove sono rimasti pochi pezzi,

l'altro giorno mi è saltato all'occhio questo pezzo in primo piano, che mi ricordava qualcosa!!!

 

Venendo al dunque! Non è che per caso il pezzo in primo piano va cambiato con quello indicato dalla freccia rossa? A me viane da pensarlo perche i due pezzi indicati dalle frecce verdi sono speculari!!

 

A voi la parola! Che devo fare?

 

 

260820111790copia.jpg

 

Questo è il risultato dei pezzi rimontatti dopo essere stati ripuliti con l'acetone, che però non ha eliminato l'ossidazione e le bruciature.

 

certo alcune battagliole sono ancora storte ma non si può fare più nulla!!! specialmente delle ringhiere dei torrini, e come se il metallo si sia snervato e si sia allungato!

 

260820111796.jpg

 

260820111802.jpg

 

260820111799.jpg

 

la mia parte preferita è la stazione segnletica, visto che molti pezzi li ho staccati dai loro telai, quindi erano immacolati.

 

240820111762.jpg

 

Finalmente dopo aver acquistato la giusta carta vetrata da 200 e da 180, ho levigato gli oblò d'ottone, ed alcune parti dello scafo!

 

Spero che mi sia concessa la sesta foto

 

Mi ero proprio dimenticato di postare le foto dei timoni! questa foto lo scattata prima che livellassi gli oblò, ora infatti sono a filo dello scafo!!

 

140820111722.jpg

 

A presto!!

Link to comment
Share on other sites

Ciao Desert,

stai facendo un'ottimo lavoro!

 

Per quanto riguarda il primo quesito i miei pezzi sono incollati come su tua foto...cioè il pezzo destro è diverso dal sinistro..su uno ci si incolleranno delle griglie e sull'altro resterà il piccolo oblò a cui si sormonterà un tubetto.

(spero di essermi fatto capire..se no richiedi :s01: )

 

PS: cerca di limare bene e poi stuccare con cura la parte superiore degli angar sotto alla torretta delle bandierine (spero mi perdonerete i miei termini da ignorante) che si vede sulla tua quarta foto perchè sarà verniciata e resterà esposta (ci poserai sopra le barchette ma se fai un lavoro aprossimativo si noterà)

Ciao

Edited by Mximilian
Link to comment
Share on other sites

Ciao Mximilian,

 

per quanto riguarda il mio dubio sui pezzi, mi fido di te, però rimane la domanda: ma allora dove va messo quell'altro pezzo che è attaccato ancora al telaio????

 

La stuccatura del tetto dell'hangar l'avevo gia messa in conto! grazie d'avermelo ricordato!

 

Mi è venuta in mente una cosa, ma tu la Bismarck l'hai fatta con la mimetica integrale, io la farò con la mimetica a tutti i costi, ma ancora moi devo procurare tutto, dall'aerografo alle vernici, il primer tamija, e persino il nastro adesivo per le mascherature!!! Sai per caso se esistono degli schemi per la mimetica???

 

Ci vorra molto tempo però per impostare i lavori di verniciatura!!!

 

per tenervi informati sullo stato dei lavori

 

Le prossime fasi di lavoro sarranno: la stuccatura dello scafo con lo stucco spray ( se riesco a trovarlo) il completamento delle fotoincisioni finora montate con tutti i pezzi minuti, e prossimamente inizierò a costruire il pennone del radiogoniometro!!

 

A proposito del radiogoniometro, sapreste dirmi che differenza c'è tra il marciapiede semplice e quello complesso?? chi ha costruito il pennone saprà di che sto parlando!!

 

Ciao a tutti ed a presto!!!

Link to comment
Share on other sites

Ma carissimo Desert Eagle ma allora si vede che io e il carissimo RN.Pola parliamo al vento. :s03: :s03: Scusami, ma guarda il diario mio e di Vespucci, hai tutte le risposte che vuoi con fotografie e con tutti i difetti trovati, con le correzioni fatte nella costruzione, e ma allora!!!! :s10: :s10: Scusami, hai anche in che modo vuoi fare la mimetica, se poi non sei sicuro chiedi come ha fatto il Vespucci, lui ti risponderà. Ricorda se devi fare la mimetica totale cioè anche sulle sovrastrutture ricorda non devi montarle sullo scafo le devi solo appoggiare per trovare le varie inclinazioni. :s02: :s02:

Per il resto è un magnifico lavoro.

Ora guardo nell'archivio delle foto se trovo quella che ti interessa.

 

s6300327.jpg

 

s6300326.jpg

 

Ciao buon la voro e ventoinpoppa da Pennabianca.

 

PS. L'ultima domanda non la capisco, cioè non ricordo il significato. Se vuoi vedere il pennone del radiogognometro te lo posto.

 

img1205pa.jpg

 

img1209fn.jpg

Edited by pennabianca
Link to comment
Share on other sites

per quanto riguarda il mio dubio sui pezzi, mi fido di te, però rimane la domanda: ma allora dove va messo quell'altro pezzo che è attaccato ancora al telaio????

 

La stuccatura del tetto dell'hangar l'avevo gia messa in conto! grazie d'avermelo ricordato!

 

Mi è venuta in mente una cosa, ma tu la Bismarck l'hai fatta con la mimetica integrale, io la farò con la mimetica a tutti i costi, ma ancora moi devo procurare tutto, dall'aerografo alle vernici, il primer tamija, e persino il nastro adesivo per le mascherature!!! Sai per caso se esistono degli schemi per la mimetica???

 

Ciao Desert,

andiamo con ordine: i pezzi fotoincisi forniscono delle opzioni diverse perchè la nave è stata modificata dalle operazioni del mar Baltico all'uscita in atlantico dove poi è affondata...evidentemente Amati ha concepito il kit completo ma Hachette ti fa montare solo l'ultima versione (quindi per la mimetica: pennone piccolo e non si montano quelle terrazzine sotto i riflettori ai lati della plancia...in più bisogna realizzare le barche di salvataggio con i paranchi vicino alle catapulte che sono state eliminate per l'uscita in atlantico)

 

Lo schema della mimetica è stato fornito col n.135, comunque cambia a seconda del mese (io l'ho realizzata al momento del 5 maggio 41 con la visita di hitler)...guarda in questo link alla voce :" paint scheme" e scegli :s01:

 

www.bismarck-class.dk

Edited by Mximilian
Link to comment
Share on other sites

Ciao carissimo Mximilian,

 

scusa intanto per non averti risposto subito, sono stato a Torino quattro giorni.

 

Allora, per quanto riguarda la mimetica, io vorrei farla così com'era il giorno dell'affondamento, quindi presumo devo farla secondo il sito che dici tu, 1941 Rheinübung! (anche la ROMA farò con la livrea che aveva al suo affondamento!)

 

Io pensavo che la mimetica integrale fosse stata fatta per ultima!?!?! Che ignorante che sono!!!

 

Quindi se seguo alla lettera le istuzioni, mi ritrovo la mimetica e soprattutto le sovrastrutture che mi interessano!!!

 

 

Va bene per ora non ho più dubi!!!!

Link to comment
Share on other sites

Ciao Desert,

di certo non imiti nessuno..sai quanti modellisti hanno riprodotto questa versione.

 

Per le differenze vado a memoria (poi controllerò meglio):

 

1- la mimetizzazione prosegue fino ai telemetri

2-il cielo delle torrette piccole sono in grigio chiaro..anche il cielo della plancia corazzata che stà dietro la torre B di prua

3- l'albero maestro dalla piattaforma in su è in grigio scuro

4- il "coperchio" delle due stazioni di tiro è in grigio scuro

5- il disegno non riporta correttamente il pavimento della piattaforma del telemetro più alto che dovrebbe essere il legno e non grigio scuro

 

Il problema vero è colorare ad aerografo le varie strutture...perchè per separare le linee dovrai usare il nastro adesivo...e questo bastardo ha l'abitudine di scollare le piccole fotoincisioni.

 

Dovrai quindi, in anticipo, pianificare il montaggio delle sovrastrutture senza incollare le fotoincisioni dei particolari nei punti in cui incollerai il nastro per la verniciatura..le piccole parti andranno colorate a parte ed incollate a verniciatura ultimata!

 

Man mano che lavori devi tracciare le linee con una matita o un pennarello la mimetica, per renderti sempre conto di dove maschererai col nastro per far le strisce bianche e nere...insomma già è difficile...così di più...ma vedo che le sfide non ti fermano per cui in bocca al lupo :s01:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44.9k
    • Total Posts
      521.4k
×
×
  • Create New...