Jump to content
Sign in to follow this  
LT Melekhin

Sdo Surs (Ex Nuova Unità Ussp)

Nuova Unità Ussp  

25 members have voted

  1. 1. come chiameresti la nuova USSP

    • Cesare Laurenti
      7
    • Angelo Belloni
      5
    • Teseo Tesei
      12
    • Elios Toschi
      1
    • Spartaco Schergat
      0


Recommended Posts

Anche l'Anteo si muove a velocità simili.

L'intervento non è preoccupante, anche se la nave è fuori teatro. Da anni le normative NATO fanno in modo che tutte le strutture di soccorso siano compatibili e anche le procedure prevedono che interviene chi è piu vicino, non la nazione a cui appartiene il sommergibile sinistrato.

..

 

 

Che gli standard NATO impongano determinate compatibilità è ormai dimostrato, tutti appontano su tutto e sono in grado di intervenire dove serve nel mondo, ma credo che la filosofia alla base di questa cooperazione internazionale (correggimi se sbaglio) sia appunto quella di avere una rete di soccorso sempre disponibile cercando di minimizzare i tempi di risposta, mandando la nostra unità in luoghi dove non potrebbe fornire la propria capacità di intervento leviamo un asset strategico al network stesso, non solo alla nostra flotta ma a tutte le Marine (NATO e non) che navigano nel Mediterraneo.

Il pensiero di ‘delegare’ ad altri i compiti di salvataggio in zone adiacenti al proprio teatro operativo lo possono fare quelle Marine che una componente efficiente di salvataggio non la hanno, immagino che se dovesse succedere qualcosa in Mediterraneo la comunità internazionale si aspetterebbe un grande contributo dall’Italia; sarebbe quantomeno strano che il paese non fosse in grado di fornire il proprio miglior apporto a causa dell’assenza (giustificata?) dell’unità.. lo trovo anche un poco irrispettoso nei confronti degli equipaggi dei nostri sommergibili.

Non è possibile, a mio modo di vedere la cosa, anteporre qualsivoglia ricerca scientifica che implichi il trasferimento della nave in mari lontani al salvataggio delle vite dei sommergibilisti, al grido di “tanto c’è l’NSRS” (il cui dispiegamento implica uno sforzo logistico notevole che per quanto efficiente risulterebbe meno rapido rispetto all’intervento della nostra unità), trovo che i due ruoli non siano compatibili.

 

Quanto alla velocità, se nave Anteo naviga a queste andature dobbiamo migliorare investendo su una propulsione in grado di erogare più potenza alla bisogna, sempre nell’ottica di accorciare i tempi di risposta.

 

Non e' che qualcuno ci racconta qualcosa in proposito? Ovviamente senza mai nominare l'oggetto della questione...

 

 

I sommergibilisti non hanno un ‘buon rapporto’ con le navi da salvataggio (come dargli torto?), per questo evitano di nominarle: tuttavia sembra che attorno all’unità in questione aleggiasse un fattore-sfortuna-contagioso che aumentava discretamente il timore di nominarla.. altri sapranno essere più precisi magari snocciolando qualche aneddoto (chissà se nella Marina sotto la quale naviga ora la pensano allo stesso modo?).

Una cosa particolarmente triste accadde a bordo di quell’unità: il giorno di S.Giuseppe del 1965, durante la tradizionale apertura agli esterni dell’Arsenale di La Spezia, il Gruppo Incursori accoglieva i visitatori a bordo della suddetta e mostrava le proprie attrezzature.

Durante la spiegazione di un congegno sparachiodi o di una pirovite, strumento usato per applicare i sistemi anti rimozione delle cariche da applicare in carena (incredibile cosa mostrassero nel 65), il Secondo Capo Palombaro Sommozzatore Francesco Giordano, di 25 anni, moriva a causa di un ‘colpo’ partito accidentalmente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lefa, sono d'accordo..... a metà.

 

Ovvero: O si partecipa ad un programma internazionale, O si hanno proprie risorse sempre disponibili.

 

Oggettivamente, avessimo un mezzo 365\24 disponibile, non avremmo bisogno di versare oboli per mezzi NATO 'in comproprietà'.

 

D'altro canto (qui lo dico, e qui mi tocco, per evidenti motivi) per fortuna gli incidenti sono oramai rarissimi: una nave dedicata SOLO al soccorso subacqueo è oggettivamente uno spreco.

 

Poi, possiamo disquisire del fatto che su 8000 tonnellate di nave 'civile' modificata, si pretenda di fare tutto fra cui l'appoggio alle FS, cosa per la quale forse servirebbe un poco più di discrezione.

 

ma tant'è: coi chiari di luna attuali....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che l’avere risorse 'sempre' disponibili sia compatibile col partecipare ai programmi internazionali.

Naturalmente non è possibile avere l’unità sempre in acqua o efficiente al 100% (per questo è opportuna la ridondanza e la cooperazione internazionale, senza contare che talvolta ci concediamo qualche ‘crociera’), ma questi periodi di indisponibilità secondo me devono essere legati a interventi di sorta sulla nave, non a dispiegamenti in missioni lontane.

Il dover ricorrere all’aiuto delle altre nazioni del programma dev’essere ‘just in case’ nel Mediterraneo, solo se troppo distante o se la nave è assente (giustificata); non sono molte le nazioni con asset come i nostri, siamo una componente strategica del sistema e in caso di necessità dovremmo essere sempre pronti, anche per aiutare gli altri.

Come già espresso non penso che la nave dovrebbe essere preposta al solo salvataggio, ma che il salvataggio dovrebbe essere la sua priorità; trovo ottima l’idea di fare una USSP in grado di fare quasi tutto sott’acqua in modo da poter essere impiegata per diversi scopi.

Edited by Lefa

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Una domanda: nave Anteo passerà ad equipaggio ridotto prima del disarmo, giusto? Quanto tempo può rimanere in questo stato di limbo? In caso di necessità, potrebbe intervenire se il suo sostituito fosse troppo lontano?

 

E ancora, con un solo USSP in servizio come saranno coperte le sue funzioni quando sarà la nave sarà in bacino o sottoposta ai normali lavori di manutenzione?

se non sbaglio, sia con l'innominabile, che con l'Anteo la situazione era la stessa, la nave era una sola, al massimo fino agli inizzi anni 80, il personale subacueo, si poteva appoggiare al Cavezzale, ma il DSRV èpoteva operare solo dall'Anteo.

a proposito di anetodi, il mio è meno tragico di quello riportato. Un compagno del corso AUC, infiaschiandosene della nomea, saliva le scale verso la camerata, ripetendo il nome dell'innnominabile, è caduto dalle scale, si è fratturato una spalla, non ha potuto portare al termine il corso, ed è stato trasferito a Maricentad Spezia. A dire il vero se la cercava in tutti i modi, appena entrava in camerata gettava la pizza sul letto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene, si va verso il gas!

 

 

USSP_zpsa6e32f15.jpg

 

USSPPROPULSIONE_zps38d1fc51.jpg

 

Hai qualche dettaglio, rumor, o pettegolezzo inedito per noi? su tutto il fronte non solo riguardo la propulsione.

Cosa ne pensi del progetto nella chiave in cui è stato concepito?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene, si va verso il gas!

 

 

USSP_zpsa6e32f15.jpg

 

USSPPROPULSIONE_zps38d1fc51.jpg

Economicamente è sicuramente un vantaggio: e bene fa la M. M. a sperimentare questa soluzione a bordo di una nave ausiliaria.

Tuttavia a causa della pericolosità del gas andrei cauto ad usarlo a bordo delle vere e proprie navi da guerra ove potrebbe ingigantire i danni derivanti da un colpo a bordo

Share this post


Link to post
Share on other sites

...il mio parere sull'unità, personale e ovviamente che non vuole rappresentare quello della Marina, è che è un "brutto accrocchio". A far fare troppe cose ad un'unica unità si rischia che non ne venga bene nessuna. Ma non ne conosco i dettagli e spero ardentemente di sbagliarmi...

 

Parole sacrosante!

 

Cosa ne pensi del progetto nella chiave in cui è stato concepito?

 

Quoto al 100% quanto espresso dal Com.te Totiano il 29 gennaio 2013.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ultimissime sulla USSP, e non solo:

 

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-04-03/la-marina-militare-smantella-vecchie-navi-e-studia-nuova-flotta-finanziata-legge-stabilita-214938.shtml?uuid=AB3S4B8

 

Il dislocamento sale a 10.000 t

Viene dichiarata la lunghezza: 127 m

Viene annunciata la consistenza dell'equipaggio: 80 + 180

Viene annunciata la capacità di ricovero di 2 elicotteri

E il costo si riduce da 390 a 300 milioni........... (di cui 250 dalla Legge di Stabilità, non più dal Bilancio ordinario).

 

"Con 250 milioni della Legge di Stabilità e 50 milioni stanziati dal ministero dell'Università e Ricerca (Miur) verrà finanziata la nuova nave oceanografica e appoggio sommergibili da 10 mila tonnellate e 127 metri che avrà un equipaggio di 80 marinai ma potrà ospitare altre 180 persone e 2 elicotteri!"

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

il mio parere sull'unità, personale e ovviamente che non vuole rappresentare quello della Marina, è che è un "brutto accrocchio". A far fare troppe cose ad un'unica unità si rischia che non ne venga bene nessuna. Ma non ne conosco i dettagli e spero ardentemente di sbagliarmi.

Anch' io ho questo dubbio. E dobbiamo anche considerare i problemi che potrebbero insorgere dall' aver una SINGOLA nave a disposizione di più Enti della M.M.

 

10000 tons??

Secondo me è un errore del giornalista...10.000 tons in 127 mt di lunghezza mi sembrano troppi. Guardando anche i disegni da voi postati... :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch' io ho questo dubbio. E dobbiamo anche considerare i problemi che potrebbero insorgere dall' aver una SINGOLA nave a disposizione di più Enti della M.M.

 

Secondo me è un errore del giornalista...10.000 tons in 127 mt di lunghezza mi sembrano troppi. Guardando anche i disegni da voi postati... :huh:

 

Il AHTS Sandefjord (vedasi Bold Monarch 2011 http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=36489), che vagamente somiglia alla USSP, è lungo 95 m e ha un dislocamento di 8.000 t.

Non ci trovo, pertanto, nulla di strano in un dislocamento di 10.000 t, con una lunghezza di 127 m.

Saluti :smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sul sito della società armatrice -"K line offshore"- è possibile scaricare la scheda tecnica del STX AH 12 CD Sandefjord, che riporta il dato di oltre 8.000 t...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che 10.000 t non siano eccessive per una unità che dovrà fare da ARS/NAI + USSP + IDR:

 

Questi i requisiti inizialmente approvati in Commissione Difesa:

http://documenti.camera.it/leg16/dossier/testi/DI0273_0.htm

 

Per quanto riguarda le finalità operative del programma, l’unità navale deve assicurare:

Ø il supporto per le operazioni del Gruppo Operativo Subacqueo (GOS) della Marina, comprese le attività di ricerca e soccorso a sommergibili sinistrati;

Ø il supporto per l’attività operativa e l’addestramento,a connotazione subacqueo-anfibia, del Gruppo Operativo Incursori (GOI) della Marina militare;

Ø la capacità di imbarco di un Comando Forze speciali.

Come indicato dalla nota illustrativa che accompagna il programma, la nuova unità navale deve possedere caratteristiche che la rendano idonea a soddisfare una serie di requisiti relativi alle suddette finalità.

Per quanto riguarda i compiti di ricerca e soccorso la nave deve assicurare le seguenti capacità:

ü svolgimento, fino a 600 metri di profondità, di ricerca e soccorso di sommergibili sinistrati, con unità di comando interforze nazionale e internazionale, e utilizzo di impianto iperbarico per il trattamento medicale di 60 naufraghi;

ü imbarco di minisottomarini di soccorso internazionali, compatibili con i sistemi NATO e USA;

ü ispezione subacquea e messa in sicurezza a quote profonde, di siti di importanza strategica (piattaforme petrolifere, oleodotti, condutture marine);

ü ricerca, rimozione e distruzione di ordigni esplosivi, fino alla profondità raggiungibile dai mezzi imbarcati

ü ricerca e ispezione di manufatti e relitti fino a 1.000 metri di profondità e conduzione di lavori subacquei in generale.

Per quanto concerne invece i compiti di supporto agli incursori, le potenzialità della nave riguardano:

ü la dotazione o l’imbarco di sistemi idonei a svolgere attività operative e addestrative di Forze speciali della Marina militare;

ü il trasporto e la proiezione sul mare e dal mare di uomini, militari e mezzi;

ü la capacità di imbarcare un Comando Forze Speciali proiettabile, in contesto nazionale ed internazionale;

ü condotta di ricerche e sperimentazioni relative allo sviluppo di nuovi armamenti o equipaggiamenti;

ü trasporto di materiali e attrezzature speciali.

Come precisato nella scheda illustrativa che accompagna la richiesta di parere in esame, le caratteristiche tecniche richieste alla nuova unità prevedono:

Ø un impianto propulsivo che consenta una velocità massima continuativa di 16 nodi, un’autonomia di 5.000 miglia, una elevata capacità di manovra e un sistema per il posizionamento dinamico;

Ø un impianto di immersione con attrezzature che raggiungano la profondità di 600 metri, tra le quali: un veicolo sottomarino da soccorso (SRV), un impianto iperbarico trasferibile tramite SRV e ulteriori strumenti per la realizzazione del soccorso a sottomarini sinistrati, compresi un impianto di ventilazione, una campana e uno scafandro;

Ø sistema sonar con capacità di scoperta fino a una profondità di 1.000 metri e sistemi radar di navigazione (anticollisione) e di scoperta di superficie (controllo situazione navale);

Ø sistemi di telecomunicazioni e di comando e controllo in grado di consentire all’eventuale Comando Forze Speciali imbarcato o al Comando di bordo di operare sia in contesto nazionale che internazionale, nonché per la gestione in tempo reale delle attività della nave e delle operazioni subacquee;

ü un equipaggiamento di sistemi d’arma idoneo a contrastare minacce provenienti da ogni direzione.

La configurazione dell’unità navale e degli strumenti di dotazione dovrà garantire infine la piena interoperabilità con tutti gli assetti delle Marine militari NATO che stanno rinnovando le unità di analoga tipologia.

La scheda dello Stato maggiore della difesa indica, per il programma in esame, una durata prevista di sette anni, con inizio nel 2010 e termine nel 2017, ma la nota illustrativa allegata precisa invece che la costruzione dell’unità navale dovrebbe essere avviata nel 2011 e dovrebbe terminare nel 2015, per consentire la sostituzione della nave Anteo, che giungerebbe in quell’anno alla conclusione della sua vita operativa.

 

Poi sono state aggiunte anche le capacità IDR con, pare, scafo irrobustito in grado di operare in acque artiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da ultime indiscrezioni carpite in rete (febbraio 2016), sembra che si vogliano separare su due scafi le funzioni di nuovo Anteo e nuovo Magnaghi.

In questo modo verrebbero realizzate:

  • una UIOM (nuovo Magnaghi)
  • una USSP (nuovo Anteo)

Non si sa ancora se saranno due navi pseudo-gemelle oppure due progetti totalmente diversi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da ultime indiscrezioni carpite in rete (febbraio 2016), sembra che si vogliano separare su due scafi le funzioni di nuovo Anteo e nuovo Magnaghi.

In questo modo verrebbero realizzate:

  • una UIOM (nuovo Magnaghi)
  • una USSP (nuovo Anteo)

Non si sa ancora se saranno due navi pseudo-gemelle oppure due progetti totalmente diversi...

 

... pronto appena si trovano dei dati...

Share this post


Link to post
Share on other sites

possibilmente gli montiamo anche le catapulte magnetiche???

sono un po' preoccupato, ma il nostro LT che si fuma??? roba pesante... te o maggiorana? fa dei sogni in technicolor... :s68: :s03: :s68: :s68: :s03: :s68: :s03:

scherzo naturalmente...

 

Non fumavo roba pesante, avevo solo visto lontano...

 

 

il mio parere sull'unità, personale e ovviamente che non vuole rappresentare quello della Marina, è che è un "brutto accrocchio". A far fare troppe cose ad un'unica unità si rischia che non ne venga bene nessuna. Ma non ne conosco i dettagli e spero ardentemente di sbagliarmi.

 

Pienamente d'accordo. Se separeranno USSP e UIOM, opinione mia personale, sarà solo un bene (in quanto, al contrario di Anteo e Magnaghi, che hanno trascorso il 99% della vita tra Gibilterra e Suez, USSP e UIOM opererebbero entrambe molto lontano dalle basi nazionali e molto lontano l'una dall'altra, anche simultaneamente).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lazer_one, sbaglio o il profilo della prua è da rompighiaccio?

... faccio fatica a vedere la prua rompighiacco e/o lo scafo con "capacità artiche"...

 

giusto per confronto ecco la nave oceanografica norvegese, progetto Rolls Royce, assegnata a Fincantieri

 

kronprins_haakon_research_vessel.jpg?ito

 

rollsroyce.gif

 

haakon-e1384467187926.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da ultime indiscrezioni carpite in rete (febbraio 2016), sembra che si vogliano separare su due scafi le funzioni di nuovo Anteo e nuovo Magnaghi.

In questo modo verrebbero realizzate:

 

  • una UIOM (nuovo Magnaghi)
  • una USSP (nuovo Anteo)
Non si sa ancora se saranno due navi pseudo-gemelle oppure due progetti totalmente diversi...

 

Non fumavo roba pesante, avevo solo visto lontano...

 

Pienamente d'accordo. Se separeranno USSP e UIOM, opinione mia personale, sarà solo un bene (in quanto, al contrario di Anteo e Magnaghi, che hanno trascorso il 99% della vita tra Gibilterra e Suez, USSP e UIOM opererebbero entrambe molto lontano dalle basi nazionali e molto lontano l'una dall'altra, anche simultaneamente).

Sempre da indiscrezioni carpite in rete, sembrerebbe confermata la linea di una UIOM più piccola (circa 4.000t?) e una USSP più grande (circa 10.000t?), quindi due navi completamente diverse. La UIOM, sostituta del Magnaghi, potrebbe essere fortemente ispirata ai due Dattilo della Guardia Costiera:

https://www.fincantieri.com/it/prodotti-servizi/navi-militari/hydrographic-survey-vessel/

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Sempre da indiscrezioni carpite in rete, sembrerebbe confermata la linea di una UIOM più piccola (circa 4.000t?) e una USSP più grande (circa 10.000t?), quindi due navi completamente diverse.

Logica e giusta scelta: speriamo che venga concretizzata.

 

Parlando del sistema propulsivo della futura nave idrografica confermo quanto già scritto nel mio post n° 57 ( a proposito della motorizzazione a gas-metano) che riporto quì sotto.

 

Economicamente è sicuramente un vantaggio: e bene fa la M. M. a sperimentare questa soluzione a bordo di una nave ausiliaria.

Tuttavia a causa della pericolosità del gas andrei cauto ad usarlo a bordo delle vere e proprie navi da guerra ove potrebbe ingigantire i danni derivanti da un colpo a bordo

Edited by Alfabravo 59

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che ne ha cambiate di sigle questa nave, speriamo di vedere presto il nome definitivo che sarà sulla fiancata...

Share this post


Link to post
Share on other sites

😕Sono un pò confuso😕...La Marina è sempre intenzionata a costruire due navi: una per il Servizio Idrografico ed una per il soccorso/salvataggio sottomarini?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembrerebbe confermato quanto scrissi il 28 febbraio 2018:

”...una UIOM più piccola (circa 4.000t?) e una USSP più grande (circa 10.000t?), quindi due navi completamente diverse...”

Noto però che, appunto a pag. 62, si farebbe cenno ad una TERZA nave, la LRSS (Long Range Submarine Support ship), idea ormai antica -ne sento parlare da oltre due lustri- ma dura a morire di nave comando/rifornimento Sommergibili?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Speriamo sia davvero il viatico per il taglio dalle lamiere e un sommergibilista a dirigerne i lavori potrebbe essere un buon segnale. In effetti non so quale sia l'incarico di Marco Rizzuti in Fincantieri, tu ne sai di piu, Giacomo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,377
    • Total Posts
      512,676
×