Jump to content

Cantiere Di Costruzione Corazzata "roma" Scala 1:200 Hachette


Recommended Posts

  • Replies 1.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Grazie per gli apprezzamenti...

 

Caro Kidd, in parte è vero quello che dici cioè che i particolari minuti spariscono ma il modellista li nota e chi non è addetto ai lavori nota comunque un'armonia ed un precisione generale del modello...come quella che traspare dal tuo!

 

Ciao Tazzoli, era un pò che non ti si sentiva...comunque non sono in grado di aiutarti poichè il mio ponte in teak l'ho realizzato in plastica!

In questo caso è facile una spruzzata di bianco, si passano con dei normalissimi pastelli le tavole di marroni vari, rossi e gialli. Si spruzza il colore "teak" (Lifecolor UA 618 od Humbrol 121) lasciando trasparire gli effetti sottostanti...si lava poi con un marrone scuro diluito ed una volta asciutto si realizzano luci varie con marroni chiari a "pennello asciutto" .

Con il ponte in plastica separato posso verniciare lo scafo a parte senza paura di sporcare il ponte o viceversa....se invece hai tutto già montato con listelli di legno ti conviene mascherare il ponte e dipingere lo scafo...è poi più facile mascherare lo scafo e rifinire i ponti.

Per quanto riguarda gli effetti sui ponti in legno realizzati a listelli c'era una discussione con Pennabianca, Corazzata Littorio ed altri utenti sul tread forse della Victory che adesso non ricordo precisamente...dopo la vernice a lucido passavano polveri tipo grafite sul ponte che una volta pulito lasciava i recessi evidenziati in scuro (perdonate il riassunto pressapochista).

Forse qualche utente più attento di me te lo può rintracciare.

Un saluto anche al buon Italtuf...che ormai dovrebbe essere alla fine visto che questa settimana è uscito il numero 140 (fine almeno dell'esborso economico :smile: )

Link to comment
Share on other sites

per il teak a poppa farò come tu dici e cerco anche la discussione a tema max!!

 

altro problema: qualcuno avrebbe 2 ancore hall da 20mm da vendermi? o potreste indicarmi un sito dove poterle acquistare? ho cercato un po, ma non le ho trovate.

 

purtroppo ho saltato anche le uscite con le eliche e i relativi supporti... pensavo di poter creare anche io quelle, ma in realtà si è rivelato troppo difficile, così ho ordinato le relative uscite (44-45-46-47) al tabaccaio... anche se sono trascorsi più di 6 mesi dalla loro uscita... in ogni caso ho chiamato hachette e mi hanno detto che sono ancora disponibili... voi che dite?

Link to comment
Share on other sites

Tazzoli, ti conviene ordinarti anche il numero 102 su cui ci trovi le ancore e le catene...non sono poi male.

Altrimenti ci metti anni a ricostruire tutto...vedrai che le sovrastrutture daranno filo da torcere e ti consiglio di non perdere tempo con i pezzi che trovi già fatti da Hachette sufficientemente corretti.

 

Intanto ho terminato le armi di piccolo calibro...finalmente è stato un lavoraccio.

Notate che i quattro cannoni del tiro illuminato nell'estate del '43 furono dipinti in grigio scuro, tale da confondersi col ponte!

 

p8to.jpg

 

ait3.jpg

 

csf7.jpg

 

xwtv.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ti ringrazio "Kidd",

premesso che ci sono modellisti molto più bravi di me, basta vedere le realizzazioni di Marchetti, Corazzata Littorio, Pennabianca, Vespucci ed altri che mi perdoneranno di non ricordarli ma per questo non meno capaci, ti dico che è solo questione di esperienza e pratica...proprio per questo nei miei post cerco sempre di mostrare tutti i passaggi delle costruzioni in maniera di (mi auguro) ispirare a fare meglio o magari invogliare a migliorare le tecniche dei novizi.

Ancora per questi motivi non nascondo mai nessuna delle tecniche usate...e non è certo mia intenzione sminuire i modelli meno elaborati.

Continua così che il tuo modello può essere preso ad esempio per il montaggio standard... Ciao

Link to comment
Share on other sites

per il teak a poppa farò come tu dici e cerco anche la discussione a tema max!!

 

altro problema: qualcuno avrebbe 2 ancore hall da 20mm da vendermi? o potreste indicarmi un sito dove poterle acquistare? ho cercato un po, ma non le ho trovate.

 

purtroppo ho saltato anche le uscite con le eliche e i relativi supporti... pensavo di poter creare anche io quelle, ma in realtà si è rivelato troppo difficile, così ho ordinato le relative uscite (44-45-46-47) al tabaccaio... anche se sono trascorsi più di 6 mesi dalla loro uscita... in ogni caso ho chiamato hachette e mi hanno detto che sono ancora disponibili... voi che dite?

prova qui http://www.modellismo.it/visualizzaxcat.php?categoria=D52&dove=corel

Link to comment
Share on other sites

grazie tante del link squadra lo terrò a conto per futuri acquisti!! ci sono un sacco di componenti interessanti!! :biggrin:

per il momento le ho ordinate dal tabaccaio, insieme alle eliche e i relativi supporti, che pensavo di poter fare io, invece il lavoro si è rivelato più complesso del previsto.

 

in sostanza devo aspettare che al tabaccaio arrivino i numeri arretrati per poter andare avanti. questo perché prima di dipengere devo installare le eliche.

 

per il momento ho finalmente terminato di incollare tutti i 272 oblò, e il prossimo passo sarà quello di creare il teak a poppa. che schema mi consigliate di seguire per questo? diverse pagine indietro c'erano delle foto postate che mostravano lo schema seguito... (intorno a pagna 26-29) era uno schema a 8 se non sbaglio. il modello 1/350 della trumpeter invece ne presenta uno diverso, cosi come il modello di barbieri.

voi che schema mi consigliate di seguire per sistemare le assi del teak di poppa?

 

inoltre avreste una foto dall'alto che mostra la zigrinatura del ponte di prua? io la faccio per conto mio, visto che il mio scafo, essendo autocostruito, è leggermente più grande di quello hachette e quindi non posso usare la sagoma metallica che mi hanno dato... purtroppo però non riesco a trovare foto o disegni dall'alto che mostrino che forma avesse la zigrinatura.

 

grazieee gentilissimi come sempre!!! :smiley19:

Link to comment
Share on other sites

Tazzoli: per il ponte zigrinato va bene la forma di Hachette...ma se devi ricostruirlo ti dico che io non ho ancora trovato nessun materiale soddisfacente. Considerato che in scala 1:200 dovrebbe essere appena percettibile sono del parere che è meglio ometterlo piuttosto che creare una difformità evidente.

 

Passo adesso a postare le modifiche delle plance comando. Diciamo che si notano poco a vantaggio dei modellisti che montano il modello originale...ma se a qualcuno interessa avvicinarsi il più possibile al modello reale può prendere spunto dalle mie note per fare ricerca e realizzare anche meglio, visti i limiti delle mie capacità e di tempo.

Diciamo che a prima vista possono sembrare i pezzi originali ma vi assicuro che il numero di modifiche è davvero notevole:

 

PLANCIA COMANDO INFERIORE:

- ho rimpicciolito le finestrature, a mio avviso troppo oblunghe.

- inserite le finestre laterali con le portine d'ingresso

- creati oblò laterali e porta posteriore d'ingresso

- create e posizionate le due colonnine di servizio

- creati e posizionati i carabottini antisdrucciolo in legno

- realizzati i sostegni delle strutture superiori

- ricreate le scale esterne al piano superiore con modifica delle ringhiere

- inserita colonna segnalazione timone per l'operatore alle bandiere

- inseriti alcuni ganci che mi serviranno per tirare le cime

- realizzate le due paratie antischeggia per le colonnine telemetria (queste ultime ancora da realizzare)

- realizzati i due faretti di segnalazione (ancora da incollare...sono quelli staccati a terra)

 

PLANCIA COMANDO SUPERIORE:

- carabottini antisdrucciolo in legno

- colonnine cannocchiali

- allargamento della terrazza inferiore e superiore con strutture di sostegno e mdifica della ringhiera per ricevere le scale esterne provenienti da sotto

- realizzata scala che porta alla piattaforma superiore

- realizzati i due faretti di segnalazione

- porta ingresso posteriore

- anche quì sono state rimpicciolite le finestre anteriori

- realizzate le finestre laterali con le relative portine d'ingresso

 

PIATTAFORMA FARI:

- iniziata ma non ancora terminata la modifica ai fari da ricerca Uberti (tovate una bella foto su Wikipedia)

- realizzati i faretti a colonna di segnalazione con i relativi binari di scorrimento

- posizionate due scalette per l'accesso al terrazzo della piattaforma di telemetria superiore

- realizzato corrimano per l'arrivo della scala dal piano inferiore

- spostato le due antenne laterali (quelle a "megafono" ricoperte da tela dopo l'installazione del radar "gufo") sotto la ringhiera

- realizzati i due sostegni inferiori con la struttura a traliccio di rinforzo

- montate due lastre anticaduta fra la ringhiera e la struttura di telemetria superiore

- per ultimo ho creato un taglio alla ringhiera corrimano in prossimità di dove andrà posizionato l'albero ... non è reale ma è un'espediente per montare i pezzi dopo la colorazione invertendo le istruzioni e facilitando la realizzazione della mimetica.

 

om1g.jpg

 

itan.jpg

 

f3vb.jpg

 

rb8f.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ciao Desert,

il piano dell'opera ne prevede due: uno con il n.20 ed uno con il n.60.

Non so se siano sufficienti perchè io non li ho presi...

Sarei curioso di sapere se sono in molti ad avere acquistato il piedistallo e la teca venduti separatamente (la teca direi venduta a caro prezzo)

dopo aver osservato il lavoro tuo e di altri in questo post...

Credo che il gioco valga la candela...

 

Nel senso che il modello che state facendo, merita una protezione appropriata...

 

Non so se avete dei vetrai o artigiani di fiducia che possano ottemperare in maniera economica alla realizzazione della teca,..

 

Però sappiate.. (parlo per esperienza personale), che il vetro è costoso e pesante (per un modello di queste dimensioni minimo 4mm di spessore) e basta un niente per scheggiarlo..

Il Plexiglass, si è leggero.. ma tende ad ingiallirsi col tempo e (cosa importante) non ama i detersivi specie se abrasivi...

C'è poi il Perpex... si avvicina molto ad un prodotto in policarbonato,.. leggero (+/-) resistente ma ha un problema.. costa un occhio...

 

Se poi decidete di esporre il modello senza più muoverlo.. allora si che consiglierei il vetro... ma se dovete portarlo in giro...dovete optare per gli altri due...

complimenti comunque...

 

ciaoooo

Link to comment
Share on other sites

Saluto a tutti i naviganti

 

fin dal mio primo post ho confessato che questo è il mio primo modello, per cui sto nella costruzione seguendo pedissequamente le istruzioni Hachette che tra l'altro non sono gratis, anzi!!

ebbene voglio esternarvi il mio rammarico quando dopo aver incollato le due piattafome delle mitragliere,

mi è capitato di trovare on line una vera foto della Roma e ho notato che le suddette piattaforme sono più in basso rispetto al 1° piano del ponte di comando e non alla stessa altezza!!!

 

Visto il costo, mi sarei aspettato che il modello Hachette fosse più realistico (bastava abbassare di qualche millimetro i tre pilastrini di legno)

Se non avete ancora realizzato le suddette piattaforme, vi conviene intervenire, è abbastanza semplice.

posto due foto per il confronto

byf7gr.jpgz7jw.jpg

Link to comment
Share on other sites

penso di aver capito a quali parti ti riferisci... purtroppo questo modello è strapieno di incongruenze... le torri da 152 più basse, la tristissima mancanza delle smorzature della cinta della corazza sullo scafo, le mitragliere da 63 che hanno le canne orizzontali piuttosto che oblique, lo scafo che è più basso di quasi 1cm... è un modello costosissimo, oltretutto con diversi errori... non so se si possa pretendere qualcosa dalla hachette...

 

io purtroppo ieri ho rifiutato un esame all'università, e di contro mi sono accorto che non sono messo cosi bene come pensavo... devo rimettermi sotto con i libri al più presto e anche piuttosto seriamente per fare un bel po' di esami a dicembre-gennaio. Nonostante questo non lascio la Roma, ma per il momento devo aspettare che arrivino in tabaccheria le uscite con le eliche e le ancore per terminare il mio scafo.

 

piccola nota. gli obò fornite da hachette oltreutto non mi bastavano visto che non ho comprato tutte le uscite... cosi li ho rimpiazzati con oblò della Amati costosissimi. ho dovuto modificarli uno ad uno per spuntare una rientranza (sono oblò per cui va fatta una sede con il trapano), ma nonostante questi difetti risaltano un po di più...

 

per la zigrinatura di prua allora mi rifarò alla forma del pezzo hachette. Ho trovato delle rete di carta/misto plastica dal ferramenta a maglie leggermente più piccole di quelle hachette. la ritaglierò con le forbici e utilizzerò quella. rimango in attesa dei pezzi richiesti in arretrato da Hachette.

 

in ogni caso complimenti ad entrambi. Siete molto più avanti di me, e i vostri modelli hanno proprio un bell'aspetto!! spero anche io di apportare buona parte delle modifiche riportate dal bravissimo max

 

ad ogni modo kidd se non hai messo troppa colla, puoi staccare le piattaforme con i relativi supporti, accorciarli e rimetterli... sempre se senti che vengono via senza fare troppi danni... al limite una stuccatina...

Edited by sommergibile tazzoli
Link to comment
Share on other sites

grazie per il suggerimento, Tazzoli,

 

ma incacchiato come sono, ci avevo già pensato.

Purtroppo ho messo la colla attak non solo sotto i tre pliastrini ma anche, e un bel pò, nel lato posteriore del pilastro più grosso per farlo meglio aderire

nell'alloggiamento predisposto sulla tuga.

Mi devo rassegnare :smiley29:

 

by

Link to comment
Share on other sites

E' da ieri che mi sto dando dello stupido,

:sad:

 

il problema dell'allineamento piattaforma mitragliere- terrazza comando era già stato affrontato e risolto brillantemente da

 

Mximiliam in questo forum a pag 42.!!!! Lo avevo letto, ma mi ha tratto in inganno il fatto che Mxi si rifacesse ad un altro

 

modellista, Barbieri, e non ad una foto storica della Roma per cui io ho preferito seguire le istruzioni...

 

ora ho fatto un giro ed ho scoperto che davanti a Barbieri bisogna togliersi il cappello!

 

Sono uno stupido senza limite, anzi col limite tendente all'infinito......

 

by

Link to comment
Share on other sites

Ciao Kidd,

ti dirò che tutto quello che costruisco lo verifico sulle foto del modello di Barbieri ma anche dalla documentazione storica e dalle foto dell'epoca....ma per ovvi motivi di copyright, già affrontati dagli amministratori a suo tempo, non possiamo postarli senza autorizzazione.

Link to comment
Share on other sites

Un saluto a tutti i comandanti,

ho preso in mano il radar "gufo" fornito e devo dire che non mi soddisfa in quanto è rappresentato "pieno" invece della struttura quadrangolare rivestita di rete.

Vediamo se si riesce a ricostruirlo!

Parto realizzando delle forme in legno su cui imbastire la struttura quadrangolare con telaietti di fotoincisioni da saldare assieme con la punta da 1,5mm.

Ne esce una schifezza che però limata ed incollata al fondo sembra promettere qualche cosa di buono...se riesco a rivestirlo come si deve forse è fatta!

Alla prossima

 

r1hi.jpg

 

sl39.jpg

 

tokn.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ciao Micmag,

io non posso aiutarti visto che la finitura dello scafo la lascio per ultima.

Però devo dire che Hachette ha fornito le dime in cartoncino per il posizionamento degli oblò.

Posizionati i cartoncini sui fianchi del modello basta che punzoni con uno spillone o con la punta di un compasso in corrispondenza del disegno dell'oblo, poi tolti i cartoncini ci incolli i pezzi.

Per amor della verità, a mio parere, gli oblò corazzati forniti sono solo le cerniere corazzate dei suddetti oblò...l'oblò andrebbe ricreato posizionando dei cerchietti di plastica oppure almeno scavando la sagoma con la punta di un compasso ed un cerchiometro e poi posizionando la cerniera.

Link to comment
Share on other sites

Caro Mxi ho quasi completata la costruzione della nave. Mi sono rimaste arretrate sei fascicoli perchè sospesi durante le ferie.

Volevo chiederti un consiglio circa l'apposizione delle decalcomanie sugli aerei in quanto non ho esperienza in merito e leggendo il facsicolo non è chiara la metodologia.

Ti ringrazio e ti saluto affettuosamente

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Grazie "Littorio" troppo buono, se avessi imparato a farmi le fotoincisioni come invece magnificamente fai tu...sarei riuscito a fare qualche cosa di meno grezzo :smile:

 

Ciao Italtuf, ben risentito...

per le decals è presto detto: prepari un piattino con un pò d'acqua dentro ed una pinzetta con un foglio di carta assorbente ed uno stuzzicadenti a portata di mano.

Poi ti procuri un liquido emolliente per decals reperibile nei negozi di modellismo (va bene anche acqua ed aceto..poco) , una forbicina ed un pennellino.

Con la forbicina ritagli la decals e con il pennellino metti un pò di emolliente su punto dell'aereo dove andrai poi a mettere la decals...intanto metti la prima decals (se ne mette una alla volta) nel piattino con acqua.

Questo è un momento critico...il tempo di immersione dipende dalla decals, a volte basta poco a volte di più...diciamo trenta secondi...puoi controllare con la punta dello stuzzicadenti toccando la decals delicatamente, se vedi che comincia a staccarsi la afferri con la pinzetta con tutto il suo supporto, la togli dall'acqua ed la appoggi di taglio sulla carta assobente...solo un colpetto per assorbire l'acqua che è rimasta attaccata alla decals.

Avvicini la decals ancora con il suo cartoncino sotto al punto dell'aereo e con la punta dello stuzzicadenti la fai scivolare in posizione...e poi NON la tocchi più.

Quando è quasi asciutta si può bagnare con il "Microsol" che è un prodotto che fa aderire la decal anche nei recessi ma viste le dimensioni direi che non serve.

Stavo dimenticando che la vernice dell'aereo deve essere lucida per far aderire la decal senza bolle o riflessi...alla fine si spruzza un'opaco per uniformare il tutto...ma tu hai usati i lifecolor e forse puoi fare a meno del lucido.

 

Tornando al nostro modello penso che sia il caso di ribadire quanto già detto dal buon Capitan Kidd perchè è un punto molto IMPORTANTE.

L'albero fornito è più lungo di quanto dovrebbe essere...come si vede dalla foto la passerella dell'albero dovrebbe conbaciare con quella della postazione di "guida caccia", cioè le due linee rosse dovrebbero essere allo stesso livello.

Occorre quindi tagliare la base dell'albero PRIMA di incollare, altrimenti vi troverete in seria difficoltà come l'amico Kidd.

 

p67e.jpg

Link to comment
Share on other sites

Riapertura cantiere: appena tornato dalle ferie ho assemblato e posizionato tutte le sovrastrutture già costruite;

Ora sì che comincia a vedersi una corazzata, e che corazzata!

allego alcune foto

bycr6e.jpgqrys.jpg

Complimenti capitan Kidd!!! Splendida!

Io sono al punto che devo colorare lo scafo e le strutture, sulle istruzioni dell'hachette, non sono specificati i colori, vengono menzionati "grigio scuro, grigio medio....."

Volevo chiederti quali colori hai usato e il codice sia dello scafo che dei vari grigi, (ponti e parti verticali) io solitamente uso i colori Humbrol.

Ti ringrazio e ancora complimenti a te e a tutti!

Appena posso metteró le foto della mia Regia Roma!

Link to comment
Share on other sites

Ti ringrazio per i complimenti, caro "Conte", sono uno stimolo a migliorarsi

 

purtroppo non credo di poterti essere di molto aiuto;

provo però a raccontandoti come ho proceduto: non avendo nessuna dimestichezza con l'aerografo, per colorare lo scafo ho tentato di usare il pennello con colori Rainbow con risultati non soddisfacenti (o il colore era troppo denso e creava inestetiche striature o era troppo diluito determinando colature difficili da riprendere) perciò ho deciso di usare le bombolette della Maurer, il grigio chiaro per lo scafo e quello scuro per il ponte è stato facile trovarli, più lunga l'operazione di ricerca per un verde che facesse al caso mio, alla fine ho usato una bomboletta della Luxens che però è lucido!

gli stessi due grigi, li sto usando anche per le sovrastrutture (chiaro per le zone verticali, scuro per le orizzontali)

 

By

Link to comment
Share on other sites

davvero un bel gufo max!! credo che ti imiterò!! è proprio bello!! e complimenti perla creatività. il modellismo è sopratutto questo.

 

io ieri ho ritirato le uscite con le eliche, e i relativi supporti ed assi. ovviamente, con la solita accortezza dei corrieri, le uscite mi sono arrivate belle schiacciate, e le eliche hanno le pale rotte. cosa mi consigliate di fare? provo a reincollarle, o a rifarle in cartoncino o lamiera??

 

penso che prima prverò a rincollarle con un bel po di attak e magari materia verde

Link to comment
Share on other sites

Per MXI sono alle prese con il fascicolo N°132 ed ho problemi ad incollare l'incastellature decsritta .

Co il cianoacrilato risulta problematico l'incollaggio preciso dei vari pezzi.

Vorrei chiedere a te od ad altri comandanti quali medoti usate , mi pare in qualche post di aver letto che alcuni usavano un sistema di saldatura.

Non so se è vero

Ringrazio della risposta.

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Ciao Comandanti, grazie Marchetti per la dritta della GPM.

Tazzoli tutte le eliche sono sempre arrivate schiacciate o spezzate, tanto che Hachette ha rifornito le quattro eliche con un cofanetto in plastica rigida in un numero successivo. Tale cofanetto non è purtroppo disponibile negli arretrati e quindi sei costretto a riparare quelle che hai...rifarle in plasticard avevo postato qualcosa tempo fa grazie all'aiuto di Marchetti ma se le tue sono riparabili fai prima.

Si Italtuf, io saldo sempre le fotoincisioni.

Quello a cui ti riferisci tu è la struttura a traliccio della catapulta ... la saldatura di intere strutture in fotoincisione presenta la difficoltà che quando si salda un pezzo quello a fianco saldato precedentemente si stacca deformando il pezzo in maniera irrecuperabile.

Io salderò la struttura principale in quattro pezzi descritta nella istruzione "C" del n.132, il resto lo incollerò.

Non è facile saldare le prime volte: occorre un saldatore per elettronica con punta da 1 o 1,5 millimetri (io ho JBC da 11W), del normalissimo stagno ma le fotoincisioni vanno prima passate con carta abrasiva 800 e spennellate con Lotwasser (è una soluzione acida che rende facilmente posizionabile lo stagno fuso) perchè la pasta per saldature non funziona.

La difficoltà poi è di tenere in posizione i pezzi quando si salda...a volte bisogna creare delle dime in legno dove fatti opportuni fori ci incastri le fotoincisioni (come vedi nelle mie foto del radar gufo)...se si sposta qualcosa durante la saldatura poi butti via tutto, mentre con la colla puoi sempre ritentare.

Se non te la senti credo ti convenga armarti di santa pazienta ed incollare...

Link to comment
Share on other sites

Posto le modifiche all'albero principale il quale risulta composto da una parte superiore ed una inferiore:

 

PARTE SUPERIORE

- installata scaletta lato posteriore

- le due luci di navigazione bianche sono state ricreate in plastica trasparente

- sulla punta dell'albero è stato inserito il pennone portabandiera, due sostegni per corde ed una luce di navigazione bianca con plastica trasparente (il pezzo trasparente che vedete non è ancora definitivo)

- ho posizionato degli anelli ferma cavi fotoincisi che mi aiuteranno a posizionare le cime

- sono stati posizionate le sei griglie laterali alla base

- le cime sotto ai bracci laterali le ho fatte in plastica filata cosi resteranno tese al contrario del normale filo

 

PARTE INFERIORE

- posizionato anello fermacavo fotoinciso nelle passerella ed alle quattro estremità

- posizionate le due antenne a globo (in realtà i globi erano in rete....le simulerò ricoperte di tela, intente in una qualche manutenzione)

- ricreato in plastica la paratia antivento con portina che era presente sulla piazzola vedette

- ricreato il sistema di carrucola e verricello che veniva azionato dalla piazzola proiettori

- ricostruita in lamiera la protezione luce che illuminava la zona piazzola portabandiere

- (la scaletta inferiore e la ringhiera erano ovviamente già comprese dalle istruzioni dei fascicoli)

 

zo4h.jpg

 

wy34.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Caro MXI e comandanti tutti

Sono quasi alla fine del completamento della costruzione del modello ROMA.

Ho questo problema ,con l'uscita N° 134 relativamente ai componenti del parapetto, ho notato che gli stessi non sono sufficienti a coprire i parapetti così come specificato nell'opuscolo e cioè non si riesce a coprire completamente il ponte principale così come specificato nella figura L.

Credo di essermi spiegato, credo che ci vorrebbero altri componenti tant'è che sono tentato a richiedere una copia dello stesso opuscolo N° 134.

Ho rispettato tutte le misure durante l'assemblamento per cui non mi spiego tale cosa .

Qualcuno di voi ha avuto lo stesso problema ?

Link to comment
Share on other sites

Ciao Italtuf,

non capisco bene cosa intendi perchè sono molto più indietro di te...vuoi dire che il tuo parapetto intero non arriva al paraonda di prua prima del pezzo distanziato di 10mm indicato dall'istruzione L (seconda foto) ?

Se così potresti aver montato il paraonda con una curvatura eccessiva?

Link to comment
Share on other sites

Caro MXI è proprio così.

Il parapetto non arriva al paraonda di prua.

Adesso modificare quest'ultimo mi pare impossibile .

Mi conviene richiedere un altro fascicolo ed avere a disposizione altri componenti del parapetto?

Cosa mi consigli di fare?

Ti ringrazio e saluto

Link to comment
Share on other sites

Non puoi allungare il parapetto con pezzi di un altro fascicolo se il problema è che non combacia con l'eccessiva curvatura del paraonda perchè è come una coperta corta: poi i parapetti di poppa non andranno più bene!!!

Prova a secco, cioè senza incollare, tutti i parapetti fino a poppa...se vedi che andrebbero a posto correttamente vuol dire che l'errore è il paraonda, a quel punto o lo scolli o lo lasci com'è e fai tesoro dell'esperienza fatta.

E' un errore comune di chi è alle prime armi fidarsi ciecamente delle istruzioni e montare passo passo tutto ciò che è suggerito! Solo un modello di alta qualità montato da un modellista esperto che in quel momento non commette neanche un errore riesce a montare secondo istruzioni, in realtà una approssimazione quà un eccesso di là, lo stampo non perfetto ed alla fine i pezzi non combaciano mai perfettamente!

Bisogna abituarsi a preparare tutti i pezzi di ogni sottoparte del modello e provare a montarli senza incollarli per vedere se tutto combacia...purtroppo tale colpo d'occhio si può ottenere solo con l'esperienza.

Link to comment
Share on other sites

Caro MXI mi ero sbagliato, avevo preso per prova i due elementi più corti.

Facendo una prova con i specifici elementi mi trovo bene , solo una piccola differenza che cercerò di colmare.

Comunque ti ringrazio delle delucidazioni in merito.

Italtuf

Link to comment
Share on other sites

Meglio così Italtuf.

 

Adesso posto la stazione di guidacaccia che è l'ultimo stadio del torrione dove trovavano posto gli operatori per le indicazioni agli aerei.

La mostro senza colorazione per rendere evidenti le modifiche principali:

 

- vi sono 5 scalette anzichè l'unica fornita: due per salita esterna dalla piattaforma inferiore, due per discendere dentro al canale interno ed una per salire alla piattaforma del radar "gufo".

- sono stati posizionati i corrimano sotto gli oblò

- rifatta la presa d'aria in plasticard sul tetto

- aggiunto un parapetto alla piattaforma del radar altrimenti mancante

- aggiunti i pioli sull'albero per la salita alle antenne circolari

- ricreate le quattro colonnine che andranno posizionate dentro al canale interno

 

16ma.JPG

Link to comment
Share on other sites

Ma certo che li coloro!

Però posto il pezzo prima perchè si vedono meglio le modifiche...così se qualcuno è interessato a migliorare i suoi pezzi può seguire la mia traccia...anzi, può anche fare meglio visto che è più facile migliorare qualcosa piuttosto che partire da zero.

Link to comment
Share on other sites

Accidenti...che emozione...

 

Probabilmente non è il posto giusto per farlo... ma è d'obbligo ringraziare chi mi ha permesso di occupare, anche se con molta soggezione, questo spazio, ho rotto le s.... a fin troppe persone. Mi rimane il dubbio se sia stata colpa solo della mia scarsa dimestichezza con i forum (non con le macchine) o un pò di sana e salutare sf...

 

Un grande grazie!!!

 

E' assolutamente d'obbligo anche ringraziare i partecipanti, che mi hanno fatto conoscere la locazione (museo di venezia) di quell'opera d'arte che spesso qui viene citata ad esempio. Già visitato e "ammirata" due volte e ci tornerò, c'è sempre qualcosa di nuovo da vedere, copiare, confrontare e chi più ne può ne metta. Potessi, scriverei "mi piace" ogni giorno.

 

Ovviamente i più grandi complimenti a quei maestri che postano le foto e le loro esperienze e di cui seguo il lavoro da tanto (io sono appena appena indietro acc...), stimolo a far di meglio, a non abbattersi e ad aspirare a fare ancora di più.

 

Dire bravi temo sia poco, ma se detto con sincera ammirazione e con il cuore...forse...

 

Un grazie anche alla mia bella, che oltre a sopportarmi mi tiene anche controllato che arrivino i fascicoli e che ci siano i giusti pezzi...

sarà ben fortuna, almeno fino a che mi sopporta....e... a Mattia.

 

Ma vorrei già fare un paio di domandine che mi assillano da un po:

 

Ho visto nelle pagine precedenti una modifica alla base dei fumaioli della Roma, ma mi sono perso il come (misure) ed il perchè. Se potete aiutarmi...

 

Inoltre vorrei sapre se è noto come dovrebbero apparire i fumaioli visti dall'alto (canne da fumo delle caldaie, griglia anticaduta ecc.) ovverosia come in realtà siano all'interno.

A venezia non sono riuscito a vedere, la teca non me lo ha permesso, troppo alta...

 

Grazie e complimenti

Link to comment
Share on other sites

Ciao DLoris, benarrivato fra noi.

 

La modifica alla base dei fumaioli deriva dalla comparazione con i disegni in scala ANB (che ti consiglio assieme al libro: "Corazzate classe littorio" che trovi su tuttostoria).

Hachette fornisce i due camini uguali, in realtà quello verso prua o anteriore è di forma diversa ma è stata una mia pignoleria in quanto le strutture in cui va incollato ne nascondono la forma!

Altro particolare è che se si modifica il camino vanno rifatte anche le strutture attigue...insomma ci voglioni i progetti sottomano altrimenti si fanno certamente grossi errori.

Per l'altezza va bene anche quella suggerita Da Hachette...piuttosto vanno abbassate le piattaforme destra e sinistra delle mitragliere accorciando i piloni di sostegno, il fondo deve toccare le strutture inferiori come ho mostrato nei post precedenti.

Per l'interno dei camini ti allego foto. l'anteriore ha quattro canne fumarie disposte a croce mentre il posteriore ne aveva sei

9xj9.JPG

Link to comment
Share on other sites

bellissimi progressi!!

 

ho due dubbi, ne chiedo a voi la risposta.

 

1) più semplice. per il teak di poppa hachette ci ha fornito listelli 1x2. io invece preferirei utilizzare dei listelli 1x1 (in scala sarebbe ogni asse di 20cm, mentre con gli 1x2 ogni asse sarebbe di 40 cm), quindi utilizzare dei listelli 1x1 mi sembra più realistico. che ne dite?

 

2) finalmente mi sono arrivate le uscite 44-45-46-47, cioè quelle con i componenti per le eliche. però il mio scafo è autocostruito secondo i piani ANB, e non con i componenti hachette, quindi è leggermente più grande e non so se ciò possa comportarmi problemi con il montaggio dei 4 supporti (quelle specie di salsicciotti) delle assi delle eliche. qualcuno di voi a qualche piano di costruzione da mandarmi in merito?? o anche semplici consigli per capire bene dove sistemarli!!

 

grazie in anticipo e buonaserata a tutti!! :wink:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Tazzoli,

per il ponte di poppa io uso un foglio di plasticard che già simula i listelli ma ovviamente da 1mm di larghezza cioè come hai detto tu i 20 cm che erano in realtà. Non so però come sia il risultato utilizzando listelli di legno.

Per quanto riguarda i supporti delle eliche vanno bene le misure di Hachette...nessuno andrà a misurare il millimetro di scarto sul sedere della tua nave :smile: .

Bisogna però incollare i supporti più esterni leggermente verso l'esterno e non sulla scia dei timoni secondari come da istruzioni...sarebbero di circa due gradi...io ho fatto ad occhio:

 

img0934jr.jpg

Link to comment
Share on other sites

perfetto!! ci darò una misurata alla meglio sperando di fare bene, poiché le misure da fare con pezzo di carta ritagliato, come diceva hachette, non combaciano con le misure del mio scafo, che è un pò più grande!! cmq anche a occhio non dovrà essere troppo complicato!! magari per sicurezza metterò poca colla!! grazie per l'idea del plasticard!! la proverò al più presto!!

 

ma levami una curiosità... non hai intenzione di tagliare listelli in plasticard giusto? vuoli solo sagomare le fessure, ma lasciando una base unica giusto? cioè non vuoi spezzettarlo in mille listelli, ma solo sagomarlo...

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44.9k
    • Total Posts
      521.4k
×
×
  • Create New...