Jump to content

Debriefing Missione N. 4


R.Hunter

Recommended Posts

I Paesi Mediterranei riscattano la deludente prestazione della missione n. 3 con una prova tutta muscoli e cervello, e ottengono un grande successo! :s20:

 

Solo un immenso Sertore riesce in qualche modo a contrastarne l'azione, affondando sue sub e riducendo un gap di punteggio che sarebbe stato altrimenti davvero elevato.

 

Facendo tesoro delle indicazioni dell'editor, partiamo sparati con una tattica tutto sommato molto semplice: i due Sauro di Gladiatore e R.Hunter in avanguardia a coprire l'avanzata dell'U212, incaricato di rilasciare le special forces, meltre l'Agosta di Stefano74/Cristian procede più a sud verso il punto prestabilito per tendere l'agguato all'elicottero libico. Dopo la prima mezz'ora di avvicinamento, io e Gladiatore iniziamo a procedere a fasi alternate, mentre Lefa rimane indietro in zona "protetta". Ben presto arrivano i primi contatti di sub ostili e anchi i primi siluri in acqua in direzione dell'Agosta. Ritenendo si tratti dell'elicottero di Von Faust (e invece erano subroc di Drakken), decido di far proseguire i miei compagni incaricati di conseguire gli obiettivi di missione, e di rischiare qualcosa di più andando a quota peri per eliminare quella minaccia. Stavolta la fortuna è dalla mia parte perchè non solo riesco a risalire indisturbato, ma visualizzo anche subito sul periscopio il Ka-27. Guarda caso, viene dalla mia parte, attendo che sia a tiro, emergo e lo centro con un SAM. Nel frattempo Cristian e Stefano74 fanno miracoli per evadere i siluri indirizzati a loro, e poco dopo a me tocca fare lo stesso, segno del fatto che sono stato a mia volta individuato.

 

Alla fine, l'Agosta viene centrato da un siluro di Sertore, e tocca quindi a me, il più vicino dei superstiti, a dirigermi verso le coordinate previste per l'agguato all'elicottero. Così, mentre a nord un bravissimo Gladiatore inizia una partita a scacchi col sub di Drakken, uscendone alla fine vincitore, io vado verso sud. Ad un certo punto individuo sia il sub di Kalinin (crashato in precedenza) che quello di Sertore: lancio, ma in parte i miei siluri falliscono (lanciati da quota troppo bassa, accidenti!) e in parte Sergio applica alla alla perfezione il mio metodo di evasione e riesce a evitare la minaccia con una manovra incredibile e con un'emersione di emergenza. Di lì a poco però lascio perdere: non vedo più i due sub, ed è arrivata l'ora di andare a prendere questo elicottero. Nel frattempo l'impeccabile Lefa ha raggiunto il suo punto target, ci coordiniamo e nel giro di 5 minuti gli obiettivi primario e secondario sono raggiunti!!!!

 

Il finale, così bello per la squadra, per me è però amaro. Un mio incrocio sbagliato con un rilevamento di Gladiatore mi fa lanciare due siluri verso nord, ritenendo di essere stato aggirato da Sergio. In realtà lui è ancora a sud e mi lancia addosso. Poco dopo scade il tempo di missione, vedendo che i miei siluri non inquadrano niente li disattivo e chiedo a Djmitri di capire se Sergio ha intenzione di fare altrettanto. Lui ovviamente chiede di attendere l'esito del suo lancio, ma io più che un ping distante non sento. Ad ogni buon conto lancio contromisure e mi allontano sotto lo strato. Improvvisamente, e inaspettatamente, quando ormai sto solo aspettando che venga messo lo show truth, un TEST71 fino a quel momento in passivo si attiva, e immediatamente entra in Run pingandomi fortissimo. Dopo due secondi sono morto.

 

Al di là della mia sfiga personale, penso che nulla possa macchiare una prestazione di squadra davvero magistrale: ognuno ha fatto al meglio quello che era stato richiesto, e l'abbiamo spuntata in una missione per niente facile contro degli avversari che chiamare forti è decisamente riduttivo. A loro merito va detto che le massime profondità raggiungibili, in rapporto al layer, ci favorivano, in quanto i due Sauro potevano scendere sotto i 330 metri dello strato, mentre i loro Kilo no. Vantaggio questo però, almeno nel mio caso, parzialmente annullato dalla necessità che avevo, per le esigenze di missione, di risalire a caccia di elicotteri!

 

Complimenti a tutti, e devo dire che sono davvero molto orgoglioso della prestazione della nostra squadra! :s20: :s20: :s20:

Link to comment
Share on other sites

Evviva la mia squadra, complimenti ai nostri avversari! :s20:

 

Partita strana quella di ieri, molte cose sono andate cose da programma e questo mi stupisce sempre :s03: :s68:

Come già anticipato nell'ottimo debrief di Francesco, tattica semplice: il 212 dietro quatto quatto, chi nasceva a sud si occupava dell'elicottero (quello AI) mentre i due restanti smg dovevano proteggermi facendo uno scudo in caccia.

Personalmente mi sono disinteressato ai bersagli sommersi, concentrandomi a capire se le armi che sentivo fossero indirizzate a me, l'unico contatto che ho sentito chiaramente (sono anche stato a circa 6000 m da lui col siluro settato) è stato l'877 di Marco (io credevo in realtà che lo controllasse Sergio), mi sembra già in AI.

Quando ho ricevuto la soluzione master, per altro perfetta, ero troppo sotto per lanciare, allora mi accordo con Hunter che si incarica di dare la caccia a quel contatto, io rimango sulla mia rotta per l'obiettivo.

Durante il tragitto ce'ra uno scampanellio insistente, come di consueto, ma sono riuscito ad arrivare sul punto di rilascio alquanto indisturbato e giusto in tempo per comunicare a Hunter, che nel frattempo si era mosso sulle coordinate dell'obiettivo secondario, quando sarebbe partito l'elicottero che avrebbe dovuto intercettare.

Purtroppo nel frattempo abbiamo perso Stefano e Cristian, ma per fortuna, un Gladiatore in grande spolvero e un Hunter cecchino ci permettono di fare una bella figura, abbattendo rispettivamente il Lada di Drakken e un paio di uccellini, il primo pilotato da Fausto.

 

Una partita liscia, complimenti a tutti, mi sono divertito!

 

Alla fine ho scoperto che i smg dei nostri avversari non erano fisicamente in grado di scendere sotto il termoclino, questo mi è dispiaciuto, ma ho imparato che tale quota non si può settare..

Link to comment
Share on other sites

Complimenti ai Capitani della Side Paesi Mediterranei.. :s20: non mi aspettavo un risultato del genere!

Il mio Capitano Stefano ha condotto il sottomarino egregiamente , attuando continui cambi di rotta per ditsruggere le TMA libiche (come hanno fatto i due Kilo ad avere una soluzione di tiro su di noi? triangolazione via TS?) e conducendo manovre evasive da veterano.

Da parte mia ho elaborato un'ottima soluzione sul Kilo di ???? non ricordo! con un errore verificato nel replay di soli 100 yds , non male. Qui un mio errore , perché avrei dovuto comunicare subito a Stefano di lanciare un attacco .Possedevo un'altro contatto in analisi , non sono sicuro che fosse il Kilo di Sertore , possedevo solamente 4 linee di Bearing su un solo LEG , avrei dovuto cq stimare una soluzione diciamo a ''Sentimento'' , ma cosi non é stato considerando anche il fatto che poco dopo siamo stati abbattuti.

 

Nota1: Io e Stefano non abbiamo potuto comunicare correttamente , la linea era continuamente coperta dalle voci dei vari comandanti , la prossima volta é meglio che chi sta in multistation vada in una stanza riservata.

 

Nota2: La triangolazione via TS é usata troppo. ''E' un mio pensiero''. Penso che non debba essere proprio usata.

Link to comment
Share on other sites

Eccomi qua... bastonato come non mai !!!! :s07: :s68:

 

Purtroppo non ho potuto rivedere il replay, perciò non potrò fare un dettagliato debriefing, devo evidenziare l'ottima condotta della squadra MEDe la tattica adottata.

 

La ns squadra, all'inizio della partita ha dovuto fare subito a meno del sub di KALININ (anche se su di un 877... che è tutto dire) , perciò ci è mancato il sub in posizione centrale.

Rimaniano in acqua solo io e SERTORE.

 

Qui commetto subito uno dei tanti errori della partita, il mio avvicinamento è un pò troppo spinto.... arrivo dopo 25 minuti con già solo il 50% della batteria.

 

Come da consetuidine, inizio le danze io, lanciando contro (presumo) l'AGOSTA di Stefano/Cristian... purtroppo il colpo vincente non c'è... nel frattempo viene colpito VON FAUST,

, eseguo un altro lancio (della disperazione) verso la presunta posizione del sub che ha lanciato contro Fausto, ma in queste condizioni è come fare un terno al lotto. Difatti niente.

 

Nel mentre ho una traccia sul sonar di un altro sub , quello di GLADIATORE. Purtroppo, ho perso tempo nei sopracitati lanci di SUBROC a vuoto, ed ho tralasciato invece il sub che stava arrivando

nella mia posizione... risultato poco dopo ho sentito, una salva di siluri, (che poi non ho capito se erano partiti o meno)... preso dalla foga, anch'io ho lanciato ma a causa della profondità anche i miei lanci hanno

fatto cilecca. Fra una evasione e l'altra, un lancio e l'altro in pratica ci siamo scambiati la posizione io e GLADI... purtroppo mi son dimenticato che ero a bordo di un diesel elettrico... morale della favola

son rimasto senza batterie. Velocità 0, profondità 300 metri... Che fare... speravo di passare inosservato, invece sento altri siluri in acqua... non so se erano diretti verso di me, ma comunque non potevo rimanere fermo...

aria alle casse e via in superficie... accendo i diesel... così facendo purtroppo penso mi abbiano udito dall'altro mondo... difatti altro siluro in acqua e stavolta in superficie a 10 nodi non potevo andare molto lontano. AMEN. :s06:

Del sub di LEFA non ho avuto notizie... mai rilevato... un buco nero.

 

Complimenti a GLADIATORE :s20:

Purtroppo , non ho visto il replay, ma penso che ho commesso diversi errori di valutazione e di conseguenza di settaggio dei miei lanci (range di attivazione)...

e complimenti a SERTORE :s20: che comunque con un colpo di reni è riuscito ad affondare due sub della side avversaria così da rendere meno ingloriosa la ns perfomance.

 

 

Comunque il bello di questa campagna, è che non c'è nulla di scontato. Ogni missione può ribaltare il risultato e di conseguenza la classifica generale. Da qui si vede comunque l'ottimo livello raggiunto da tutti

, frutto dei ns appuntenti del giovedì sera, come i risultati delle partite internazionali hanno altresì evidenziato.

Link to comment
Share on other sites

Nulla da aggiungere rispetto a i miei comapagni

Devo fare i complimenti a Cristian che con pochi dati aveva ricavato una soluzione perfetta sul Kilo.

Ovviamente complimenti alla mia squadra x gli obbiettivi conseguiti

e x ultimo,ma non x importanza a Sergio,che dire.......Ottimo Colpo. :s20: :s20:

Link to comment
Share on other sites

Innanzi tutto complimenti ai nostri avversari di ieri sera, che hanno meritatamente vinto conducendo la partita sin dall'inizio con una tattica e il comportamento migliore che si potesse immaginare, ed i risultati lo provano senza ombra di dubbio: onore al merito quindi! :s20:

 

Per quel che mi riguarda mi sono difeso per quel che potevo, disponendo di un mezzo limitato nei sensori, limitatissimo nelle armi ma per fortuna sufficientemente silenzioso da poter affrontare i nemici.

 

Alla partenza della missione mi sono ritrovato il più a sud della mia squadra, e il pattugliamento della relativa zona è stato quasi una scelta obbligata: mi sono lanciato a 20 nodi, la massima velocità del mio mezzo, verso il settore di competenza, rallentando dopo 20 minuti a 18 nodi per risparmiare un po' di energia, ritrovandomi dopo circa 35 minuti in pieno teatro di battaglia con il 60% delle batterie disponibili.

 

Da qui ho iniziato i cicli di ricerca, alternando brevissimi legs di spostamento a continui cambi di bearing per far lavorare al massimo il conforme e, per quanto possibile, il cilindrico: ho subito rilevato numerosi contatti spuri che si sovrapponevano alle navi civili che affollavano il mare, richiedendo l'aiuto di Fausto per raffinare qualche possibile bersaglio.

 

Perdevamo intanto Kalinin, vittima di una disconnessione che lo escludeva dal gioco, lasciando un buco centrale nel nostro schema difensivo: sia io che Drakken abbiamo perciò chiuso verso il centro tenatndo di arginare la falla che si era aperta.

 

Dopo parecchie decine di minuti di lavoro abbiamo agganciato l'Agosta, e Drakken ha eseguito il lancio dei suoi SUBROC: purtroppo, nonostante il lancio fosse stato più che preciso, il sottomarino nemico è riuscito ad evitare i nostri siluri, sfuggendo alla caccia.

 

Il tempo di seguire il Drakken sul raffinamento di un altro contatto che Fausto veniva inaspettatamente abbattuto, lasciandoci da soli a dover affrontare l'intero gruppo di battaglia nemico in un rapporto 2 a 1, e a nulla serviva un lancio di un altro SUBROC da parte di Drakken nel tentativo di colpire il sottomarino che aveva abbattuto Fausto.

 

Mi sono perciò imposto un'andatura ultrasilenziosa sperando sull'avvicinamento dei miei avversari, cosa che si è fortunatamente concretizzata con l'agosta, che dopo quasi mezzora è comparso da dietro un biologico sui miei schermi: mentre intorno i siluri cominciavano ad essere numerosi e pericolosi, con un occhio sul'attivo e l'altro sul narrowband, ho preparato il mio attacco, assicurandomi di non lasciare possibilità di fuga al nemico sia sopra che sotto il layer, dove peraltro non avrei potuto inseguirlo a causa delle limitate capacità della mia unità.

 

Lancio e dopo 2 minuti l'agosta è colpito ed affonda, mentre il ping attivo dei siluri in acqua inizia a preoccuparmi: inizio quindi una manovra evasiva, lanciando ripetutamente contromisure e disimpegnandomi dalla zona calda verso sud.

 

Intanto sento ripetuti lanci che, una volta assicuratomi che non fossero quelli di Drakken, mi portano a controlanciare a scopo difensivo: purtroppo ho fatto male i miei calcoli, e controlanciando rivelo la mia posizione al sottomarino di R.Hunter che non tarda a lanciarmi contro una salva di 3 siluri; intanto uno dei miei colpisce e danneggia una super tanker, per fortuna senza affondarla evitandomi la penalità prevista per la distruzione di target civili.

 

Controlancio, manovra fondamentale per evitare di essere un bersaglio facile, ed inizio ad evadere seguendo i siluri in avvicinamento sull'attivo come R.Hunter stesso mi ha insegnato a fare: bearings di avvicinamento multipli, tutti nel settore 270°-0°, con bearing rate non molto alto... mi sono dietro.

 

Contromisure, disimpegno progressivo dal settore 90°-180° a 0°-90°: un paio di siluri mi mollano mentre il terzo, il più vicino, mi pinga sempre più violentemente.

 

Ad un certo punto il ping diventa assordante, trasformandosi quasi in un rumore continuo: sono in course 120° a 18 nodi, mentre il siluro mi è dietro da bearing 260°... lancio contromisure attive e passive su deep ed eseguo emersione rapida ordinando course 0° in una sorta di testa coda virtuale.

 

Salto fuori dall'acqua a 27 nodi, con il ping che è completamente sparito durante la risalita, ed il siluro mi sfila da sotto, ricercandomi subito con un'inversione di corsa che lo porta alla mia destra a 90° mentre io proseguo a 5 nodi in superficie sui 0°... è andata, evitata anche l'ultima minaccia, mi torno ad immergere a 3 nodi alla ricerca del mio assalitore.

 

La super tanker che avevo danneggiato mi passa a nord-ovest con la sua gemella, dandomi un attimo di copertura per riprendere il controllo della situazione: una volta sfilate rilevo qualcosa, abbasso la velocità, sbando un po' per far lavorare al massimo i miei sensori ed in pochi minuti ho un master su un narrowband chiarissimo: SAURO.

 

Preparo 3 SET-65 ed un TEST-71, impostati sopra e sotto il layer, mi metto in lag in direzione delle super tanker che mi hanno superato con lo scopo di raggiungerle e coprirmi dopo il lancio ed attacco, rilasciando subito dopo le contromisure e accelerando al massimo.

 

Passano i minuti, Djmitri mi dice su TS che il tempo delle partita è terminato e se è possibile inserire lo show truth: io chiedo di aspettare, fiducioso del mio lancio, e dopo qualche minuto sento l'esplosione che sancisce l'affondamento del mio nemico.

 

La partita finisce con la consolazione di aver venduto cara la pelle, ma la disfatta della mia squadra è comunque plateale: questa sera sono stati più bravi i mediterranei, nulla da dire, e sono contento anche solo di esser riuscito ad arrivare in fondo alla missione all'asciutto.

 

Infatti la strategia dei nemici è stata, specialmente verso la fine della partita, vincente e incontrovertibile: mentre il sauro mi teneva inchiodato nel confronto individuale, i suoi compagni completavano uno dopo l'altro tutti gli obiettivi previsti, e nulla ho potuto se non pensare di eliminare il mio avversario come unica consolazione alla frustazione di non poter evitare la disfatta.

 

Bravi anche i miei compagni, spesso sfortunati nell'esito dei loro attacchi, come il replay dimostra, ma i mediterranei ieri sera hanno avuto il favore delle stelle unito ad una prestazione straordinaria.

 

Alla prossima allora, quando ci troverete più agguerriti che mai! :s05: :s02:

Edited by sertore
Link to comment
Share on other sites

...

Nota2: La triangolazione via TS é usata troppo. ''E' un mio pensiero''. Penso che non debba essere proprio usata.

Posso tranquillizzarti sull'utilizzo della triangolazione via TS: nonostante la voglia di utilizzarla ci abbia assalito più di una volta, mai nel corso della partita di ieri sera, se non addirittura di tutte le partite dela campagna giocate fino ad oggi, abbiamo sfruttato questa tecnica per tracciarvi e determinare le soluzioni, e tutti i lanci sono stati sempre eseguiti sul contatto tracciato e valutato da una ed una sola unità. :s02:

 

Prova ne sia l'esito della partita di ieri sera, che nel caso di utilizzo della triangolazione avrebbe portato a lanci ancora pià chirurgici ed efficienti di quelli visti... :s68:

Link to comment
Share on other sites

Complimento a Federico per la bella missione, ben fatta sia sotto il profilo degli obiettivi che quello dei tempi; siamo riusciti anche ad interpretarla correttamente e l'aver capito la missione fa piacere.

 

Per riguarda la tattica adottata inutile ripetere quanto già detto dai miei soci.

Invece per la missione l'unico avversario che ho incrociato è stato Marco con cui la scoperta reciproca è avvenuta nello stesso momento (presumo io in base alle tempistiche di lancio) quando io ho finito uno sprint e lui è uscito dalla schermature delle due navi civili. Era un pò che avevo una linea di frequenza che andava e veniva sotto quella delle due navi neutrali.

Comunque abbiamo lanciato entrambi (lo avevo per 135 circa sul sonar di prua) solo che i miei siluri sono morti subito causa errata profondità di lancio mentre i suoi si sono attivati dopo avermi passato. Tanto è bastato, aver sentito i miei lanci, però per farlo correre verso ovest per cui quando era circa a 225 ho lanciato di nuovo e una delle mie armi lo ha agganciato per poi perderlo poco dopo.

Ho visto che anche a lui alcuni lanci sono falliti.

Quando poi ci siamo invertiti di posizione lo avevo ancora sul sonar di prua, indice del fatto che fosse molto vicino, ed ho lanciato a bruciapelo una coppiola di siluri che lo hanno agganciato e colpito.

 

Bella partita molto stimolante e coinvolgente senza respiro fino all'ultimo.

Link to comment
Share on other sites

Quindi i subroc che ha tirato Marco all'inizio non erano guidati fa Fausto? :s10:

 

@cristian:

 

Hai ragione, da un punto di vista della simulazione non andrebbe per nulla usata, ma anche usandola il gioco rimane difficile e avvincente!

Link to comment
Share on other sites

Poco da aggiugere a quanto detto, rimane solo l'inc****ura di aver lasciato troppo presto i compagni da soli :s06: :s58:

Dopo una prima parte iniziale con qualche spazzolata di radar rilevando i contatti di superficie ed il Drakken e Sertore finiscono la prima parte "tirata", risalgono per lo scambio di link.

Inizio "risparmiando sonoboe", con una a Sud per poco abbiamo la traccia dell'Agosta che poi sparirà dagli schermi. Mi porto a Nord per ulteriori ricerche, ho dei contatti visual che con il radar non avevo beccato (?? bhà).

Quando la situazione non è più chiara decido di partire per piazzare una linea di sonoboe in posozione avanzata verso Est temendo che i "nemici" si facciano troppo avanti.

Proprio quando piazzo la prima (vicina a dei contatti maledizione) ho solo il tempo si sentire l'allarme e pronunciare "Enemy miss......".......nessuna possibilità di reagire e vengo abbattuto, questo purtroppo è lo svantaggio dell'eli, quando hai la sfortuna di capitare nel mirino del nemico le speranze di cavarsela sono poche.

L'unica cosa che mi spiace è l'essere stato inutile per i compagni :s06: .......sarebbe stata la terza missione per l'avanzato dell'eli.......mi autoboccio in attesa di una prestazione dignitosa :s56:

 

Complimenti comunque ai nostri avvestari !!!!! :s20:

Edited by Von Faust
Link to comment
Share on other sites

Quindi i subroc che ha tirato Marco all'inizio non erano guidati fa Fausto? :s10:

 

Ancora non mi é chiaro come Von Faust abbia ottenuto una cosi accurata soluzione con una singola Sonoboa in passivo. Dico accurata perché i Subroc lanciati da 10 NM sono entrati in acqua ad una distanza di 1000yds dall'Agosta.

 

@cristian:

 

Hai ragione, da un punto di vista della simulazione non andrebbe per nulla usata, ma anche usandola il gioco rimane difficile e avvincente!

 

Direi che é tutt'altro che avvincente e difficile. Esattamente il contrario. Potrei passarti l'aggettivo difficile ma dire che il gioco rimane avvincente non sono propio d'accordo. Comunque nessun problema , per carità , chi vuole contiunare ad usare questo metodo é libero di farlo.

In questo modo la Stazione TMA viene resa superflua nella simulazione.

Edited by cristian
Link to comment
Share on other sites

Poco da aggiugere a quanto detto, rimane solo l'inc****ura di aver lasciato troppo presto i compagni da soli :s06: :s58:

Dopo una prima parte iniziale con qualche spazzolata di radar rilevando i contatti di superficie ed il Drakken e Sertore finiscono la prima parte "tirata", risalgono per lo scambio di link.

Inizio "risparmiando sonoboe", con una a Sud per poco abbiamo la traccia dell'Agosta che poi sparirà dagli schermi. Mi porto a Nord per ulteriori ricerche, ho dei contatti visual che con il radar non avevo beccato (?? bhà).

Quando la situazione non è più chiara decido di partire per piazzare una linea di sonoboe in posozione avanzata verso Est temendo che i "nemici" si facciano troppo avanti.

Proprio quando piazzo la prima (vicina a dei contatti maledizione) ho solo il tempo si sentire l'allarme e pronunciare "Enemy miss......".......nessuna possibilità di reagire e vengo abbattuto, questo purtroppo è lo svantaggio dell'eli, quando hai la sfortuna di capitare nel mirino del nemico le speranze di cavarsela sono poche.

L'unica cosa che mi spiace è l'essere stato inutile per i compagni :s06: .......sarebbe stata la terza missione per l'avanzato dell'eli.......mi autoboccio in attesa di una prestazione dignitosa :s56:

 

Complimenti comunque ai nostri avvestari !!!!! :s20:

 

Il problema, cari i miei lanciatori di subroc, è che un siluro proveniente da direzioni in cui non ci sono nemici o è un subroc o è lanciato da un elicottero. A mio avviso l'attacco con i subroc ti ha messo molto in pericolo, perchè ci ha dato la convinzione che tu fossi minaccioso nei paraggi, e mi ha obbligato a risalire per cercare di neutralizzarti a costo di mettere a rischio la mia unità. Invece ti ho subito visto a nord, e ho immaginato che non fossi tu a dar fastidio all'Agosta. Ma ormai visto che c'ero.... :s10: :s10: :s10: :s20:

 

Non credo che tu debba autobocciarti, la tua è stata proprio sfortuna, ti fossi esposto con le sonoboe in attivo o con il dipping sonar sarebbe stata un'altra storia :s02:

Link to comment
Share on other sites

Ancora non mi é chiaro come Von Faust abbia ottenuto una cosi accurata soluzione con una singola Sonoboa in passivo....

 

Vado a memoria (qualcuno ha il replay da passarmi ?). Dell'Agosta avevo un bearing sulla prima sonoboa lanciata e mi sono lanciato in quella direzione, Sergio invece era riuscito invece a tracciarlo bene ma aveva il dubbio sui contatti di superfice che passavo ai compagno con il "promote to link".

Link to comment
Share on other sites

Vado a memoria (qualcuno ha il replay da passarmi ?). Dell'Agosta avevo un bearing sulla prima sonoboa lanciata e mi sono lanciato in quella direzione, Sergio invece era riuscito invece a tracciarlo bene ma aveva il dubbio sui contatti di superfice che passavo ai compagno con il "promote to link".

 

Ti posso dare il mio replay anche sé dura ben poco. Replay.dat

 

Sé mi dici che dell'Agosta avevi solamente un Bearing ottenuto con la prima sonoboa il dubbio é ancora maggiore! :s12: Inoltre come vedrai dal replay il C.te Stefano non ha mai tenuto più di 6/8 minuti una rotta costante , quindi l'autoTMA non poteva elaborare una cosi accurata soluzione.

Link to comment
Share on other sites

Ti posso dare il mio replay anche sé dura ben poco. Replay.dat

 

Sé mi dici che dell'Agosta avevi solamente un Bearing ottenuto con la prima sonoboa il dubbio é ancora maggiore! :s12: Inoltre come vedrai dal replay il C.te Stefano non ha mai tenuto più di 6/8 minuti una rotta costante , quindi l'autoTMA non poteva elaborare una cosi accurata soluzione.

Ma di quale dubbio parli cristian? :s12:

 

Vi ho preso sia sul trainato che sullo sferico ed in meno di due minuti ho avuto un primo master, raffinato dopo altri due minuti con un errore di meno di 1.5 nm, che alla distanza a cui eravano, poco meno di 10 nm, è un signor errore: grazie a questo rilevamento Von Faust ha concentrato le proprie ricerche nella zona segnalata, e da qui la sua conferma della vostra presenza con la sonoboa ed il lancio di Drakken (di 2 SUBROC, di cui uno preciso a circa 1 nm e l'altro a più di 3 nm dalla vostra posizione).

 

Comunque non capisco proprio perchè continui a mettere in dubbio quello che ti diciamo? A quale scopo dovremmo dirti cose non vere o ingannarti?

 

Mah... possibile che questa storia dell'auto TMA debba sempre portarci a discutere del nulla piuttosto che apprezzare la bravura e l'abilità che sta emergendo dalle partite della campagna, da parte dell'una e dell'altra squadra, con o senza TMA manuale? :s68:

Edited by sertore
Link to comment
Share on other sites

.... Sergio invece era riuscito invece a tracciarlo bene ....
Ti posso dare il mio replay anche sé dura ben poco. Replay.dat

Sé mi dici che dell'Agosta avevi solamente un Bearing ottenuto con la prima sonoboa il dubbio é ancora maggiore.....

 

Ri-confermo.........Sergio ti aveva rilevato per bene, non capisco nemmeo io quale sia il duo dubbio

Edited by Von Faust
Link to comment
Share on other sites

Ti posso dare il mio replay anche sé dura ben poco. Replay.dat

 

Sé mi dici che dell'Agosta avevi solamente un Bearing ottenuto con la prima sonoboa il dubbio é ancora maggiore! :s12: Inoltre come vedrai dal replay il C.te Stefano non ha mai tenuto più di 6/8 minuti una rotta costante , quindi l'autoTMA non poteva elaborare una cosi accurata soluzione.

 

 

Cristian se teneva la rotta per 8 minuti, significa che Sergio aveva a disposizione 4-5 aggionamenti dell'auto TMA (uno ogni 2 min) ...più che sufficienti ad avere una degna soluzione di tiro. :s02:

 

Per il resto raccoglierei l'ottimo invito di Sergio: i pezzi di bravura dell'altra sera da entrambe le parti sono stati tali e tanti che davvero l'unica cosa da fare è esserne tutti fieri! :s20: :s20: :s20:

Link to comment
Share on other sites

E' incredibile come in questa sezione di Betasom si arrivi continuamente a discussioni poco amichevoli. Non pensavo che da un semplice simulatore/gioco potessero nascere queste discordie che da quando mi sono iscritto in questo sito ne ho letto e riletto in quantità , con tanti che alla fine si sono allontanati.

Di mio evito nella vita reale di tutti giorni di starmene ben lontano da discussioni varie non amichevoli anche perché é un periodo della mia vita in cui ho estremo bisogno di tranquillità , ci manca solo che debba dispiacermi e discuttere in un forum su essenzialmente un gioco.

 

Comunque non capisco proprio perchè continui a mettere in dubbio quello che ti diciamo? A quale scopo dovremmo dirti cose non vere o ingannarti?

 

Mah... possibile che questa storia dell'auto TMA debba sempre portarci a discutere del nulla piuttosto che apprezzare la bravura e l'abilità che sta emergendo dalle partite della campagna, da parte dell'una e dell'altra squadra, con o senza TMA manuale?

 

Ti sei sfogato per caso!?? tranquillizzati!

Volevo discuttere semplicemente della dinamica della partita visto che siamo un Debriefing e da esso si imparano gli errori ma é evidente che é facile fraintendere e farsene una questione personale. Mi accusi addirittura di non apprezzare la bravura e l'abilità degl'altri giocatori e di mettere in dubbio ciò che mi dite. Quando mai l'ho fatto!

L'altra parte di messaggio come mai l'hai cancellata? ti sei accorto in tempo di aver scritto una cosa che non centrava proprio niente?

 

E' arrivato il momento che mi dedichi di più agli impegni di tutti giorni che non sono pochi e per fortuna potrò coltivare questa passione nel mondo del lavoro.

 

fun

Edited by cristian
Link to comment
Share on other sites

Non mi sono sfogato, sono tranquillo e mi dispiace leggere quello che hai scritto: uno dei motivi per cui ho cancellato la parte del messaggio in cui deploravo il fatto che giudicassi il gioco poco avvincente e difficile se eseguito senza TMA manuale era proprio per evitare flame e inutili polemiche.

 

Per quel che riguarda la discussione sulla dinamica della partita ti ho spiegato cosa è successo con dovizia di dettagli: il dubbio sulla bravura ed il mancato apprezzamento degli altri giocatori l'hai sollevato tu, come abbiamo rillevato sia io, Fausto che tutti gli altri.

 

Comunque spero di vederti tra noi come sempre, in quanto sei indubbiamente un buon giocatore ed un ottimo teorico, di cui il tuo manuale sulla TMA ne è la prova più alta, e non mi perdonerei mai di essere stato causa del tuo allontanamento per una battuta fuori luogo.

 

Se così fosse scusami fin d'ora.

Link to comment
Share on other sites

E' incredibile come in questa sezione di Betasom si arrivi continuamente a discussioni poco amichevoli. Non pensavo che da un semplice simulatore/gioco potessero nascere queste discordie che da quando mi sono iscritto in questo sito ne ho letto e riletto in quantità , con tanti che alla fine si sono allontanati.

Di mio evito nella vita reale di tutti giorni di starmene ben lontano da discussioni varie non amichevoli anche perché é un periodo della mia vita in cui ho estremo bisogno di tranquillità , ci manca solo che debba dispiacermi e discuttere in un forum su essenzialmente un gioco.

.......

 

Cristian io non le definirei assolutamente "discussioni poco amichevoli" ma "accese discussioni", se il gruppo di giocatori di DW è così ampio e consolidato è perchè al contrario la base di tutto è l'amicizia e la gran voglia di passare insieme qualche oretta praticando la nostra passione comune.

E' questa gran passione che ci porta ad infiammarci, inc****ci ma alla fine siam sempre quì a ripartire con nuove missioni e divertirci.

Forse sarebbe più correttio chiamare la sezione "Don Camillo e Peppone" (:s03: :s03: ), siamo un pò tutti fatti così.

 

Quindi anch'io mi accodo all'invito di Sergio di abbandonare ogni pensiero di allontanamento, di preparati alla prossima missione, al prossimo debrifing infuocato e così via :s02:

Link to comment
Share on other sites

Scusate se intervengo "da moderatore", ma a volte ho l'impressione che, infiammati dalla discussione, non ci si conceda abbastanza tempo per leggere attentamente quello che scrive chi ci precede nei topic. Questa operazione è tanto più necessaria dal momento che spesso non è così facile capire, da due righe, il pensiero dello scrivente.

L'invito pertanto è, se leggete qualcosa che stimola in voi una reazione un po' più "accesa", di fare un bel respiro, chiudere il forum, farsi un giretto, riaprirlo, rileggere quanto è stato scritto e pensarci un po' su.

Altro problema, è che si tende sempre a credere che chi ci sta davanti "non sappia" o "non abbia capito". Visto che invece siamo un gruppo dalle elevate qualità individuali e di notevole esperienza, sarebbe buona cosa partire sempre dal presupposto che gli altri ne sappiano o abbiano compreso qualcosina più di noi. Non è detto che sia sempre vero, ma sicuramente è un atteggiamento che paga in termini di serenità e buoni rapporti.

 

Nel caso specifico, lo ribadisco, 8 minuti di navigazione sono sufficienti perchè l'auto TMA dia una buona soluzione di tiro, con un errore contenuto. Se a questo ci mettiamo che chi ci stava di fronte (Drakken e Sertore) si può tranquillamente annoverare tra i migliori giocatori attualmente in Europa (per non dire di più), credo che nell'azione in questione si debba solo fare i complimenti da un lato a Stefano/Cristian per la prima manovra evasiva condotta e dall'altro a Sertore per il successivo affondamento. :s20: :s20: :s20:

Link to comment
Share on other sites

E' arrivato il momento che mi dedichi di più agli impegni di tutti giorni che non sono pochi e per fortuna potrò coltivare questa passione nel mondo del lavoro.

 

Fichissimo, ci vediamo sul campo allora, cosa vai a fare? :s10:

Link to comment
Share on other sites

Vorrei spezzare una lancia a favore di Cristian,cambiavo rotta non una volta ogni 8 minuti circa,ma molto meno.

Cmq resta il fatto della bravura di Sergio e di Fausto,che x me non è minimamente in discussione.

Se avessero usato TS x triangolare,personalmente e ripeto personalmente,non mi avrebbè o ha dato fastidio,l'errore primario lo fatto io facendomi scoprire.

Saluti

Link to comment
Share on other sites

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522.2k
×
×
  • Create New...