Jump to content

Corvetta Corazzata Sms Sachsen - 1877


JP64

Recommended Posts

Buonasera a tutti i Comandanti ed agli utenti del forum....

 

volevo condividere con voi le foto di un modello che ho realizzato qualche anno fa, sempre di quelli "brutti e strani" che piacciono a me...

 

La genesi dell'idea di costruirlo è venuta quando, girovagando per Internet, sono capitato quasi per sbaglio nella pagina del sito di un'azienda che vendeva modelli in carta, tra cui navi di varie scale (tutte inferiori alla 1:250)

 

C'erano pescherecci, navi mercantili, navi a vela, navi da guerra.. e ad un certo punto c'era la figra di una nave stranissima, orribile, con 4 fumaioli al centro, in quadrato.... è stato amore a prima vista...

 

Ho iniziato a ricercare ed ad accumulare informazioni, disegni, dati e note su questa nave, scrivendo anche ad alcuni musei tedeschi, fino a quando non sono stato indirizzato su un disegnatore tedesco che aveva realizzato un bel set di disegni, in scala 1:100 di questa nave.

 

A questo punto, ho aperto il cantiere e l'ho completato in circa un anno e mezzo.... e le foto che allego rappresentano il modello completato.

Anche in questo caso, come in tutti i miei modelli, il modello è in autocostruzione, a parte alcune componenti come le catene delle ancore e le manovre in canapa... tutto il resto è stato realizzato a mano.

 

Ora alcune informazioni sulla nave..

tengo a precisare che la descrizione non è tutta farina del mio sacco, ma è basata su una traccia presente e riportata da Wikipedia, integrata con altre informazioni reperite da altre fonti.... :-)

 

Le 4 le unità della classe SACHSEN (Sachsen; Bayern; Wurttemberg; Baden) vennero completamente costruite nell’impero Germanico e furono le prime navi da guerra di questa marina che non furono equipaggiate con alberatura e vele.

 

In particolare la SMS SACHSEN fu costruita nei cantieri Vulkan di Stettin. Queste quattro unità, furono classificate come corvette corazzate, ma risultarono un completo fallimento come navi da battaglia, pur formando uno squadrone d’attacco di piccoli vascelli corazzati.

 

Per la posizione della loro armatura di protezione, vennero anche definite “Navi a cittadella” in quanto queste corvette disponevano di una protezione verticale soltanto a centro nave che difendeva le artiglierie principali, e mancavano completamente di ulteriore corazzatura lungo il resto dello scafo, sia lateralmente che superiormente.

 

Erano pertanto considerate inferiori, per sicurezza, alle navi corazzate della Marina Inglese dello stesso periodo che avevano corazzature maggiormente estese lungo i fianchi e sui ponti.

 

Nelle corvette della classe Sachsen, infatti, la corazzatura centrale si estendeva fino a 2 metri sotto la linea di galleggiamento e racchiudeva completamente la parte centrale del vascello, sia lateralmente che sul ponte superiore, creando in tal modo una specie di “scatola” corazzata (cittadella corazzata).

 

Un parapetto corazzato (barbetta) fu realizzato sul ponte superiore, a poppavia dei 4 fumaioli, in modo da proteggere le postazioni dei 4 cannoni Krupp di calibro 26o mm, che erano posizionati ai quattro lati della cittadella, in modo da poter far fuoco sia lateralmente che con tiro diagonale, verso prua e verso poppa.

 

Davanti ai fumaioli, a proravia, era installato un secondo parapetto corazzato, in parte integrato nel lungo castello di prua, che serviva a proteggere altri 2 cannoni, anch’essi Krupp da 260 mm, montati su una piattaforma girevole in modo da poter far fuoco con un ampio arco di tiro.

 

Dietro i fumaioli, posizionata nella parte anteriore della cittadella corazzata, si trovava la torre di comando corazzata.

 

Una sala nautica, di carteggio e vedetta, era posizionata verso poppa, su un ponte superiore che sovrastava le postazioni dei cannoni della cittadella centrale

 

Lo spazio tra la parte posteriore della barbetta dei cannoni di prua e la parte anteriore della barbetta della cittadella centrale era in gran parte occupata dai 4 alti fumaioli ed era chiusa, sui lati, da dei parapetti di ferro (che contenevano gli alloggiamenti per le brande degli equipaggi) in modo da creare uno schermo continuo per i marinai, contro i colpi di artiglieria leggera.

 

Una coppia di analoghi parapetti correva dal bordo posteriore della cittadella fino ala paratia di poppa.

 

Un albero militare, dotato di picchi di carico e coffa di segnalazione, era posizionato al centro della cittadella ed usciva sul ponte sovrastante la stessa

 

Le navi della classe Sachsen avevano un dislocamento di circa 7.400 tonnellate, erano lunghe 98 metri, larghe 18 ed avevano un pescaggio di c.a. 6 metri.

 

La prua era forgiata verticalmente e sotto la linea di galleggiamento si incurvava in un pronunciato sperone d’acciaio, dotato di rinforzi laterali, della lunghezza di c.a. 4 metri.

 

Davanti e dietro la cittadella, il bordo inferiore della corazzatura verticale ricopriva un ponte corazzato curvo che, congiungendosi frontalmente e lateralmente con il ponte, continuava sui lati dello scafo fino ad arrivare a 3 metri sotto la linea di galleggiamento

 

La SACHSEN, prima nave costruita di questa classe, a causa della sua peculiare apparenza con i 4 alti fumaioli in quadrato, venne imemdiatamente soprannominata "ZementFabrik" (cementificio; fabbrica di cemento)a somiglianza appunto dei cementifici dell'epoca con le loro alte e multiple ciminiere..

 

 

Prima e dopo la cittadella , i ponti corazzati erano protetti solamente da cofferdam, costruiti in modo che i muri di protezioni verticale, in acciaio, che correvano paralleli tra loro lungo lo scafo, furono riempiti di sughero nell’intercapedine lasciata vuota tra di essi.

 

In tal modo, in caso di penetrazione dell’acqua attraverso un varco nello scafo causato da un proiettile, il sughero, impregnandosi d’acqua, si gonfiava e chiudeva in questo modo la falla creata.

 

Lo squadrone delle corvette della classe Sachsen venne assegnato alla stazione navale nel Mar Baltico. Durante l’attività, tutte e quattro le unità mostrarono grossi problemi, in particolare presentando un eccessivo rollio con il mare grosso.

 

Pertanto, vennero mantenute in servizio per tempi molto brevi, ed il loro aspetto venne alterato diverse volte.[/justify]

 

Adesso qualche foto...

 

ciao ed a riscriverci presto

Jp

 

sachsen439a.th.jpg

 

sachsen435.th.jpg

 

sachsen436.th.jpg

 

sachsen437.th.jpg

 

sachsen431.th.jpg

 

sachsen408.th.jpg

Link to comment
Share on other sites

Cari Comandanti

 

grazie per le vostre parole sul modello... anche se avrebbe potuto essere fatto molto meglio ...

 

Per Totiano : purtroppo non riesco a dedicare molto tempo ai miei modelli, in genere ci lavoro una mezza giornata il sabato e/o la domenica e, talvolta, qualche serata in mezzo alla settimana se non sono troppo stanco dal lavoro.

Quindi il tempo non è poi molto..

 

Viaggiando molto e costantemente per lavoro (spessissimo sono fuori Italia) ho adottato una specie di tecnica di costruzione "mentale" che, in effetti, ha portato alla velocizzazione della costruzione del modello...

 

Quando sono in albergo (e non sono impegnato in cene di lavoro) cerco di passare il mio tempo serale leggendo riviste estere di modellismo e di viaggiare in Internet, e mentre lo faccio, penso a come realizzare la prossima componente del modello quando ritorno a casa...

 

In effetti non faccio altro che "provare e riprovare" mentalmente una idea, una tipologia di costruzione, una lavorazione, in modo che quando torno e ci metto le mani sopra, le fasi di realizzazione sono ben chiare avendo già valutato mentalmente pro e contro di certe operazioni.

 

Ti assicuro che è come un allenamento, ma funziona... e soprattutto permette di ridurre i tempi di incertezze su come fare le cose...

 

Tutto qui... è allo stesso tempo una forma di allenamento mentale (lo stesso che uso comunque nel mio lavoro per il business che seguo) ed un modo di passare il tempo in un'altro tipo di modalità creativa.

 

In ogni caso, in media, un modello lo realizzo appunto in una anno o un'anno e mezzo, ma questo tempo è praticamente la metà se non un terzo, rispetto al tempo impiegato per reperire, mettere insieme e confrontare la documentazione su quella nave... è questa se vogliamo la fase più lunga ma ha il vantaggio che può essere fatta parallelamente alla costruzione del modello precedente.

 

Ciao ed a riscriverci presto

 

Jp

Link to comment
Share on other sites

volevo condividere con voi le foto di un modello che ho realizzato qualche anno fa, sempre di quelli "brutti e strani" che piacciono a me...

 

La genesi dell'idea di costruirlo è venuta quando, girovagando per Internet, sono capitato quasi per sbaglio nella pagina del sito di un'azienda che vendeva modelli in carta, tra cui navi di varie scale .. e ad un certo punto c'era la figra di una nave stranissima, orribile, con 4 fumaioli al centro, in quadrato.... è stato amore a prima vista...

 

 

Ecco, mi pare che la diagnosi a questo punto sia completa.

Il virus che ti ha beccato é dello stesso ceppo del mio. Il mio é solo della variante Italicus, perché non vado oltre confine, ma per il resto la sindrome é identica.

Molto bene, mi sa che qualcosa insieme faremo.

Link to comment
Share on other sites

complimenti :s20: modello superbo, ma anche a me pare di averlo visto da qualche parte :s41: .....per caso hai esposto ad una mostra di Bardolino un paio di anni fa?

Link to comment
Share on other sites

complimenti :s20: modello superbo, ma anche a me pare di averlo visto da qualche parte :s41: .....per caso hai esposto ad una mostra di Bardolino un paio di anni fa?

 

Ciao, Dasboot

 

si, l'ho portata alla seconda edizione della Mostra di Modellismo Navale di Bardolino, organizzata dall'AMN Magellano, a Settembre del 2008, ma non era ancora completata del tutto....

 

Ciao

Jp

Link to comment
Share on other sites

ahhh ecco infatti......le cose belle non mi sfuggono :s02:

infatti lo fotografata perchè mi aveva colpito la costruzione pulita e il modello perticolare, c'ero anchio ospite del Magellano con il mio Club; nel pomeriggio poi abbiamo navigato nel lago, sotto na pioggia torrenziale :s05:

ciao e complimenti ancora.

DB

Link to comment
Share on other sites

Ciao JP64,

alla mostra del Trofeo Accademoa Navale c'era una Sachsen, per caso era la tua?

Complimenti per l'originalità e la costruzione del modello.

 

Un saluto

 

Ciao

 

Fassio

 

 

:s67:

Link to comment
Share on other sites

Ciao JP.

 

Complimentoni per la bella nave. :s20: :s20: :s20:

Le Navi di quei periodi mi affascinano molto è purtroppo noto che pochi le valorizzano,perchè preferiscono il periodo WWII. :s01: :s02:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      521.9k
×
×
  • Create New...