Jump to content

Colorazione Unità Marina Militare


bartom

Recommended Posts

Stiamo realizzando un modello in scala 1/72 dell'incrociatore porta aeromobili Garibaldi e debbo iniziare a verniciare le zone di manovra che vanno montate prima di fissare il ponte di volo. E' il modello a cui sono destinati gli AV8B Plus che avevo mostrato in una precedente discussione.

Dalle foto che ho, mi sembra che le pareti ed i soffitti di queste zone siano verniciate con lo stesso grigio dello scafo, mentre i pavimenti sono più scuri.

 

Vorrei sapere se effettivamente il grigio delle zone di monovra è lo stesso dello scafo e soprattutto se c'è un riferimento RAL, Federal Standard o meglio ancora a qualche prodotto commerciale da modellismo.

Qualcuno può aiutarmi?

 

Saluti a tutti

Bartom

Link to comment
Share on other sites

quando venne al porto di Ancona, alcuni anni or sono, ci passai una intera, bellissima giornata a bordo, e ricordo bene le pareti ed i soffitti nel classico grigio chiaro della MM, mentre il ponte era in un grigio più scuro.Dovrei avere una foto dell'Hangar , ed una foto di un corridoio inferiore, mentre una foto scattata all'interno dell'isola è venuta molto scura.

Se vuoi te le invio in privato o se possibile le posto quì.

 

Dovresti fare una cosa altrimenti, cerca le foto di qualche ex marinaio imbarcato, magari riesci a trovare i dettagli che ti interessano.

 

ciao Luca

Link to comment
Share on other sites

Il mio problema non è tanto nell'avere delle foto, in quanto ne ho già diverse, che magari più tardi da caso vado a postarle.

Il ponte di decollo è quasi a posto.

Il mio problema è la colorazionde dello scafo, che dovrò affrontare più avanti e delle zona di manovra, latereli, anteriori e posteriori.

Queste zone sono di un colore (a parte la pavimentazione) dello stesso colore dello scafo? Dalle foto sembrerebbe di si, ma nel caso torno al problema del colore dello scafo (opera morta);oppure se diverso dallo scafo che colore è?

Parliamo di diverse tonalità di grigio.

Lo scafo ritengo che sia dello stesso colore attualmente utilizzato da tutte le unità di superfice.

Non vorrei conferdere di più le cose, ma io sono riuscito in effetti ad avere un barattolo di vernice originale (mi sembra della ditta SQUAMM o qualcosa del genere), ma al momento di andare a prenderne un pò come campione ho visto che sull'etichetta c'è scritto "Per interni".

Al che sono andato in confusione. Le zone di manovra aperte verso l'esterno sono da considerarsi interni?? Se no. la vernice che ho io che è definita per interni, non va bene neanche le zone di manovra. Se si, allora questa vernice andrebbe bene per le zone di manovra, ma non per lo scafo visto che è appunto "per interni", o la definizione in questione vale solo per il tipo di vernice e non per il colore.

Da questi dubbi ho preferito formulare la mia domanda in modo diverso; cioè che colore va usato per lo scafo e che colore va usato per zone di manovra?

 

Mi sono ingavinato da me in un panegirico che sembra filosofico, ma in realtà il problema è semplice; la soluzione invece?

Appena posso posto un paio di foto.

Bartom

Link to comment
Share on other sites

forse qualcuno più esperto potrà aiutarti meglio, perchè più tecnico, ma io quando ci sono salito, ricordo che le parti interne che si affacciavano sullo sulle murate, quindi che dall'interno andavano sui camminamenti esterni, sotto il ponte di volo, tipo dove sono collocate le scialuppe e gli autogonfianti, erano dello stesso grigio dello scafo.

Link to comment
Share on other sites

non so se ho capito, comunque per iniziare:

le sovrastrutture e lo scafo sono tutte dello stesso grigio chiaro, i ponti sono di grigio scuro (è una vernice antisdrucciolo per cui rugosa) menre i pomti di volo sono neri da nuovi per poi virare verso il grigio con il passare del tempo.

Link to comment
Share on other sites

Provo a postare alcune foto:

 

600a.jpg

By bartom, shot with FinePix S5000 at 2010-04-07

Questa è la zona di manovra di mezzana di tribordo.

 

2 foto scattate nella zona di manovra a prua:

530y.jpg

By bartom at 2010-04-07

 

506f.jpg

By bartom at 2010-04-07

 

Passaggio esterno tra la zona di manovra a prua e i tubi lanciasiluri :

055fr.jpg

By bartom at 2010-04-07

 

Questa infine è la parete di fiancata esterna fotografata da una passerella:

097b.jpg

By bartom at 2010-04-07

 

Le foto sono state scatta a Taranto nell'aprile del 2007 nella giornata più piovosa di tutto l'anno. Questo grigio tra l'altro cambia moltissimo a seconda delle condizioni di luce, assumendo addirittura tonalità celestine con molto sole.

 

Allora la questione è: il grigio delle pareti (e dei soffiti nelle zone di manovra) secondo me è lo stesso.

Cercavo una conferma e se possibile un'indicazione precisa per poter produrre questo colore da applicare ad aerografo ad un modello dove sono impiegati vari materiali. L'ideali sarebbe usare un colore sia smalto o acrilico.

Poi dovrò fare anche i pavimenti, ma li mi preoccupo di meno.

 

Il ponte invece è quasi pronto, ecco alcune foto, scattate dopo aver completato il fondo e dopo aver fatto le righe; ora siamo in procinto di verniciare le numerazione e sigle varie:

 

dscn5922b.jpg

By bartom at 2010-04-07

 

dscn6012.jpg

 

dscn6016.jpg

 

Grazie per il gentile interessamento e per i consigli che vorrete darmi.

Buonanotte a tutti.

 

Bartom

Edited by bartom
Link to comment
Share on other sites

ti confermo quanto gia detto, ovvero che il grigio dello scafo è identico al grigio delle pareti in tutte le zone esterne, Moreno.

per i ponti (esluso il ponte di volo) è un grigio scuro che biene usato (senz ala parte antisdrucciolo) anche per fare quella specie di battiscopa.

Link to comment
Share on other sites

Io ho un barattolo di vernice della Siquam con questa etichetta:

 

Smalto Semilucido per interni

Spec. MM 677/S - Ediz.06/01

N. N.U.L. 8010151579399

Grigio Chiaro

Aprile 2005

 

Sapete dirmi se come riferimento è corretto per dipingere le zone che lo stesso Totiano ha definito, cioè scafo e corridoi e zone esterne?

Altrimenti è possibile avere un riferimento o un campione, più specifico, al quale rifarmi per preparare il colore?

Grazie mille.

Saluti

Bartom

Link to comment
Share on other sites

Perfetto Marco, a me interessava sapere questo, cioè se il colore è giusto, perchè poi comunque la vernice debbo in qualche modo prepararmela con prodotti di tipo modellistico, altrimenti rischio di fare danni. Inoltra ho bisogno di qualcosa di molto liquido da dare ad aerografo mentre le vernici marine sono molto dense da stendere a pennello o rullo.

Grazie mille.

 

Ciao a presto

Bartom

Link to comment
Share on other sites

Riguardo agli incursori essendo impossibilitato ad opporre resistenza cercherò di soddisfare le richieste/minacce. Il problema è che siamo un casino, nel senso che lo scafo (da sgrossare) è pronto da un paio d'anni. Poi essendo un lavoro "sociale" dove tutti dovrebbero apportare un pò, si è finito per chiacchierare molto e lavorare poco. Poi seguendo quelo vecchio detto che parla di colui che acquistò prima la frusta e poi il cavallo, abbiamo abbandonato lo scafo per fare il ponte di volo, di cui ho postato le foto. Ho fatto poi un paio di AV8B-Plus, che ho pubblicato in un altro post e ci sono vari accessori fatti ed in costruzione. Il problema è ripartire con i lavori dello scafo.

Detto questo confermo che Vi terrò informato postando comunque le foto degli sviluppi. Stiamo lavorando su una zona di manvora (quella mezzana di tribordo); alcuni oggetti non so neanche come si chiamano in marinaresco (io sono/ero un modellista aereo) ma ci stanno venendo carucci. Datemi qualche giorno e vi accontento.

 

Grazie Luca per l'offerta di collaborazione, però dal momento che Totiano mi ha confermato che la vernice grigia originale MM che ho, è corretta come colore, volevamo provare a preparare la vernice chimicamente adatta, partendo da quel campione di colore. Se avremo delle difficoltà preparati che ti disturberà senza meno.

 

Saluti a tutti

 

Bartom

Link to comment
Share on other sites

perfetto, sono sempre disponibile Moreno!

come ti dicevo se usi sempre quel codice RAL il colore verrà sempre quello, permettimi però di consigliarti di rivolgerti sempre allo stesso colorificio, altrimenti rischi di avere delle (leggere) sfumature di colore che si possono presentare da tintometro a tintometro.

Link to comment
Share on other sites

In realtà Luca mi rivolgetò ad un modellista di aerei che in maniera empirica ci azzecca sempre coi colori. E' uno che ha fatto più di 6.000 modelli statici e diversi dinamici. Una specie di enciclopedia vivente che però rifugge la tecnologia informativa. Spero bene. Ti farò sapere.

Ciao

Bartom

Link to comment
Share on other sites

Per evitare cheIscandar mandi gli incursori a Chiaravalle, posto alcune foto di dettagli del modello della Garibaldi in costruzione. Mi sono accorto con sgomento, che a casa non o una foto dello scafo intero, completato in stato super-grezzo.

Comunque come detto precedentemente per partire dalla frusta anzichè dal cavallo, ecco alcune pillole:

Qui eravamo ancora alle ordinate. Seguendo le stesse abbiamo poi realizzato lo scafo in polistirolo, rivestito da vetroresina.

dscf0020qg.jpg

 

dscn0462e.jpg

 

Facciamo un salto e passiamo ad alcuni particolari della zona di manovra di mezzana di tribordo:

 

dscn5983.jpg

dscn5991.jpg

 

Saltiamo sott'acqua e andiamo alle eliche:

dscn1675a.jpg

 

Piano piano andremo avanti.

Ciao

Bartom

Edited by bartom
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

Ecco un aggiornamento dei lavori relativi alla zona di manovra centrale di dritta della Garibadi Scala 1/72. Mancano ancora alcuni dettagli, prima di montare la porta, già pronta, e prima di mettere le bitte.

Sono pronte anche le bitte girevoli ed i passacavi, ma andranno montati solo dopo aver piazzato nello scafo e raccorata alla murata, la "scatoletta" che compone appunto la zona di manovra stessa.

 

dscn6303x.jpg

 

dscn6302.jpg

 

dscn6300a.jpg

 

dscn6299b.jpg

 

dscn6298.jpg

 

dscn6293z.jpg

 

dscn6292b.jpg

 

dscn6288j.jpg

 

 

A non tanto presto perchè per andare avanti ci vuole tantissimo ed il caldo rende il mio posto di lavoro quasi inagibile.

 

Ciao

Bartom

Edited by bartom
Link to comment
Share on other sites

Ciao Bartom,

leggo solo ora il tuo post e per quanto riguarda la colorazione ti confermo quanto da te scritto e riportato sull'etichetta, ho un figlio in marina, imbarcato, che mi ha confermato il tutto.

Stai facendo uno splendido lavoro, se posso, su quali piani stai lavorando ? ANB per caso ?

Potresti postare le misure effettive del modello e lo spessore delle ordinate e del ponte ? vorrei realizzzarla anche io e utilizzare esperienza già maturata a riguardo mi tornerebbe utile.

Un saluto aaron10

Link to comment
Share on other sites

Abbiamo utlizzato i disegni di ANB, ma stiamo lavorando sulla situazione post modifiche 2004, ed esattamente 2007 circa.

Le ordinate sono state fatte in multistrati da 1 cm. Gli spazi tra le ordinate sono stati riempiti di fogli di polistirolo espanso del tipo più compresso possibile, successivamente sagomato sulle linee delle ordinate. Prua e poppa sono state lavorate pane e burro sulle linee d'acqua sempre dello stesso disegno. Il tutto rivestito in fibra e resina. Non mi ricordo la pesantezza del tessuto per la fibra, ma credo il più leggero reperibile in commercio.

Il ponte è in lamiera elettrozincata da 1.2 mm. tagliata al laser. Quello che si vede nelle prime foto era in legno compensato, non utilizzato poi.

 

La zona di manovra in legno compensato rivestito di plasticard da 1 mm e largo uso di profilati evergreen, filo di rame.

 

La scala è 1/72 che sviluppa 248 cm fuori tutto.

 

Ciao

Bartom

Edited by bartom
Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

Ciao Bartom,

leggo solo oggi il tuo post veramente interessante sull'impresa che stai affrontando: complimenti!

Io stò ancora raccogliendo la documentazione per fare un modello della fregata classe maestrale in scala 1/72 visto che ho già pronto degli ab-212 asw.

Ho postato una richiesta sul forum della sezione modellistica . Mi manca ancora qualche zona e poi inizio , come si suol dire nel settore, il taglio delle lamiere!

 

Da qualche parte devo avere dei riferimenti precisi RAL alle vernici impiegate dalla MMI: ti possono ancora interessare?

Hai intenzione anche di dettagliare l'hangar interno?

 

Saluti e buon divertimento

 

andrea B.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Andrea B.

Ho appena terminato la zona di manovra mezzana di dritta, della quale posto alcune foto.

In verità mancano ancora i salvagenti, per i quali utilizzerò degli anellini per le tende, però non so come fare le scritte identificative dell'unità che ci sono sopra.

Ora però voglio un pò rilassarmi e così mi metto a fare un AB212. Io ho un kit della Fujimi che conteneva anche decal per una verisione italiana ad alta visibiltà.

Tu che hai usato per fare i tuoi?

 

Ti faccio i migliori auguri per il tuo Maestrale, sperando che tu possa procecedere più speditamente di quanto non stia facendo io con i miei amici.

 

dscn6431s.jpg

 

dscn6425.jpg

 

dscn6424.jpg

 

dscn6419.jpg

 

dscn6434.jpg

 

Le ancore. Dopo aver realizzati un master le abbiamo replicate in resina.

L'hangar interno non lo vogliamo dettagliare, però forse un ascensore sarà messo abbassato e di conseguenza magari la zona limitrofa che rimarrebbe in vista, dovrà essere dettagliata.

 

Saluti Bartom

Edited by bartom
Link to comment
Share on other sites

ciao bartom... complimenti per il tuo lavoro, veramente notevole...

 

ho letto che devi fare le scritte sui salvagente ma non sai come fare... forse potrebbe esserti di aiuto il sistema che ho usato per fare delle piccole scritte sul mio lvtp7 in 1/35.

 

lvtp7idrojetescritta.jpg

 

la scritta "pericolo stare lontani" sopra gli idrojet dell'anfibio l'ho fatta usando l'aerografo ed una mascherina fatta in casa, utilizzando un lamierino di ottone 10decimi e la fotoincisione casalinga (vedi su tecnica e notizie il mio tutorial)

 

per la scritta ho usato word ed un font tipo stencil militare scaricato free dalla rete...

 

l'altezza delle lettere è di circa 2mm, ma forse si possono fare ancora più piccole, utilizzando però lamierini ancora più sottili

Edited by maxmodifica
Link to comment
Share on other sites

Grazie Max, debbo rispolverarmi il tuo post, che tra l'altro debbo aver salvata anche da qualche parte nel mio PC perchè quello delle fotoincizioni è il mio lato oscuro, cioè non mi ci sono mai cimentato e volevo farlo partendo appunto dalle tue indicazioni.

In effetti su una nave, come su qualsiasi altra cosa, ma in misura sicuramente maggiore, di scritte ce ne sono tantissime.

Ti ringrazio per i complimenti, ma anche te non scherzi...

Ciao

Bartom

Link to comment
Share on other sites

bartom, se proprio proprio non riesci a far le scritte, per quanto riguarda i salvagente (solo per questi, non avrei il tempo di farti tutte le scritte che mi immagino necessiterebbero... sorry) fammi sapere l'altezza delle lettere ed il diametro degli anelli, posso tentare di fartele io (dico tentare perchè con le cose casalinghe la riuscita non è mai assicurata)...

 

basta non aver fretta....

 

comunque, a proposito di questo, io sono per il motto " non dare un pesce all'affamato, ma insegnali a pescare"...

 

quindi prima ti invito comunque a provare da te e magari contattami per eventuali problemi riscontrati durante le "operazioni"...

Edited by maxmodifica
Link to comment
Share on other sites

Ciao Bartom,

 

per l'AB 212 in partenza ho usato i 2 kit ab 212 asw della Astrokit (modello mediocre, decals eccellenti e parti modificate in resina indispensabili) ed ho realizzato 2 versioni di cui 1 in versione ASW pura monocolore grigio mare extra scuro ed 1 in versione assalto NLA sempre in grigio mare extra scuro. In quel periodo il kit italeri non era ancora disponibile. Ti consiglio di non usare le decals del kit originale Fujimi: quelle della Tauromodels sono migliori.

Poi ho realizzato una versione ECM Eligufo monogrigio chiaro con le insegne ad alta visibiltà stavolta con Kit Italeri notevolmente migliore e parti in resina, decals tauromodels.

Appena posso ti mando delle foto dei modelli.

 

Ti riporto un piccolo consiglio (magari lo conosci già) che avevo letto su una delle riviste di Verlinden, per realizzare la giusta finitura rugosa del ponte di volo e delle superfici orizzonatli esterne e cioè quello di incollare dei fogli di carta abrasiva finissima , solo sulle strutture orizzontali, poi aerografarle con leggere passate schiarite rispetto al colore base di cui sotto.

 

Ti occorrono alcune foto dell'hangar ? se mi fornisci la tua email te le mando. Sai penso che se abbassi i due elevatori ed inseririsci qualche luce interna a basso voltaggio, l'effetto realistico aumenta notevolemente (bianca per le normali operazioni e rossa a bassa intensità per le fasi operative).

 

Riferimenti RAL scafo- sovrastruttre - RAL 7040- alcune volte anche il 7001-7004 finitura lucida (ma con il tempo diventa opaca)

ponti esterni RAL 7031 finiture rugosa semilucida

ponte di volo RAL 7016 finitura rugosa opaca

opera viva dello scafo : non disponibile perchè quello che ho io era riferito alle fregate e cioè ROSSO RAL 3003 antivegetativo

 

i colori vanno schiariti in base all'effetto di scala ridotta 1/72

 

A presto e spero di vedere altre foto dell'avanzamento dei lavori nel tuo cantiere: io navigo ancora nei disegni e scartoffie varie.

 

Saluti.

 

Andrea B.

 

l

Link to comment
Share on other sites

Ringrazio entrambi per la disponibilità che mi state dando.

Andrea B. grazie per i riferimenti RAl. Io avevo usato un campione di vernice originale della Marina, sulla base della quale abbiamo realizzato il colore in smalti Humbrol. Ora con i riferimenti RAL mi sento meglio.

Il ponte di volo è già verniciato (per restare in tema che faccio prima la frusta e poi il cavallo). Mancano da verniciare, ma ho dei forti dubbi se farlo o meno, la zona quadrata attorno ai punti di fissaggio a croce degli, che ha una leggera dissonanza di colore, in quanto liscio, con il resto del ponte.

La rugosità del ponte, dopo mille tentativi, considerando che il ponte è in lamiera nel nostro caso e quindi la carta abrasiva potrebbe primo, non tenere nel tempo, secondo avremmo richiuso i fori dove vorremmo mettere le suddette crocette per il fissaggio degli aeromobili, abbiamo optato per il passaggio di una mana di vernice molto densa stea con un rullo di quelli che si usano per la pittura dei muri, poroso, per poi riverniciare il tutto sopra con aerografo e colori da modellismo. Poi abbiamo applicato le righe. Dopo aver fissato le crocette (non mi ricordo il termine esatto, forse latching qualcosa?) completeremo l'invecchiamento, ora solo abbozato.

 

Potresti cortesemente darmi i riferimenti dei fogli decal della Tauromodel che hai usato per gli AB 212? Grazie.

 

Saluti.

Bartom

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      521.9k
×
×
  • Create New...