Jump to content

Marina Jugoslava


Charlie Bravo

Recommended Posts

Molto interessante la foto degli incursori....qualcuno avrebbe qualche informazione e/o riferimentro sui corpi speciali della ex-Iugoslavia?

 

Un'altra unità speciale è aggregata alla brigata di fanteria di marina. Di stanza inizialmente a Split, questa e stata trasferita in seguito dell'indipendenza della Croazia, nel Montenegro dove, all'inizio del 1999, diversi suoi distaccamenti erano di stanza nel porto di Bare Kotor. In seno a questa brigata di fanteria di marina è inquadrato un distaccamento di commandos di marina e nuotatori da combattimento, dotati di mini sottomarini e di propulsori sottomarini biposto di fabbricazione locale. Fino all'inizio degli anni '90, il personale di questa unità di assalto sottomarino e anfibio è formato a Pula in Croazia.

Dal 1992, non si sa dove questa formazione si svolga. Degli elementi di questa unità, specializzati nella ricognizione offensiva e nell'azione in profondità, sono distacchati presso la brigata fluviale sul Danubio.

La polizia militare dispone, da parte sua, di unità speciali di intervento, conosciute sotto il nome di Sokovi e Cobra, comprendenti meno di un centinaio di elementi. (tratto da Wikipedia Forze speciali yugoslave)

Per adesso ho questo ma troverò sicuramente notizie più circostanziate

Saluti R HUNTER

Link to comment
Share on other sites

I dirimpettai dell'Adriatico.

 

... l'immagine dovrebbe essere di provenienza Almanacco Navale.

Ciao.

 

Drava, classe Sava. Contemporaneo ma speriamo non parente dei nostri Sauro 1a e 2a serie.

 

... dotati di mini sottomarini e di propulsori sottomarini biposto di fabbricazione locale. ....

 

Vedere sesta foto, tipo MALA. Oppure anche i più grandi UNA della quarta foto con una maggiore capacità

 

ma guarda un pò chi vien fuori uno dei nostri ex battelli

 

Si dovrebbe essere il primo Sava, un nostro classe Flutto recuperato nel dopoguerra e rimesso in servizio. Avevano anche uno o più midget classe CB.

Edited by Charlie Bravo
Link to comment
Share on other sites

Il primo anno dopo che aprirono l'isola al turismo, da lontano si poteva vedere questo ricovero per SMG; qualcuno si avvicinava in barca ma in teoria non era permesso:

 

c2261c76io5ca252s2.jpg

 

Io non trovo più le mie foto; sul web ci sono queste

 

6806f9805flcao1wgd.jpg

 

Sembra che la Dalmazia sia piena di questi ricoveri, ho sentito dire che la Marina Croata ne sta usando ancora qualcuno.

 

Sempre a Lagosta (ma anche a Lissa), ci sono le fortificazioni ex AU; chilometri di gallerie che collegano le postazioni di artiglieria. Io ne visitai una minima parte, c'era il divieto di accesso. Mi dissero che c'erano delle città sotterranee. Anche di queste fortificazoni, non ho trovato traccia sul web; potrebbe essere un argomento interessante se qualcuno ne sa qualcosa.

 

 

 

Ops... ho sbagliato cartella; credevo di postare sul Topic della Marina Yugo... chiedo scusa.

Link to comment
Share on other sites

Desiderate anche disegni e foto ???

 

Magari qualche foto, grazie per la disponibilità.

 

Il primo anno dopo che aprirono l'isola al turismo, da lontano si poteva vedere questo ricovero per SMG

 

Grazie per questo reportage. In effetti quella dei rifugi incavernati di vario tipo era una vera scelta di carattere strategico. Mi pare che, ad esempio, nella zona di Belgrado fossero anche estesi alla popolazione civile che li utilizzò durante la campagna NATO.

 

2705tunel3.jpg

zeljavamig1bq4.jpg

migovi21tk8.jpg

 

Da Military Photos

 

Un'altra particolarità delle forze di terra jugoslave era l'organizzazione territoriale che ne avrebbe consentito, nell'ambito di un conflitto convenzionale, l'impiego come unità di guerriglia; ma questo si rivelò anche il tallone d'Achille che consentì poi la sanguinosa guerra civile degli anni '90.

Link to comment
Share on other sites

Un'altra particolarità delle forze di terra jugoslave era l'organizzazione territoriale che ne avrebbe consentito, nell'ambito di un conflitto convenzionale, l'impiego come unità di guerriglia; ma questo si rivelò anche il tallone d'Achille che consentì poi la sanguinosa guerra civile degli anni '90.

... trattenendo però la NATO da un'invasione della Serbia, ai tempi dei fatti del Kossovo.

La stessa organizzazione non trattenne il Pentagono dall'invasione dell'Iraq, ne vediamo ancora le conseguenze.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

... trattenendo però la NATO da un'invasione della Serbia, ai tempi dei fatti del Kossovo.

La stessa organizzazione non trattenne il Pentagono dall'invasione dell'Iraq, ne vediamo ancora le conseguenze.

Ciao.

 

Ciao Giuseppe, intendevo dire che con quel tipo di organizzazione militare territoriale si spiega poi il divampare delle varie guerriglie interne che a quelle strutture avevano accesso locale. Era forse l'ideale per scoraggiare una invasione ma anche per una guerra civile.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Giuseppe, intendevo dire che con quel tipo di organizzazione militare territoriale si spiega poi il divampare delle varie guerriglie interne che a quelle strutture avevano accesso locale. Era forse l'ideale per scoraggiare una invasione ma anche per una guerra civile.

Si perfettamente d'accordo: una buona organizzazione per dissuadere dalle invasioni esterne, ottima invece per una guerra civile.

 

La barbarie nel cuore dell'Europa del XX secolo: Srebrenica

2pq19nl.jpg

Link to comment
Share on other sites

Grazie per le foto Buffoluto; le motosiluranti sembrano delle Higgins e in effetti gli jugo pescavano e ricevevano, soprattutto agli inizi, sia da est che da ovest.

 

Qui un'altra foto della nave presidenziale Galeb :

 

sfryugoslavnavystatelyy.jpg

 

 

... "compagni" si ma con tutte le comodità :s02:

Edited by Charlie Bravo
Link to comment
Share on other sites

Grazie per le foto Buffoluto; le motosiluranti sembrano delle Higgins e in effetti gli jugo pescavano e ricevevano, soprattutto agli inizi, sia da est che da ovest.

 

Qui un'altra foto della nave presidenziale Galeb :

 

sfryugoslavnavystatelyy.jpg

 

 

... "compagni" si ma con tutte le comodità :s02:

 

Le motosiluranti "sono" delle Higgins: otto battelli, PT 201, 204, 207/209, 211, 213, 217, ceduti dalla US Navy nel 1945, più una trentina di copie costruite in Jugoslavia negli anni '50 con motori Packard americani. Così come i dragamine sono delle classi britanniche "TON" (3 battelli costieri, costruiti in Francia su ordine americano, più un quarto costruito localmente con assistenza francese) e "HAM" (4 battelli litoranei, costruiti localmente sempre in base all'aiuto americano). L'armamento, la direzione del tiro, i radar dello SPLIT sono tutti di fornitura americana. Quanto al GALEB, come sappiamo si tratta dell'ex posamine tedesco KUCKUCK, ex bananiera/incrociatore ausiliario italiano RAMB III del 1938.

Edited by de domenico
Link to comment
Share on other sites

le motosiluranti sembrano delle Higgins e in effetti gli jugo pescavano e ricevevano, soprattutto agli inizi, sia da est che da ovest.

 

Ringrazio il Comandante De Domenico per l'approfondimento dell'argomento, perché in effetti

al riguardo l'Almanacco Navale non dice molto;

per quanto riguarda la Jugoslavia di quei tempi vorrei fare un commento politico-storico personale:

anche se la federazione slava entrava nell'orbita del blocco sovietico, Tito aveva sempre tenuto un atteggiamento prudente nei confronti di Mosca e il blocco occidentale la considerava una zona di cuscinetto; del resto anche l' Italia, per la presenza di un forte partito comunista finanziato dalla Russia, ha forse avuto un ruolo analogo nell'ambito del Patto Atlantico.

Link to comment
Share on other sites

La Jugoslavia faceva parte del cosiddetto blocco dei non allineati (che annoverava se non ricordo male anche Cuba che proprio così non allineata non era...). E in qualche modo il Paese balcanico ne era considerato il leader. Tuttavia, in ottica NATO, questo blocco in quanto a prese di posizioni pratiche finiva per essere filosovietico. Per esempio gli jugo concedevano ai sovietici l'appoggio logistico di Tivat.

Quanto al nostrano e tuttora tabù fattore "K" avremmo saputo solo momento critico la sua incidenza e presenza. Comunque il fatto che anche a Muro crollato non si sia affrontata la questione la dice lunga in materia.

Link to comment
Share on other sites

Ciccio no xe per barca:

9f71b8bcdalmat.jpg

 

ba537b3dalmat.jpg

 

Preferiscono tenerselo lì in quelle condizioni, avendolo dichiarato "patrimonio" nazionale piuttosto che darlo a Cozzi, che l'aveva regolarmente acquistato.

 

E poi guardatevi questo:

 

http://images.google.it/imgres?imgurl=http...it%26um%3D[/img

 

 

e ditemi se il proverbio "ciccio no xe per barca" è del tutto sbagliato :-)

 

PS: secondo me, questa è la vendetta di Marco Polo, che loro vogliono croatizzare perchè nacque a Curzola, che oggi è un'isola croata. Sarebbe come se gli italiani dicessero che l'aeroporto di New York è italiano, perchè è intitolato a Fiorello La Guardia

Link to comment
Share on other sites

La Jugoslavia faceva parte del cosiddetto blocco dei non allineati (che annoverava se non ricordo male anche Cuba che proprio così non allineata non era...). E in qualche modo il Paese balcanico ne era considerato il leader. Tuttavia, in ottica NATO, questo blocco in quanto a prese di posizioni pratiche finiva per essere filosovietico. Per esempio gli jugo concedevano ai sovietici l'appoggio logistico di Tivat.

Quanto al nostrano e tuttora tabù fattore "K" avremmo saputo solo momento critico la sua incidenza e presenza. Comunque il fatto che anche a Muro crollato non si sia affrontata la questione la dice lunga in materia.

 

Il gruppo dei "non allineati" (o gruppo di Bandung) aggregava dal 1956-57 l'India di Nehru (armamenti in prevalenza sovietici), l'Egitto di Nasser (idem), l'Indonesia di Sukarno (come sopra), e la Jugoslavia di Tito (armamenti occidentali non troppo offensivi e produzioni proprie più o meno copiate). In questo quadro, Tito era forse il meno anti-occidentale. Nessuno era il leader: erano almeno in quattro i capi.

Link to comment
Share on other sites

Il gruppo dei "non allineati" (o gruppo di Bandung) aggregava dal 1956-57 l'India di Nehru (armamenti in prevalenza sovietici), l'Egitto di Nasser (idem), l'Indonesia di Sukarno (come sopra), e la Jugoslavia di Tito (armamenti occidentali non troppo offensivi e produzioni proprie più o meno copiate). In questo quadro, Tito era forse il meno anti-occidentale. Nessuno era il leader: erano almeno in quattro i capi.

Per avallare ulteriormente l'analisi di De Domenico, nel 1974 si sapeva, che in caso di guerra con il Patto di Varsavia la Divisione Mantova di Cividale e la Divisione Folgore di Cormions, si sarebbero spostate in Slovenia con tacito accordo della Jugoslavia per bloccare per i giorni necessari a mobilitare al completo le Dibizioni corazzate e motorizzate, addirittura erano trapelate voci per un coinvolgimento diretto delle forze Jugo nello stoppare i paracadutisti Russi e le truppe Ungheresi.

Link to comment
Share on other sites

Per avallare ulteriormente l'analisi di De Domenico, nel 1974 si sapeva, che in caso di guerra con il Patto di Varsavia la Divisione Mantova ...

 

Interessanti considerazioni. Voci e leggende erano disparate d'altra parte la Soglia di Gorizia in quel periodo e fino all'ultimo è stato il nostro luogo mitologico. Magari avranno pensato che sarebbe stato meglio avere sul suolo qualche divisione meccanizzata dell'EI piuttosto che i Nike dell'AMI ... Per fortuna non sapremo mai come sarebbero andate le cose e come si sarebbero comportati i vari soggetti in gioco.

Il mio imprinting con quei posti lo ebbi da bambino quando con la famiglia in visita a un caro compagno d'armi di un mio congiunto cenammo a Gorizia in un ristorante nelle vicinanze del confine con la parte yugoslava della città, Nova Gorica. Dall'altra parte del reticolato la stazione che era pattugliata da sentinelle dell'esercito yugoslavo. In qualche modo era il nostro Muro.

Link to comment
Share on other sites

Grazie per l'M47 Odisseo :s02:

 

A proposito di installazioni incavernate jugo :

 

http://www.youtube.com/watch?v=X455wiHCCac...player_embedded

 

http://www.youtube.com/watch?v=NGMF8pyXNz4...player_embedded

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=xMi_k6m5ivM...player_embedded

 

Anche se gli jugo stavano dall'altra parte della barricata gli ultimi due filmati sono tristi.

Link to comment
Share on other sites

il bunker di Tito, mostrato poche settimane fa alla stampa:

 

cbb01.th.jpg

 

è un bunker antiatomico sito in Bosnia, vicino alla Neretva. Si sviluppa per 250 chilometri.

 

ed302.th.jpg

6a103.th.jpg

 

C'è la depurazione dell'aria, era organizzato per resistere 6 mesi e per ospitare 350 persone; lo stato maggiore dell'esercito Yugolsavo e qualche altro personaggio; sembra che nessuno conosca tutti i meandri del rifugio.

 

b9504.th.jpg

 

9z405.th.jpg

c'è la sala comando, i telefoni rossi e tutto quello che ci si può aspettare da un posto simile.

 

7f806.th.jpg

 

bd707.th.jpg

 

Ci sono le stanze privare di Tito e Jovanka; il giornalista croato fa notare che erano arredate con legni di grande pregio, anche se l'arredamento sarebbe un po' demodè.

 

d6408.th.jpg

 

La costruzione sarebbe durata 20 anni, terminata nel 1979 ma operativa sin dagli anni '50

9e709.th.jpg

 

Sembra che gli operai ci venissero condotti bendati e che pochissimi generali conoscessero l'esistenza del sito.

 

Bene, ho visto il bunker di Churchill, virtualmente quello di Tito. Chissà se anche i nostri governanti ne avevano uno...

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

appena l'ho vista, mi sembrava familiare. Dopo 2 minuti di ricerche l'ho trovata...

 

edra.th.jpg

 

non è la stessa barca, si vede che questa è stata varata più tardi ma il progetto è quello. Molto curisosa questa coincidenza, pensa che la seconda ha fatto rotta per oltre 20 anni sulle coste istriane arrivando anche a Fiume ed immagino quanti di loro avranno detto: "guarda l'ex yacht reale rimesso a nuovo che va a trovare Tito a Brioni..."

 

E quando da bambino ci giocavo sopra, immaginavo proprio di avere un bel grande cannone a prua. Mai avrei immaginato che il progetto fosse di prima della guerra.

 

Fu costruita dal dal cantiere Felszegi di Muggia nel 1962 probabilmente acquistando i piani dal cantiere San Marco, o forse glie li avevano regalati, chissà...

Link to comment
Share on other sites

Sul solito Military Photos ho trovato alcune foto spero interessanti dell'epopea di questa Marina oramai scomparsa e che, vista la situazione di quel tempo e la collocazione ambigua di quel Paese tra i cosiddetti Paesi Non Allineati, ci trovavamo a fronteggiare. Jugoslavensko Ratna Mornarica :

 

p802sava50s.jpg

821heroj812neretva811suu.jpg

p832drava.jpg

p911tisaandsisterships.jpg

p821bocheroj.jpg

111zpu.jpg

vpbdestroyerrazaracspli.jpg

vpbr33kotor.jpg

rtop40601.jpg

osamissileboats.jpg

45726354292710egknlfph1.jpg

jrmpatrolboat.jpg

ispracajgaleba.jpg

45741354304533xuabxdph1.jpg

98556obalski88122402lo.jpg

132384366iuzctuph.jpg

jrmka25s.jpg

 

come qualcuno avrà già fatto notare,le foto credo siano risalenti al periodo pre disfacimento della Rep. Pop. Jugoslava. Credo la vecchia marineria serba,quella dei tempi di Milosevich abbia mantenuto parte di questi mezzi.Molto interessante comunque l'approfondimento da te fatto sulle FF.AA degli altri paesi,soprattutto ex blocco orientale. I marinai delle batterie costiere indossano un elmetto evidente evoluzione del '35' tedesco.

Link to comment
Share on other sites

LO YACHT DEL MARESCIALLO TITO: L'EX RAMB III

 

 

http://www.digilander.libero.it/planciacom...W2/corsari1.htm

 

Come RAMB III - Ancona nel 1938

 

 

 

http://www.digilander.libero.it/planciacom...W2/corsari2.htm

 

Come Kiebitz

 

 

 

 

La nave RAMB III fu una bananiera veloce della Marina mercantile italiana che allo scoppio della seconda guerra mondiale venne convertita in incrociatore ausiliario, partecipando ad alcune azioni nel Mediterraneo Occidentale. Tra le navi della RAMB fu la più famosa avendo servito sotto tre bandiere nel corso della sua esistenza. All'armistizio dell'8 settembre '43 fu catturata dai tedeschi che la inglobarono nella Kriegsmarine con il nome Kiebitz (pavoncella d'acqua), partecipando sotto bandiera tedesca alle operazioni contro le isole della costa dalmata ed a missioni di posa di mine. Affondata in porto durante un bombardamento, alla fine della guerra venne recuperata dagli jugoslavi, nella cui marina venne utilizzata, col nome di Galeb (gabbiano), come nave scuola e come yacht presidenziale del Maresciallo Tito. Quando si dissolse la Federazione Jugoslava la nave venne messa in disarmo. Nel 2009 l'unità è stata acquistata dalla Città di Fiume che pianifica di restaurarla per farne un museo galleggiante. La Galeb è attualmente ormeggiata alla diga foranea del cantiere navale Viktor Lenac, nei pressi del capoluogo quarnerino in attesa che siano intrapresi i lavori di manutenzione. L'unità versa attualmente in pessime condizioni e non è in grado di navigare.

 

 

http://upload.wikimedia.org/Ex_Galeb_Vikto...enac_040408.jpg

 

Stato attuale del Galeb (ex RAMB III),nel cantiere Viktor Lenac,nella città di Fiume. La nave è stata acquistata dalla città di Fiume nel 2001. Per ora però...

Edited by palombaro
Link to comment
Share on other sites

  • 3 years later...

Navigando nella vastità del nostro forum mi sono imbattuto in questa vecchia discussione.

Il mese scorso trovandomi in Montenegro, mi è stato inaspettatamente concesso di accedere alla base navale di Bar ; sono riuscito così a “rubare” con l' iphone alcuni scatti che ora, leggendo il thread, considero più interessanti di quanto reputavo.

Fossi stato allora a conoscenza di quanto trattato in precedenza avrei potuto riprendere un maggior numero di navi, con foto di miglior qualità e più dettagliate, ma così sono andate le cose.

Delle unità, appartenenti originariamente alla Jugoslavenska Ratna Mornarica, poi, con la dissoluzione della Jugoslavia, suddivise tra Marina Croata, e Marina Militare della Serbia e Montenegro, ora passate alla Mornarica Vojske Crne Gore (Marina Militare del Montenegro), alcune sono in disarmo, altre come i due battelli veloci d'attacco classe Končar 405 e 406, che risulterebbero non operativi, cfr: http://it.wikipedia.org/wiki/Mornarica_Vojske_Crne_Gore, sono invece in piena efficienza.

Sono pure in efficienza le due fregate classe Kotor, P 33 e P34, ormeggiate all'esterno della 404.

Della prima, fotografata dalla banchina, parzialmente coperta dall'altra unità, si intravede l'armamento missilistico che ho ingrandito, la seconda è stata ripresa dall'esterno della base e non mi sono avvicinato maggiormente alla recinzione, data la presenza di guardie armate, alle quali sarebbe stato difficile dare spiegazioni.

 

du78.jpg

 

2psc.jpg


hn2o.jpg


k5j.JPG


amj4.jpg


zrvk.jpg


txhs.jpg

 

twul.jpg


g32o.jpg


s4oh.jpg

Edited by danilo43
Link to comment
Share on other sites

Una curiosità: i due rimorchiatori portuali che si notano sullo sfondo della penultima foto, portano colori e stemma sul fumaiolo della triestina Ocean. Questa società gestisce, infatti, in joint venture il servizio di rimorchio in Montenegro.

Link to comment
Share on other sites

:smiley19: BRAVO, DANILO 43! E GRAZIE per aver condiviso con noi queste tue foto! :smiley19:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522.2k
×
×
  • Create New...