Jump to content

Sottocapo Di Prima Classe Simone Neri


U455

Recommended Posts

I miei pensieri vanno alle vittime tutte di questa tragedia ed in particolare al SC 1 cl. Simone Neri.

Link to comment
Share on other sites

Gesto eroico impossibile da commentare.

 

Ne avevo sentito un leggero accenno durante un telegiornale sommerso dalle polemiche ed ora sono un po' perplesso dall'articolo odierno che si dilunga su Facebook.

 

Lazer_ :s06: ne

Link to comment
Share on other sites

.................................un vero angelo.............................che è ritornato da dove era venuto..................

 

...........................buon vento nei mari celesti..................

 

:s67:

Edited by lugher
Link to comment
Share on other sites

Scrivo, come sapete, a pochissimi chilometri (un paio) di distanza dai luoghi del disastro.

Posso confermarvi la sostanziale correttezza delle parole del Corriere della Sera: Simone Neri è morto da eroe.

Ha pensato a tutti quelli che gli stavano intorno, finchè ha avuto fiato.

Saluti.

 

P.S.: ... su Facebook si trova di tutto.

Link to comment
Share on other sites

Sui funerali di stato...ho già detto la mia in altra recente occasione...

Ma siccome mi rifiuto, in questi casi, di usare faccine per semplificarmi la vita, mi tocca provare a spiegarmi: ma riesco a farlo solo in breve.

 

Meritano i funerali di stato , a quanto pare, buoni professionisti delle TV e del quiz. Non vedo perchè dedicare energie ad altri casi, decisamente poco mediatici, di gente che non è conosciuta da nessuno.

Sì, c'è gente che è sconosciuta, ma poi va ai reality, e diventa semi sconosciuta. E ' un passo avanti.

Poi c'è gente che è sconosciuta e resterà sconosciuta. Come sempre. Peccato.

Link to comment
Share on other sites

I gesti dei singoli riscattano spesso un'intera nazione.

 

Solidarietà a tutti i colpiti da questa tragedia.

Pienamente d'accordo!

 

Onori al Sottocapo di 1^ Classe della Marina Militare, Simone Neri!

 

Riposi in pace!

Link to comment
Share on other sites

Il triste evento è stato ripreso ieri sera anche dal TG1 che ha usato lo stesso titolo che ritengo più che discutibile: "Eroe per caso".

Gli atti di eroismo non sono casuali ma causati da nobiltà d'animo!

Inoltre mi viene da pensare che se non avesse perso la vita non se ne sarebbe neanche parlato visto che tutta la vicenda ha trovato un po' di spazio dopo diversi giorni.

 

Lazer_ :s06: ne

Link to comment
Share on other sites

... mi viene da pensare che se non avesse perso la vita non se ne sarebbe neanche parlato visto che tutta la vicenda ha trovato un po' di spazio dopo diversi giorni.

 

Ha trovato estremamente poco spazio :s05: purtroppo ci propinano (tv e giornali) un sacco di cavolate, ma le cose serie, le cose vere, le cose importanti ... non le divulgano! :s05:

E' da molti mesi che seguo poco la tv, per dirla con un termine che conosco mi fa proprio "raccare", perciò mi rendo conto che il mio parere ha poco valore. Devo però dire che NON ne ho sentito minimamente parlare, se non qui in Betasom. :s20:

A conferma della scarsa divulgazione, dato che per il motivo di cui sopra io non faccio cronaca, stamattina ne ho accennato ai compagni di treno e ad alcuni colleghi di lavoro ... su otto persone SOLO una aveva una vaga idea di cosa avesse fatto. La notizia la aveva appresa per caso, e solo, da quel Corriere.

Impressionante! :s12:

 

Roberta

Link to comment
Share on other sites

Effettivamente è stata ripresa più volte dal Corriere e dal Corriere del Mezzogiorno ma non dai TG. Il Corriere della Sera ultimamente sta dando ampio spazio ai nostri militari con numerosi servizi sull'edizione on line sui nostri militari di pattuglia davanti alle coste somale

Link to comment
Share on other sites

Sul Sottocapo di 1a Classe Simone Neri ed altri che sono morti per sacrificio personale segnalo questo articolo di Antonio Socci :

 

http://www.libero-news.it/articles/view/580553

Il messinese Simone Neri in questi giorni avrebbe compiuto 30 anni. Era un sottocapo di prima classe della Marina, ma si è trovato a Giampilieri – il suo paese – durante il nubifragio e la tragica frana che ha fatto tanti morti. Dopo essersi messo in salvo è tornato indietro a soccorrere quelli che gridavano aiuto. Ne ha salvati otto. Alle 21 ha fatto l’ultima telefonata alla fidanzata. Le ha detto: «C’è un bambino che piange, vado a salvarlo. Qualsiasi cosa succeda, ricordati che ti amo». Sono state le sue ultime parole perché non è riuscito nell’ennesima impresa ed è rimasto, lui stesso, vittima della frana. Un giovane tanto normale quanto straordinario, di cui poco si è parlato sui media (dove gli “eroi” di cartapesta sono altri e senza nessun vero merito eroico). Fra pochi giorni probabilmente nessuno più si ricorderà di lui, se non coloro che a lui erano legati e che lo amavano. Ma come si possono dimenticare persone così? Eppure questo non è un episodio isolato. Un altro caso di questi giorni è quello del missionario italiano don Ruggero Ruvoletto che ha dedicato la sua vita agli altri, nelle regioni più misere del Brasile, per amore di Gesù Cristo, ed è stato ammazzato, probabilmente da balordi per qualche spicciolo. Quasi nessuno sui mass media ne ha fatto menzione. Che volete, si ritiene normale che i missionari muoiano ammazzati (anche perché, in effetti, ogni anno tanti di loro cadono vittime della violenza).

Gli angeli di Kabul

Potremmo aggiungere i soldati italiani uccisi a Kabul, sempre negli stessi giorni, anche se il loro è un caso un po’ diverso, non solo perché i media ne hanno parlato e hanno sottolineato la loro abnegazione, ma anche perché quello era comunque il loro rischiosissimo lavoro. Si può dire tuttavia che la dedizione e l’eroismo con cui svolgono la loro missione è ammirevole e non abbastanza considerato.

Sembra che il circolo mediatico voglia occuparsi di altro, sembra che si rifiuti di lasciarsi stupire. Pare che sia refrattario a sentimenti come l'ammirazione, la gratitudine o a valori come l'eroismo e l'amore.

Sembra che tutto questo possa e debba essere celebrato solo se può avere una coloritura politica, cioè "contro" qualcuno. In tutti gli altri casi no. Eppure è questa umanità, questa capacità di amare fino a sacrificare se stessi, la vera, grande risorsa di un popolo e in fondo del mondo intero. Grazie al cielo sono tantissimi, anche se sconosciuti ai media, coloro che per amore offrono se stessi, la loro vita, le loro sofferenze, il loro impegno.

C'è chi ha notato che se dovessimo calcolare il "fatturato dell'amore" - considerando solo la solidarietà di tanti italiani che in silenzio donano qualcosa di sé - capiremmo che è una delle risorse (anche economiche) più grandi del Paese (anche perchè un bene sociale di valore incalcolabile). Ma poi c'è il bene che non si vede...

Io penso che grazie a questo fiume sotterraneo di amore sia possibile costruire un mondo diverso, più umano. sembrerebbe un'ovvietà, ma non lo è. Perchè veniamo da un secolo in cui ci è stato insegnato ossessivamente, con un bombardamento ideologico e mediatico assillante, che è solo l'odio che può cambiare il mondo. Per anni è stato un odio accompagnato dalla violenza (ricordate il mito della rivoluzione?), poi - fallita l'impalcatura ideologica e i sistemi che erano stati fondati su di essa - è rimasto solo l'odio. Un odio diffuso. Quello che sopravvive alle ideologie è soprattutto questa "odiologia", questa propensione all'odio ideologico. Che è anche una incapacità di amare.

Vecchi sistemi

E' il retaggio di vecchi sistemi di pensiero - di origine gnostica - che individuavano il "male" in qualche gruppo sociale o in qualche "Nemico", comunque all'esterno di se stessi. E' rimasta l'idea illusoria che cancellando il Nemico, vincerebbe il Bene e tutto finalmente andrebbe secondo giustizia.

Invece con l'odio non si costruisce nulla e si distrugge tutto: anche se stessi, perchè odiando si vive male.

Se in questi giorni avessimo dedicato qualche riflessione in più, con serietà, ai tanti esempi di eroismo e di amore che sono presenti tra di noi (basta guardarsi attorno) forse avremmo compreso che dalle crisi e dai conflitti non si esce con l'ullusione di prevalere e di schiacciare il Nemico. Ma sacrificando se stessi per il bene di altri. Amando. C'è una sciocca battuta di Bertold Brecht che recita: "Beato il paese che non ha bisogno di eroi". In realtà per la precaria condizione umana sulla terra ci sarà sempre bisogno di amore e l'amore è eroico. Il mondo va avanti solo per il sacrificio di chi ama, non certo per gli ingegneri delle ideologie perfette.

Un altro poeta Thomas S. Eliot metteva in guardia proprio da quelle utopie ideologiche che "immaginano sistemi così perfetti nei quali non sia necessario essere buoni". Politici, intellettuali, economisti possono farsi in quattro per progettare e costruire i sistemi sociali più funzionali e perfetti, ma senza l'umanità dell'uomo, senza la sua dedizione, il suo genio, il suo amore, senza la sua bontà, allestiremo sempre dei sistemi di glaciale disumanità.

Link to comment
Share on other sites

LA MARINA E LA SOCIETA'

bababa.jpg

Domenica del Corriere del 21/09/1913

 

 

Questo poster mostra l' atto di coraggio di un marinaio che salva dal fuoco tre persone. L'episodio è del 1913. Passa il tempo, ma lo spirito di altruismo ed abnegazione dei nostri Marinai no!. E' di questi giorni, infatti, il sacrificio del Sott.le della MARINA MILITARE Simone NERI che è morto a MEssina dapo aver salvato otto persone. La nostra Marina è particolarmente vicina alla popolazione tramite il CORPO delle CAPITANERIE di PORTO - GUARDIA COSTIERA. Questa Istituzione si occupa essenzialmente della salvaguardia della vita in mare. In mare, ma evidentemente non solo!

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

In occasione degli 80 anni del mio Gruppo A.N.M.I. di LUGO di ROMAGNA, allestiremo una mostra fotografica relativa alla storia del nostro Gruppo. Tuttavia per aver un maggior richiamo saranno anche esposte numerose copertine della DOMENICA del CORRIERE, relative ad avvenimenti navali, in alcune delle quali ho scritto un commento.

Edited by Alfabravo 59
Link to comment
Share on other sites

Sempre ricordando e riferendosi a Simone Pasquale Neri, ho ricevuto un messaggio nei giorni scorsi, ve lo giro:

 

"… ho il piacere di comunicarvi che la Nazionale Cantanti, per bocca del suo portavoce Luca Barbarossa, mi ha assicurato che sarà in Sicilia intorno al 21 dicembre per raccogliere i soldi per i senzatetto dell'alluvione di Messina."

Edited by ammiraglia88
Link to comment
Share on other sites

  • 11 months later...
LA MARINA E LA SOCIETA'

bababa.jpg

Domenica del Corriere del 21/09/1913

 

Questo poster mostra l' atto di coraggio di un marinaio che salva dal fuoco tre persone. L'episodio è del 1913. Passa il tempo, ma lo spirito di altruismo ed abnegazione dei nostri Marinai no!. E' di questi giorni, infatti, il sacrificio del Sott.le della MARINA MILITARE Simone NERI che è morto a MEssina dapo aver salvato otto persone. La nostra Marina è particolarmente vicina alla popolazione tramite il CORPO delle CAPITANERIE di PORTO - GUARDIA COSTIERA. Questa Istituzione si occupa essenzialmente della salvaguardia della vita in mare. In mare, ma evidentemente non solo!

 

"Rispolvero" questo Topic per segnalare un ulteriore gesto di senso civico del Personale della MARINA MILITARE, in particolare di quello appartenente alla GUARDIA COSTIERA.

Qualche giorno fa a ROMA una ragazza Rumena è stata malmenata da un energumeno dimentico che "una donna non si tocca nemmeno con un fiore". Non solo nessuno è intervenuto a difesa della malcapitata, ma anche i soccorsi le son stati portati in ritardo.

 

A parziale "rimedio" di tanta..."megliochestiazitto" è intervenuto il Sott.le della G.C. Manuele MILANESE, che ha fermato il delinquente consegnandolo poi alle Forze dell' Ordine.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522.2k
×
×
  • Create New...