Jump to content

U Boot Per Cominciare


Nick85

Recommended Posts

Anche, ma tanto metterò un fail safe per spegnere il motore in caso di perdita di segnale ed essendo ad immersione dinamica...

Comunque ieri ho finito il wtc, l'ho siliconato e l'ho chiuso senza guarnizioni (pensando che non tenesse) invece dopo 2 ore vado ad aprirlo ed era andato sottovuoto, non vi dico x aprirlo...

Comunque a breve posterò delle foto.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 141
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ieri sera ho acquistato telecomando con ricevente, fail safe, regolatore elettronico e mi hanno regato un motore speed 400 6v.

Ora manca solo il test del wtc (sabato) e lunedì ritiro elica (pertroppo c'era solo 3 pale 30 mm),albero elica da 4mm, giunto cardanico(per accoppiare motore-asse) e soffietti.

Ora dovrò fare solo le bronzine, farle di plexiglass e fornirle di ingrassatore va bene?

Altrimenti dovrò trovare del teflon, ma non so dove cercarlo...

Link to comment
Share on other sites

Wtc testato a quota 5 metri, tenuta perfetta anche se testato con guarnizione (provvisoria) di spugna.

Purtroppo mi sono accorto che il porto dove l'ho provato non è profondo 10 metri come credevo....

In ogni caso questa settimana "imbottirò il wtc con l'elettronica.

Link to comment
Share on other sites

io direi anche solo 5 metri sono più che suff per poter dire che andrà bene, visto che oltretutto è ad immersione dinamica con il fail safe e quindi non rischi di immergerti oltre il voluto...

 

Dai, tienici aggiornati sull' "imbottitura" del tuo wtc, e buon lavoro! :s01:

 

 

P.S. bronzine in plexiglass? mi sembra strano. Gli altri cosa dicono?

(io il teflon l'ho trovato da un grosso rivenditore di plastica e gomma che fa forniture industriali)

Link to comment
Share on other sites

Grazie per il consiglio Secondo. L'idea del legno non mi dispiace, così una volta che è impregnato d'olio si lunrifica quasi da se...

Ocean's, infatti per i 5 metri mi bastano e mi avanzano, grazie per la dritta sul teflon, vedrò se c'è qualche rivenditore di gomma e similari dalle mie parti...

 

Dovrò iscrivermi a imageshark per postare le foto...

Link to comment
Share on other sites

Ops, leggendo distrattamente non mi ero mai accorto che gli squali non c'entrano nulla!!! :s68:

Che sbadato!!

Vabbè, ma imageshark è quello apposta per i sommergibilisti!!! :s01:

 

Comunque posto le foto promesse:

Questo è come disporrò le cose all'interno del wtc:

dsc00111db1.th.jpg

 

Wtc visto da fuori e complesso motore,cardano,albero elica

dsc00110ph4.th.jpg

 

altra immagine:

 

dsc00105cf9.th.jpg

 

datemi pure suggerimenti e fate osservazioni!

Mi spiace solo per la qualità, ma al momento ho solo il cellulare per far foto...

Link to comment
Share on other sites

Bene, Nick.

 

Ti vedo lanciato nel tuo lavoro.

Per quanto riguarda la disposizione dei componenti interni, lascerei la parola ai due maestri Dasboot e Andravcc.

Dopo che loro sono riusciti a far stare tutta quella roba nel loro wtc da 44 mm interni :s07: , io non posso certo competere con la loro maestria.

 

Invece, posso invitarti a valutare il peso in via più teorica.

Innanzitutto, qual'è il volume del wtc? Lo puoi calcolare da solo, oppure riempirlo d'acqua e pesare l'acqua, oppure dirci le misure e il calcolo lo facciamo insieme.

In tutti i casi, il volume in litri del tuo wtc corrisponderà alla spinta idrostatica in chili.

Quindi, sai già più o meno quanto il battello dovrà pesare.

 

Se il modello fosse ad immersione statica, dovrebbe pesare un po' meno della spinta idrostatica a camera di zavrra vuota e un po' di più a camera di zavorra piena.

Visto che è solo dinamico, dovrà essere più leggero della spinta idrostatica ma non troppo.

Se pesa l'80% della spinta, significa che ha una "riserva di spinta" del 20% e quindi quando è fermo avrà voglia di tirare fuori dall'acqua fino al 20% del suo peso (= la torretta e la parte sopra dello scafo).

Se la riserva di spinta fosse solo il 5% della spinta totale, le parti emerse dovrebbero pesare solo il 5% del totale e quindi il modello sarebbe più basso sull'acqua e magari meno realistico.

Però è vero che se la riserva di spinta è minore, fai meno fatica a farlo immergere in modo dinamico.

 

Quindi vedi che ci sono i pro e i contro e il peso va scelto opportunamente.

Adesso però, per non parlare troppo della teoria, penso che sia meglio che tu raccolga due dati:

1) il volume del wtc, come ho scrito sopra

2) una stima dei pesi: wtc + tappi + bulloneria + struttura interna + componenti (batteria, motore, elettronica varia), ovvero tutto quello che sta dentro il wtc con in più l'asse elica. Pesa tutto quello che puoi e fai il totalone.

 

Spero solo che non risulti che 2) è più grande di 1) perchè così non galleggerà mai.

Se invece, come credo, 1) sarà più grande di 2), il modello sarà leggero e dovrai aggiungere zavorra.

Quanta? Ci torniamo su dopo che hai raccolto i numeri

 

Ciao!

 

_______________

 

P.S. Ma l'USS Imageshark non era un classe Gato? :s03:

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo non ho i mezzi per pesare il tutto, però se devo essere franco, mi preoccupa poco la questione peso, tanto dopo posso sempre aggiungere polistirolo nello scafo esterno.

Anzi, la mia idea era (eventualmente)di appesantire la parte bassa con del piombo e mettere polistirolo nella parte alta, in modo da renderlo stabile.

Sparo castronerie?

In ogni caso, grazie mille per il parere, mi fa piacere che mi hai scritto!

Edited by Nick85
Link to comment
Share on other sites

:s20: ciao nick, ti vedo lanciato alla grande! dai rimedia una bilancia anche se non precisa al grammo ma il giochino dei pesi fallo.... ti chiarirà le idee sui pesi che potrai mettere :s02: non ostante l'idea della zavorra in chiglia e il polistirolo fuori dal wtc sia idonea a ripristinare degli assetti un poco sballati (ocean's, leggerti è un piacere :s20: )

 

ti chiedo due cosine al volo nick, nella base in plexy nella prima foto saranno ricavati degli alloggiamenti per motore e servi oppure saranno fissati in qualche modo sopra tale basetta?

potresti far vedere la parte poppiera del wtc? vedi... la mia curiosità nasce dalla flangia con le otto viti fissata sul tubo... diciamo che sono un pochino scettico su quella chiusura :s16:

Link to comment
Share on other sites

ssk per pesci piccoli?

Hahahaha :s68:

 

Però poteva essere anche un siluro a guida visiva (che finora non esiste ma non si sa mai!!!) Il nome andava bene...

_______

 

Sul polistirolo non ho esperienza diretta ma penso che vada bene se è abbastanza denso e non si imbeve troppo.

In effetti, tanto polistirolo in alto vuol dire più zavorra in basso e quindi più altezza metacentrica e più stabilità.

 

Però attenzione: non mettere il polistirolo in torretta e nelle posizioni che risulterano fuori dall'acqua a scafo emerso, perchè quando emergi perderesti la loro spinta.

Il polistirolo (ma anche tutto il wtc) va messo APPENA SOTTO la linea digalleggiamento, in modo che resti completamente immerso anche con il sub emerso, così che ottieni la massima distanza fra il wtc e la zavorra in chiglia (che terrai più in basso possibile)

 

Quindi: disegna la linea di galleggiamento sullo scafo e poi posiziona il wtc subito sotto.

Il polistirolo non ci starà sopra al wtc ma non importa perchè è comunque meglio mettere il wtc più in alto possibile.

Metti allora il polistirolo a destra e a sinistra del wtc, sempre però nella parte alta.

Ma ne vale proprio la pena? Se avessi un sub della 2GM, questo avrebbe una forma più allargata e di polistirolo ce ne starebbe di più, così invece non ce ne sta tanto.

Forse ti converrebbe prima provare senza e con meno zavorra per vedere come si comporta il sub.

Poi, eventualmente, aggiungilo.

 

Comunque se mi dai le misura del wtc e dello scafo esterno magari ci ragiono un po'

Ciao!

Edited by Ocean's One
Link to comment
Share on other sites

Allora, vediamo di dare un pò di risposte...

Andrea, vorrà dire che sabato, quando torno a Milano mi porterò tutto e peserò.

La mia idea era di forare il plexi e ricavarci dei buchi della forma precisa di servi, motori e parti varie, in modo da incastrarli in qualche maniera (io in tutte le mie opere ho la smania di fare le cose smontabili e facilmente riparabili, odio cose sigillate e con parti non facilmente sostituibili).

Per la foto, dovrete attendere stasera, comunque ti assicuro (che un pò per fortuna) la chiusura è perfetta, infatti avevo chiuso il wtc senza guarnizione e poi non si apriva più perchè era andato sottovuoto, poi l'ho provato con una guarnizione provvisoria di spugna ed ha retto 5 metri di profondità per una 15ina di minuti senza una goccia,quindi pare che funzioni...

 

Per Ocean's, le misure esterne del wtc sono 24.5cm per 5 cm di diametro, tranne che per la flangia che è di 6 cm di diametro, le misure interne dello scafo esterno (bel gioco di parole!!) sono 6 cm di diametro (infatti la flangia entra perfetta) e la lunghezza è circa 50 cm fuori tutto, in ogni caso sotto il ponte c'è un pò di spazio, ma ci passerà la tiranteria del timone di prua, quindi è solo parzialmente sfruttabile...

Quindi lo spazio sfruttabile per zavorre-polistirolo è una intercapedine di un cm di spessore che gira tutto attorno il wtc e poi uno spazio abbastanza consistente a prua del wtc e a poppa (circa 10 cm liberi a prua e 10 poppa).

 

Ciao e grazie!!

Edited by Nick85
Link to comment
Share on other sites

Ho fatto il conto, il volume è di 471 cm cubici (ho tolto 5 mm dalla lunghezza, che è lo spessore dei tappi, ma non sapevo lo spessore del tubo, quindi è un pò in eccesso...), quindi ho una spinta positiva di circa 455 grammi (a occhio), a cui va levato il peso della roba dentro...

Link to comment
Share on other sites

Nick,

 

se precisissimo! :s20:

Nel calcolo, lo spessore del tubo non lo devi togliere, perchè anche le pareti del tubo "spostano acqua" e generano spinta di archimede. Anzi, magari viene anche qualcosina in più perchè occorrerebbe lasciare anche il volume delle flange e dei tappi, che spostano acqua anche loro.

Comunque come valore di riferimento va benissimo così.

 

Per prima cosa, noto che il tuo wtc non è lunghissimo. Il rapporto lunghezza diametro è solo 5:1 e quindi la stabilità non sarà mooolto critica (e io già ne approfitterei per porre più in basso possibile anche la roba all'interno del wtc, specie la batteria...)

______

 

Questo mi farebbe dire che il polistirolo è abbastanza inutile, visto che oltretutto lo spazio non è poi tanto.

se il wtc è 50 mm esterno e lo scafo è 60 mm interno, attenzione che i 10 mm avanzati diventano 5 mm per lato, che secondo me non vale la pena di riempire con il polistirolo.

Tanta fatica per poco: se anche metti di fianco al wtc due strisce di 5 mm x 20 mm x 24,5 cm ci guadagneresti solo 50 cm3 = 50 grammi, che sono proprio pochini.

 

Ci sono invece le due camere davanti e dietro al wtc.

Quelle sì che si potrebbero riempire di polistirolo, ma io ti consiglio di aspettare perchè, come dice il buon Andrea, potrebbe servirti per recuperare una assetto un po' sballato in senso longitudinale (pesi troppo avanti o troppo indietro).

Però lo saprai solo a wtc finito e quindi per ora ti conviene aspettare. Invece, quando stai disponendo la roba dentro al wtc, cerca già di bilanciare i pesi, mettendo la roba pesante un po' davanti e un po' dietro.

Prendi il wtc già preassemblato, con dentro tutto fissato con lo scotch e con asse ed elica montati (che pesano anche loro). poi appendi il wtc con una corda per il suo punto medio e vedi se si mette orizzontale.

Se non è così, sposta il cordino fino a trovare il punto di equilibrio (che poi è la posizione del baricentro). Se questo è un cm davanti o dietro il centro del wtc lo puoi ancora recuperare, ma se è troppo sbilanciato ti converrebbe prima di tutto rivedere la disposizione interna e, solo se non ci riesci, pensare al polistirolo.

 

Ovviamente, intanto che fai questa operazione, una buona pesata è d'obbligo...

Facci sapere!

Link to comment
Share on other sites

ho capito, cavolo ridisporre i pesi nel wtc sarà difficile perchè motore e servi hanno la posizione obbligata, potrei spostare semplicemente batterie,regolatore,ricevente e fail safe...

In ogni caso potrei muovere anche il wtc di 2 o 3 cm...

Grazie mille per le dritte!!

Edited by Nick85
Link to comment
Share on other sites

Non puoi muovere tutto il wtc avanti o indietro di 2-3 cm, perchè otterresti solo l'effetto di spostare in avanti e indietro CONTEMPORANEAMENTE sia il baricentro che il centro di spinta idrostatico, con il risultato che il baricentro sarà sempre e comunque sfalsato rispetto al centro di spinta idrostatico (che è poi il centro del solo wtc e non dell'intero battello).

 

Però c'è una scappatoia: la zavorra in chiglia si può spostare in avanti o indietro per correggere l'errore.

Il tuo è un Kilo? Allora ha una sezione abbastanza costante e una chiglia molto dritta.

Potresti quindi spostare la zavorra fissa più in avanti o più indietro per compensare eventuali sbilanciamenti. (tanto, visto che il fondo del battello è diritto, la distanza in verticale fra zavorra e wtc non cambia, quindi la stabilità rimane invariata)

 

Dipende da quanta zavorra potrai mettere. Io spero abbastanza, ed è per questo che ti invito a fare una pesata appena possibile.

Nel frattempo, cerca comunque di bilanciare il più possibile i pesi all'interno del wtc.

 

Tienici aggiornati, ciao

Link to comment
Share on other sites

(io in tutte le mie opere ho la smania di fare le cose smontabili e facilmente riparabili, odio cose sigillate e con parti non facilmente sostituibili).

staquoto alla grande!

 

ok nick, ridisponi i pesi con l'aiuto di ocean's per ottenere un wtc quanto più possibile bilanciato e poi vedremo l'assemblaggio. cerca di tenere i servi e il motore alla poppa estrema del wtc, la batteria a prua estrema e in basso se ci riesci, l'elettronica (dal peso decisamente ridotto) al centro. cosi facendo avrai un wtc bilanciato e più stabile al beccheggio.

Link to comment
Share on other sites

Caro Andrea, menomale che mi hai avvisato, stasera avrei fatto la slitta con le batterie al centro!!!

Comunque ecco le foto promesse, le viti sembrano storte, ma in realtà non sono fisse, sono libere di muoversi.

dsc00114bp5.th.jpg

dsc00112zj3.th.jpg

 

Se finisco in tempo, stasera posto le foto della slitta.

 

Domandina: secondo voi queste batterie bastano?

http://www.cegshop.com/index.php?main_page...products_id=339

 

Grazie a tutti, vi devo una cassa di birra!!!

Link to comment
Share on other sites

Che birra... Spalletti! :s28:

Le batterie bastano sempre: il problema è vedere l'autonomia. Bisogna dividere il consumo delle utenze per la capacità della batteria. Se quelle fanno di capacità 1,6 Ampère/ora, e il motore ne consuma a regime normale, supponiamo, 3, più la resistenza del regolatore e quel pò di assorbimento di ricevente e servi, la durata delle batterie sarà poco meno di mezz'ora.

Quindi, se facendo i conti ti ritrovi ad avere un'autonomia che trovi scarsa, puoi comprare due batterie e se il peso lo permette le installi entrambe nel wtc, sennò ne tieni una per il ricambio.

Edited by Secondo Marchetti
Link to comment
Share on other sites

Purtroppo, non ho spazio per metterne due in parallelo.

Per quanto riguarda i conti, me la cavo abbastanza perchè gioco un pò di elettronica, il problema è che non ho la minima idea di quanta energia necessitano servi, ricevente, regolatore e fail safe, per il motore potrei provare a cercare le specifiche di quello 400 6v graupner, ma il mio è di un'altra marca e non sono sicuro che l'assorbimento sia lo stesso.

Inoltre penso che le stesse saldature a stagno dissipino un pò di energia, quindi pensando che ci sono troppe variabili in gioco ho pensato che fosse meglio sentire qualche "esperienza di vita".

 

Comunque ecco le foto della slitta finita con i componenti appoggiati sopra e poi della slitta nel wtc e nel sub:

dsc00115ga6.th.jpg

dsc00118fc0.th.jpg

Non fate caso all'albero, va accorciato!

 

 

P.S. Vada per lo Spalletti, ma come mai scegliete sempre questa marca?

Link to comment
Share on other sites

... il regolatore non dovrebbe scaldare molto ma è pur vero che effettivamente non lo conosco. io uso motori più piccolini con regolatore tipo slowfly, decisamente più economico, piccolo e leggero ma che non mi dà l'inversione del motore. per l'autonomia secondo me una mezz'ora buona la tiri fuori, se poi non è sufficiente potrai cambiare le batterie con quelle da 2800mAh tenendo presente però che peseranno un poco di più.

una domanda; con i servi montati sulla slitta come da foto riesci a far passare la tiranteria accanto il motore senza toccarlo? se poi posso dare un suggerimento circa le viti di chiusura, taglia l'eccesso di lunghezza in modo da risparmiare qualche grammetto. :s10:

Link to comment
Share on other sites

nick, ma se invece di una flangia con i suoi otto bulloni monti un tappo come quello della prima foto di questo LINK? un bel tappo con su fissato il motore e la slitta a tenuta tramite un o-ring.... avresti un wtc di immediata chiusura ed apertura

 

QUI si vede meglio :s02:

Link to comment
Share on other sites

Eh, caro il mio andrea, io il tappo lo farei pure, però non ho il tornio ne amici che me lo possano fare....

Però non escludo che nel futuro cerchi il modo di farmelo.

Approvo quello che dici sulle viti, ne devo cercare di più corte o accorcerò queste...

Grazie mille per l'aiuto!

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti, vi informo dei progressi del week end.

Ho collocato tutto sulla slitta usando della colla a caldo (così è facile staccare i componenti per sostituirli), ho tagliato il tubo dove collegherò i soffietti per la tenuta dei leveraggi dei servi, infine ho preparato le bronzine dell'albero per la tenuta a grasso.

Purtroppo non sono riuscito a trovare il reed che userò per l'accensione (tramite calamita, così non devo forare lo scafo) e nemmeno le batterie (dannata GBC, mi chiedo che apre a fare se non ha nulla...).

 

Infine ho pesato tutto e pesa 427g escluse le batterie, ho idea che mi servirà il polistirolo...

Link to comment
Share on other sites

Uhm... a titolo di curiosità dico che dal canto mio ho una profonda allergia per la colla a caldo... se i componenti sono più facili da staccare, è anche facile che si stacchino da soli... preferirei fissare tutto con delle fascette, che son brutte a vedersi ma tengono bene, oppure costruendo degli alloggiamenti sulla slitta con del plasticard.

Naturalmente i servi li hai imbullonati a dovere, no?

Link to comment
Share on other sites

ehm, no ho usato la colla pure per quelli, dici che non tiene?

Comunque tutto quello che è in movimento ha delle sedi ricavate nella slitta e poi la colla serve solo per non far uscire il pezzo dalla sede

Edited by Nick85
Link to comment
Share on other sites

:s09: se hanno le loro sedi si sta già più tranquilli, ma per esserlo fino in fondo io non esiterei ad avvitarli alla slitta, se si può (fra l'altro non capisco perché non fanno delle flange per le viti anche a regolatori e riceventi, per poterli fissare con metodi decenti ai loro supporti... ma sono i tedeschi che li fanno, inutile cercare di capire).

Link to comment
Share on other sites

I lavori vanno avanti, la torretta è stata montata e verniciata con primer, mentre la tiranteria dei timoni è in costruzione.

Devo dire che il kit della trumpetter non è bellissimo, nn tornano le forme di tutti i pezzi della torretta...

Link to comment
Share on other sites

Ciao, Nick.

 

Visto che sei a questo punto dei lavori, magari puoi rilevare un dato utile per il futuro bilanciamento.

Prova a pesare la sola torretta (che ora è ancora smontata, se ho capito bene).

Inoltre, se riesci, prova a farti un'idea di quanto pesa la parte dello scafo in plastica che in emersione starà sopra la linea di galleggiamento (pesa tutto lo scafo in plastica e fai una proporzione: uscirà dall'acqua un 10-15% di questo peso).

Somma queste quantità e saprai quanto pesa la roba "da tirare fuori dall'acqua" in emersione, che poi corrisponde alla spinta positiva che il modello dovrà avere in emersione.

 

Una volta rilevato il peso delle parti emerse (supponiamo 50 grammi), sai che esso dovrà essere uguale alla differenza fra la spinta idrostatica e il peso totale. Quindi, se per esempio la spinta è di 600 grammi (perchè il volume del wtc è di 600 cc) il peso che dovrai ottenere sarà 550 grammi = 600 - 50.

E quindi saprai più o meno a che peso puntare nella tua costruzione. Questo non sostituisce le classiche prove in vasca da bagno ( :s01: ), ma magari ti aiuta a mirare meglio il bersaglio.

 

Secondo punto, ti farai un'idea di quanto facile sarà l'immersione. La "riserva di spinta" da vincere sarà il peso delle parti emerse (50 grammi in qs esempio) diviso per la spinta idrostatica totale = 600 cc = 600 grammi.

Più le parti emerse incidono sul totale, più difficile è immergersi.

Con i numeri che io ho invecntato abbiamo 50/600 = 8%, che probabilmente va bene.

Certo è che se invece vuoi tirare fuori dall'acqua il 25% del peso totale, poi ti trovarai con così tanta riserva di spinta positiva che sarà molto difficile buttare sotto il modello con solo l'immersione dinamica.

 

Quindi, ora che ancora puoi, cerca di pesare le parti emerse e poi ne parliamo.

Ciao e buon lavoro

Link to comment
Share on other sites

Eh, caro il mio andrea, io il tappo lo farei pure, però non ho il tornio ne amici che me lo possano fare....

Però non escludo che nel futuro cerchi il modo di farmelo.

Approvo quello che dici sulle viti, ne devo cercare di più corte o accorcerò queste...

Grazie mille per l'aiuto!

 

MAI DIRE CHE NON SI HA AMICI :s34:

SE HAI BISOGNO.......BUSSA E VEDIAMO COSA SI PUO' FARE :s02:

DB

Link to comment
Share on other sites

I lavori procedono, ho ultimato l'impianto elettrico, ho messo una cosa simil reed (non sono riuscito a trovarli e così ne ho costruito uno modificando un relais, speriamo funzioni bene..) e in serie un interruttore, così posso accendere e spegnere pure senza magnete.

Inoltre ho pesato tutto, la parte emersa peserà meno di 50 g (dico meno perchè ho pesato ponte e torretta, però attaccato al ponte c'è pure una parte di scafo che va immesa, quindi penso che il peso effettivo sara 45/40 g).

Ciao a tutti!!

Edited by Nick85
Link to comment
Share on other sites

Troppo gentile dasboot! Mi sa che terrò presente l'offerta! Ma tu non fai parte di nessun club di modellismo navale?

 

Non cè problema!

Quando Vuoi! :s10:

Certo, faccio paerte del GMS un club di modellismo che si occupa non solo di modellismo navale.

SITO WEB CLUB

Se entri nel sito vedrai i nosftri lavori e, il progetto "Gambier Bay" in fase di completamento, si accettano nuove leve :s02: !

Se vuoi puoi visitare anchhe il sito mio e di andrea sui wtc, non è il mssimo ma dovrei miglioralo a breve.

Visita il mio sito

a presto

DB

vieni a trovarci quando sei a MI alla vasca di Milano2, la domenica mattina si va a provare i nuovi modelli o a fare 4 chiacchiere.

Edited by dasboot
Link to comment
Share on other sites

Ragà, ultimamente voglia poca!

Mi hanno anticipato l'orario di arrivo a lavoro e non riesco più a tirare tardi per fare il kilo, mi piglia un sonno...

Comunque faccio qualcosa ogni sera, ora il wtc è finito, devo solo incollare le tenute a grasso, ora devo fare la tiranteria dei timoni.

In compenso ieri sera ho verniciato la torretta e stasera mi sa che proverò a darle un pò di ruggine, speriamo bene, non sono molto pratico di invecchiamenti, l'ultima volta che ho invecchiato un carro ferroviario ci sono andato giù pesante e pareva non lo lavassero da 30 anni (per fortuna faceva parte di un treno cantiere e non si notava troppo)...

Edited by Nick85
Link to comment
Share on other sites

Mi scuserai Nick se faccio sempre il bastian contrario, vero :s43: Però io ci andrei piano con la ruggine: è un moderno Kilo, non un classe Romeo!

Se vuoi dare un pò di varietà cromatica alle superfici, ti consiglio piuttosto i lavaggi con toni di grigio differenti e magari un leggerissimo pennello secco sui rilievi :s02:

Link to comment
Share on other sites

Sì, il principio è quello; bisogna scegliere vernici a pigmentazione molto fine e per questo solitamente si usano i colori ad olio, ma anche gli smalti funzionano. A seconda della diluizione si ottiene un effetto più o meno marcato e ci vuole in ogni caso un pennello largo e morbido per stenderlo. Si può scegliere se lasciare che il colore si depositi naturalmente o, per i lavaggi più pesanti, dirigerlo ripassandoci sopra il pennello per creare un effetto striatura.

(Edit: è sempre meglio eseguire più lavaggi leggeri che uno solo pesante, che tende sempre a fare un effetto "sporco": eccone un esempio molto significativo AARGH)

Per le colature, si può subito prima di cominciare il lavaggio passare qualche riga di colore denso, in modica quantità per non fare paciughi, dove necessario: spennellando poi con delicatezza la miscela del lavaggio, avendo cura di farlo nel senso delle colature, queste dovrebbero sfumarsi.

 

Naturalmente il diluente deve essere molto leggero e poco aggressivo e la vernice sottostante asciutta da un bel pò, pena la sverniciatura del modello. Per la prima volta, è meglio fare una prova sulla solita nave per esperienze, un qualche modello vecchio o inutilizzabile che tutti dovremmo tenere per farci su le prove di tecniche o prodotti nuovi :s02:

Edited by Secondo Marchetti
Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti, i lavori procedono, la torretta è quasi ultimata anche nella verniciatura e sporcatura.

Ora però ho bisogno di una conferma a un mio dubbio che è proprio banale e un pò me ne vergogno.

Da quello che ho capito i timoni di profondità lavorano in maniera opposta, cioè quando quelli di prua sono a scendere, quelli di poppa sono a salire e viceversa, giusto?

Per fugare ogni dubbio ho fatto pure un disegnino stupido:

schemake7.jpg

è corretto come ho capito?

Grazie a tutti e ciao!

Link to comment
Share on other sites

Non so come funzioni per i modellini,

ma tempo fa feci una ricerca -che poi riunii per schemi- sul funzionamento dei sommergibili in generale, e degli U-Boot in particolare. E non è proprio come come te lo sei immaginato tu.

Te lo allego. Vedi se ti potrà essere utile.

 

funzionamentoqm9.jpg

Edited by Bob Napp
Link to comment
Share on other sites

Grazie mille, ma mi sa che cambia un pò la situazione perchè il modello in questione non ha camere d'immersione e perchè di solito i timoni di prua e poppa sono collegati tra loro tramite una tiranteria che li fa muovere dallo stesso servo, quindi non sono indipendenti.

Penso che nei modelli come il mio si usano solo i timoni nelle posizioni delle due fasi uno e delle fasi di navigazione in immersione/emersione.

Comunque bellissima immagine, molto esplicativa!

Edited by Nick85
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      521.8k
×
×
  • Create New...