Jump to content

Secret U-boot Base


Bubbe

Recommended Posts

Salve C.ti!

Nessuno di voi sa dell'esistenza di alcune basi segrete per sommergibili tedeschi?

So per certo che c'erano, ed avevo intenzione di fare un mod dove ce ne fossero almeno un po...

 

PS: Nessuno di voi ha mai visto il film "BLU PROFONDO"?

è un film tipo "Lo Squalo" dove è ambientato in una vecchia base segreta degli U-boot

Link to comment
Share on other sites

.....Ciao Bubbe vedi su internet la mitica "base 211" una base artica di cui si disconosceva l'esistenza denominata neu Berlin e sembra che sia stato l'ultimo rifugio degli U-Boot..... oggetto anche di una spedizione americana alla fine della guerra, dai un'occhiatina!!!

 

QUI: Base 211 Swaberland

 

 

Ciao!

Edited by Gunter
Link to comment
Share on other sites

Fantasy style,

Trovo la storia alquanto fantasiosa, molto fantasiosa, comunque una bella base 211 su SH3 mi piacerebbe molto, ma è poi possibile creare anche il tunnel sottomarino tra i ghiacci? sarebbe fantastico !!!

Link to comment
Share on other sites

Non credo proprio sia possibile...

Link to comment
Share on other sites

....Si!! io l'ho già fatto in Gwx, e l'ho creato nel punto dove secondo le mappe si trovava veramente!!, altra cosa ho creato anche una base sottomarina nelle isole di capo verde,!!! ottima per fare scalo per rifornimento alla volta dell'artide sopratutto se si ha un tipo VII, non atlantico! ieri sera, effettuato il 3 pattugliamento, ho fatto scalo lì, per rifornimento, e stasera ripartirò alla volta dell'Antartide! sono curioso di vedere la base 211!!

 

Sarebbe bello modificare anche la data di fine del gioco facendo si che storicamente le varie nazioni ritornino neutrali (verdi) a fine conflitto con la possibilità di lasciare attive alcune basi (tipo la base 211 e quella di capoverde) fino al 1947 ! sarebbe bello anche se di fantasia!!!

 

 

Un Saluto comandati!! :s02:

Edited by Gunter
Link to comment
Share on other sites

Si, che dal 45 in poi ci danno la caccia anche i tedeschi!!

Link to comment
Share on other sites

Si, in effetti non ci avevo pensato...

Link to comment
Share on other sites

preferisco la piu classica fine in cui scappo in argentina :s01: dopo 6 anni di guerra ne ho abbastanza

Link to comment
Share on other sites

La base antartica tedesca (ci gioco le palle che poi venne presa dagli usa dopo l'operazione High Jump) si trovava sotto i ghiacciai

Piu o meno qui:

NewSwabiaMap.jpg

Link to comment
Share on other sites

Non tutto il polo, la parte in rosso: nuova svevia!

Link to comment
Share on other sites

ops :s68: non l'avevo vista,

ma le munizioni com'erano stipate? era scavata tra i ghiacci? quante sub ci andarono? e li che fecero?

Link to comment
Share on other sites

L'idee di Horbiger e la "Teoria del Mondo di Ghiaccio" portarono ad un rinnovato interesse per le spedizioni in Antartide. I tedeschi vi erano già stati nel 1873 con il piroscafo "Groenland" per conto della Società Tedesca per le Ricerche Polari e in altre quattro spedizioni, l'ultima delle quali fu organizzata nel 1925 con la nave per rilevazioni "Meteor". Hitler considerò l'Antartide una posizione privilegiata per una base permanente e autorizzò una spesa di oltre un milione di marchi per convertire il mercantile "Schwabenlancf' in nave attrezzata per missioni polari, con la possibilità di lanciare due idrovolanti Dornier Wal dalla sovrastruttura di poppa che fu costruita a tal scopo. Come capitano fu scelto Alfred Ritscher per la sua esperienza di viaggi in regioni polari.

 

La "MS Schwabenland" lasciò il porto di Amburgo il 17 Dicembre 1938 raggiungendo la costa del continente antartico il 19 gennaio 1939. I due idrovolanti fotografarono la superficie ghiacciata con apparecchiature ad alta definizione sommando non meno di Il.000 scatti. Lanciarono migliaia di aste metalliche con lo swastika nazista che si conficcarono nel ghiaccio annettendo così la zona al Reich tedesco col nome "Neu Schwabenland" (Nuova Svevia), nonostante una spedizione norvegese avesse già esplorato e maldestramente cartografato la stessa area nel 1931 denominandola "Terra della Regina Maud". La nave "Schwabenlancf' tornò ad Amburgo nell'aprile del 1939 e subito il capitano Ritscher progettò una nuova missione che non poté realizzarsi a causa degli eventi connessi con la guerra.

 

Fino a qui si tratta di storia documentata e non abbiamo altri documenti ufficiali tedeschi che ci autorizzino ad andare oltre. vi sono tuttavia alcuni indizi che potrebbero suggerire una serie di missioni successive.

Il primo indizio riguarda la presenza di navi corsare tedesche nei mari meridionali, come la "Komet", l' "Atlantis" e la "Penguin" (affondata dall'HMS Cornwall nel 1941). Queste avevano il compito di pattugliare le zone australi a latitudini insolitamente vicine al continente antartico. Gli inglesi, da parte loro, avevano organizzato un punto d'ascolto sull'isola di "Deception" (nome in codice "Operazione Tabarin") per tenere sotto controllo le scorrerie della navi tedesche. E quantomeno strano che il Reich operasse in mari così ostili e lontani, dove non c'erano rotte commerciali a parte Capo Horn e la punta estrema del Sud America. Si sa, inoltre, che la spedizione Schwabenland imbarcava civili e militari, tra cui biologi, botanici ed esperti di idrografia che erano stati preparati dalla Società Tedesca per le Ricerche Polari con corsi specialistici tenuti anche dall'Ammiraglio Statunitense Richard E. Byrd, veterano delle imprese polari, che fu ad Amburgo nel novembre 1938 per una serie di conferenze.

 

Gli scienziati della Schwabenland scoprirono una profonda fossa oceanica di probabile origine vulcanica che scorreva sotto i ghiacci del continente antartico, in una zona tra il sud America e l'Africa, correndo come un meridiano fino alla Nuova Zelanda e oltre. Dai rapporti del capitano Ritscher apprendiamo che gli scienziati riscontrarono la presenza di laghi d'acqua calda generati da correnti termico-vulcaniche che avevano sciolto il ghiaccio sovrastante creando enormi caverne, alcune lunghe fino a cinquanta chilometri, che giungevano sino al mare aperto. Queste zone più calde avrebbero fornito la copertura ideale per la costruzione di un'eventuale base permanente, che sarebbe sorta, dunque, sotto i ghiacci e quindi con una spesa logistica molto bassa.

Tuttavia, ciò che fa pendere l'ago della bilancia verso una probabile base nazista in Antartide è la famosa spedizione "Operazione High Jump" mediante cui gli USA invasero il continente antartico immediatamente dopo la guerra, il 31 dicembre 1946. Le tensioni tra Stati Uniti e Russia erano già molto forti e si stava entrando nella guerra fredda, motivo per cui un' operazione del genere sarebbe stata assolutamente da evitare se non motivata da ragioni urgentissime. Furono mobilitati ben 4600 membri del personale militare, 6 elicotteri, 6 Martin PBM Flying Boat, 2 navi appoggio per idrovolanti, 15 altri aerei, 13 navi di sostegno e una portaerei, la "USS Philippine Sea".

 

Una spedizione incredibilmente costosa che non può essere giustificata da una semplice ricognizione o esplorazione, smentendo lo stesso Ammiraglio Nimitz che, enumerando gli scopi della missione, affermò che lo scopo consisteva nella ricerca di siti per possibili basi pennanenti (l). Fatto interessante, con il corpo di spedizione ritroviamo l'Ammiraglio Byrd, che aveva addestrato i nazisti all' esplorazione dei poli. Intervistato dalla stampa internazionale, più volte Byrd disse che gli USA dovevano prepararsi a difendersi da attacchi portati da dischi volanti dalla eccezionale velocità in grado di volare da polo a polo. Bisogna tener presente, inoltre, che alle stime ufficiali degli USA dopo la vittoria sulla Germania mancarono all'appello 54 U-Boot tedeschi di cui non si è mai più saputo nulla. Undici di questi potrebbero essere stati affondati da mine, ma degli altri si sono perse le tracce.

 

Pare che lo stesso Ammiraglio tedesco Karl Doenitz abbia affermato nel 1943 che la flotta sottomarina tedesca era stata ricostituita in un'altra parte del mondo, nella terra di Shangri-la, (un altro nome di Shambalha - N.d.R.) in una fortezza imprendibile. Inoltre, molto presto cominciarono a diffondersi voci di dischi volanti avvistati dalla marina argentina, inglese, brasiliana e cilena di stanza nelle regioni antartiche. si tratta di dichiarazioni ufficiali che sono attualmente registrate e documentate dal dopoguerra sino ai primi anni '60. Arriviamo alla domanda cruciale: Esiste o esisteva una base segreta nazista in Antartide? Non possiamo affermarlo con certezza, ma gli indizi faticosamente raccolti propendono verso il sì.

 

I nazisti avevano le conoscenze geografiche e la tecnologia necessaria e gli U-Boot avrebbero potuto trasportare materiale meccanico per le attrezzature necessarie e anche motori per la costruzione dei velivoli discoidali, già in avanzata preparazione ma la cui sperimentazione in Germania non riuscì ad essere ultimata.

Link to comment
Share on other sites

schwab01.jpg

The Schwabenland at sea. Visible on the stern of the

vessel is the crane and a Dornier Wal aircraft.

 

wale01.jpg

A Dornier Wal leaving the Schwabenland's launch rails

 

VRIL6.jpg

This is the model that was built after The Vril 5. Here it's on a base, with a car parked behind it...

 

VRIL2.jpg

Another picture of the Vril 6 on an airbase, with a man holding on to it.

RFZ6.jpg

The 1st Vril model, built around 1941.

 

Link to comment
Share on other sites

:s20: :s20: ES KOMPLIMENTE ER BUBBE BESCHREIBUNG WUNDERVOLL!!! :s20:

 

 

Ecco sarebbe oltremodo fantastico trovarsi in missione con un mod nel 1946 ad affrontare la squadra dell'ammiraglio Byrd!... Con i sommergibili rimasti a "NUOVA SVEVIA".

Ho visto che Walter parlava di "oltremare sud", io l'ho finito di leggere da poco e posso assicurare che può essere definito un libro forse di fantapolitica ma con i piedi molto a terra, in cui le teorie avvalorate comunque da documentazione e testimonianze storiche, (non vengono descritti infatti ne dischi volanti, incontri ravvicinati con entità aliene o altro) potrebbero avere un fondamento concreto.

 

:s02:

Edited by Gunter
Link to comment
Share on other sites

interessante, immagino che la difficoltà di reperire informazioni sia dovuta alla distruzione di tutti i documenti sul finire della guerra.. però dal 60-70 in poi l'Antartide è stato anche studiato molto, quindi delle tracce avrebbero dovuto trovarne..

 

La storia dei velivoli discoidali la conoscevo e ritengo che gli avvistamenti "ufo" degli anni 50 fossero prototipi di studio portati avanti dagli americani sulla base di quelli tedeschi. Ma non ho ancora capito il mezzo di propulsione: ventole intubate? (non parlatemi di strane forme di energia elettromagnetica che non ci crederò... e nè che sfrecciassero a 20000nodi...)

In effetti poi non ebbero seguito, forse le caratteristiche non erano così superiori o differenti da un aeromobile convenzionale..

Link to comment
Share on other sites

Gli Ufo nazisti (in tedesco Haunebu, oppure Hauneburg-Geräte) sono avanzati velivoli aerei che si suppone siano stati sviluppati durante la seconda guerra mondiale e successivamente dagli scienziati nazisti della SS Schwarze Sonne. Questi apparecchi sono connessi all'esoterismo nazista e alle teorie secondo le quali i nazisti avessero capacità paranormali. Non c'è la certezza che questi apparecchi siano esistiti (anche se vi sono decine di testimonianze e materiale fotografico), ma si deve tener conto comunque dell'avanzato sviluppo tedesco di jet, come l'Me 262, e di missili guidati o balistici come il V1 e il V2.

 

Connessioni storiche

 

Le teorie degli Ufo nazisti concordano con la storia ufficiale nei seguenti punti:

La Germania aveva rivendicato il territorio della Nuova Svevia (Antartide), inviò una spedizione nel 1938 e ne pianificò altre. La Germania condusse ricerche su una avanzata tecnologia di propulsione, inclusa la missilistica e il lavoro sulla turbina di Viktor Schauberger.

Durante la seconda guerra mondiale furono avvistati parecchi Ufo dagli alleati sia in Europa sia sull'oceano Pacifico.

 

Sviluppo:

 

Poiché nella seconda guerra mondiale la maggior parte degli aeroporti tedeschi furono distrutti dagli alleati, la Germania voleva un aeroplano potenziato da un'energia alternativa e che decollasse verticalmente. Si dà il caso che nel 1936 un gruppo di scienziati dell'unità di sviluppo delle SS era già sul punto di sviluppare questo tipo di apparecchio. Secondo discaircraft.greyfalcon.us, nel 1939, questo gruppo progettò un rivoluzionario motore elettro-magnetico-gravitazionale (EMG) che migliorò la macchina dell'energia di Hans Coler accoppiandolo a un generatore Van De Graaf e a una dinamo a vortice di Marconi (una sfera di mercurio) per creare potenti campi elettromagnetici che riducevano la massa e sfuggivano alla gravità: si trattava di un motore magnetico che gestiva la gravità come spinta propulsiva. Nel 1939, le SS produssero il velivolo chiamato Haunebu I. Aveva un diametro di 24.95 metri e varie ricerche dichiararono che l'Haunebu I poteva raggiungere una velocità massima di 4800 km/h ma, teoricamente, era capace di raggiungere i 17000 km/h. Vennero prodotti solo 2 prototipi, ognuno dei quali equipaggiato con una mitragliera da 60mm. Per resistere alle incredibili temperature prodotte dalle altissime velocità che tali mezzi permettevano, le SS fecero sviluppare uno speciale materiale resistente al calore, denominato Victalen. Il diametro dell'Haunebu I fù allargato a 26 metri e nel 1942 fu introdotto l'Haunebu II. Poteva raggiungere i 6000 km/h (teoricamente 21000 km/h). Nel 1944, fu testato un perfetto modello di Haunebu II. Venne chiamato Haunebu II Do-Stra (Dornier STRAtosphären Flugzeug). Successivamente nel 1945 fu progettato l'Haunebu III. Dal 1940 al 1945 varie serie di Haunebu, Vrils and RFZs furono prodotti simultaneamente; alcuni di questi furono catturati dagli americani e dai sovietici. Alcuni scienziati furono portati negli Stati Uniti nell'ambito dell'operazione Paperclip. Probabilmente, nel 1946, scienziati tedeschi e americani iniziarono a lavorare su un progetto di disco volante e infatti, dal 1947 in poi, avvistamenti di Ufo iniziarono a essere più comuni negli Stati Uniti.

 

Prime conferme:

 

Le prime conferme del programma segreto tedesco apparvero su una serie di articoli dello scienziato italiano esperto di turbine Giuseppe Belluzzo (sviluppatore del progetto di disco a decollo verticale Vergeltungswaffe 7 - Arma della Vittoria 7). La settimana seguente, lo scienziato tedesco Rudolph Schriever affermò di aver sviluppato dischi volanti durante il periodo nazista. L'ingegnere aeronautico Roy Fedden rimarcò che il solo veivolo che poteva avvicinarsi alle capacità attribuite ai dischi volanti erano quelli progettati dai tedeschi sul finire della guerra.

 

Nuova Svevia:

 

Alcune teorie sostengono che dopo la fine della guerra alcuni scienziati delle SS insieme a un centinaio di sottomarini tedeschi (dei quali non si conosce la fine) e vari veivoli haunebu si ritirarono nella zona della Nuova Svevia in Antartide (dove si suppone si trovassero basi segrete tedesche) per continuare lo sviluppo e la ricerca spaziale.

Link to comment
Share on other sites

la cosa che non mi convince è che il nuovo sistema di propulsione eletromagnetico avrebbe poi spopolato soppiantando i motori a scoppio e a turbina... Sappiamo bene come i ritrovati e le invenzioni durante le guerre abbiano poi avuto ricadute e applicazioni nel mondo civile ....invece nonostante tutto siamo ancora con i jet e le eliche...

 

"campi elettromagnetici che riducevano la massa e sfuggivano alla gravità": la Termodinamica non sarebbe d'accordo!

Link to comment
Share on other sites

Vai a sapere oggi a che livello sia latecnologia militare....

Link to comment
Share on other sites

Che ne dite se si potesse fare??? :s41: :s41: :s41:

jzwrja.jpg

Link to comment
Share on other sites

:s20: :s20: :s20: se si potesse fare sarebbe fantastico, però cambierei in qualche modo l'ingresso, hem sembra lo scarico ... hem di una fogna. :s14:

 

Per quanto riguarda la veridicità della fantomatica base antartica:

1) Trattandosi di una base sotto i ghiacci il materiale per la costruzione e la manutenzione doveva necessariamente essere trasportato mediante sommergibili, anche non fosse, mettiamo che ci entrassero pure le navi, avete provato a farvi l'idea di quanto materiale fosse necessario sia per la costruzione che per mantenerla funzionante? Dai pezzi di ricambio, ai macchinari necessari alle riparazioni, ai rifornimenti, ecc. ecc. ecc. Insomma un conto è una base, come quelle odierne, attrezzata per ospitare poche persone, altro è una base per sottomarini perfettamente funzionante in grado di eseguire manutenzioni, riparazioni e rifornimenti :s14: :s14: :s14:

 

2) come praticamente scritto da Sag75 scherziamo con i fanti ma lasciamo stare i santi. Chi è stato testimone di inequivocabili fenomeni NON terrestri, riesce a comprendere che qualsiasi nazione che possedesse, alla data odierna, tecnologie simili sarebbe in grado di dominare l'intero sistema solare. Niente più nazioni, niente più guerre, cibo e benessere per tutti, colonie terrestri sui vari pianeti per sfruttamento delle risorse, ecc. ecc. ecc. Insomma si, gli alieni esistono, ma appunto sono esseri provenienti da altri mondi esterni al sistema solare.

 

ciao

AlienHand :s03:

Link to comment
Share on other sites

Gli Ufo nazisti (in tedesco Haunebu, oppure Hauneburg-Geräte) sono avanzati velivoli aerei che si suppone siano stati sviluppati durante la seconda guerra mondiale e successivamente dagli scienziati nazisti della SS Schwarze Sonne. Questi apparecchi sono connessi all'esoterismo nazista e alle teorie secondo le quali i nazisti avessero capacità paranormali...............................................[....]

 

C.te, dove hai recuperato tutte queste interessanti informazioni ? :s01:

Link to comment
Share on other sites

....... :s02: Sarebbe possibile creare un mod? attivabile con i file campagna LND e RND modificati, bisognerebbe forse lavorarci un pò, ma potrebbe essere fattibile come pure lo slittamento della campagna dal 1945 al 1946 e....oltre....!!

 

 

....Forse siamo un pò nel campo della fantapolitica ma siccome il gioco è per l'appunto un simulatore, perchè allora non simulare una storia così... e vedere come potrebbe finire??.....

 

Admiral Richard Byrd's Diary

 

Oppure guardare quest'altro link: la svastica sull'antartide

 

In ultimo sul link la svastica sull'antartide, si parla di una base segreta da cui nel 1946 a settembre un u boot avrebbe assalito una nave islandese la Juliana pagando il maltolto il dollari sonanti, è vero qui c'è un'altra versione di queste strane storie forse più attendibile:

 

U-boat. net

 

Ciao...! :s02:

Edited by Gunter
Link to comment
Share on other sites

C.te, dove hai recuperato tutte queste interessanti informazioni ? :s01:

 

 

Dal Wiki! :s02:

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe stato meglio, almeno avrebbe avuto una "firma"....a volte sul Wiki si trovano delle CA...TE.....

Link to comment
Share on other sites

Fantastico!!! Grazie Gunter! anche questa inserita nel mod che farò....

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe stato meglio, almeno avrebbe avuto una "firma"....a volte sul Wiki si trovano delle CA...TE.....

 

Io, per esempio, prenderei il tutto con molto benificio di inventario...non posso dire che non sia vero ciò che hai riportato (ed il Programma Paperclip lo dimostra, in parte), ma si sa: molto spesso ci si fa prendere la mano dell'immaginazione e dalla fantasia, con risultati ovviamente deleteri sotto il profilo della credibilità e veridicità storica.......ad esempio: non molti anni fa, taluni sono giunti ad affermare che gli scienzati di Hitler avessero scoperto la bomba atomica......A molta, oserei dire troppa, gente piace riscrivere la Storia e ricostruirla "un tanto al chilo", con scopi nobili e non.....

 

Luca

Edited by brin
Link to comment
Share on other sites

Io, per esempio, prenderei il tutto con molto benificio di inventario...non posso dire che non sia vero ciò che hai riportato (ed il Programma Paperclip lo dimostra, in parte), ma si sa: molto spesso ci si fa prendere la mano dell'immaginazione e dalla fantasia, con risultati ovviamente deleteri sotto il profilo della credibilità e veridicità storica.......ad esempio: non molti anni fa, taluni sono giunti ad affermare che gli scienzati di Hitler avessero scoperto la bomba atomica......A molta, oserei dire troppa, gente piace riscrivere la Storia e ricostruirla "un tanto al chilo", con scopi nobili e non.....

 

Luca

 

Hai perfettamete ragione Luca!

Link to comment
Share on other sites

Hai perfettamete ragione Luca!

 

Solo per puntualizzare.....in ogni caso, buona fortuna per le Vostre basi antartiche virtuali, mi auguro che riusciate a realizzare la vostra idea..... :s01: :s51:

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

.... Sginori, :s10: guardate cosa ho trovato, sono andato a curiosare con Google Earth :s02: e guardate in corrispondenza di New Swaberland cosa c'è?...... sicuramente l'immagine non è chiara ma assume una forma molto rettilinea, potrebbe essere secondo voi un canale??.... potrebbe assomigliare a quello fatto dal Com.te Bubbe?. mi sempbra molto rassomigliante...... :s10: ... Fantasia galoppante....O??? :s10:

 

Ciao. :s02:

antartidecj6.jpg

 

antard1jn0.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

La Neuschwabenland era in questa zona:

14wau00.jpg

2ik8kmp.jpg

Mentre l'ipotetico canale dovrebbe essere (secondo me) qui:

vp91jc.jpg

Link to comment
Share on other sites

..... Ciao com Bubbe!! se tu guardi con google earth nella zona da te segnata ti accorgerai che esiste ancora una base tedesca Neu-mayer Stazion1 guarda caso "Neu-Schabenland! pura coincidenza!! bo comunque vorrei rispondere anche a Marchetti, che dice che quella striscia è una "Sco..ta del satellite", guarda che la ripresa è fatta in tempi diversi ma quel segno appare sempre dal satellite e guarda caso proprio nella zona dove era posizionata la base nazista....

 

....Ma! forse :s10: l'unica cosa per sfatare tutto è di andare lì e rendersi conto della cosa.... :s10: ma che ne dite saremo i benvenuti???? :s03: :s03: :s03:

 

 

Ciao e un saluto a tutti!!! :s02:

Link to comment
Share on other sites

..... Ciao com Bubbe!! se tu guardi con google earth nella zona da te segnata ti accorgerai che esiste ancora una base tedesca Neu-mayer Stazion1 guarda caso "Neu-Schabenland! pura coincidenza!!

Non lo sapevo che nella zona che ho indicato io ci fosse la base tedesca Neu-mayer Stazion1... mi dai le coordinate precise?

guarda che la ripresa è fatta in tempi diversi ma quel segno appare sempre dal satellite e guarda caso proprio nella zona dove era posizionata la base nazista....

Quella striscia che si vede non so cosa possa essere, comunque non fare tanto affidamento a Google Earth. Se anche ci fosse qualcosa da vedere, di sicuro G.E. avrà degli impedimenti grafici imposti dal governo o chi per lui...

l'unica cosa per sfatare tutto è di andare lì e rendersi conto della cosa....

Sarebbe bello! Così (con qualche decina di MIG alle spalle, inca##ati neri) potremmo trovare l'acqua a 25°C e enormi praterie con tanto verde...come fece a suo tempo l'ammiraglio Byrd con le sue teorie della terra cava!

 

Link interessante

 

 

 

Guardate questo....non vi ricorda qualcosa? :s01:

6312.jpg

Edited by Bubbe
Link to comment
Share on other sites

  • 5 months later...

:s41: ... Buonasera Ragazzi!, sembra abbia scovato un'altra interessante base segreta per sommergibili costruita dalla marina tedesca nel 1941 all'interno di due enormi caverne naturali situate lungo il canale che introduce alla grande baia del porto di Sebenico il cui accesso nel 1995 era ancora proibito.

Tutti i natanti che entrano a Sebenico sono obbligati a navigare a pochi metri dall'ingresso delle due caverne, ma la parziale chiusura con materiali rocciosi ed il camuffamento di tutti i camminamenti esterni, fa sì che il tutto passi, ancora oggi, inosservato.

In gran segreto, dopo numerosi anni di lavori, nel 1943 la Marina tedesca fece giungere nottetempo, all'interno della base, due U-Boot i quali, uscendo dalla base per continue incursioni in mare aperto, procurarono forti perdite al naviglio alleato e per un intero anno non fu possibile scoprirli, nonostante la superiore tecnologia dei mezzi di ricerca della Marina e dell'Aviazione inglese.

Gli U-Boot uscivano dal deposito in immersione (grazie alla profondità delle acque) e dopo avere colpito in mare aperto, rientravano, restando nascosti fino a quando non si fossero calmate le operazioni di ricerca e poi ripetere un'altra incursione.

I servizi d'informazione inglesi, con la collaborazione degli jugoslavi, cominciarono ad avere qualche sospetto, e la montagna che nascondeva e sovrastava l'arsenale fu bombardata ripetutamente, senza ottenere alcun risultato.

Nel 1944, quando la guerra volgeva al termine e le truppe tedesche furono costrette a lasciare la Jugoslavia, i due U-Boot rimasero senza munizioni e il loro equipaggio senza più viveri. Fu così che una notte uscirono in mare per l'ultima volta per auto affondarsi e i marinai si consegnarono prigionieri all'esercito di Tito.

 

 

10507892.jpg

INGRESSO DI UNA DELLE CAVERNE DELLA BASE

 

 

sigh!! :s06: poveretti!! chissà che fine avranno fatto quegli equipaggi!!

 

 

:s02: Auf Wiedersehen...auf die nächste... graue Wölfe!! :s02:

Edited by Gunter
Link to comment
Share on other sites

...Altra scoperta: Villa Winter sull'Isola di Ferteventura (canarie) una cattedrale nel deserto? perchè, essa rappresenta un misterioso aspetto della storia di Fuerteventura, nelle Isole Canarie (Spagna).

 

Ciò che è misterioso di questa villa, chiamata Winter dal generale Gustav Winter che la occupò e che gli abitanti del posto chiamavano Don Gustavo, è che non si conosce esattamente la sua funzione. Si sà che un una base segreta tedesca e si sospetta che servì da punto di appoggio per i sottomarini tedeschi che si recavano in direzione dell'Antartide.

 

A quanto pare, esistevano tunnels che connettevano la casa con caverne naturali sotterranee. Dovette trattarsi di una base importante, perchè nelle vicinanze vi erano permanentemente due aerei caccia tedeschi con i motori accesi per intercettatare ed abbattere qualsiasi aereo alleato che osasse avvicinarsi: bisognava mantenere la base un segreto.

E vi riuscirono, perchè gli alleati scoprirono questa base segreta tedesca mesi dopo la fine della guerra. Sul suo misterioso organizzatore, generale e membro del servizio segreto tedesco, si può trovare di seguito una biografia.

 

Dopo un breve viaggio dalla località di Cofete ci si imbatte nella villa.

La supposta residenza di vacanza di un generale tedesco, come la si nomina in alcune guide turistiche, è massiccia e impressionante allo stesso tempo, con due piani costruiti in pendenza e uan torre a nordest, la cui funzione non è ancora oggi stata chiarita nonostante varie speculazioni.

 

Già dall'esterno colpisce l'attenzione l'enorme sforzo che richiese la costruzione di questa casa. Grandi archi, fregi scolpiti di legno e numerosi dettagli all'interno dell'edificio, che dispone di un ampio patio interno, tutti segni di un impegno che dovette tenere in conto di un grande obiettivo.

 

"Don Gustavo" dovette disporre di grandi mezzi economici e di capitale umano per realizzarla.

 

Secondo quanto viene raccontato, il generoso "Don Gustavo" assunse operai nativi per lavorare sotto il massimo segreto e dovevano ogni notte abbandonare nuovamente la zona. Tutta la penisola di Jandía si convertì in zona militare chiusa, una sorta di regalo di Franco ai tedeschi, che lo aiutarono a combattere i comunisti in Spagna.

Però non solo nativi ma anche aiutanti tedeschi furono portati probabilmente a Fuerteventura. Il misterioso cimitero che si trova nei pressi della spiaggia si presta in tal senso a numerose speculazioni.

 

La torre della villa servì apparentemente come punto di segnalazione per i sottomarini e/o gli aerei tedeschi, che atterravano nel vicino aeroporto di Jandía. A cosa servì la costruzione di questa villa, che si trovava in mezzo a un deserto vulcanico ed in una delle spiagge più estese delle Isola Canarie?

 

La roccia vulcanica del sito fa supporre che sotto la superficie si trovi un sistema di caverne. In modo che è possibile che villa Winter, che sarebbe potuta essere stata edificataa anche in qualsiasi altro luogo diverso rispetto a quello in cui sta, fu costruita sopra una grotta già esistente.

Però si dovrebbe scartare una connessione sotterranea con il mare giacchè la costa nella zona di Cofete, dove si trova la villa, è piuttosto piana.

 

Sotto la montagna che vi è nella parte posteriore della villa sembra che esista una specie di bunker naturale ed alcuni "forni di pietra calcare" (Kalksteinöfen in tedesco). Non vi è nulla di strano che esistano caverne vulcaniche in questo luogo se pensiamo che nell'isola vicina di Tenerife si trovi il maggior sistema di caverne (vulcaniche) sotterranee del mondo, le Cuevas del Viento. Nell'isola di Fuerteventura si trovano qui e lì piccole caverne, delle quali si sospetta che siano in relazione con le attività di Winter sull'isola (cavenre di Ajuy).

 

All'entrata della villa ci si può imbattere in un piccolo vagone ossidato di marca Krupp. Ancora oggi si scoprono binari nei pressi della villa, a 1200 metri a ovest, il cui tracciato conduce al monte. Tutto questo mostra che si realizzò una forte attività mineraria. Forse l'ampiamento/adattamento dei tunnels sotterranei summenzionati?

 

 

Ciao! :s02:

Link to comment
Share on other sites

Mitico Gunter, abbiamo una base segreta in più adesso!!! :s20:

Però non è semplice farla dentro una montagna in sh3 :s03: :s68:

 

PS: Non oso pensare alla fine di quei due equipaggi in mano a tito...

Link to comment
Share on other sites

..... :s41: Difatti io ho ovviato inserendo una mucca da latte nelle coordinate dove vi era la caverna, lo spazio è troppo angusto per poterci fare una base, ma se tu riesci con la tua abilità a modificare la texture di una base per farla diventare un solo bunker.... fammelo sapere..... perchè sei un grande... anche perchè il canale purtroppo sulla mappa di gwx è chiuso sull'altra estremità non sfociando quindi alla baia dove si trova il porto di sebenico... quindi ci sarebbe da modificare anche quel pezzo di canale e farlo diventare da terraferma... acqua!.....

Tu che dici si può provare?

 

....Sono in trepida attesa :s44:

 

 

Ciao! :s02:

Link to comment
Share on other sites

..... :s41: Difatti io ho ovviato inserendo una mucca da latte nelle coordinate dove vi era la caverna, lo spazio è troppo angusto per poterci fare una base, ma se tu riesci con la tua abilità a modificare la texture di una base per farla diventare un solo bunker.... fammelo sapere..... perchè sei un grande... anche perchè il canale purtroppo sulla mappa di gwx è chiuso sull'altra estremità non sfociando quindi alla baia dove si trova il porto di sebenico... quindi ci sarebbe da modificare anche quel pezzo di canale e farlo diventare da terraferma... acqua!.....

Tu che dici si può provare?

 

....Sono in trepida attesa :s44:

 

 

Ciao! :s02:

 

Ci posso provare, ma non so se sia possibile modificare le texture di un porto.. Ti faccio risapere! :s02:

Link to comment
Share on other sites

ps: mi posti il luogo preciso dove era l'ingresso del bunker?

Link to comment
Share on other sites

:s01: .... Scusa del ritardo bubbe!

 

ecco le coordinate di ingresso della grotta:

 

latitudine: 43°43'28.08"N

longitudine: 15°51'50.09"E

 

immagine8r.jpg

ciao! :s02:

Edited by Gunter
Link to comment
Share on other sites

Ok grazie, mi metto alle prese con la realizzazione del porto, e se ci riesco pure del bunker!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      45k
    • Total Posts
      522.2k
×
×
  • Create New...