Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Membro Onorario In Memoria
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:

fanghino

Sottocapo
  • Posts

    815
  • Joined

  • Last visited

1 Follower

About fanghino

  • Birthday 11/04/1964

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Nogara VR
  • Interests
    Montagna e tutto ciò che è vivere nella natura

Recent Profile Visitors

2,899 profile views

fanghino's Achievements

  1. Buonasera a tutti. Desidero una vostra opinione sui fatti recenti dell'attacco con barchini esplosivi della nave russa Ivan Khurs. Se ho ben capito tale nave svolge compiti di intelligence e coordina l'aviazione. Mi pare che la Russia ne possieda solamente due. Gli ucraini hanno ottenuto un altro successo, danneggiandola con l'uso di 3 barchini esplosivi, dei quali uno solo ha colpito il bersaglio. E qui mi pongo delle domande. Una nave così importante, per qual motivo naviga totalmente priva di scorta? Da un video rilasciato da fonti ucraine sembra che non sia presente alcuna nave di supporto, che avrebbe reso molto più difficile anche solo avvicinarsi alla Ivan da parte dei barchini. Invece, un video russo mostra l'esplosione di uno di questi barchini a distanza alquanto ravvicinata. Insomma, gli è andata bene.... Dal versante ucraino non capisco invece perchè compiere un attacco verso un bersaglio così premiante, in "economia". Perchè non diversificare i mezzi impiegati, in modo da confondere/disperdere le capacità difensive della nave? Quindi, droni aerei, barchini, razzi. Un attacco simultaneo che aumenterebbe le possibilità di affondamento
  2. Una nave fantasma.... che ritorna vera! Complimenti
  3. La storia dei boxer germanici è sempre sorprendente! Dall'uso sui sidecar, alle attuali BMW GS, e ora spunta il mezzo nautico.... Potrebbe trattarsi di un riadattamento dei classici 2 cilindri di derivazione aero, alla base di quel motore?
  4. Auguro a tutti un Buon Natale, di gioia e serenità con le famiglie, e un Nuovo anno proficuo e ricco di soddisfazioni
  5. Carissimo Totiano, in realtà non so perchè, ma non sono riuscito a postarlo nella sezione corretta. Mi scuso di questo, e certamente sono assai curioso di apprendere dalle recensioni che seguiranno, quanto è fedele alla realtà, o verosimile, la storia che il film ci presenta.
  6. TITOLO: WOLF CALL - MINACCIA IN ALTO MARE (titolo originale Le chant du loup) ANNO: 2019 NAZIONE: Francia GENERE: Azione, Drammatico, Guerra DURATA: 115 min. (colore) REGIA: Antonin Baudry SCENEGGIATURA:Wolfgang Petersen PROTAGONISTI François Civil, Omar Sy, Mathieu Kassovitz, Reda Kateb, Paula Beer, Etienne Guillou-Kervern TRAMA: Esordio cinematografico del regista francese Antonin Baudry, Wolf Call - Minaccia in alto mare ci trasporta nelle profondità del mare, in uno spazio angusto, quello di un sottomarino, il Titane, all'interno del quale ogni suono può diventare una possibile minaccia. Per questo, Chanteraide, giovane militare della marina francese, soprannominato dai suoi colleghi oreille d’or - orecchio d'oro - deve far uso del suo orecchio perfetto, una rara abilità, per riconoscere qualsiasi suono trasmesso dai radar e tenere al sicuro i compagni. Tuttavia, durante una delicata operazione lungo le coste della Siria per il recupero di alcuni commilitoni, Chanteraide percepisce il sonar di un sottomarino nemico, ma commette un errore, innescando una catena di eventi che potrebbero portare allo scoppio di una guerra nucleare di proporzioni mondiali. A Chanteraide non resterà che fare tutto il possibile per impedire che questo accada. da Wolf Call - Minaccia in alto mare: trama, cast e curiosità su un thriller passato in sordina (comingsoon.it) COMMENTI: Su rai play ho potuto guardare questo bellissimo film, non lo conoscevo. Dialoghi per me incomprensibili, penso renda bene l'idea del livello si specializzazione e di cosa sia in grado di fare un battello e il suo equipaggio.
  7. . Come alleato la Cina è sicuramente in grado di fornire tecnologia e materiali, ottenendo una ulteriore capacità di controllo sul sud-est asiatico, non è un brutto affare mi sembra. Da totale inesperto, mi pare che in Tailandia, abbiano le idee confuse, o forse cambiano forniture a seconda dello scacchiere prevalente, o la Cina ha fatto la voce grossa. Però non ne escono bene a livello di affidabilità come partner...
  8. Che disponessero di simile tecnologia non me lo sarei aspettato proprio. Ai fini di contribuire alla vittoria, erano certamente una folle prova di forza tecnologica, non certo una minaccia per l'esito della guerra. Anzi, lo sforzo per simili operazioni è probabile determinasse un significativo depauperamento di risorse che avrebbero dato un contributo meno eclatante, ma più concreto in forniture tradizionali. Nel '45 la Germania era già sconfitta, continuava una guerra che come unico effetto aveva la distruzione suicida del paese, e la perdita di ben 4 battelli su sei in un'unica volta è la prova che le tecnologie avveniristiche non potevano invertire il corso della storia.
  9. Caspita! Al governo di timoneria e propulsione, una promozione vera e propria. Mi sa che la rotta sarà obbligata al primo luogo adeguato per un bel brindisi, e tutta la propulsione disponibile!!! 😊 Complimenti
  10. Un mare di auguri e felicità agli sposini! Complimenti
  11. Già il fatto che una unità militare apra il fuoco su un'imbarcazione chiaramente civile è di per sè un atto che viola non pochi trattati. Alla stregua degli attacchi russi sui civili. Certo, la diplomazia dovrà farsi sentire, ma non escludere una risposta anche sul piano militare.... il buonismo non mi pare che dia gran risultati
  12. I russi stanno accusando la perdita di unità estremamente avanzate. Oltre al clamoroso affondamento, i soli DUE carri armati con tecnologia sperimentale di difesa attiva da proiettili perforanti sono ora un ammasso di ferraglia. La tecnologia in questione, costosissima, prevede una dotazione di rilevamento perimetrale radar del proiettile in arrivo e l'attivazione di cariche che vengono sparate prima dell'impatto. Queste esplodono in una nuvola di pallettoni che distruggono il proiettile. Erano pressochè sperimentali, e con l'insito problema di non poter esser seguiti dalla fanteria, che rischiava di esser colpita dallo shrapnel. Tutto sommato l'Ucraina sta impiegando con molta efficacia dotazioni obsolete e moderne.
  13. Comandanti... che rabbia. Impegni di lavoro, vicissitudini varie mi impediscono di giocare se non "frugalmente" e con poca partecipazione. Se certi accordi preliminari saranno confermati, a breve sarò nuovamente a Portofino per lavoro. E allora... sarebbe un onore conoscervi di persona e far quattro passi fra i moli di qualche porto e ascoltare. e ne avete da raccontare ad orecchie assetate d'avventure vissute. Nel frattempo godo nella vista di qualche yatch. Ho fatto qualche ricerca on line.... robetta da 8 ml di euro....😅
  14. Quanta storia in poche righe! Che fascino!!! Mi stupisce come un gesto vile abbia compromesso eroiche resistenze nell'arco dei secoli. Celebre quello che tradì gli spartani. Sbalorditivo come 4 navi genovesi abbiano forzato il blocco di una intera flotta, onore immenso a quei capitani dal sangue freddo! Piccola parentesi sul trasferimento delle famose 40 galee veneziane che solcarono le acque del Garda. I cartografi veneziani fecero una incredibile opera. Capirono che era possibile risalire l'Adige trainando controcorrente gli scafi dalle rive. Ovviamente come "gusci vuoti" galleggianti. Tra Domegliara e Dolcè vi era però un salto d'acqua, e lo fecero saltare, di per se già una gran cosa. Fu capire che una palude nei pressi di Rovereto avrebbe consentito l'epica impresa il vero colpo di genio. Una meraviglia della natura, una palude pensile. Oggi contornata da una bella ciclabile e area protetta, se pur certamente meno estesa di quelle che sfruttarono i veneziani. Unico "scoglio", il passo di S. Giovanni. In realtà una sella. Certo, per quei tempi fu vera fatica, oggi c'è una statale, ed è in realizzazione un tratto in galleria che sbuca nei pressi di Riva. Quella palude fu la chiave, chilometri attraverso i quali bastava flottare le caravelle come i tronchi provenienti dal Trentino.
  15. Mi piacerebbe assistere ad un moderno scenario d'uso dei mezzi sub. Cosa realmente è possibile a queste macchine dalla tecnologia fantascientifica.
×
×
  • Create New...