Vai al contenuto


Foto

Restaro Titanic Amati


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 10 risposte

#1 MattRCS86

MattRCS86
  • Comune di 2a classe
  • 19 Messaggi:

Inviato 22 agosto 2011 - 11:56

Ciao a tutti,apro questo topic sul transatlantico per eccellenza per chiedere una specie di consulto medico su un paziente che ho deciso di risistemare.
Anni fa mio papà prese la prima edizione della raccolta della hachette sul Titanic,solo che poi la nave non è mai stata completata per via di traslochi e lavori vari.
Ora,essendo appassionato di questa nave,ho deciso di metterci le mani per cercare di sistemarlo e finirlo,almeno per rendere giustizia a un modello che nel complesso non è male.
Ho così acquistato,essendo alcune parti mancanti(alcune gru delle scialuppe mancanti,assieme alle prese d'aria del ponte lance),i due kit della Amati per dettagliare la loro attuale versione del Titanic.
Mi trovo così di fronte ad alcuni interrogativi,oltre alle problematiche trovate sul modello,quindi eccomi a chiedere ai più esperti come muovermi:
1.anzitutto,ho notato che lo scafo non è perfettamente allineato,infatti la poppa è storta di circa 3 mm rispetto all'asse di simmetria della nave;guardando ilmodello ho constatato che probabilmente l'errore è sotto al terzo fumaiolo,dove c'era la giunzione tra due parti dell'ossatura del modello,evidentemente incollate male. E qui mi chiedevo....dite che è una cosa fattibile aprire letteralmente il fasciame,tenendo conto che la nave è completa al 75%,per andare a raddrizzare l'ossatura e,successivamente,ricostruire il fasciame con nuovi listelli?
2.la seconda domanda mi viene guardando le fotoincisioni presenti nei kit che ho preso,che permetterebbero di sostituire le originali porte e finestre di carta stampata con delle molto più belle e realistiche fotoincisioni.Per sostituirle però dovrei smontare i ponti,togliendo gli aggiuntivi già applicati e poi rimontare il tutto usando i piani di costruzione in scala 1/250. Tra l'altro ho trovato su internet le murate della nave fino al ponte D in fotoincisione,cosa che mi consentirebbe di non dover ricostruire in legno le parti rimosse per la ricostruzione. Potrei anche sostituire il bruttissimo legno che era stato dato all'epoca per fare i ponti di coperta con del più realistico tavolato in teak,magari sopra a ponti fatti in forex,più leggero e forse pratico per una cosa del genere.

Signori "medici",qual'è la vostra diagnosi?
Grazie!!! :)

#2 ammutinato

ammutinato
  • Sottocapo
  • 469 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Bari
  • Interests:Modellismo navale
  • Indirizzo Email Pubblico:ammutinato_@libero.it

Inviato 22 agosto 2011 - 12:03

Ciao,
con riguardo al primo punto sarebbe da vedere lo scafo. Puoi postare qualche foto???
Se parli di medici sarebbe il caso di vedere il paziente oltre che la cartella clinica :s03:

#3 Desert Eagle .50

Desert Eagle .50
  • Sottocapo
  • 307 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Rende

Inviato 22 agosto 2011 - 12:45

Ciao Matt, concordo con Ammutinato sul fatto di vedere il paziente!

Io credo di poterti aiutare, visto che ne ho costruito uno!

Immagine inviata

Sistemare una chiglia svegolata è gia un lavoraccio, poi se devi anche smontare il fasciame! Nulla di impossibile sia chiaro! Anzi se hai molta pazienza magari ti divertirai pure a restaurare il tuo Titanic, io sto facendo una cosa simile per una Bismarck che ho comprato un po malconcia ed i risultati piano piano si vedranno!!

per il secondo punto ti posso solo consigliare di utilizare i nuovi materiali, il kit del Titanic 1:250 Amati ha avuto svariate modifiche nel corso di un decennio, l'ultima versione che è quella dell'ultima raccolta in edicola del 2010 rasenta la perfezione!

quindi se hai comprato i vari kit, usali perchè ne avrai soltanto dei benefici!!!

#4 MattRCS86

MattRCS86
  • Comune di 2a classe
  • 19 Messaggi:

Inviato 22 agosto 2011 - 02:55

Ciao,
con riguardo al primo punto sarebbe da vedere lo scafo. Puoi postare qualche foto???
Se parli di medici sarebbe il caso di vedere il paziente oltre che la cartella clinica :s03:



Ciao Matt, concordo con Ammutinato sul fatto di vedere il paziente!

Io credo di poterti aiutare, visto che ne ho costruito uno!

Immagine inviata

Sistemare una chiglia svegolata è gia un lavoraccio, poi se devi anche smontare il fasciame! Nulla di impossibile sia chiaro! Anzi se hai molta pazienza magari ti divertirai pure a restaurare il tuo Titanic, io sto facendo una cosa simile per una Bismarck che ho comprato un po malconcia ed i risultati piano piano si vedranno!!

per il secondo punto ti posso solo consigliare di utilizare i nuovi materiali, il kit del Titanic 1:250 Amati ha avuto svariate modifiche nel corso di un decennio, l'ultima versione che è quella dell'ultima raccolta in edicola del 2010 rasenta la perfezione!

quindi se hai comprato i vari kit, usali perchè ne avrai soltanto dei benefici!!!


Ciao,appena torno a casa dall'ufficio posto le foto del "malato" :D
Comunque ieri ho visto il tuo thread sulla Bismarck,stai facendo un ottimo lavoro...probabilmente ne cercherò una anche io una volta finita la mia Yamato della Nichimo,per adesso è lei quella su cui devo lavorare :)

#5 MattRCS86

MattRCS86
  • Comune di 2a classe
  • 19 Messaggi:

Inviato 22 agosto 2011 - 08:32

Ciao,come promesso,ecco le foto del Titanic:

http://img195.images...20820111203.jpg

http://img843.images...20820111205.jpg

http://img714.images...20820111206.jpg

http://img194.images...20820111207.jpg

Aspetto le vostre diagnosi :D

Modificata da MattRCS86, 22 agosto 2011 - 08:33 .


#6 ammutinato

ammutinato
  • Sottocapo
  • 469 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Bari
  • Interests:Modellismo navale
  • Indirizzo Email Pubblico:ammutinato_@libero.it

Inviato 22 agosto 2011 - 08:52

Bella gatta da pelare Matt.
Ti voglio fare una domanda.

Il modello come si presenta adesso ha modo di essere incastrato per 3 o 4mm in uno scaletto???

Prima di procedere con interventi importanti farei una serie di considerazioni empiriche prima.
Il ponte di coperta fa pezzo a se??
Perche' se vai a togliere i listelli per sistemare l'attacco di chiglia, il ponte ti risultera' poi fuori asse. E se e' incollato,
difficilmente raddrizzi la chiglia con il ponte di coperta fissato sulle ordinate.

Non e' una passeggiata.
Se riesci a posizionare il modello sullo scaletto, vediamo che resistenza oppone al raddrizzamento e poi si decide il da farsi.
Si potrebbe anche pensare di intervenire togliendo semplicemente il ponte di coperta e sistemare la chiglia dall'alto con longaroni
di rinforzo tra le ordinate. Ma dobbiamo capire il fasciame come reagisce ad un radrizzamento di 3mm in zona poppiera con il relativo
ponte che si oppone.
Ecco perche' ritengo che sistemarlo sullo scaletto sia fondamentale.


Ciao

Modificata da ammutinato, 22 agosto 2011 - 09:38 .


#7 Secondo Marchetti

Secondo Marchetti
  • Membro Staff Moderatori - S*
  • 2651 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Ventimiglia

Inviato 22 agosto 2011 - 11:23

Una cosa che non mi è chiara è se lo svergolamento riguarda solo il piano orizzontale della chiglia o anche quello verticale: dalle foto mi pare che il castello di poppa penda decisamente verso destra.
A mio modo di vedere l'intervento è certo possibile ma non conveniente, in qualsiasi senso vadano le svergolature il fasciame, posato a misura di una chiglia storta, reagirebbe ad ogni tentativo di raddrizzamento ed andrebbe perciò rifatto; e come dice Luca, prima bisognerebbe levare i ponti perché anch'essi sono solidali in qualche modo a chiglia e fasciame, in breve... è come dire ricostruzione completa, col rischio di danneggiare irreparabilmente le parti smontandole.
Penso che convenga lasciarlo così com'è e chiuderlo poi in una bella teca da muro, di quelle con solo un lato vetrato, per fare in modo che la svergolatura non appaia agli occhi degli osservatori. Se proprio hai una passionaccia per questa nave (dissento sull'appellativo di "transatlantico per eccellenza": per la fortuna dei nostri avi, i transatlantici degni di essere eletti a simbolo della loro specie non erano scelti con la prerogativa di affondare al viaggio inaugurale) e non puoi tollerare l'idea che abbia la spina dorsale difettosa, ti conviene comprare un modello nuovo.

vis_oro.pngValorMarinaOro.gifValorMarinaOro.gifnastrinomodellismo.th.jpg

dscn1832bistn0cii.jpg

 

BetaBannerXXL2014.gif


#8 MattRCS86

MattRCS86
  • Comune di 2a classe
  • 19 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2011 - 07:57

Una cosa che non mi è chiara è se lo svergolamento riguarda solo il piano orizzontale della chiglia o anche quello verticale: dalle foto mi pare che il castello di poppa penda decisamente verso destra.
A mio modo di vedere l'intervento è certo possibile ma non conveniente, in qualsiasi senso vadano le svergolature il fasciame, posato a misura di una chiglia storta, reagirebbe ad ogni tentativo di raddrizzamento ed andrebbe perciò rifatto; e come dice Luca, prima bisognerebbe levare i ponti perché anch'essi sono solidali in qualche modo a chiglia e fasciame, in breve... è come dire ricostruzione completa, col rischio di danneggiare irreparabilmente le parti smontandole.
Penso che convenga lasciarlo così com'è e chiuderlo poi in una bella teca da muro, di quelle con solo un lato vetrato, per fare in modo che la svergolatura non appaia agli occhi degli osservatori. Se proprio hai una passionaccia per questa nave (dissento sull'appellativo di "transatlantico per eccellenza": per la fortuna dei nostri avi, i transatlantici degni di essere eletti a simbolo della loro specie non erano scelti con la prerogativa di affondare al viaggio inaugurale) e non puoi tollerare l'idea che abbia la spina dorsale difettosa, ti conviene comprare un modello nuovo.


Ho provato a fare quanto suggerito...ma il modello come immaginavo di resistenza ne oppone tanta,appunto perchè bene aderente alla chiglia.
Come hai detto tu andrebbe proprio rifatto il fasciame di mezza nave.
Alla fine mi sa che mi limiterò a sostituire le porte e le finestre di cartoncino con le fotoincisioni,è pur vero che togliendo il ponte avrei accesso anche alla chiglia della nave,ma non potrei sistemarla senza praticamente sfasciare le murate per poterlo raddrizzare.
Sistemerò questo modello aggiungendo qualche tocco estetico in più e poi farò un titanic ex novo,appena ne avrò il tempo.
Mi hanno regalato i piani in scala 1/144,ma se hai visto i grattacapi che ho con la Yamato al momento...direi che non ho tempo di partire da 0 con un Titanic di quasi 2 metri :D

#9 Anteo

Anteo
  • Sottocapo
  • 1902 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:FIRENZE

Inviato 23 agosto 2011 - 08:13

Ho provato a fare quanto suggerito...ma il modello come immaginavo di resistenza ne oppone tanta,appunto perchè bene aderente alla chiglia.
Come hai detto tu andrebbe proprio rifatto il fasciame di mezza nave.
Alla fine mi sa che mi limiterò a sostituire le porte e le finestre di cartoncino con le fotoincisioni,è pur vero che togliendo il ponte avrei accesso anche alla chiglia della nave,ma non potrei sistemarla senza praticamente sfasciare le murate per poterlo raddrizzare.
Sistemerò questo modello aggiungendo qualche tocco estetico in più e poi farò un titanic ex novo,appena ne avrò il tempo.
Mi hanno regalato i piani in scala 1/144,ma se hai visto i grattacapi che ho con la Yamato al momento...direi che non ho tempo di partire da 0 con un Titanic di quasi 2 metri :D


Penso sia la soluzione migliore. Riallineare la chiglia di un modello con ponti e sovrastrutture già a quel livello.....credimi, non è una passeggiata, inoltre l'esito è incerto. Te lo dico per esperienza personale. A un certo punto viene voglia di buttare via tutto. :s68:
Meglio finirlo così. Poi diciamo la verità, quando è chiuso in una teca (come dice Secondo) pochi, veramente pochi osservatori si accorgeranno dei difetti. Buon lavoro.
_Posted Image

Uploaded with _ImageShack.us

#10 andreavcc

andreavcc
  • Sottocapo
  • 1999 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Tarcento -UD-
  • Interests:sub RC e modellismo statico in genere nonchè SH III/V
  • Indirizzo Email Pubblico:vecchiarelliandrea@tiscali.it

Inviato 23 agosto 2011 - 09:05

.... un'idea malsana potrebbe essere data da delle foto che purtroppo non riesco più a trovare :s68: circa un modellista che, comprato un kit della revell dell'u-boot tipo VII, l'ha montato in due metà, lato sinistro e lato destro. incollate le due metà su uno specchio o su un piano in legno tipo un mastodontico crest si era fatto due modelli (ovviamente con colorazioni differenti) usandone in realtà uno. quindi se proprio si dovesse arrivare al punto di voler buttare il modello, si potrebbe tagliare il modello sulla mezzeria e fare una cosa simile :s01:

#11 Desert Eagle .50

Desert Eagle .50
  • Sottocapo
  • 307 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Rende

Inviato 23 agosto 2011 - 12:17

Ciao Andrea purtroppo sul Titanic non c'è un vero asse di simmetria le sovrastrutture sul ponte lance (e non solo) non sono speculari!

Per Matt,
Io concordo sul fatto di completare il modello così com'è (che poi apparte lo svergolamento della poppa non presenta altro che non si possa riparare in poche mosse, come i ponti, le murate di I e II classe ed alcune battagliole! Quindi io inizierei a staccare tutti gli oggetti attaccati ai ponti come argani scalette panchine ringhiere ecc, rettificherei i ponti su cui attaccare il nuovo listellato effetto teak, quindi vanno staccati il ponte ristorante ecc, poi va riverniciato lo scafo facendo attenzione (quando si scartavetra tutta la vecchia vernice) agli oblò alle cubie alle scritte Liverpool e Titanic ecc, rivernici il tutto fino a ritrovarti con lo scafo completo di tutto porte ed oblò ecc, ed i ponti risistemati con il nuovo pavimento, poi sarà tutta questione di rimontare ciò che hai precedentemente staccato e nel frattempo hai ripulito riverniciato o aggiunto, a seconda dei casi!!

Sono sicuro che non c'era bisogno che te le dicessi queste cose perchè molto probabilmente ne sai più di me! Comunque io con questo metodo mi sto trovando bene per la Bismarck!!

A presto!!




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi