Vai al contenuto


Foto

Classe Archimede (1931)


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 4 risposte

#1 Totiano

Totiano
  • Membro Consiglio Direttivo - MS*
  • 21080 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Ravenna

Inviato 11 ottobre 2008 - 08:30

Fiamma.RM.trasp.png

 

Sommergibili classe " Archimede "

 

classeARCHIMEDE1IsommergibiliItaliani196
da "I sommergibili italiani" di Paolo M. Pollina - USMM - 1963, per g.c. Sergio Mariotti

 

Catteristiche generali della classe " Archimede ":

Tipo: sommergibile di grande crociera

Dislocamento:
- in superficie: 980,20 t
- in immersione: 1.259,82 t
Dimensioni:
- Lunghezza: 70,50 m
- Larghezza: 6,87 m
- Immersione: 4,12 m
Apparato motore superficie: 2 motori Diesel Tosi, 2 eliche
- Potenza: 3.000 cv
- Velocità max. in superficie: 17,0 nodi
- Autonomia in superficie: 1.882 miglia a 17,0 nodi e 5.900 miglia a 8,0 nodi (carico normale) - 10.284 miglia a 8,0 nodi (in sovraccarico)
Apparato motore immersione: 2 motori elettrici di propulsione Ansaldo
- Potenza: 1.400 cv
- Velocità max: 7,7 nodi
- Autonomia in immersione: 7,7 miglia a 7,7 nodi - 80 miglia a 4,0 nodi
Armamento:
- 4 tls AV da 533 mm, 6 siluri da 533 mm
- 4 tls AD da 533 mm, 6 siluri da 533 mm
- 2 cannoni da 100/43 mm (230 proiettili)
- 2 mitragliatrici 13.2 singole (3000 colpi)
Equipaggio: 6 ufficiali, 49 tra sottufficiali e marinai
Profondità di collaudo: 100 m

cl_ArchimedpianigeneraliSmggitalianifral
da "I sommergibili italiani fra le due guerre mondiali" di Alessandro Turrini - MariStat/UDAP - 1990, per g.c. Sergio Mariotti

 

Unità della classe "Archimede" :

Regio sommergibile ARCHIMEDE (1°)
Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 01.10.1931, Varo: 10.12.1933, Consegna: 01.08.1934, Radiazione: 1937 (ceduto alla Spagna nell'aprile 1937)

Regio sommergibile Galileo GALILEI
Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 15.10.1931, Varo: 19.03.1934, Consegna: 16.10.1934, Catturato: 19 giugno 1940, Radiazione: 18.10.1946

Regio sommergibile TORRICELLI (2°)
Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 15.10.1931, Varo: 27.05.1934, Consegna: 10.12.1934, Radiazione: 1937 (ceduto alla Spagna nell'aprile 1937)

Regio sommergibile Galileo FERRARIS (2°)
Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 15.10.1931, Varo: 11.08.1934, Consegna: 31.01.1935, Affondato: 25 ottobre 1941, Radiazione: 18.10.1946


Generalità di classe
Queste unità furono uno sviluppo della classe "Settembrini" della quale mantennero le forme di scafo; un sensibile aumento del dislocamento portò la classe "Archimede" ad essere considerata di "grande crociera" ovvero "oceanica".
Rispetto al "Settembrini" la classe "Archimede" ebbe un'autonomia in sovraccarico decisamente superiore, una migliore tenuta al mare e superiori qualità evolutive: l'armamento fu potenziato con un secondo cannone; anche la dotazione dei siluri di riserva fu aumentata. Si trattò, nel complesso, di unità molto ben riuscite che dettero ottime prestazioni in servizio.
Archimede e Torricelli furono ceduti alla Spagna nel 1937; in considerazione del momento particolare in cui avvenne la cessione, i due battelli non furono a suo tempo cancellati dai ruoli del R. Naviglio e due unità della classe "Brin", delle quali era stata ordinata la costruzione ai cantieri Tosi di Taranto, assunsero gli stessi nomi .
Alla fine della guerra di Spagna le due unità furono ribattezzate con i nomi di General Mola e General Sanjurjo.

317jzf5.jpg

Attività di classe
Queste unità vennero denominate di "grande crociera" o "oceaniche" per il loro grande dislocamento, per la elevata autonomia di crociera, per l'armamento che fu potenziato da un secondo cannone e dall'aumento della riserva dei siluri.
Le unità costituirono, nel 1935, la 12^ Squadriglia dipendente della III Flottiglia Sommergibili di Taranto; nel quadro della nuova organizzazione dei sommergibili, divenne prima la 44^ Squadriglia e poi la 41^ del IV Gruppo di Taranto. Dopo un intenso periodo addestrativo con brevi crociere, le quattro unità vennero dislocate a Tobruk e durante la guerra di Spagna vennero impiegate in acque spagnole.
Il Torricelli compì due missioni durante la guerra di Spagna. Nel corso della prima, durata sedici giorni e iniziata dalla Maddalena il 17 novembre 1936 al comando del capitano di corvetta Giuseppe Zarpellon, si portò nelle acque di Cartagena e, alle prime luci dell'alba del 22 novembre avvistò una formazione navale della Marina repubblicana spagnola; manovrò per l'attacco e lanciò due siluri contro l'incrociatore Miguel De Cervantes, danneggiandolo gravemente, tanto che esso rimase fuori servizio per tutta la durata del conflitto. Nel corso della seconda missione, durata anch'essa sedici giorni, nella notte del 18 gennaio, bombardò il porto di Barcellona.
Nel gennaio del 1937 l'Archimede compì una missione speciale in acque spagnole per la durata di sedici giorni.
Successivamente l'Archimede e il Torricelli vennero ceduti, nell'aprile 1937, alla Marina nazionalista spagnola ed assunsero, rispettivamente, i nomi di General Mola e General Sanjurjo. Con la bandiera spagnola prestarono un lungo servizio; vennero radiati nel 1959.
Il Ferraris effettuò tre missioni durante la guerra di Spagna. Nel corso della seconda missione, il 2 febbraio 1937, affondò il piroscafo Navarra da 1.688 tsl, al servizio dei Repubblicani; durante la terza missione, compiuta nel Mar Egeo, dove intenso era il traffico di mercantili repubblicani provenienti dai porti russi del Mar Nero, affondò due piroscafi: il 15 agosto 1937 il Ciudad De Cadiz, di 4.602 tsl, e il 18 agosto l'Armuru di 2.762 tsl, che rimase poggiato su bassi fondali.
Il Galilei, durante la guerra civile spagnola, compì una missione nelle acque della penisola iberica e una nelle acque dell'Egeo.
Il Ferraris e il Galilei furono ceduti in temporaneo prestito per quattro mesi alla Marina nazionalista spagnola.
Prima dello scoppio del secondo conflitto mondiale queste due unità vennero dislocate in Mar Rosso, alle dipendenze della Flottiglia Sommergibili di Massaua.


Modificata da magico_8/88, 28 gennaio 2018 - 12:28 .


#2 Totiano

Totiano
  • Membro Consiglio Direttivo - MS*
  • 21080 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Ravenna

Inviato 12 ottobre 2008 - 05:42

Dist.smg.RM.(trasp).png

Regio sommergibile ARCHIMEDE (1°)


motto:



Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 1 ottobre 1931
Varo: 10 dicembre 1933
Consegnato : 1 agosto 1934
Radiazione: 1937 (ceduto alla Spagna nell'aprile 1937)

Attività operativa
(vedi sotto la voce "Attività di classe" nella scheda principale)

t65y0w.jpg

296gjt5.jpg


2qls5qu.jpg

 

In servizio nella Regia Marina fino al 1937, allorché fu ceduto alla Spagna e denominato General Mola


Link sui battelli classe "Archimede" ceduti alla Spagna come General Mola e General Sanjurjo

SmgTORRICELLIsottobandieraspagnolacomeGe
Il sommergibile ARCHIMEDE sotto bandiera spagnola come GENERAL MOLA


Modificata da magico_8/88, 28 gennaio 2018 - 12:43 .


#3 Totiano

Totiano
  • Membro Consiglio Direttivo - MS*
  • 21080 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Ravenna

Inviato 30 ottobre 2008 - 07:59

Dist.smg.RM.(trasp).png

Regio sommergibile Galileo GALILEI

Pur cieco vedo



Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 15 ottobre 1931
Varo: 19 marzo 1934
Consegnato : 16 ottobre 1934
Catturato: 19 giugno1940
Radiazione: 18 ottobre 1946

Attività operativa
Al comando del capitano di corvetta Corrado Nardi, il 10 giugno 1940 il Galilei partì da Massaua per portarsi in agguato presso Aden.
Il giorno 16 fermò la petroliera norvegese James Stove (8.215 tsl) e, dopo aver dato il tempo all'equipaggio di allontanarsi, l'affondò con il siluro.
Il 18 dello stesso mese il Galilei avvistò un piroscafo ed intimò il fermo con un colpo di cannone. Si trattava del piroscafo jugoslavo Drava che fu correttamente rilasciato in quanto in quel periodo l'Italia non era ancora in guerra con la Jugoslavia. Tuttavia il colpo di cannone fu udito da un guardacoste britannico, che diede l'allarme. Ebbe inizio una violenta caccia al Galilei che, attaccato da un aereo, si immerse prontamente senza subire danni.
La sera dello stesso giorno il sommergibile emerse per caricare la batteria, ma fu scoperto da una formazione nemica e prontamente attaccato con precisione.
Il Galilei si immerse nuovamente e si posò sul fondo dove rimase fino al mezzogiorno del 19.
Il cacciasommergibile Moonstone individuò il battello e lo attaccò con il lancio di bombe di profondità. Il comandante Nardi decise di emergere e quindi
cominciò a sparare con le artiglierie. Durante il combattimento, al Moonstone si unirono il cacciatorpediniere Kandahar ed un'altra unità minore. Il Galilei venne ripetutamente colpito dalle artiglierie nemiche che provocarono la morte di tutti gli ufficiali e dei sottufficiali più anziani (15 uomini).
In queste condizioni il Galilei poté essere catturato con i superstiti dell'equipaggio e venne portato ad Aden.
Rimesso in efficienza fu incorporato nella Marina britannica prima con la sigla X 2 e poi con la sigla P 711.
Al termine del conflitto venne radiato e demolito.

vip1dg.jpg

Altre info dal sito sulla cattura del GALILEIe sulla presunta cattura del libro dei codici


Modificata da magico_8/88, 28 gennaio 2018 - 12:38 .


#4 Totiano

Totiano
  • Membro Consiglio Direttivo - MS*
  • 21080 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Ravenna

Inviato 12 dicembre 2009 - 08:15

Dist.smg.RM.(trasp).png

Regio sommergibile TORRICELLI (2°)


in silentio et spe



Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 15 ottobre 1931
Varo: 27 maggio 1934
Consegnato : 10 dicembre 1934
Radiazione: 1937 (ceduto alla Spagna nell'aprile 1937)

Attività operativa
(vedi sotto la voce "Attvità di classe" nella scheda principale)

3038cpd.jpg

2ur412t.jpg
 

In servizio nella Regia Marina fino al 1937, allorché fu ceduto alla Spagna e denominato General Sanjurjo


Link sui battelli classe "Archimede" ceduti alla Spagna come General Mola e General Sanjurjo



SmgARCHIMEDEsottobandieraspagnolacomeGen
Il sommergibile TORRICELLI sotto bandiera spagnola come General SANJURJO


Modificata da magico_8/88, 28 gennaio 2018 - 12:33 .


#5 magico_8/88

magico_8/88
  • Guardiamarina - MS*
  • 1641 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Pescara
  • Indirizzo Email Pubblico:giangi66it(NOSPAM)@yahoo.it

Inviato 22 gennaio 2011 - 09:47

Dist.smg.RM.(trasp).png

Regio sommergibile Galileo FERRARIS (2°)


Durandum est
(Bisogna tener duro)



Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 15 ottobre 1931
Varo: 11 agosto 1934
Consegnato : 31 gennaio 1935
Affondato: 25 ottobre 1941
Radiazione: 18 ottobre 1946

Attività operativa
Durante la guerra di Spagna, il 2 febbraio 1937, al comando del capitano di fregata Primo Longobardo, silurò ed affondò, nelle acque di Tarragona, il piroscafo repubblicano Navarra.
Passato al comando del capitano di corvetta Sergio Lusena ed inviato nelle acque dell'Egeo per l'intercettazione del contrabbando di guerra, il 15 agosto dello stesso anno affondò la motonave repubblicana Ciudad de Cadiz e, tre giorni dopo, silurò il piroscafo repubblicano Armuru che, gravemente danneggiato, s'incagliò sulla costa dell'Isola di Tenedos.
Il 10 giugno 1940 partì da Massaua, al comando del capitano di corvetta Livio Piomarta, per portarsi in agguato al largo di Gibuti, ma presto fu costretto a rientrare per avaria alla batteria.
Successivamente, fino al 3 marzo 1941, il Ferraris compì numerose missioni di agguato senza tuttavia avere l'occasione di venire a contatto con unità nemiche.
Il 3 marzo 1941, in vista dell'ormai imminente caduta di Massaua in mani britanniche, il Ferraris partì alla volta di Bordeaux.
Dopo 68 giorni, il 9 maggio 1941, arrivò felicemente a Betasom. Eseguito un periodo di manutenzioni, nell'ottobre 1941 il sommergibile, al comando del tenente di vascello Filippo Flores, fu inviato al largo delle Azzorre in agguato offensivo.
Nella mattinata del 25 ottobre il Ferraris avvistò un convoglio avversario e forzò i motori per portarsi a distanza di lancio. Avvistato da un aereo da ricognizione, fu dapprima attaccato da due aerei da bombardamento e successivamente dal cacciatorpediniere britannico Lamerton. Il Ferraris ingaggiò un violento duello di artiglieria, ma venne ripetutamente centrato e fu costretto ad autoaffondarsi. Le unità nemiche raccolsero i superstiti. Morirono due ufficiali e quattro marinai.

LINK alla testimonianza del marinaio Mario Cassisa imbarcato sul Ferraris http://www.betasom.i...topic=39881&hl=


29p2ix3.jpg


Modificata da magico_8/88, 28 gennaio 2018 - 12:38 .

"La sconfitta reclama ad alta voce perchè esige spiegazioni;
mentre la vittoria, come la carità , nasconde un gran numero di peccati."


Alfred T. Mahan

Studi_militari.jpgValorMarinaBronzo.gifStudi_militari.jpg
LungaNavFERROR.pngcrocemerito.gif

logo%20collaborazione.jpg





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi