Vai al contenuto


Foto
* * * * - 5 voti

Unità Ausiliarie E Minori Della Marina Militare


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 342 risposte

#121 BUFFOLUTO

BUFFOLUTO
  • Capo di 1a classe
  • 2101 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:TARANTO

Inviato 20 febbraio 2009 - 09:03

UN'ALTRA CARRELLATA DI RIMORCHIATORI
Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

Immagine inviata

alla luce di quanto ci ha riferito De Domenico anche il Miseno dovrebbe essere ex U.S.Army?
in questo caso dovrei correggere la didascalia della foto
Buffoluto

Modificata da BUFFOLUTO, 20 febbraio 2009 - 09:33 .

Posted Image

#122 gichiano

gichiano
  • Sottocapo
  • 1714 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Cagliari
  • Indirizzo Email Pubblico:stcioglia@gmail.com

Inviato 20 febbraio 2009 - 09:59

Due immagini del Forte che dimostrano il riammodernamento riguardante l'apparato motore con modifica del fumaiolo.
Prima
Immagine inviata

dopo
Immagine inviata
Entrambe le foto sono state fatte da me a Cagliari sul finire degli anni Settanta.
In effetti sono stati assieme di base a Cagliari per qualche mese mi pare.

#123 diplodoco

diplodoco
  • Comune di 1a classe
  • 156 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:...ova
  • Interests:aerei
    navi
    foto

Inviato 21 febbraio 2009 - 09:04

quindi una modifica c'è stata, anche se non di grande importanza...
Rimanendo sui rimorchiatori ex americani, sono almeno dieci anni che, a Chioggia, c'è in disarmo il Montecristo.

e

#124 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 21 febbraio 2009 - 12:12

UN'ALTRA CARRELLATA DI RIMORCHIATORI


Immagine inviata



alla luce di quanto ci ha riferito De Domenico anche il Miseno dovrebbe essere ex U.S.Army?
in questo caso dovrei correggere la didascalia della foto
Buffoluto


MISENO ex ST 795 ex DPC 29. scafo in acciaio, 1 elica, 86 piedi di lunghezza per 24 di larghezza, 285 tonn. di dislocamento secondo il Jane's, macchine diesel, costruito nel 1944 da Lawley & Sons di Neponset, Mass. Faceva parte di una serie di 26 ST nel range da 758 a 795, ex DPC nel range da 27 a 100. Lunedì posterò anche una foto di un ST simile (non identico) al MISENO.

Gli ST (Small Tug, rimorchiatori portuali dell'US Army), a differenza degli LT (Large Tug, rimorchiatori d'altura), non facevano la traversata dell'Atlantico in proprio, ma caricati sulla coperta di mercantili. Nel 1944 due convogli diretti in Europa provarono a rimorchiare degli ST con equipaggio a bordo: il primo convoglio di metà estate non ebbe problemi, il secondo di inizio autunno trovò cattivo tempo sulla rotta: tre ST andarono perduti, con perdite di vite umane, e l'esperimento finì lì. Si noti che gran parte degli LT avevano equipaggi della US Coast Guard, mentre gli ST in generale avevano equipaggi civili .

Resta da ricostruire la genealogia dell'altro ex ST, il MONTE CRISTO.

Modificata da de domenico, 27 febbraio 2009 - 04:05 .


#125 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 21 febbraio 2009 - 02:06

Mi risulta che nel 1983 il Miseno (Y427) affondò nel 1983 a Napoli: se ne sa qualcosa di più?
Per esempio la data.
e


Il MISENO mi risulta perduto il 28 novembre 1982 al largo di Ischia.

#126 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 21 febbraio 2009 - 02:27

Caro Ostro,

Questa volta sei stato tu a stimolarmi. Qualcosa mi diceva che il rimorchiatore CICLOPE raffigurato nell’immagine non era della US Navy: come non lo erano i quattro ATLETA, COLOSSO, FORTE, TENACE, ex rimorchiatori dell’US Army che infatti portavano la sigla LT (Large Tug), una sigla tipica della numerosa flotta dell’esercito americano, come quelle FS (Freight and Supply), ST (Small Tug), etc.

Bene, anche questa volta la mia piccola biblioteca personale si è rivelata all’altezza del compito.
Il libro in questione è il classico “From America to United States. The History of the Long-Range Merchant Shipbuilding Programme of the US Maritime Commission”, Part 3, L.A. Sawyer e W.H. Mitchell, World Ship Society, 1984.

Si trattava di una serie di quattordici rimorchiatori con scafo in legno, richiesti alla Maritime Commission dall’Office of Defense Transportation. Dodici di questi vennero noleggiati alla Gran Bretagna in base all’accordo Lend-Lease (gestiti dal MOWT, Ministry of War Transport) e due destinati agli inglesi ma poi passati all’Unione Sovietica (uno dei due, l’unico, aveva per un po’ di tempo portato una sigla della US Navy, cioè YTB - Yard Tug, Big - 610). Tre di quelli inglesi - costruiti da Standard Shipbldg Co. di San Pedro, Calif., numeri di scafo della Maritime Commission MC 1415, 1417 e 1419 - andarono a finire alla Marina Militare: 1) POWER, poi ribattezzato ATENGO per gli inglesi (tutti i nomi inglesi cominciavano con le lettere AT, American Tug), completato nell'aprile 1944; nel giugno 1947 diviene TITANO per la marina italiana (radiato nel luglio 1974 e demolito a Taranto). 2) DURABLE, poi ribattezzato ATARAN, completato nel maggio 1944; nel gennaio 1948 diviene CICLOPE per la marina militare. 3) HELPER, poi ATOYAC, completato nel luglio 1944; nell’ottobre 1949 diviene NEREO, in servizio con la marina italiana nel luglio 1950 ma usato solo come fonte di pezzi di ricambio per gli altri due. Radiato nel settembre 1956.

Tutti e tre vengono acquistati dalla Marina sul mercato dell’usato, in particolare da armatori genovesi che li avevano acquistatti nel 1947. Tutti e tre avevano avuto grossi problemi nel 1944-45 durante il viaggio di consegna dalla California al Mediterraneo. Ne parlerò dettagliatamente in seguito, visto che penso di includerle tra le navi ex inglesi (come le BYMS, le BPT, etc.) o in un futuro capitolo sulle navi ex-americane, chissà…

Nell’insieme il capitolo degli acquisti sul mercato dell'usato da parte della nostra Marina prima e intorno al periodo dell’adesione alla NATO (1949) mi sembra piuttosto interessante e poco studiato: ti propongo di collaborare per cercare di venire a capo di un po’ di problemi, come quello più arduo (ahimè) delle MOC e delle MTF (dovrò rileggermi da cima a fondo il “Repertorio di Marina Mercantile” dell'Aidmen, che però è appena arrivato alla lettera T).

Tra l’altro, ci sono altri sei piccoli rimorchiatori costruiti dalla Maritime Commission (non necessariamente militari, quindi) e ceduti ai britannici, poi passati all’Italia (90 tonnellate di dislocamento e 50 di stazza lorda). Si chiamavano TUSA (Tug USA).
Posto di seguito uno schizzo dei rimorchiatori tipo Maritime Commission V3-S-AH2 di cui abbiamo parlato sinora.

Immagine inviata


Dal momento che ho cominciato a parlare dei problemi legati alla traversata dell'Atlantico per i rimorchiatori americani, tanto vale ricostruire qui anche le vicissitudini di CICLOPE, NEREO e TITANO, battelli di 557 tonn. di stazza lorda e 1220 tonn. di dislocamento (non proprio piccoli, quindi ...), lunghezza 157 piedi (47.9 metri), larghezza 32.5 piedi (9.9 metri), macchine a vapore di 1000 bhp, 10 nodi.
Cominciamo con ATENGO (futuro TITANO). Nel luglio 1944 arriva a Balboa (imbocco del canale di Panama) a rimorchio, a seguito di una panne delle macchine. Nel dicembre successivo viene bloccato a Bermuda da problemi alle macchine e salpa solo il 12 maggio 1945: il 20 è fermo a Horta, isola di Faial (Azzorre, splendido posto: dall'ottobre 1943 vi era una base navale anglo-americana), con nuovi difetti alle macchine. Nel giugno 1945 è a Gibilterra con gravi danni da incendio su una fiancata dello scafo in legno.
Sempre nel luglio 1944, ATARAN (futuro CICLOPE) subisce un incendio in sala caldaie, che fa fondere e collassare molti dei tubi, mentre era all'ormeggio a Manzanillo, Messico. Dopo oltre quattro mesi il battello era ancora lì per completare le riparazioni.
Infine ATOYAC, futuro NEREO, nel gennaio 1945 fa ritorno a Cristobal (canale di Panama) per riparazioni ai motori. A fine maggio 1945 cerca riparo a Faial (Azzorre) con danni alle macchine e allo scafo.

Mi pare che ce ne sia abbastanza per tutti.

Aggiungo che gli ignoti "armatori genovesi" acquirenti dei battelli nel 1947 ne avevano comprato anche un quarto, ATIAMURI ex RESISTER, numero di scafo MC 1420, completato nell'agosto 1944 sempre da Standard SB a San Pedro. Risulta venduto al governo israeliano nel 1954.

Modificata da de domenico, 22 febbraio 2009 - 05:26 .


#127 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 21 febbraio 2009 - 02:43

Ok Ostro, riprendo con queste:



Nisida 1968, foto di A. Scrimali
Immagine inviata



Un saluto a tutti
Stefano


Secondo le mie note, NISIDA è l'ex ST 333, sempre dell'US Army, scafo in acciaio, 1 elica, lungh. 74 piedi largh. 20, macchine diesel da 400 hp, costruito nel 1943-44 da United Boat Service, City Island, N.Y. Faceva parte di una serie di ben 88 battelli, definiti "ST del tipo standard", con sigle nel range tra ST 12 e ST 522. Trasformato in bersaglio a Cagliari il 29.9.1983.

Oltre a MONTE CRISTO, mancano AUSONIA e PANARIA (che secondo me sono anch'essi ex americani).

Modificata da de domenico, 28 febbraio 2009 - 10:42 .


#128 diplodoco

diplodoco
  • Comune di 1a classe
  • 156 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:...ova
  • Interests:aerei
    navi
    foto

Inviato 21 febbraio 2009 - 03:48

Posso solo dire che il Montecristo era l'ex USS ST762.

...e grazie la nota sul Miseno!

e

Modificata da diplodoco, 21 febbraio 2009 - 04:52 .


#129 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 21 febbraio 2009 - 05:33

Posso solo dire che il Montecristo era l'ex USS ST762.



e


Grazie: ST 762 ex DPC 79, stesse caratteristiche del MISENO, costruito da Alexander a New Orleans, Louisiana, nel 1944. A proposito: US Army Tug, non USS.

Modificata da de domenico, 21 febbraio 2009 - 05:39 .


#130 BUFFOLUTO

BUFFOLUTO
  • Capo di 1a classe
  • 2101 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:TARANTO

Inviato 21 febbraio 2009 - 09:46

gradirei una cortesia; a distanza di tanti anni non ho ancora, in maniera completa, le sigle di identificazione
ottica adottate dai dragamine classe 400 prima di assumere l'identificazione NATO;
ringrazio chi mi vorrà fornire notizie in proposito saluti
Buffoluto/Marcello

Modificata da BUFFOLUTO, 21 febbraio 2009 - 09:46 .

Posted Image

#131 ostro

ostro
  • Comune di 1a classe
  • 166 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:taranto

Inviato 21 febbraio 2009 - 10:26

Classe AZALEA per Buffoluto
Ostro
Anemone AN - M 5400 - ex BYMS 2009 - ex DR 409 - (due fumaioli) tipo Anemone
Azalea AZ - M 5401 - ex BYMS 2073 - ex DR 401
Begonia BG - M 5402 - ex BYMS 2073 - ex DR 403
Biancospino BP - M 5403 - ex BYMS 2012 - ex DR 410 - (due fumaioli) tipo Anemone
Dalia DL - M 5404 - ex BYMS 2141 - ex DR 403
Fiordaliso FD - M 5405 - ex BYMS 2277 - ex DR 411
Gardenia GN - M 5406 - ex BYMS 2150 - ex DR 404
Geraneo ( Geranio) GO - M 5407 - ex BYMS 2014 - DR 412 - (due fumaioli) tipo Anemone
Magnolia ML - M 5408 - ex BYMS 2206 - ex DR 405
Mughetto MU - M 5409 - ex BYMS 2023 - ex DR 413 - (due fumaioli) Tipo Anemone
Narciso NC - M 5410 - ex BYMS 2024 - DR 414 - (due fumaioli) Tipo Anemone
Oleandro OL - M 5411 - ex BYMS 2027 - DR 415 (due fumaioli) Tipo Anemone
Orchidea OD - M 5412 - ex BYMS 2037 - DR 406
Primula PU - M 5413 - ex BYMS 2278 - DR 407
Tulipano TP - M 5414 - ex BYMS 2194 - ex DR 416
Verbena VB - M 5415 - ex BYMS 2280 - ex DR 408
Gladiolo GL - M 5416 - ex BYMS 2042 - ex DR 417

#132 BUFFOLUTO

BUFFOLUTO
  • Capo di 1a classe
  • 2101 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:TARANTO

Inviato 21 febbraio 2009 - 10:38

grazie Giovanni per le informazioni; una curiosità per caso hanno sbagliato ad attribuire il nome al GERANIO?
un caso simile è successo alla fregata Fasan era stato dato il nome di Virgilio anziché Virginio
ciao Marcello

Modificata da BUFFOLUTO, 21 febbraio 2009 - 10:41 .

Posted Image

#133 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 22 febbraio 2009 - 10:02

AZALEA ex BYMS 2142 ex YMS 142.
E' la prossima puntata delle "Navi ex inglesi".

#134 ostro

ostro
  • Comune di 1a classe
  • 166 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:taranto

Inviato 22 febbraio 2009 - 10:43

Classe AZALEA per Buffoluto
Ostro
Anemone AN - M 5400 - ex BYMS 2009 - ex DR 409 - (due fumaioli) tipo Anemone
Azalea AZ - M 5401 - ex BYMS 2142 - ex DR 401
Begonia BG - M 5402 - ex BYMS 2073 - ex DR 403
Biancospino BP - M 5403 - ex BYMS 2012 - ex DR 410 - (due fumaioli) tipo Anemone
Dalia DL - M 5404 - ex BYMS 2141 - ex DR 403
Fiordaliso FD - M 5405 - ex BYMS 2277 - ex DR 411
Gardenia GN - M 5406 - ex BYMS 2150 - ex DR 404
Geraneo ( Geranio) GO - M 5407 - ex BYMS 2014 - DR 412 - (due fumaioli) tipo Anemone
Magnolia ML - M 5408 - ex BYMS 2206 - ex DR 405
Mughetto MU - M 5409 - ex BYMS 2023 - ex DR 413 - (due fumaioli) Tipo Anemone
Narciso NC - M 5410 - ex BYMS 2024 - DR 414 - (due fumaioli) Tipo Anemone
Oleandro OL - M 5411 - ex BYMS 2027 - DR 415 (due fumaioli) Tipo Anemone
Orchidea OD - M 5412 - ex BYMS 2037 - DR 406
Primula PU - M 5413 - ex BYMS 2278 - DR 407
Tulipano TP - M 5414 - ex BYMS 2194 - ex DR 416
Verbena VB - M 5415 - ex BYMS 2280 - ex DR 408
Gladiolo GL - M 5416 - ex BYMS 2042 - ex DR 417


Avevo ripetuto la stessa numerazione, comunque grazie, Giovanni

Modificata da ostro, 22 febbraio 2009 - 10:44 .


#135 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 22 febbraio 2009 - 05:22

per quanto riguarda il rimorchiatore individuato come "Ausonia" è probabile che in effetti è l'Ausonia perso perche autoaffondato all'isola di Nocia nel Mar Rosso il 15 aprile del 1941 anche perchè la stazza era di 354 tonn. e nella foto li dimostra tutti. confermate?
ostro


Il primo AUSONIA, costruito nel 1926 da Calcagno ad Arenzano, era di 360 tonn. di dislocamento (misurazione tipica delle navi militari) ma solo 108 tonn. di stazza lorda (misurazione abituale per le navi mercantili).

#136 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 23 febbraio 2009 - 10:10

Una foto del rimorchiatore COMPELLER, poi ATHERIDA, del tipo V3-S-AH2 come TITANO, CICLOPE e NEREO.

Immagine inviata

Fonte:
"From America to United States. The History of the long-range Merchant Shipbuilding Programme of the United States Maritime Commission. Part Three", L.A. Sawyer e W. H. Mitchell, World Ship Society, 1984

Modificata da de domenico, 23 febbraio 2009 - 07:03 .


#137 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 23 febbraio 2009 - 10:16

Un'immagine di un rimorchiatore della serie ST da 86 piedi di lunghezza, simile ma non proprio identico a MISENO e MONTE CRISTO.

Immagine inviata

L'immagine di un rimorchiatore del tipo ST da 74 piedi, come NISIDA.
Immagine inviata

Un'immagine del LT151 della serie "Miki-Miki" da 126 piedi, come ATLETA (ex LT152), TENACE, FORTE e COLOSSO.
Immagine inviata


Fonte:
"U.S. Army Ships and Watercraft of World War II", David H. Grover, Naval Institute Press, 1987

Modificata da de domenico, 28 febbraio 2009 - 03:05 .


#138 sgt marcoz

sgt marcoz
  • Sottocapo - MS *
  • 552 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:ancona

Inviato 23 febbraio 2009 - 06:44

Non vorrei scrivere stupidaggini, ma....il Montecristo sbaglio o era ad Ancona! Se era lui lo ricordo con una ciminiera molto più alta della foto, e se non sbaglio andò in disarmo nel 1978.
Fatemi sapere

#139 diplodoco

diplodoco
  • Comune di 1a classe
  • 156 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:...ova
  • Interests:aerei
    navi
    foto

Inviato 23 febbraio 2009 - 07:22

Per me il Montecristo entrò in disarmo il 31.08.1989.

ciao

Modificata da diplodoco, 23 febbraio 2009 - 07:42 .


#140 Alfabravo 59

Alfabravo 59
  • Capo di 1a Classe - MS*
  • 4589 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Faenza-RA
  • Interests:Storia navale.Servizio Militare di Leva nella M.M. dal 21/2/1985 al 31/8/86. Congedato col grado di Sgt. Fr. Adesso sono un agricoltore. Sono cons. A.N.M.I. nel gruppo di Lugo di Romagna (RA).
  • Indirizzo Email Pubblico:ursamajor@outlook.it

Inviato 23 febbraio 2009 - 09:29

Non vorrei scrivere stupidaggini, ma....il Montecristo sbaglio o era ad Ancona! Se era lui lo ricordo con una ciminiera molto più alta della foto, e se non sbaglio andò in disarmo nel 1978.
Fatemi sapere


Non dici stupidaggini! il MONTECRISTO era ad ANcona. Ogni tanto veniva a RiMini dov'ero io in SML nel 1985-86.

Attualmente la nave è a Chioggia in attesa di demolizione (ho fatto varie foto che dovrei scannerizzare).

Posted ImagePosted Image


#141 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 24 febbraio 2009 - 11:43

Immagine inviata

Fonte:
"From America to United States. The History of the long-range Merchant Shipbuilding Programme of the United States Maritime Commission. Part Three", L.A. Sawyer e W. H. Mitchell, World Ship Society 1984

Dal libro sopra citato risulta che nell’ottobre 1946 sei piccoli rimorchiatori portuali del tipo V2-M-AL1, piccoli battelli con scafo in legno di 90 tonn. di dislocamento e 50 tonn. di stazza lorda, fatti costruire in numero di 35 dalla U.S. Maritime Commission, di cui 34 trasferiti sotto bandiera britannica, sono stati consegnati al governo italiano. Si tratta di piccole unità conosciute anche come classe PORT SEWALL, 66 piedi di lunghezza per 19 di larghezza, macchine diesel da 240 shp. Tutti costruiti nel 1943/44 da vari cantieri americani.

A fine guerra ce n’erano almeno 9 nel Mediterraneo, di cui 6 con il War Department (U.S. Army), anche se con bandiera britannica. Per le unità trasferite all’Italia si conoscono solo le sigle utilizzate dal MOWT, Ministry of War Transport britannico, che sono TUSA (Tug, USA) numeri da 212 a 215 e 222 a 223. Non si conoscono i precedenti nomi americani, della serie PORT…
Qualcuno sa ricostruire le sigle, probabilmente della serie RP (Rimorchiatori Portuali), assunte da questi battelli nella Marina Italiana?

Modificata da de domenico, 24 febbraio 2009 - 05:54 .


#142 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 24 febbraio 2009 - 11:15

Continuo nel lavoro (abbastanza faticoso) di ricostruzione delle identità dei numerosi rimorchiatori ex anglo-americani della Marina Militare. Ne ho trovati almeno altri quattro, tutti ex inglesi e tutti comprati sul mercato dell'usato: ERCOLE, VIGOROSO, FAVIGNANA ( o PANARIA?) e USTICA.

USTICA e VIGOROSO sono due battelli della serie EMPIRE costruiti su ordine del MOWT, Ministry of War Transport, secondo il modello cosidetto "near-WARRIOR Type". Il WARRIOR era un rimorchiatore costruito nel 1935 da Scott & Sons, Bowling, per lavorare nei fiumi e negli estuari, di 250 tonn. di stazza lorda, 425 tonn. di dislocamento, 114 piedi di lunghezza per 26 di larghezza, macchine a vapore (a carbone) di 1000 ihp per 12 nodi. "Near-WARRIOR" significa che i singoli cantieri erano lasciati liberi di produrre ciascuno la sua versione, simile anche se non identica al modello base.

EMPIRE RACE viene costruito da Henry Scarr Ltd., Hessle: varato il 21.11.1941 e completato nel giugno 1942, 244 tsl, 113 x 27 piedi, 1000 ihp. Fino al 1962 lavora per la Royal Navy, in quell'anno viene acquistato (insieme ad altri tre, CAPO FARO, CAPO MILAZZO e MAR SICULO) ) dalla Capiece (o Capieci) SpA di Navigaz., Rimorchi & Salvataggi di Messina come CAPO D'ORLANDO. Il 4 maggio 1973 passa alla Marina Militare come USTICA.

EMPIRE LUCY, costruito da J.S. Watson Ltd., Gainsborough, varato il 6.3.1946 e completato nel giugno 1946, 242 tsl, 113 x 27 piedi, 1000 ihp. Fino al 1958 presta servizio per la Royal Navy, e nel luglio 1962 è acquistato dalle Imprese Marittime Augustea SpA di Augusta (insieme ad altri tre, SANTANTONIO PRIMO, MARE JONIO E BRUCOLI di cui si dirà subito dopo) con il nome OGNINA. Nel 1972 rilevato dalla Marina come VIGOROSO. Radiato il 19.9.1990.

ERCOLE e FAVIGNANA (o PANARIA) appartengono invece al "Modified WARRIOR Type", battelli realizzati sempre per conto del MOWT sul modello del ROACH, altro rimorchiatore completato nell'agosto 1935 da Scott a Bowling, 112.7 piedi per 30, 258 tsl (dislocamento 455 tonn.), macchine con combustibile liquido (più facilmente rintracciabile nei porti fuori dal Regno Unito: queste unità erano quindi concepite per essere utilizzate all'estero) da 1075 ihp per 12 nodi.

EMPIRE BELLE viene costruito da J. Crown & Sons Ltd., Sunderland, varato il 31.10.1943 e completato il 3 febbraio 1944, 257 tsl, 114 x 30 piedi. Svolge attività navale in India e a Singapore fino al 1947, quando viene ribattezzato ELF continuando ad operare per l'Ammiragliato. Nel 1960 acquisito dalle Imprese Marittime Augustea come MARE JONIO. Nel 1971-72 passa alla Marina Militare come ERCOLE.

EMPIRE PHYLLIS, stesso cantiere e stesse caratteristiche del precedente, pennant no. W. 180, varato il 2.12.1944 e completato il 24 gennaio 1945. Svolge attività navale in India e a Ceylon fino al 1947-48, anno in cui passa alla Kuwait Oil Co. Ltd. come HAYAT. Nel 1960-61 acquistato dalle Imprese Marittime Augustea come BRUCOLI, e (secondo il "Repertorio di Marina Mercantile") nel 1973 dalla Marina come FAVIGNANA. Secondo Mitchell e Sawyer sarebbe stato invece acquisito nel 1982 ma poi rimasto inutilizzato a Messina e successivamente demolito. Secondo H.T. Lenton, invece, sarebbe divenuto nel 1982 il PANARIA sempre per la Marina militare.

Le fonti sono:

"British and Empire Warships of the Second World War" di H.T. Lenton, Greenhill Books, 1998

"The Empire Ships" di W.H. Mitchell e L.A. Sawyer, Lloyd's of London Press, 1990

AIDMEN, "Repertorio di Marina Mercantile" (inedito) a cura di Ilo Barbensi e Giorgio Spazzapan

Una foto arriva domattina.

Modificata da de domenico, 27 febbraio 2009 - 04:09 .


#143 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 25 febbraio 2009 - 10:12

La foto di EMPIRE LINDEN rappresenta un gemello di USTICA ex EMPIRE RACE. EMPIRE LINDEN infatti porta il numero di costruzione 419 per il cantiere Henry Scarr Ltd., mentre EMPIRE RACE porta il numero 421 per lo stesso cantiere.

Devo aggiungere che da un mio sommario conteggio non meno di 27 rimorchiatori del tipo EMPIRE di diversi modelli sono stati acquistati da armatori italiani tra il 1949 e il 1969: 5 da Rimorchiatori Napoletani S.p.A., 4 da Rimorchiatori Sardi S.p.A. (ne abbiamo già parlato con Stefano in un precedente topic), 4 da Capiece e via dicendo.



Fonte:
"The Empire Ships. A Record of British-built and acquired Merchant Ships during the Second World War", W.H. Mitchell e L.A. Sawyer, Second Edition, Lloyd's of London Press Ltd, 1990

Immagine inviata


Modificata da de domenico, 25 febbraio 2009 - 11:30 .


#144 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 25 febbraio 2009 - 10:24

EMPIRE PALM era un battello della classe WARRIOR vera e propria, costruito da Scott di Bowling.

Immagine inviata
Immagine inviata


Fonte:
"British Steam Tugs", P.N. Thomas, Waine Research Publications, 1986

#145 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 25 febbraio 2009 - 11:24

EMPIRE MAISIE, quello della prima foto, è il numero di costruzione 431 di Henry Scarr Ltd., quindi un altro gemello di USTICA.

EMPIRE BRACKEN, EMPIRE IVY e EMPIRE PIXIE, i tre battelli rappresentati dal disegno dettagliato (se necessario ci sono anche le piante), sono tutti divenuti italiani: rispettivamente TORTOLì poi LINDOI, POETTO (i) poi MONTELUNGO e FULGOR.

Fonte:
"British Steam Tugs", P.N. Thomas, Waine Research Publications, 1986

Immagine inviata
Immagine inviata
Immagine inviata


Modificata da de domenico, 25 febbraio 2009 - 11:32 .


#146 iy7597

iy7597
  • Sottocapo
  • 513 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Cagliari

Inviato 25 febbraio 2009 - 12:14

Confrontando l'ultima risposta con questo post ho notato che sono stati due i rimorchiatori ad avere il nome di Poetto. Il relitto di uno di questi dovrebbe trovarsi ancora oggi a Cagliari, semiaffondato nella zona del bacino galleggiante: a quale delle due classi apparteneva?


Immagine inviata

#147 ostro

ostro
  • Comune di 1a classe
  • 166 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:taranto

Inviato 25 febbraio 2009 - 12:27

non ricordo se ho già postato queste foto, comunque ecco a voi:

Immagine inviata
L'Ustica nell'85-86 (foto Giovanni Soprano)

Immagine inviata
Ercole 85-86 (foto Giovanni Soprano)

saluti, Ostro

#148 diplodoco

diplodoco
  • Comune di 1a classe
  • 156 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:...ova
  • Interests:aerei
    navi
    foto

Inviato 25 febbraio 2009 - 02:48

Il rimorchiatore Poetto che fino a qualche anno fa era in disarmo a Caglairi ora non c'è più. Quello che si vede nelle foto aeree sicuramente non è il Poetto (dovrebbe trattarsi del Bitti). Peraltro l'aspetto del Poetto cui si fa riferimento era tale da non portarmi a ritenere appartenesse alla classe di rimorchaitori ex americani.

A memoria mi pare di ricordare si trattasse di un mezzo ex inglese il cui fumaiolo era di aspetto basso e largo.
Se avessi a disposizione i volumi dei Lloyd 's che ho altrove potrei controllare...ma ora non è possibile.

Modificata da diplodoco, 25 febbraio 2009 - 06:21 .


#149 de domenico

de domenico
  • Tenente di Vascello -
  • 6607 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 25 febbraio 2009 - 05:07

Confrontando l'ultima risposta con questo post ho notato che sono stati due i rimorchiatori ad avere il nome di Poetto. Il relitto di uno di questi dovrebbe trovarsi ancora oggi a Cagliari, semiaffondato nella zona del bacino galleggiante: a quale delle due classi apparteneva?


Immagine inviata



Il rimorchiatire Poetto che fino a qualche anno fa era in disarmo a Caglairi ora non c'è più. Quello che si vede nelle foto aeree sicuramente non è il Poetto (dovrebbe trattarsi del Bitti). Peraltro l'aspetto del Poetto cui si fa riferimento era tale da non portarmi a ritenere appartenesse alla classe di rimorchaitori ex americani.

A memoria mi pare di roicordare si trattasse di un mezzo ex inglese il cui fumaiolo era di apsetto bass e largo.
Se avessi a disposizione i volumi dei Lloyd 's che ho altrove potrei controllare...ma ora non è possibile.



POETTO (i), prima della Rimorchiatori Sardi (dicembre 1962) poi della Soc. Siciliana Salvataggi (1963), ex FLYING TEMPEST della Clyde Shipping Co. Ltd. (dal 1946), ex EMPIRE IVY del MOWT, costruito da Goole Shipbuilding, del tipo "NEAR-WARRIOR" come USTICA, varato il 22.10.1941 e completato il 4 luglio 1942. Ribattezzato MONTELUNGO per la Siciliana Salvataggi nel 1968, demolito nel 1982 o 1986 ( a seconda delle fonti).

POETTO (ii) della Rimorchiatori Sardi (1969 o marzo 1970), ex SERVICEMAN della United Towing Co. Ltd. (dal 1946), ex EMPIRE STELLA del MOWT.
Un battello del tipo "STELLA", modello costruito per utilizzare macchine a vapore americane in esubero della Franklin Machine & Foundry Co. di Providence, R.I., che sviluppavano 500 ihp per 10 nodi, ma che dettero cattiva prova. Il tipo "STELLA" era di 292 tsl, 123 x 28 piedi.
Costruito da Cochrane & Sons Ltd. a Selby, varato il 30.3.1945 e completato nel settembre 1945. Subisce una esplosione in caldaia l'1.1.1946 e va in disarmo, poi viene venduto alla United Towing Co. Rimotorizzato una prima volta nel 1946 come SERVICEMAN con le macchine (inglesi, da 750-900 ihp) ricavate dall'EMPIRE KEITH (un battello del tipo "Near-WARRIOR", ordinato ad A. Hall & Co. di Aberdeen ma cancellato e demolito quand'era anocra sullo scalo).
Rimotorizzato una seconda volta nel 1961 con macchine diesel. Perde la classificazione l'1.12.1986 ed è cancellato dal RINA nel 1987.

La foto che posto purtroppo non è una meraviglia, ma è l'unica che ho trovato. Raffigura il SERVICEMAN, futuro POETTO (ii), insieme a diversi altri battelli. Dei due battelli più grossi, RIFLEMAN è visto da poppa e SERVICEMAN da prua.

Immagine inviata

Fonte:
"British Steam Tugs", P.N. Thomas, Waine Research Publications, 1986

Modificata da de domenico, 26 febbraio 2009 - 11:06 .


#150 diplodoco

diplodoco
  • Comune di 1a classe
  • 156 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:...ova
  • Interests:aerei
    navi
    foto

Inviato 25 febbraio 2009 - 06:25

Posto che quello della foto sia il Poetto che io conosco ed ho visto fino apochi anni fa, devo arguire che il rimorchiatore ha subito delle modifiche al fumaiolo e, in conseguenza probabile, anche ai motori.
Forse Gichiano potrebbe aiutare, se ha memoria in proposito.




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi