Jump to content
Sign in to follow this  
gilbyit

Storia Dell' Ss America

Recommended Posts

E' interessante notare come in ogni paese ci sia qualcuno che rimpianga l'epoca dei grandi transatlantici un pò come i nostri Michelangelo e Raffaello smatellati dopo solo 10 anni di servizio (una nave ne dura in media almeno 30), oggi vi racconto la storia dell'American Star

 

In origine il suo nome era SS America e venne varata il 31 Agosto del 1939, durante il periodo dal 1946 al 1964 fa la spola tra New York, LeHavre, Southampton, e occasionalmente a Bremerhaven.

 

America.%20drawing.jpg

 

E' una nave di lusso con prima seconda e terza classe, la velocità di corciera è di ben 22 nodi in linea con gli standard dell'epoca; dopo il 1960 la concorrenza delle linee aeree si fa sentire e nel 65 la nave non più usata per le traversate viene venduta ad una compagnia Greca.

 

Venne rinominata Australis, andò in Grecia e venne ricostruita. La capacità di trasporto fu portata da 1,046 persone a 2,258. Le tre classi scomparvero lasciando posto ad un'unica classe turistica, venne messa l'aria condizionata e venne istallata una piscina sul ponte. Fu dedicata a coprire la rotta Europa-Australia

 

Australis2.jpg

 

Nel 1978 non essendoci più introiti venne messa fuori servizio e parcheggiata in Nuova Zelanda, la demolizione inizio ma venne presto interrotta, resto lì fino al 1994 quando fu acquistata per essere trasformata in un hotel galleggiante, durante il trasporto però ci fù una tempesta, i cavi di rimorchio si ruppero e la nave finì alla deriva, si spiaggiò alle isole canarie, dopo 48 ore però a causa del mare in tempesta la nave si spezzò in due tronconi e non fu più possibile recuperarla.

 

early.jpg

 

American38.1.jpg

 

Questo accadde nel 1994, la nave si spezzo nella zona deglia ascensori che a detta di tutti era il punto più debole, oggi il relitto ha perso il troncone di poppa mentre la prua è rimasta lì in posizione quasi a non volersene andare, a non rassegnarsi al suo destino, a voler ancora navigare.

 

db_SSAS001_lo1.jpg

 

American_star_18-04-04_1115.jpg

 

American_star_18-04-04_1127.jpg

 

Ciao

Gil

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sezione adatta. :s01: :s02:

 

Grazie per l'interessante segnalazione.

 

Keltos

Share this post


Link to post
Share on other sites

Argh, l'ultimo atto è iniziato, queste sono due foto di Novembre 2005

 

mobey9.jpg

 

mobey6.jpg

 

Come vedete la base di appoggio del povera SS America è ormai compromessa.

Queste altre foto ivece sono di un mese dopo Dicembre 2005

 

brookes1.jpg

 

brookes7.jpg

 

brookes2.jpg

 

aerial2.jpg

 

Il collasso è comiciato, lo scafo ha ceduto, l'ultimo atto è iniziato.

Una volta sul fianco l'erosione aumenterà e nel giro di pochi anni non rimarrà più nulla della nave.

Era uno dei relitti più spettacolari che avevo mai visto. :s06:

 

Ciao

Gil

Edited by gilbyit

Share this post


Link to post
Share on other sites

impressionante e tristissimo....

 

Gil, ma che fine ha fatto il troncone poppiero? trascinato dalle correnti, rottamato o semplicemente dissolto in ruggine?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho trovato foto però sembra che dopo aver ruotato verso dritta, come si vede nella foto della nave divisa in due sia collassato e quindi ormai sia sotto l'acqua, ho letto che dall'alto se ne vede la sagoma scura sotto il mare.

Durante le tempeste le onde arrivano quasi sempre dalla direzione di poppa della nave per questo probabilmente l'erosione l'ha fatta fuori prima risparmando la sezione di prua.

 

Ho trovato solo queste poche foto

 

beached4.jpg

 

beached5.jpg

 

Nella prima si nota un deciso deterioramento dello scafo di poppa.

 

Ciao

Gil

Edited by gilbyit

Share this post


Link to post
Share on other sites

ke si fà la recuperiamo???????? :s04: :s03:

quasi quasi la metto in giardino....forse c stà 1 pò stretta però nn si può avere tutto........ :s08:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non si riesce a trovare una di quelle foto su google dal satellite per vedere la parte sommersa della nave?

 

Detto fatto

 

http://maps.google.com/maps?hl=en&t=k&ll=2...01,0.003616&t=k

 

Però sul portatile io vedo tutto il mare scuro, voi cosa vedete?

Domattina dall'ufficio verifico se si vede la parte sommersa.

Grazie dell'idea

 

Ciao

Gil

Share this post


Link to post
Share on other sites

A poppa si vede in effetti una macchia scura, ma se non mi avessi raccontato del troncone mancante, la identificherei come macchia di nafta o roba simile...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre per la storia dell'erosione della poppa ho trovato questa foto:

 

SSAmericaWeb07.jpg

 

Scattata dopo poco tempo che la nave si era spezzata mostra bene come la poppa sia già belle che intaccata dalla corrosione, molto più della prua.

Qui trovate l'intera serie di foto da cui ho tratto quella presente scattate da un elicottero venuto a valutare i danni.

http://www.flare.net/users/e9ee52a/America...or%20Bedoya.htm

 

Mentre qui trovate una opagina ricca di notizie e di gallery riguardo a questa nave.

http://www.flare.net/users/e9ee52a/S.S.%20America1.htm

 

Ho anche scoperto che la sua gemella la SS United States è tuttora ormeggia a Filadelfia in attesa che vengano trovati i fondi per un restauro dato che trattasi di monumento di interesse storico

http://www.ssunitedstatesconservancy.org/

Almeno qualcosa è rimasto.

 

Ciao

Gil

Share this post


Link to post
Share on other sites

AGGIORNAMENTO

 

Lo scafo è al limite, anche la plancia se ne è andata

 

Americanstar122006.jpg

 

Americanstar122006%202.jpg

 

Resta la prua...

Share this post


Link to post
Share on other sites

bella nave triste fine

 

 

cmq per essere il relitto recuperabile secondo me lo era

 

basta aver soldi e palle

 

 

cmq interessante poter visitare il relitto solamente peccato che si trovava in una zona cosi' burrascosa

 

 

cmq la macchia scura sul fondale credo che siano i rimasugli di lamiere dei ponti della sezione di poppa

messi a panino uno sopra l'altro

 

:s55:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma siete matti a far vedere queste immagini ad un fanatico di relitti come me!!

Non so come mai, ma i relitti, specie quelli a quota zero, mi fanno andare fuori di testa. Anche quando ero in Marina a Spezia, andavo nella zona al limete del comprensorio dell'arsenale verso Cadimare, dove tutt'ora vengono parcheggiate in attesa di demolizioni le navi disarmate. E quando potevo contravvenendo alla legge vi salivo sopra: in particolare mi ricordo una bella incursione sull' ex Aviere, eravamo in due a bordo e con una torcia girammo tutta la nave, anche nei più reconditi locali e in basso con l'acqua oltre il pagliolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Kashin

Ben triste fine per una nave che ha visto giorni migliori......credo che gli armatori abbiano fatto i suoi calcoli per bene ....per rimettere su la poverina doveva venire una quantita' enorme di spesa.....per poi avere uno scafo comunque obsoleto e che avesse subito sollecitudini notevoli....per il C.te Malaspina anche io amo e ho amato le visite alle unita' in disarmo militari .....il vecchio Garibaldi,Fante,Geniere,Aviere,Granatiere,Aldebaran,Bombarda,Ape ...etc.etc...dove potevo visitavo le "Vecchie Signore"....usando qualche volta per rabbonire i "Guardiani" il modello S&L...(Sigarette e Liquori)... :s51: :s20: :s43:

Share this post


Link to post
Share on other sites
e dal profondo della mia ignoranza non mi risulta ci siano navi di notevoli dimensioni sulle quali sia stata svolta tale operazione.

 

No però ci sono stati dei cargo che sono stati "allungati"

Via la prua "zac!" e aggiunta una nuova sezione e vai di saldatore.

Una volta uno si è spezzato per il mare grosso.

 

Ciao

Gil

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una storia che non conoscevo... grazie :s55: :s55:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao

 

Aggiungo a questo post credo che concluda una storia, dal sito http://www.ss-australis.com arriva la notizia e io la rimando a voi, dopo 13 anni di mare e intemperie la SS Australis conoscita come SS America è oggi defunta, ecco le ultime foto:

 

Luglio 2006

Paul%20Summerfield.jpg

 

Marzo 2007

petrv01.jpg

 

Ultimo saluto

paultrafalgar.jpg

 

Così finisce uno degli ultimi transatlantici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse sono sentimentale, eccessivamente sentimentale... ma anche alle navi bisognerebbe rendere onore, a prescindere da "atti eroici" che possano o meno avere compiuto.

 

Grazie Gyl

Share this post


Link to post
Share on other sites
Qualcuno l'ha fatto: link ed ancora

 

Bel tributo, commovente...

Mette tristezza al cuore quasi fosse una cosa viva.

Share this post


Link to post
Share on other sites

povera nave... Ci sono navi italiane che hanno fatto una fine ben peggiore. Almeno la sua straziante agonia le ha dato la celebrità che non ha avuto in vita in quanto vissuta all'ombra della United States... in quanto a navi italiane sfortunate mi permetto di postare il seguente video..

 

Michelangelo & Raffaello - Last Italian Liners

 

:s67:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,452
    • Total Posts
      513,902
×