Jump to content
Sign in to follow this  
Totiano

Doriano Bellini e la Triton Maris, storia di un marittimo

Recommended Posts

Come sempre queste cose nascono per caso, la pubblicazione di un quadro della Triton Maris sul forum in questo caso. Il nipote di Doriano Bellini mi contatta per avere piu info. Cosi gli invio tutta la mia documentazione su questa unità che ha fatto parte della flotta di un amatore ravennate ed ecco la bella storia

 

TRITON MARIS – DORIANO BELLINI

 redatto dal nipote Alex Scarpellini

 

Sono Doriano Bellini, nato a Comacchio (FE) il 10/02/1950.

d1.jpg

d2.jpg

Nel corso della mia vita ho maturato più di 12 anni di navigazione.

d3.jpg

Il mio imbarco più emozionante è stato sicuramente quello a bordo della Triton Maris dal 04/08/1967 al 
24/01/1968 quando avevo solo 17 anni

d4.jpg

d5.jpg

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 Si faccia attenzione a distinguere le imbarcazioni denominate Triton Maris, perché nella flotta Ravennate ne furono presenti 2

1) Quella “vecchia” di produzione tedesca, piroscafo costruito nel 1898 dalla Actien-Gesellschaft (Akt.Ges.) “Neptun” Schiffswerft und Maschinenfabrik (attuale Neptun Werft) a Rostock, Germania, nasce con il nome Franz Horn (1898-1915) divenuta in seguito Melrose Abbey (1915-19) poi Gibel Hamam (1919-19), Southford (1919-25), Iulia Mantaca (1925-27), Triton (1927-29) ed infine Triton Maris (1929-56). Vita della nave:[1898-1956].

tm1.jpg

tm2.jpg

2) Mentre io sono stato a bordo della “nuova” Triton Maris, quella Olandese, ex Ittersum. Costruita
dagli inglesi nel 1938 dalla William Doxford & Sons Ltd, Pallion e con motore realizzato dalla North 
Eastern Marine Engineering Ltd, Sunderland per la Stoomvaart Maatschappij Oostzee Vinke & co, 
Rotterdam. Nacque Ittersum (1938-1958), poi divenne Triton Maris (1958-1971).
Vita della nave:[1938-1971].

tm1.jpg

tm2.jpg

tm3.jpgtm4.jpgtm5.jpgtm6.jpgtm7.jpg

 

Cominciò tutto quando avevo 17 anni, 1967, dopo qualche esperienza a bordo di motopescherecci a Porto Garibaldi (FE) decisi di andare a Ravenna in cerca di un’opportunità di lavoro a bordo di navi della marina mercantile italiana. Partendo da Comacchio arrivo alla capitaneria di Ravenna con il mio ciclomotore Giulietta rosso e bianco 48cc, chiedo se possono imbarcarmi su una nave. Alloggio una notte presso l’hotel convenzionato, adiacente all’autostazione, poi il mattino dopo partiamo in 2 persone col treno fino a Tarragona in Spagna.
A casa nessuno sapeva che mi fossi imbarcato. Essendo senza mie notizie, mia madre chiese ad un nostro parente (il marito di sua cugina), all’epoca membro della polizia Ravennate, di fare delle ricerche in merito e riuscirono a scoprire che mi ero imbarcato. Infatti, la valigia speditami con il primo cambio di vestiti l’ho ricevuta soltanto dopo circa un mese e mezzo a Rotterdam.

 

d6.jpg

 

Ero iscritto alla prima categoria della gente di mare in qualità di mozzo. La nave era adibita al trasporto 
merci, in particolar modo frumento, granoturco, farina, soia e minerali. So che in passato fu usata durante la seconda guerra mondiale dal giugno 1940 a luglio 1945 per trasporti militari. Sono stato imbarcato circa 6 mesi. I porti che raggiunse la nave con me a bordo furono: Alessandria d’Egitto, Latakia (Laodicea) in Siria, Poti in Georgia (ex URSS), Costanza e Mamaia in Romania, Liverpool e Manchester in Inghilterra, Rotterdam in Olanda, Le Havre e Rouen in Francia, Istanbul in Turchia, Amburgo in Germania e Santander in Spagna.
L’equipaggio era numeroso, composto in maggior parte da meridionali (siciliani e napoletani), rammento il mio compagno di cuccetta (2 posti ciascuna, situate a poppa, la mia era sul lato destro della nave) Arduino Sacchi sui 30 anni, romagnolo ed era il secondo più giovane d’età dopo di me a bordo.
Tra gli aneddoti che mi ricordo, quando eravamo a Costanza in Romania, una notte siamo andati all’antico casinò sul Mar Nero e all’interno scoppiò una baruffa tra l’equipaggio della Triton Maris e quello di una nave Napoletana. Io me ne stavo in disparte mentre gli altri, tutti ubriachi, si lanciavano addosso tavolini e bottiglie di vetro. In seguito alla lite siamo stati portati da donnoni locali dentro ad uno stanzone, dove ci hanno fatti denudare per poi colpirci con getti d’acqua ghiacciata. In seguito alla bravata ci furono detratti dallo stipendio i danni commessi.
Ad Istanbul, nel Mar di Marmara in Turchia, al ritorno da Costanza, il nostromo (un 50enne di Cesenatico) nel caricare le botti di vino gli si tranciò la mano di netto e fu costretto a sbarcarsi in quell’occasione.
Sempre in Turchia tra le montagne, nello stretto dei Dardanelli in una notte di maltempo stormi ininterrotti di uccelli sbattevano nelle gru e sugli alberi della nave, per poi cadere su di essa.
A Poti in Georgia gran parte delle mansioni venivano svolte da donne locali, robuste e forti, che in spalla trasportavano a bordo quarti di Manzo.
Mentre, nei porti Egiziani e Siriani era zona di guerra, dunque c’era il coprifuoco. Dal porto di Alessandria i militari egiziani facevano detonare ordigni subacquei circostanti alle navi ogni mezz’ora per difenderle come deterrente agli attacchi dei sommozzatori.
Nel golfo della Guascogna (di Biscaglia) ci fu un’enorme mareggiata con uragano, la nave era in continuo beccheggio, gli oblò erano sottoposti ad uno sforzo tale da staccarsi e cadere in mare aperto e la gente piangeva, in parecchi persino si legavano con le corde e nel mentre imbarcavamo acqua dai fori creatisi. Io a differenza degli altri ero abbastanza tranquillo, forse per via della mia giovane età e incuranza del pericolo. 
Sono stati riportati svariati danni in coperta, e siamo stati costretti con una manovra di abbattuta a virare in poppa per poi ancorare la Triton Maris in Spagna fuori dal porto di Santander, in attesa che finisse la tempesta, per poi andare successivamente in riparazione nel cantiere navale di Amburgo in Germania.
A bordo un marinaio aveva un pappagallo e un ufficiale prese a Manchester un cane di razza Rough Collie che ricordava a tutti Lassie. In seguito si aggiunse all’equipaggio anche un bastardino.
Nei momenti liberi ero solito passare molte ore sul ponte di comando con gli ufficiali di bordo, perché mi appassionava molto. Durante i pasti avevo il privilegio di mangiare in mensa ufficiali dove aiutavo ad apparecchiare e ripulire la tavola.
Mi sono sbarcato a Rouen per poi prendere il treno di ritorno passando da Parigi. In realtà in quell’occasione ci siamo sbarcati in più di una decina, perché era cambiato il comandante della nave (ormai carretta), il quale aveva la fama di essere un uomo poco prudente che affrontava l’Atlantico anche durante mareggiate estreme.

d1.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

In allegato le lettere che spedivo alla ragazza che pochi anni dopo sarebbe diventata mia moglie Lucia Zannini.

ROMANIA:

c1.jpgc2.jpg

SIRIA

c3.jpgc4.jpg

SPAGNA:

c5.jpgc6.jpg

OLANDA:

c7.jpgc8.jpg

 

 

 

c3.jpg

c4.jpg

c6.jpg

c5.jpg

c7.jpg

c8.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,531
    • Total Posts
      516,325
×