Jump to content
Sign in to follow this  
malaparte

Esposizione Marina Genova 1914

Recommended Posts

Dal 23 maggio al 14 novembre 1914 si tenne a Genova l’ Esposizione internazionale di Marina e Igiene marinara, insieme alla Mostra coloniale italiana

La Mostra della Marina, data la sede, costituì la parte essenziale dell'Esposizione: vi si trattarono i vari tipi di costruzione navale, di attrezzatura, di legislatura, di norme e regole di navigazione, non solo per la marina mercantile, ma anche per quella da guerra tramite modelli, disegni, prospetti, di tutte le navi, antiche e moderne; della nave era possibile vedere tutte le parti, dallo scafo alle macchine, dalla cabina frigorifera agli arnesi di bordo, dall'arredo sontuoso delle sale di prima classe agli strumenti nautici. Una sezione si occupava le istituzioni commerciali marittime, delle assicurazioni, della legislazione; e un'altra era dedicata alla pesca.

Erano tempi di forte emigrazione e talvolta di rientro di emigranti: anche questo tema era trattato. Era anche presente un padiglione italo-americano sul lavoro degli italiani in USA.

La Mostra dell'Igiene marinara si occupava dall'igiene generale a bordo della nave a quella dei porti e delle città marittime; dai mezzi per combattere “i vizi abituali del marinaio” (così dice la Stampa del 6 aprile 1914; chissà cosa intendeva…) al modo di trasportare il bestiame.

A queste si affiancava la Mostra coloniale italiana, meno tecnica ma più accessibile al pubblico anche semplicemente curioso: tessuti, gioielli, artigianato, prodotti agricoli ecc. (tra l’altro, la raccolta personale di lavori in oro ed argento prestata dal Ferdinando Martini, grande governatore dell’Eritrea).

La mostra era stata ideata nel 1910 prevista per il 1911, ma poi rinviata per non coincidere con le esposizioni e celebrazioni previste per il Cinquantenario dell’Unità d’Italia. Presidente del comitato era Tommaso Savoia, duca di Genova. I padiglioni, destinati ad essere smantellati alla fine della mostra, erano progettati nientemeno che dal famoso architetto Gino Coppedè, che a Genova fu particolarmente attivo, anche se è ricordato soprattutto per il sorprendente quartiere Coppedè di Roma. Era collocata nella spianata tra via Fiume e il Bisagno (adesso ci sono i giardini di Brignole, giusto?)

Venne inaugurata con molta solennità il 24 maggio (data fatidica…) dal re Vittorio Emanuele II° dalla regina Elena, che arrivarono in treno alla stazione di Brignole; le cronache del tempo ne ricordano l’enorme folla e lo spiegamento di truppe. All’inaugurazione furono lanciati (orrore!) ben 1500 piccioni viaggiatori (riflessione personale sugli effetti che la maledetta peristalsi continua di quelle bestiacce può avere provocato sulla folla…) e venne posata la prima pietra della città universitaria progettata da Giacomo Misuraca sul colle San Martino d’Albaro (così si dice nell’Illustrazione Italiana del 31/5/14; non sono molto esperta di Genova, ma non mi risulta che esista una vera città universitaria, ma che in zona esistano alcune facoltà scientifiche. Attendo conferme da genovesi…).

Un paio di particolarità sui trasporti, per dare idea di cosa ha significato quella mostra per Genova. Era stata appositamente creata, per la prima volta in Italia, la Telfer , una particolare ferrovia sospesa monorotaia che collegava via Fiume al molo Giano del porto (poi utilizzata per trasporto merci, smantellata nel 1918). Inoltre, una funivia panoramica  collegava l’esposizione con il bastione del Prato.

In web si trovano molte immagini. Posto qualcosa sia dal web che dall’Illustrazione italiana

v.

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Esposizione_internazionale_di_marina_e_igiene_marinara_-_Mostra_coloniale_italiana

https://it.wikipedia.org/wiki/Telfer_(monorotaia)

La Stampa 6/4/14

Illustrazione Italiana 31/5/14 e 7/6/14

 

Manifesto Mostra Fondazione Ansaldo.jpg

ingresso (2).jpg

ingresso (1).jpg

inaugurazione (1).jpg

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevo notato anche io. D'altra parte, se hai visto il quartiere Coppedè a Roma... io lo trovo suggestivo e fantastico. Forse serviva a navigare su Tigri ed Eufrate, che ne so...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,578
    • Total Posts
      517,067
×