Jump to content
Ocean's One

TOTI IN 1:1 !!!

Recommended Posts

On 4/7/2022 at 21:36, Ocean's One said:

(...)

Buona parte dei comandi delle casse è già definita, ma mi restano alcuni dubbi, che vorrei discutere usando queste foto del battello vero. La prima riguarda la zona valvole:

 

Post-220705-A.png


La freccia rossa indica un volantino incognito che cade entro l'area che sto costruendo.
(...) 

cos'era l'oggetto in questione?

(...)

 

@S513

Fabio, ringraziandoti per i complimenti, approfitto della tua esperienza per chiederti un punto per me ancora incognito.

Riesci a ricordarti cosa fosse quel volantino rosso scuro in questa foto, indicato dalla freccia rossa?

Visto che lo sto riproducendo funzionante, se possibile vorrei attribuirgli una funzione verosimile.

n.b. La foto è del Toti, ma magari sul Dandolo era un po’ diverso...

________
 

Ho poi un secondo input da chiederti:

 

Quote

Invece, la freccia grigia indica una possibile posizione che potrei sfruttare per una piccola tastiera assetto, che aggiungerei arbitrariamente.

(...)
Tuttavia, la vera tastiera assetto è in una posizione non riproducibile, per cui occorre fare una forzatura e crearla ex-novo in una posizione sensata.

 

E’ vero che la vera tastiera sarebbe più grande e cadrebbe fuori dall’area che sto riproducendo, ma aggiungere un po’ di funzionalità per casse compenso e casse assetto renderebbe il gioco più interessante.

Quindi, la mia ipotesi è fare una mini-tastiera con selettori manuali posta a mezza altezza, più o meno in corrispondenza della freccia grigia del fotomontaggio di cui sopra.

Potrei metterci da 4 fino a 10 selettori rotanti e, se possibile, riprodurre almeno alcune funzionalità della tastiera e della pompa assetto.

Tu ti ricordi com’era la disposizione delle valvole sulla tastiera assetto?

Mi aiuteresti molto. 
Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Ocean's One

Bella domanda!

Non ti nascondo che dopo 44 anni ho alcune lacune, Chiedo perdono!!!

Purtroppo la scritta sul cerchio all'interno del volantino non è leggibile, vero anche il fatto che sul Dandolo avrebbe potuto essere differente.

In quella zona cerano anche varie riduttrici dell'aria compressa con relativo valvolame.

Tocca fare un salto al Museo della Scienza!

Per la tastiera dammi tempo fino a dopo le varie feste, dovrei avere qualche appunto del tirocinio.

Ho ancora il "Quaderno/Vangelo" di allora!

Se la memoria non mi inganna erano due gruppi affiancati di 8 valvole e altre 4 sopra.

Ti farò sapere

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 hours ago, S513 said:

Ho ancora il "Quaderno/Vangelo" di allora!

 

 Potresti farne una discussione dedicata, sarebbe una bellissima testimonianza!

Se puo essere di aiuto nel compilare ti lascio anche il link al (mio) sito dedicato ai Toti, che comunque penso tu concosca gia: www.delfinidacciaio.it

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Ocean's One, buon anno, un poco in ritardo!

Non mi ero scordato di te, tra festività con influenza, lavori di ammodernamento casalinghi e varie ed eventuali sono riuscito a recuperare il mio quaderno del tirocinio.

Ti invio le pagine relative a casse, assetto ed aria.

Se hai qualche domanda non esitare, dove non arrivo io sicuramente ci darà manforte il direttore Totiano, cronologicamente è più vicino e conosceva tutto anche meglio di me in quanto direttore di macchina.

Perdona la calligrafia, ho sempre avuto il vizio, osteggiato dai professori, di scrivere molto piccolo con i Rapidograph 0,2!

Aggiungo la foto migliore che ho trovato in rete di mezza tastiera! si vedono anche le 2 chiavi che usavamo per aprire/chiudere le valvole.

Ciao

 

Servizio assetto e compenso.pdf

tastiera2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie!

Il tuo taccuino è bellissimo, nonché di gran valore, direi io.

Per la calligrafia, la leggo benissimo. Del resto, immagino fosse tuo preciso interesse essere il più chiaro possibile, o sbaglio? :biggrin:

 

Ora me lo devo digerire per bene ed immagino che mi servirà un certo tempo.

Se avrò bisogno, non mi farò scrupoli a chiedervi i punti dubbi. Preparatevi...

Per intanto, grazie ancora dell'utilissimo documento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@S513

Hi già dato una prima lettura al tuo prezioso taccuino e già mi nasce qualche domanda.
Iniziamo...

 

Per esempio, le due valvole che connettevano i collettori di aspirazione e di mandata alla pompa, normalmente erano aperte o chiuse?
Rimanevano sempre aperte, visto che tanto venivano chiuse sia la presa a mare che le prese alla casse, oppure per sicurezza si chiudeva sempre tutto, quando non in uso? 
(dalla risposta dipenderà il numero delle valvole che dovrò rendere funzionanti nel simulatore)

 

Seconda cosa, la più banale: ho bisogno di sapere come è orientato lo schema che hai disegnato. Una volta il disimpegno è a sinistra, una volta e a destra, anche se penso che sia quest’ultimo lo schema capovolto.

Quindi, ti chiedo conferma: l’ordine corretto è, da sinistra a destra, disimpegno, assetto AV, compenso entrata (1sn/dr), espulsione, compenso entrata (2sn/dr), assetto AD, mare, pompa. Giusto?

E il collettore di aspirazione è quello più vicino al tastierista, mentre quello di mandata è il più lontano?

 

Attendo conferme, e grazie ancora per la preziosa info

 

Edited by Ocean's One

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Ocean's One

Allora: quello sul foglio a quadretti è lo schema funzionale, quello sul foglietto più piccolo è il disegno fisico della tastiera. Lasciami fare una ricerca più approfondita tra i miei appunti e le foto in rete.

Sai, quarantatre anni di distanza non sono pochi!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Ocean's One

Ho trovato questa foto, non lontano da casa! sul sito del nostro "mentore", Delfini d'acciaio! Foto scattata sul mio Dandolo, si vede lo stemma autoadesivo a sinistra del reostato della pompa assetto, sopra ai manometri e le valvole del compressore

357397729_Tastieraassetto.gif.a055d83deb335d8604daf811d2f0e393.gif

Adesso cerco di rispondere alle tue domande e qui chiedo l'intervento di Totiano ove dicessi delle fesserie scusate dagli anni!!!!😱😂🤦‍♂️

Sono sicuro che ad ogni ordine si aprivano e chiudevano due valvole, infatti ci sono due volantini sulla tastiera, uno più alto dell'altro così si poteva agire anche su due valvole affiancate.

All'ordine "mare - compenso" si aprivano la valvola di aspirazione mare e la mandata compenso.

All'ordine opposto "compenso - mare" la valvola di aspirazione compenso, la mandata mare e si avviava la pompa assetto.

Solitamente l'ordine era accompagnato dalla frase, ad esempio, "200 litri" oppure "a leggere"; in questo caso il tastierista leggeva ad alta voce il conta litri finche il direttore o chi per esso ordinava "ferma...."

Se ben ricordo alla partenza si imbarcavano i pesi dovuti nelle compenso 2 dr e sn, ed in navigazione si lavorava sulle compenso 1 alla bisogna, casse collegate in parallelo per cui auto bilancianti per vasi comunicanti.

Le 4 valvole dietro alla tastiera erano sempre aperte (nel mio foglio da 9 a 12) e si lavorava con le valvole compenso 1 o 2 della tastiera.

Penso di ricordare bene dicendo che le valvole della pompa fossero sempre aperte, darti esattamente l'ordine partendo da sn pompa, mare ecc. o viceversa e quindi quale fosse il collettore aspirazione e quale il mandata è un bel tirare ad indovinare!

Non metto la mano sul fuoco anche per i miei disegni, vanno ruotati o no? chi può dirlo, occorre un sopraluogo, ogni valvola ha il suo anello con dicitura.

Sentiamo se Totiano mi smentisce in tutto o no...😂😂

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @S513 e grazie per questa seconda dose di preziose informazioni.
Certamente il tuo esempio "mare-compenso" per me è chiarificatore su come si lavorasse.
E' interessante anche sapere quali valvole rimanessero sempre aperte: non lo avrei detto per le 9-12 delle partizioni delle casse di compenso, ma vedo che è così.
Bene, ciò mi consentirà di capire cosa riprodurre e cosa no, visto che alcune funzioni poco usate posso anche evitarle. E' pur sempre un simulatore a scopo ludico...

 

Veniamo ora alla sequenza delle valvole sulla tastiera.
E' vero che aspettiamo il nostro Dir @Totiano che magari ci darà qualche dritta (o qualche PING! :biggrin: ), però io una deduzione la posso già fare su quale dei tuoi due disegni sia capovolto.
Infatti, la logica mi dice che la valvola della Cassa Assetto AV debba stare più a sinistra di quella della Cassa Assetto AV.
Vista la posizione del tastierista, la sua sinistra va verso la prora del battello, la sua destra verso poppa.
Quindi, ritengo che le valvole della cassa assetto AV stiano a sinistra, ovvero verso prora, come è giusto che sia.
Con questo assunto, la sequenza corretta è quella dello schema funzionale nel tuo taccuino:
(da sinistra a destra)
- disimpegno
- ASSETTO AV
- compenso entrata (1sn/1dr)
- espulsione
- compenso entrata (2sn/2dr)
- ASSETTO AD
- mare
- pompa

Sempre con questa logica, il collettore di aspirazione è il più vicino al tastierista, quello di mandata è il più lontano.
Concordate?

 

________

 

Ora ho qualche altra domanda.
Quando la pompa era azionata e trasferiva acqua ad una cassa, lo sfogo d'aria di quest'ultima era aperto o si andava a comprimere l'aria contenuta nella cassa?
Per le casse compenso non resistenti alla massima pressione, c'era un sfogo d'aria sempre aperto per evitare che scoppiassero? (tanto penso che queste casse non si potessero esaurire con aria compressa direttamente verso il mare, o sbaglio?)


Infine, sapevo che la cassa espulsione fosse normalmente allagata in immersione, con la presa a mare sempre aperta (ed infatti questa è la luce verde sull'albero di Natale). Allora, in queste condizioni travasare da compenso ad espulsione equivale a scaricare acqua a mare, giusto?
Ma c'erano delle condizioni in cui serviva travasare un preciso quantitativo di acqua nella cassa espulsione e tenercelo lì?

Se sì, vorrebbe dire che in quelle condizioni occorre chiudere la presa a mare della C.E., mentre ora io l'ho prevista sempre aperta. Se però mi dite che serve, allora la modifico...

 

Grazie ancora del supporto.
Ciao a tutti i Totiani/Dandoliani.

Edited by Ocean's One

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @ocean's One

A memoria la presa a mare della cassa espulsione è sempre aperta anche perché parte del sistema di emergenza "margherita".

Non ricordo di ver mai scaricato in cassa espulsione, si andava direttamente a mare, la cassa era sempre piena.

Bella domanda per le casse compenso, non ricordo la possibilità di gestirle con aria a bassa pressione, devo sfogliare i miei appunti prima di risponderti. E' probabile che ci fosse la possibilità di intercettare gli sfoghi d'aria che normalmente non comandavamo.

Per l'ordine concordo con la tua logica, ti ripeto che non ho certezze, chiedo venia !!!!

Spero che Totiano non mi smentisca totalmente, sarebbe umiliante!!!!😱😱🤣🤣🤦‍♂️

Buona notte!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto, confermo che si potevano anche spostare volumi d'acqua tra casse compenso con aria, quindi erano presenti sfoghi intercettabili.

Ancora buona notte

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusatemi ma è un periodo difficile...

dunque, direi che un po di didattica potrebbe essere utile e il buon Fabio sono serto ricorderà il filmato (14) didattica smg classe toti 2 - YouTube

cio detto, le 8 + 8 valvole dovrebbero essere da prora a poppa 

assetto AV

disimpegno

espulsione

compenso cn  (con ulteriori 2 valvole sopra la tastiera per mandarle a dr o a sn)

compenso cn

assetto addietro 

presa a mare

pompa

 

confermo che la pompa era sempre aperta. Dal filmato si evince bene il funzionamento della cassa espulsione per l'assetto silenzioso ma era anche possibile travasare da una cassa all'altra usando l'aria.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Due cose IMPORTANTI:

1- uno o due filmati li avevo visti, in altri appaio anch'io, che nostalgia!

2- Totiano NON mi ha cazziato!!!! Medaglia! Medaglia!😂😂😂👍👍

Mi ricordavo ancora bene nonostante qualche lacuna.

Dal filmato si vede bene, il collettore mandata è quello verso scafo.

Buon appetito, vado "orgogliosamente" a cenare!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima di tornare a nuove domande sul funzionamento di tastiera e valvole, cambio per un attimo argomento, visto che questa discussione è fatta sia di logica di funzionamento che di "ferro".

 

Passo allora brevemente al "ferro", con una foto d'insieme dei volantini delle valvole dell'aria.

Qui ne vedete sei, mentre altri due sono pronti e due quasi. 

Ne userò cinque sulla destra, di cui tre funzionanti, per le valvole dell'aria più importanti (considerate che le altre cadono fuori dalla parete che sto riproducendo).

A sinistra, per la margherita, ne avrei tre o forse anche cinque da posizionare lì. 

Ma quante valvole c'erano effettivamente a sinistra del timoniere verticale?

Erano tutte per la margherita?

Secondo voi, vale la pena farne almeno una funzionante? Io direi di no, ma ormai  la stiamo prendendo così seriamente... :laugh:

 

Post-230208.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti non erano direttamente per la margherita ma per dare aria alle casse gasolio resistenti e sono tutte destinate esclusivamente a questo scopo (se ben ricordo). Il collegamento tra le casse gasolio e la cassa espulsione avveniva con le valvole sotto il tavolo da carteggio che costituscono la "Margherita" . Se non sono chiaro fischia, mi raccomando! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nei filmati didattica Toti ci sono immagini dove si vede bene la margherita, sotto al tavolo dietro al periscopio

Share this post


Link to post
Share on other sites

@S513 

ti ringrazio della info.

Però, arrivare a riprodurre anche la margherita è troppo.

Il tavolo dista 2 m dalla parte che sto riproducendo, quindi purtroppo non si può fare, a meno di realizzare un simulatore che occupi un'intera stanza.

 

Invece, per fini ludici, potrei rendere funzionante una valvola per dare aria alle casse nafta resistenti (una sola per tutte le casse), supponendo che in parallelo ci sia qualcun altro che agisce sulla margherita.

Però questa sarebbe solo la simulazione di un'emergenza gravissima, quindi nel gioco normale non si userebbe.

Sono indeciso, forse questa funzione non la faccio proprio...

________

 

p.s. invece, dai filmati didattici del Toti forse ho visto qualcos'altro di utile sulla tastiera.

Ve lo posto al prossimo giro.

   

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ping per un piccolo aiuto.

Qualcuno mi conferma che le valvole dell’aria si aprivano girando il volantino in senso antiorario?
E di quanto occorreva ruotarle? Basta un quarto di giro?
Grazie, ComandantI!

________
 

p.s. I lavori procedono, anche se ultimamente non ho postato più nulla qui.

In realtà mi sto concentrando un po’ di più sul software, come avrete visto nell’altro thread…

Share this post


Link to post
Share on other sites

si aprivano in senso antiorario, mi sembra di ricordare,  e per l'apertura completa serviva piu d'un quarto.  è proprio ora di andare a bordo 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, dopo una settimana di snorkeling sono, purtroppo, rientrato e pronto a muovere!

Confermo quanto detto da @Totiano apertura come sempre in senso antiorario, se non ricordo male forse due giri per l'apertura totale.

Venivano aperte alla bisogna, alle volte bastava anche meno di un quarto di giro.

Ricordiamoci che si parlava di pressioni d'aria elevate

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Grazie delle tue info, @S513

Prendo atto dei due giri antiorari per l'apertura totale. 

Purtroppo nel simulatore i comandi sono tutti on-off e non proporzionali, quindi appena apri un po' c'è già tutta la portata di lavoro. Comunque potrebbe andare; tu dici che, con quella pressione, anche l'apertura di un quarto di giro dava i suoi effetti.  

 

Oggi ho ultimato le valvole dell'aria.

Il corpo della valvola idraulica a sfera era già stato connesso al microswitch a rotella, azionato dalla sfera della valvola stessa; oggi ho modificato la leva anteriore: l'ho tagliata e piegata, poi bloccata con un manicotto filettato (dado lungo) M6. Su questo manicotto si innesterà una ruota da carrello da 80 mm, poi bloccata con una rondellona in ottone ed una vite M6:

Post-230226-A.jpg

 

Qui vedete il retro della ruota in plastica, su cui si impegna il moncherino della leva della valvola, in modo da rendere ruota e valvola solidali nella rotazione.

Post-230226-B.jpg

 

Ecco la valvola finita:

Post-230226-C.jpg

 

Ed ecco la foto di gruppo.

Ci sono tre valvole dell'aria funzionanti, che saranno disimpegno, espulsione e CC.ZZ. 1, 2, 3, 4, queste ultime comandate tutte insieme (lo so, qualche compromesso va accettato).

Dietro vedete anche la leva rossa dello sfogo aria disimpegno, di cui parleremo meglio più avanti.

Post-230226-D.jpg

Edited by Ocean's One

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esiste un Academy Awards a cui si possa proporre il tuo nome? Al posto della statuetta dell'Oscar propongo un Toti in miniatura dorato! Siete tutti d'accordo??

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, S513 said:

Esiste un Academy Awards a cui si possa proporre il tuo nome? Al posto della statuetta dell'Oscar propongo un Toti in miniatura dorato! Siete tutti d'accordo??

ovvio che si, anche se in Betasom abbiamo le nostre onorificenze che consegnamo ogno anno in occasione della nostra festa

Festa Ventennale BETASOM Giugno 2022 - Consegna Onorificenze - Annunci - Betasom - XI Gruppo Sommergibili Atlantici

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 hours ago, S513 said:

Esiste un Academy Awards a cui si possa proporre il tuo nome? Al posto della statuetta dell'Oscar propongo un Toti in miniatura dorato! Siete tutti d'accordo??

Beh, abbiamo una statuetta ma è del Sauro non del Toti.

Edited by Iscandar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho latitato per un po', stante l'imbarazzo per i vostri immensi complimenti, di cui vi ringrazio molto.

Certamente mi date la carica per continuare in questo "lavoretto", che ormai dura da tre anni...

 

In questi giorni ho lavorato ancora un po' sulle valvole dell'aria, che ora sono in posizione e corredate da un po' di raccordi in ottone e da un bel manometro finto di uno dei gruppi aria.

Manca ancora il collettore a cui le valvole sono collegate, che penso di riprodurre in plastica e verniciare in color ottone. Arriverà anche quello...

 

p.s. ma qualcuno sa cosa c'era scritto esattamente sui volantini?

(Il font mi sembrava rosso su nero)

 

Post-230305.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

All'incirca si, ma nn con precisione, e non trovo una foto decente. credo sia ora di andarne a vedere uno dal vivo....

Share this post


Link to post
Share on other sites

In attesa di capire cosa scrivere sui volantini, ecco l'avanzamento dei lavori.

Ho riprodotto il collettore della tastiera aria principale, per la parte compresa nella zona che sto riproducendo, ovvero le prime due linee valvole di sinistra.

 

Sono rimasto sulla tecnica classica, mettendo insieme pezzi di plasticard e spezzoni di tubo in policarbonato, tagliati, incollati e rifiniti in modo da girare attorno ai microswitch delle valvole funzionanti (le tre in alto).

Il collettore è ancora da verniciare.

 

Post-230325-A.jpg

 

L'ho comunque messo in posizione per verificare la correttezza del montaggio.

Ecco qui la tastiera aria completa.

Il collettore, per ora in parte bianco e in parte trasparente, diventerà di un bel colore ottone.

 

Post-230325-B.jpg
 

 

Ed ora l'immancabile domanda agli intenditori.

Nelle foto del Toti a Milano il collettore dell'aria sembra piuttosto scuro, ma suppongo che da nuovo fosse più lucido e più chiaro. E' vero?

Fra l'altro, io sarei costretto a verniciarlo in un colore dorato per mantenere la stessa tinta dei due rami che vanno alle valvole inferiori, che come vedete sono di raccorderia idraulica in ottone, di tipo commerciale.

Cosa dite, vado? Spero non sia troppo chiaro...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao!

A me sembra di ricordare che le scritte sulle valvole, sul Dandolo, fossero nere ed incise sulla rondella centrale.

Per quanto riguarda i colore dei tubi non mi preoccuperei più di quel tanto.

Li ricordo tutti biancastri con le bande colorate che identificavano il liquido o gas.

Ricordatevi, comunque, che sono ricordi datati!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

@S513

ok, per i tubi non mi preoccupo. Li faccio comunque tutti bianchi, mentre per le bande colorate posso anche soprassedere.

Invece, il collettore della tastiera aria principale è in color ottone, lo puoi vedere qui con le cinque valvole che ho previsto (ovvero, la parte sinistra visibile della tastiera).

Mi sembra che l'effetto globale sia buono.

 

Post-230330-B.jpg 

 

Aggiungo che tre di queste valvole sono funzionanti: quella in alto a sinistra sarà il Disimpegno (era veramente così, mi sembra), quella mediana a sinistra sarà l'Espulsione e quella mediana a destra comanderà al contempo le quattro CC.ZZ. 1/2/3/4.

Le due valvole più in basso sono finte.

 

Vedete anche tre cerchietti rossi che ho disegnato sopra una scatoletta elettrica.

La mia intenzione è di fare una leggera forzatura, però utile per il gioco.

Infatti, non sono presenti dei manometri funzionanti per i gruppi aria; per monitorare il consumo d'aria avrei quindi previsto tre spie nelle posizioni indicate, che si spengono quando il relativo gruppo aria è scarico.

Potrei far spegnere insieme le luci dei gruppi 2 e 3, che erano in parallelo secondo le indicazioni del Dir, mentre quando si spegnerà anche il gruppo 1 di riserva, non sarà più possibile comandare l'esaurimento delle casse.

In aggiunta, per la ricarica dei gruppi aria farò sì che il compressore parta in automatico non appena si accendono i Diesel, in emersione o allo snorkel.

Cosa dite, può andare?

 

________

 

Altro passo: ho definito la posizione della scheda di I/O n°3 che controllerà tutte queste funzioni.

Fra un po' si riparte con i cablaggi...

 

Post-230330-A.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembrano entrambe possibili, ne perderà l'autenticità del modello ma non credo il gioco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo pienamente con @Totiano, riuscire a rispettare la realtà anche solo al 80/90% sarebbe bello ma quasi impossibile.

Un ricordo molto vago, da ragazzino, in piazza Sn Vittore di fronte al Museo della Scienza stazionò per qualche tempo un pezzo di modello di sommergibile in legno a grandezza naturale.

Potrebbe essere un simulacro della progettazione?

Magari ne sapete qualcosa, in caso non possiamo chiederlo in prestito? 😱😱😂😂😂🤦‍♂️🤦‍♂️

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 hours ago, S513 said:

Un ricordo molto vago, da ragazzino, in piazza Sn Vittore di fronte al Museo della Scienza stazionò per qualche tempo un pezzo di modello di sommergibile in legno a grandezza naturale.

Potrebbe essere un simulacro della progettazione?

Magari ne sapete qualcosa, in caso non possiamo chiederlo in prestito? 😱😱😂😂😂🤦‍♂️🤦‍♂️

 

Ricordi in quali anni?

potrebbe essere il simulacro in legno che realizzarono per la costruzione dei Toti, successivamente trasferito a Taranto e, purtroppo, andato distrutto ai primi anni 80 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao, si tratta di un vago ricordo di quando ancora abitavo in Milano città, approssimativamente fine anni 60.

Penso si tratti sicuramente di quello, peccato sia andato perso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo, un vero peccato!

Quanto mi sarebbe piaciuto vederlo...

 

 

Ora, Totiani e Dandoliani, vi voglio fornire un vista d’insieme dei comandi del tastierista, con l’aggiunta della posizione di ciò che ancora non c’è.

Potremo così parlare di funzionalità ed analizzare nel dettaglio ciascun comando.

 

Post-230407.jpg

 

Eccovi l’indicazione delle singole funzioni:

 

 

VALVOLE ARIA

1 – Cassa Disimpegno

2 – Cassa Espulsione

3 – CC.ZZ. 1234 in sincrono

(le altre due valvole dell’aria sono finte)

 

SFOGHI D’ARIA

4 – Cassa Disimpegno

5 – Cassa Espulsione

6 – CC.ZZ. 1234 in sincrono

Nota: questa è una leggera forzatura, perché nel Toti reale le leve sono solo due.

Inoltre, questi sarebbero i comandi delle prese a mare, mentre i veri sfoghi d’aria dovrebbero essere più in basso (posizione 7)

 

PRESA A MARE

7 – Cassa Disimpegno

(leva ancora da applicare)

Nota: in realtà, qui ci dovrebbero essere i comandi degli sfoghi d’aria delle casse Disimpegno ed Espulsione, ma ho spazio per metterne uno solo e non due.

Inoltre, la presa a mare della Cassa Espulsione è sempre aperta, salvo condizioni particolari. La stessa cosa vale per le prese a mare di 1, 2, 3 e 4 (anzi, addirittura 2 e 3 non si possono mai chiudere).

L’unica presa a mare con possibilità di chiusura è quindi la Disimpegno.

Era logico, anche se comunque una forzatura, assegnare il comando della presa a mare della Cassa Disimpegno a quest’unica leva, isolata dalle altre, tenendo i tre sfoghi d’aria in posizione 4, 5, 6.

 

SPIE GRUPPI ARIA

8 – tre gemme per Gruppi 1, 2 e 3

(spie ancora da installare)

Come già condiviso con voi, visto che i veri manometri dei gruppi aria cadrebbero fuori dall’area riprodotta, per monitorare il consumo d’aria metterò arbitrariamente tre spie, ciascuna per uno dei gruppi aria.

Le gemme si spegneranno progressivamente man mano che i gruppi si svuotano, magari farò 2 e 3 insieme, visto che questi gruppi erano in effetti in parallelo.

 

MANDATA ARIA PER ASSETTO SILENZIOSO – RUBINETTO INCOGNITO

9 – volantino color rosso scuro ancora da identificare. Vd. mio post del 5/01/23

Finora non ne conosco la funzionalità e probabilmente si tratta di una funzione accessoria poco importante da riprodurre.

Visto che il rubinetto è funzionante, sto pensando di assegnargli arbitrariamente una funzione per l’assetto silenzioso: chiudere in sincrono gli sfoghi d’aria delle casse Assetto AV, Compenso (unica) ed Assetto AD, dando al contempo 4 bar di pressione per l’esaurimento di queste casse (ciò vale soltanto fino a 40 m di quota, di più queste casse scoppierebbero).

Naturalmente, questo comando andrebbe usato in parallelo alla Tastiera Assetto, vd. punto seguente.

 

TASTIERA ASSETTO

10 – Tastiera assetto semplificata e riposizionata

(comandi solo per 2 x Assetto AV + 2 x Compenso + 2 x Assetto AV + 2 x mare + marcia pompa assetto)

Mi piacerebbe installare questa tastiera, dotata di selettori elettrici anziché valvole a comando meccanico.

Tuttavia si tratta di un componente molto grande, diciamo più di mezzo metro già solo per la metà che ci interessa. Oltretutto è posta molto in basso e un po’ fuori dall’area in via di riproduzione.

Potrei compiere una grossa forzatura ed aggiungere questi interruttori elettrici nella zona indicata come 10.

Ne risulterebbe una tastierina molto piccola e posta un po’ troppo in alto: non ne sono ancora convinto.

L’alternativa è fare qualcosa di completamente nuovo, grande almeno come una scatola da scarpe e posta in orizzontale a 40 cm da terra, come quella vera.

Qui si scontrano la mia voglia di semplificare e quella di essere fedele all’originale. Sono combattuto…

 

 

Per ora è tutto.

Si accettano commenti e suggerimenti.

Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ormai siamo fuori dall'originale, almeno in questa parte per cui non mi preoccuperei troppo, Marco.

L'unica cosa che stona è vedere "in serie" (una sopra l'altra)  le valvole 1 e 2 ovvero disimpegno ed espulsione, davvero lontana dalla filosofia che vede in orizzontale la distribuzione degli utenti e in verticale le valvole di riserve o un ulteriore diramazione.

 

Per la tastiera assetto, visto dove ormai siamo, potresti prendere a prestito quella dei Sauro, l'ho evidenziata in rosso in basso a sinistra

 

genoa-submarine-nazario-sauro-s518-2_mobile.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie, Marco.

 

Tralasciamo per ora il discorso tastiera, visto che la voglia di fare le cose fedeli mi sta tornando e probabilmente farò la scelta più corretta, anche se più onerosa.

 

Invece, grazie per avermi dato i tuoi commenti e spiegato la filosofia che sta dietro alla sequenza delle valvole.

Ti devo dire che possiamo benissimo definire un diverso ordine: nessun filo è ancora collegato e possiamo attribuire qualsiasi funzione a qualsiasi valvola vogliamo.

Quindi, parliamone meglio prima di congelare la configurazione finale.

Per inciso, mi sembra di ricordare che per ridondanza c’erano due valvole Disimpegno, una sopra l’altra, proprio nelle posizioni 1 e 2. Facciamo così?

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Rinnovandovi l’augurio una Buona Pasqua, torno sull’argomento della fedeltà e funzionalità dei comandi.

 

Lo faccio buttando sul tavolo una serie di “domande esistenziali”, legate alla filosofia di utilizzo di questo simulatore, se confrontata con quella dei sottomarini veri.

Le risposte mi serviranno per capire dove mirare nella riproduzione delle varie funzioni. 

 

Ringrazio in anticipo chi avrà il fegato :blink: di leggere il tutto e dare risposta a queste mie questioni.

Ad ogni modo, già una risposta alla prima domanda mi sarà molto utile per capire il livello di fedeltà a cui puntare.

 

Eccovi il malloppo:

 

 

DOMANDA 1

La domanda più importante, ovvero il bilanciamento fra fedeltà e facile giocabilita. Cosa facciamo?

1A - Fedeltà massima

1B - Fedeltà alta, ma con ausilii per impedire manovre palesemente errate

1C - Gioco semplice, a prova di stupido

 

 

DOMANDA 2

Vogliamo mantenere anche le sequenze dei comandi più complesse? Se fatte nel modo giusto sortiranno l’effetto, ma è possibile sbagliare in molti modi.

Per esempio, la Cassa Disimpegno dovrebbe avere i comandi di presa a mare, sfogo d’aria e mandata aria.

Dopodiché, la sequenza esatta è la seguente: apro presa a mare, apro sfogo d’aria, aspetto il riempimento, chiudo sfogo d’aria, poi mando aria al disimpegno quando sono vicino alla quota desiderata, poi chiudo presa a mare quando la cassa è quasi vuota, infine sfogo l’aria in eccesso dalla cassa verso l’interno. 

Qualunque altra cosa io faccia, non sortirebbe l’effetto desiderato.

Inoltre, dovrei monitorare la pressione interna alla cassa sul manometro e confrontarla con la pressione idrostatica a quella quota, per capire se effettivamente la Cassa Disimpegno si esaurisce oppure no.

Invece, pensando con la mentalità del giocatore, i comandi dovrebbero essere solo due: uno per allagare la cassa ( = apro sfogo d’aria) e uno per esaurirla ( = mando aria). 

La presa a mare si aprirebbe in automatico ogniqualvolta uno dei due comandi di cui sopra venisse azionato.

Cosa facciamo? Un sistema solo per esperti oppure più user-friendly?

2A - Comandi fedeli, solo per iniziati

2B - Due soli comandi, semplici ed user-friendly

2C - Due comandi semplici ed user-friendly, ma che funzionano soltanto se apro un terzo comando di presa a mare, tanto per rendere la cosa un po’ più fedele, anche se comunque gestibile.

 

 

DOMANDA 3

Un altro tema è l’utilizzo “furbo” di funzioni che nella realtà nessuno userebbe mai in quel modo. 

Per esempio, se esaurisco completamente prora (12) e allago poppa (34) probabilmente riesco ad emergere con 60-70 gradi di bolla! In realtà nessuno lo farebbe mai, ma nella simulazione questo darebbe inverosimili vantaggi di manovrabilità. 

Lo impediamo?

3A - Si, tutte le casse (1234) sono sotto un unico comando, è impossibile fare cose strane.

3B - No, teniamo i comandi casse 12 divisi da 34, così è possibile fare “follie”.

 

 

DOMANDA 4

Vogliamo prevedere la possibilità di riempimento parziale di casse che normalmente erano o completamente piene o completamente vuote?

È un utilizzo improprio, ma se non lo escludiamo allora qualcuno prima o poi utilizzerà le casse 1234 e la Cassa Espulsione per fare assetti improbabili, oltretutto non supportati dalla presenza dei relativi liquidometri.

Ergo, casse 1234 e CE parzializzabili oppure on-off?

4A - casse parzializzabili per fedeltà, anche se si useranno sempre o piene o vuote.

4B - comandi on-off senza possibilità di regolazioni intermedie (ovvero, a prova di stupido)

 

 

DOMANDA 5

Teoricamente, se aprissi contemporaneamente mandata aria e sfogo aria di una cassa, otterrei il solo effetto di sprecare aria compressa, con il rischio poi di rimanere senza.

Per fedeltà dovrei riprodurre anche questa possibilità, ma mi sembra un inutile “tranello” senza altri scopi.

Che faccio, lascio?

5A - Sì, l’inesperto pagherà per le sue colpe.

5B - No, è una complicazione inutile. La mandata aria rimarrà automaticamente chiusa se lo sfogo è aperto.

 

 

Grazie per le vostre opinioni e cogitazioni.

Del resto, lo sappiamo, cogito ergo sub...

Edited by Ocean's One

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sta diventando davvero complesso "pensare" questo simulatore. Come alcuni sanno, l'idea mia era di presentarsi ad uno dei musei che hanno Toti per tentare una collaborazione che, peraltro, se si fossero verificate alcune condizioni ormai sfumate, sarebbe stata molto spinta. Spero di non essere il solo a rispondere, è fondamentale che ci siano piu opinioni a confermare o smentire..  

 

Quote

DOMANDA 1

La domanda più importante, ovvero il bilanciamento fra fedeltà e facile giocabilita. Cosa facciamo?

1A - Fedeltà massima

1B - Fedeltà alta, ma con ausilii per impedire manovre palesemente errate

1C - Gioco semplice, a prova di stupido

All'inizio avrei preteso fedelta massima, ora che il contesto è cambiato propenderei di piu per avere qualche ausilio che aiuti la semplicita di gioco 

 

 

Quote

 

DOMANDA 2

Vogliamo mantenere anche le sequenze dei comandi più complesse? Se fatte nel modo giusto sortiranno l’effetto, ma è possibile sbagliare in molti modi.

Per esempio, la Cassa Disimpegno dovrebbe avere i comandi di presa a mare, sfogo d’aria e mandata aria.

Dopodiché, la sequenza esatta è la seguente: apro presa a mare, apro sfogo d’aria, aspetto il riempimento, chiudo sfogo d’aria, poi mando aria al disimpegno quando sono vicino alla quota desiderata, poi chiudo presa a mare quando la cassa è quasi vuota, infine sfogo l’aria in eccesso dalla cassa verso l’interno. 

Qualunque altra cosa io faccia, non sortirebbe l’effetto desiderato.

Inoltre, dovrei monitorare la pressione interna alla cassa sul manometro e confrontarla con la pressione idrostatica a quella quota, per capire se effettivamente la Cassa Disimpegno si esaurisce oppure no.

Invece, pensando con la mentalità del giocatore, i comandi dovrebbero essere solo due: uno per allagare la cassa ( = apro sfogo d’aria) e uno per esaurirla ( = mando aria). 

La presa a mare si aprirebbe in automatico ogniqualvolta uno dei due comandi di cui sopra venisse azionato.

Cosa facciamo? Un sistema solo per esperti oppure più user-friendly?

2A - Comandi fedeli, solo per iniziati

2B - Due soli comandi, semplici ed user-friendly

2C - Due comandi semplici ed user-friendly, ma che funzionano soltanto se apro un terzo comando di presa a mare, tanto per rendere la cosa un po’ più fedele, anche se comunque gestibile.

Come per la prima domanda: il cuore mi dice 2A ma forse è meglio il 2C. Lo scopo è dare evidenze di un principio fisico

 

 

Quote

DOMANDA 3

Un altro tema è l’utilizzo “furbo” di funzioni che nella realtà nessuno userebbe mai in quel modo. 

Per esempio, se esaurisco completamente prora (12) e allago poppa (34) probabilmente riesco ad emergere con 60-70 gradi di bolla! In realtà nessuno lo farebbe mai, ma nella simulazione questo darebbe inverosimili vantaggi di manovrabilità. 

Lo impediamo?

3A - Si, tutte le casse (1234) sono sotto un unico comando, è impossibile fare cose strane.

3B - No, teniamo i comandi casse 12 divisi da 34, così è possibile fare “follie”.

Questo è connesso con una delle avarie cui sono "legato", ovvero la perdita di aria da uno dei gruppi alta pressione presenti nella cassa zavorra nr 2. E' una avaria che se sottovalutata puo avere conseguenze gravi e, infatti, un battello statunitense è stato smantellato dopo avere (abbondantemente) superato la quota di collaudo per questo problema.

Un altro problema è un assetto calcolato non corretto (troppo pesante), motivo per cui le casse zavorra si allagano poco alla volta e non tutte assieme.

Insomma, non per le follie ma per l'aderenza all'addestramento, stavolta sarei per il 3B 

 

Quote

DOMANDA 4

Vogliamo prevedere la possibilità di riempimento parziale di casse che normalmente erano o completamente piene o completamente vuote?

È un utilizzo improprio, ma se non lo escludiamo allora qualcuno prima o poi utilizzerà le casse 1234 e la Cassa Espulsione per fare assetti improbabili, oltretutto non supportati dalla presenza dei relativi liquidometri.

Ergo, casse 1234 e CE parzializzabili oppure on-off?

4A - casse parzializzabili per fedeltà, anche se si useranno sempre o piene o vuote.

4B - comandi on-off senza possibilità di regolazioni intermedie (ovvero, a prova di stupido)

 

Vale quanto sopra detto per la domanda nr 3, quindi 4A. 

 

Quote

DOMANDA 5

Teoricamente, se aprissi contemporaneamente mandata aria e sfogo aria di una cassa, otterrei il solo effetto di sprecare aria compressa, con il rischio poi di rimanere senza.

Per fedeltà dovrei riprodurre anche questa possibilità, ma mi sembra un inutile “tranello” senza altri scopi.

Che faccio, lascio?

5A - Sì, l’inesperto pagherà per le sue colpe.

5B - No, è una complicazione inutile. La mandata aria rimarrà automaticamente chiusa se lo sfogo è aperto.

 

Qui rispondo 5B perche ai fini dell'addestramento  "fisico" non sarebbe utile, ma una delle manovre per confondere i siluri è proprio creare un muro di aria con la manovra che hai descritto...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo diverse settimane di lavoro, inframmezzate anche dalla meravigliosa licenza "Teseo Tesei", torno al nostro tema del simulatore.

Ringrazio @Totiano delle accurate risposte, che solamente lui poteva darmi a questo livello di dettaglio.

In realtà, l'opinione degli altri mi interessa a livello più macro: anche se non siete in grado di commentare la funzionalità di questa o quella valvola, certamente potete esprimere un commento sullo spirito del gioco. 

E' questo ciò di cui ho bisogno dai vostri input: per ora il Dir e il sottoscritto si stanno allineando su un gioco abbastanza fedele, dotato però degli ausili necessari per evitare inutili errori, se questi non contribuiscono all'addestramento ma sono solo una complicazione a sé stante.

Quindi, cerchiamo di evitare le lunghe sequenze da imparare a memoria (perché o si fa così o è sbagliato), accorpando qualche comando e rendendo appena più intuitivo il funzionamento di qualche funzione.

Poi, però, il Toti è comunque da conoscere ed è chiaro che tutti i non-sommergibilisti troveranno per nulla intuitivo il funzionamento della maggior parte dei comandi. Ciononostante, se nell'uso in singolo è possibile escludere le funzioni più complesse, nell''utilizzo in 2, 3 o 4 si potrà spesso fare affidamento su un membro dell'equipaggio più esperto (magari un Direttore :biggrin: ) che elargirà consigli, insegnando anche ad usare il corretto linguaggio per ordini e conferme.

Insomma, mi sentirei proprio di confermare la parola "addestramento", già usata dal Dir nei precedenti post.

E comunque, troppo facile non sarebbe bello, o sbaglio?

___________

 

Aggiornamento sui lavori.

 

Completati i cablaggi del gruppo valvole aria.

(qui mancano solo i due volantini delle valvole non funzionanti, mentre sono al loro posto CD, CE, 1234.

Post-230506-A.jpg

 

Ultimati anche i cablaggi dei tre sfoghi d''aria per 12, CE, 34.

Solo la CD avrà un diverso comandi di sfogo d'aria + allagamento, ancora da fare.

Vista da dietro del quadretto delle tre leve simil-azionamento oleodinamico. 

Post-230506-B.jpg

 

Tutti i cablaggi di questa sezione finiscono in una scatola elettrica 23x30 cm, mostrata in questa foto.

Post-2305506-C.jpg

 

L'interno di questa scatola elettrica, con la scheda input-output n°2 posta provvisoriamente in sede.

Un bel po' di cablaggi sono ancora da fare.

Post-2305506-D.jpg
 

CommentI per i più tecnici:

12VCC. Configurazione NPN sia per ingressi che per uscite digitali.

Cavi bianchi = ingressi

Cavi verdi = uscite 

Cavi blu = 0 Volt

Cavi arancioni = 12 Volt

Metterò due fusibili da 2A sul positivo dell'alimentazione.

 

Edited by Ocean's One

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon pomeriggio. Finora sono stato in silenzio semplicemente sovrastato da tanta maestria costruttiva, spesso stupefatto, sempre leggendo ogni virgola. Questo ultimo post mi chiama in causa perché richiede di esprimere una opinione che posso e voglio dare, come contributo a questo magnifico lavoro. La mia opinione è da ignorante, mai stato in mare. Ed è una opinione di adulto, che da parecchi anni non si accosta più a simulazioni o giochi di questo o altro genere. L'idea che vi condivido è che secondo me il target di questo capolavoro è un target adulto appassionato, esperto o ignorante, oppure giovane ma indirizzato verso una vita nel settore. Detto questo la mia risposta è semplice: io vorrei qualcosa di assolutamente fedele all'originale. Per altre esperienze mi compro un videogioco, lo trovo dappertutto. Un Toti non lo posso trovare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carissimi @inhocsignovinces e @S513
grazie per i vostri commenti, che mi confermano la direzione da tenere.
Sia i commenti del Dir che i vostri mi indicano la necessità di rimanere fedeli all'originale. Io lo sto facendo e lo farò ovunque possibile.
E' vero che si impongono delle semplificazioni causa indisponibilità dei comandi nelle zone non riprodotte, ma per il resto posso puntare alla massima fedeltà.

 

Come dice @inhocsignovinces, questo non è un videogioco. Non si vince e non si perde, ma si deve pilotare un battello con tutte le sue criticità, che devono essere riprodotte in modo rigoroso.

In effetti, già dalle scelte fondamentali emergono forti differenze rispetto a quanto ci si aspetta da un normale videogioco. Infatti, se voglio "conoscere" il Toti, devo innanzitutto mettermi nell'ottica che sto timonando guardando di lato e non verso l'avanti. I timonieri sono rivolti verso la fiancata di dritta, per cui l'appruamento viene sentito dal timoniere come un'inclinazione verso sinistra, e l'appoppamento verso destra.
Già questo non è poco e fa il paio con le leve dei timoni: timoni avanti sulla mano sinistra e addietro sulla mano destra. Qui, per trasferire meglio la sensazione, visto che non c'è una piattaforma oscillante, abbiamo arbitrariamente aggiunto un piccolo display a mo' di "orizzonte artificiale": una forzatura, ma a supporto delle sensazioni fisiche che vogliamo riprodurre.
Ci sono poi mille altre peculiarità, come i timoni che non ritornano automaticamente ma vanno riaccompagnati, in modo non tanto intuitivo. Anche il solo fatto di avere due coppie di timoni orizzontali contribuisce alla fedeltà: posso scendere piatto, con i timoni angolati in fase, oppure appruarmi con i timoni in opposizione, cosa che i normali videogiochi di solito non fanno, perché non ricercano questo livello di finezza.
Sono fedeli anche tutti gli aspetti legati all'assetto, leggero, pesante, appruato o appoppato, con l'effetto di tutte le casse riprodotto in modo fedele, anche grazie agli innegabili input dettagliati del nostro Direttore.


Questa è la linea guida, che qui mi avete confermato: questo simulatore è per gli appassionati che vogliono rivivere il nostro amato battello.
L'obiettivo fondamentale, già indicato dal Dir, è quindi di riprodurre molto bene tutta la fisica, per consentire un "addestramento" fedele per il giocatore.

 

Purtroppo, al sottoscritto restano tutte le inevitabili forzature da accettare per vari motivi. 
Per esempio, nella zona riprodotta c'è un solo liquidometro, mentre ne servirebbero sei o sette, le valvole aria usabili sono solo tre ma sarebbe bello averne almeno sei, mancano un paio di sfoghi d'aria, etc.
Inoltre, forzature più evidenti, i comandi della propulsione non sono su un pulpito a posto 5 metri di distanza (!!!), ma forzatamente messi in questa zona. Anche i comandi delle antenne e dell'allagamento dei TT.LL. sono inseriti nella riproduzione, sebbene si trovino altrove.
In tutto ciò, si è preferito realizzare un simulatore il più completo possibile, che riproducesse molte delle funzioni del Toti, guardando più alla fedeltà del comportamento fisico che della forma del singolo comando, ove questo sia in conflitto con gli spazi disponibili.

Vi confermo però che sono sensibile al tema della fedeltà da voi sollevato, in tutti i casi in cui esistano soluzioni possibili.

 

Per questo, caro @S513, ho deciso che non metterò una tastiera assetto finta con piccoli pulsanti fatti in qualche modo, ma cercherò di realizzare una semi-tastiera orizzontale con 8 posti, magari con anche un bel fondo in legno com'è in realtà.
(invece, purtroppo, i comandi della pompa assetto dovrò proprio rifarli, vd. sotto)

 

Questo è quanto.
Grazie ancora di avermi confermato la direzione in cui andare.
W la classe Toti!

 

_________

 

Ora torniamo ai lavori.
Nei giorni scorsi, @The Aviator ed io abbiamo potuto finalmente alimentare la scheda input/output n°3, quella relativa all'albero di Natale (QCAS).
Per non farci mancare nulla, abbiamo acceso tutte le uscite, con un miliardo di gemme splendenti sul quadro.
(Dir, porta pazienza, so bene che non si accenderanno mai tutte insieme, questa era solo una prova)

 

Post-230512-A.jpg

 


I cablaggi interni sono finalmente completati, con alimentazione 12V definitiva e idoneo gruppo fusibili.
Per inciso, l'assorbimento di questa sezione è di soli 600 mA. I fusibili da 2A e l'alimentatore da 5A lavorano quindi in tutta tranquillità. 

 

Post-230512-B.jpg

 

_________

 

Ora invece avrei un'ultima questione per Totiani e Dandoliani.
Mi serve riprodurre il comando di accensione della pompa assetto, ma il Dir mi ha detto che è lontanissimo!
Ci dovrebbe essere un interruttore (ma a pulsante o a leva?) e un potenziometro. Qualcuno ha una foto di dettaglio?
Dovrò necessariamente dovrò spostare il tutto nella zona riprodotta. Io pensavo di fare un comando minimalista, che non desse troppo nell'occhio, nella zona indicata con 10) in questo fotomontaggio.
Un interruttore e un piccolo potenziometro sarebbero ben posizionabili e cablabili come indicato qui. E' una forzatura, ma in questo caso inevitabile. Rendiamola almeno poco visibile...

 

Post-230512-C.png


 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,747
    • Total Posts
      519,734
×