Jump to content
Sign in to follow this  
danilo43

Lo strano caso di un cargo italiano ....

Recommended Posts

Riporto questo articolo pubblicato in https://formiche.net/2020/11/lo-strano-caso-del-cargo-italiano-trasformato-in-nave-da-guerra-iraniana/Lo strano caso del cargo italiano trasformato in nave da guerra iraniana

Lo strano caso del cargo italiano trasformato in nave da guerra iraniana
Di Gabriele Carrer - 
Lo strano caso del cargo italiano trasformato in nave da guerra iraniana
 

La nave da guerra presentata in pompa magna dal regime di Teheran è in realtà un cargo italiano finito, non si sa come, nel porto iraniano di Bandar Abbas e poi convertito? L’interrogazione del deputato Zennaro (Copasir)

 

Una nave-traghetto costruita dal Cantiere Navale Visentini di Porto Viro (Rovigo) nel 1992 è diventata una nave da guerra dei Pasdaran iraniani? A chiederlo al presidente del Consiglio, al ministro degli Esteri e a quello delle Infrastrutture è Antonio Zennaro, deputato del Misto e membro del Copasir, che ha deposito oggi un’interrogazione a risposta scritta per sapere se “il governo è in grado di confermare che questa nave di fabbricazione italiana effettivamente sia entrata a far parte della Marina militare iraniana”. Inoltre, l’onorevole chiede al governo “di verificare eventualmente se ci siano state operazione di triangolazione commerciale volte ad eseguire attività di elusione delle sanzioni internazionali che vietano questo tipo di compravendite classificate come dual-use”.

 

Nei giorni scorsi, come riportato anche da Sputnik, il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche (i Pasdaran) ha svelato un’enorme nave multifunzionale da 150 metri di lunghezza e 4.000 tonnellate in grado di effettuare operazioni di navigazione oceanica. Battezzata Shahid Roudaki, in onore del comandante della Marina dell’Irgc Abdollah Rudaki, si dice che la nuova nave da guerra sia in grado di trasportare elicotteri, droni, imbarcazioni missilistiche ad attacco rapido e una gamma di sistemi missilistici antiaerei, scrive l’edizione italiana del sito di informazione russa. Lo stesso sito sottolinea che un video promozionale diffuso dai media iraniani mostra la nave da guerra che trasporta una varietà di attrezzature, tra cui un sistema missilistico Khordad come quello che ha abbattuto un drone stealth statunitense da 200 milioni di dollari sullo Stretto di Hormuz a metà del 2019.

Le dimensioni coincidono e le testimonianze degli esperti (come quella di Jeremy Binnie del sito specializzato Janes) alimentano i sospetti che la Shahid Roudaki sia l’ex cargo Altinia (noto anche come Galaxy F), che sarebbe stata rivenduta lo scorso anno alla Giovanni Visentini Transporti Fluviomarittimi per due milioni di dollari.

Com’è arrivata, dopo aver cambiato bandiera (da quella italiana a quella iraniana passando da quella delle Comore e di Panama), fino al porto iraniano di Bandar Abbas? E ancora: chi ha convertito il cargo in nave da guerra prima della presentazione in pompa magna da parte del regime di Teheran? Interrogativi che richiedono risposte e che riaccendono i riflettori sui traffici illegali che passano dall’Italia all’Iran e viceversa.

 

A seguire altro articolo dello stesso Autore

https://formiche.net/2020/12/traghetto-porto-bandar-abbas/

 
 
Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' vero che a pensare male si commette peccato ma in genere si indovina, però la mera vendita di un mercantile da un paese all'altro non credo sia ancora un problema e sono sicuro che l'Iran abbia le strutture per fare le trasformazioni necessarie a un mercantile che, anche se definito "enorme" in realtà è poco più grande di una fregata cl.Maestrale e la metà di una fregata tipo FREMM. Insomma mi sembra molto un articolo fatto a titolo sensazionalistico per fare uno scandalo politico.

Che pi qualche faccendiere si sia organizzato per bypassare i vari embarghi all'IRAN questo è un'altro discorso...   

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente d’accordo.

Immagino che questa unità mantenga lo scadente apparato motore originale (18-20 nodi? 1 asse?), abbia una struttura ed una compartimentazione interna da unità mercantile, senza standard di sicurezza militari, né abbia un sistema di controllo danni in quanto tale.

Lascerei perdere pure la segnatura acustica, mentre la pessima segnatura radar la possiamo chiaramente dedurre dalle forme dello scafo.

Sistemi: forse ci hanno “incollato sopra” un po’ di elettronica, ma un sistema integrato di combattimento direi proprio di no.

Aggiungiamoci il ponte per l’elicottero non certo nella posizione migliore per lavorare con la nave in moto, mentre non vedo traccia di hangar.

Forse a poppavia dell’elicottero vedo una rampa AA binata (o trinata senza il missile centrale, è il Khordad?), che probabilmente è un veicolo AA terrestre appoggiato sul ponte alla bell’e meglio.

 

Con queste premesse, ogni nave può diventare una nave da guerra. La piattaforma non conta nulla e concordo con il Dir che questa minima notizia sia stat gonfiata a livello sensazionalistico per fare un po’ di scalpore.

 

p.s. 150 metri e sole 4000 ton non mi quadra nemmeno: è più snella di una FREMM? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le parole di Ocean's meritano qualche approfondimento. Vero che ha una bassa velocità (l'apparato motore però non è malaccio) e la compartimentazione non è stata probabilmente amplificata ma dobbiamo sempre ricordarci che molto dipende dal teatro in cui il mezzo viene impiegato. Non è chiaramente un'unità da guerra aperta ma in momento di crisi può creare molti danni, specie nell'area ristretta del golfo Persico. Pensate a cosa siamo stati capaci di fare con l'Olterra...

 

Un raffronto sulle dimensioni:

classe Maestrale: lunghezza 122m, larghezza 12,90, dislocamento 3000t (circa)

classe Bergamini (FREMM): lunghezza 145m, larghezza 20m, dislocamento 7000t (circa)

Altinia (primo nome della nave): lunghezza 150m , larghezza 21,60 stazza lorda (che non è il dislocamento) 8707 ton

 

e sempre riguardo all'Altinia queste erano le sue caratteristiche (da Navi e Armatori Navi e Armatori - Approdi di Passione )

  • Scafo in acciaio 2 paratie stagne trasversali, 3 paratie stagne longitudinali parziali, nave a doppio scafo, 1 ponte, 1 ponte parziale, prora a bulbo
  • Apparato motore e strutture a poppa. Motore Principale Wartsila Vasa tipo 12V32E a quattro tempi 12 cilindri disposti a V diametro mm 320 corsa mm 350 della potenza di 4920Kw (6690CV) a 750 giri/minuto.
  • 1 elica a pale orientabili 1 elica di manovra trasversale da 680HP
  • Zavorra circa mc 4700, gasolio circa mc 147, Fuel circa mc 546, Acqua di lavanda mc 334, Olio circa 33Mc,.
  • Costruita presso i Cantieri Visentini di Donada (Rovigo) nel 1992 Costruzione nr162
  • Capacità di carico : Alloggi per 21 persone di equipaggio in 16 cabine più 12 autisti in tre cabine per un totale massimo di 33 persone.
  • Ponte principale: 194 containers da 20' oppure 45 trailers, Ponte di Coperta nr 342 containers da 20' oppure 55 trailers.
  • Carico assiale sul ponte di coperta e principale 50 tonn.
  • Rampa fissa Ponte di coperta metri 6,80x36 pendenza 3°
  • Rampa fissa accesso Ponte principale metri 6,80 x 36 pendenza 8°
  • Portellone rampa poppiera metri 14,00x 14,50 inclusi metri 2,50 flap, carico assiale 53 ton.
  • Velocità alle prove nodi 17,30
  • Consumo : 20 ton Fuel/24 ore
  • 2 ton in porto

Altinia

Share this post


Link to post
Share on other sites

CONCORDO con quanto scritto da Marco/TOTIANO ed OCEAN' S ONE.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,288
    • Total Posts
      509,968
×