Jump to content
Sign in to follow this  
zezzabibbi

C.C. Movm LORENZO BEZZI

Recommended Posts

Lorenzo nacque a Tortona il 22 ottobre 1906 in una famiglia dell’alta borghesia piemontese che abitava a Pinerolo in piazza Montebello n. 2. Il padre Gerolamo era Procuratore del Re della Provincia, una personalità stimata e di alto prestigio sociale che teneva molto all’educazione dei suoi due figli maschi. Il ragazzo fu fin da piccolo abituato ai principii della fermezza nelle decisioni assunte, all’impegno nello studio, come anche il fratello maggiore di quattro anni che appena terminati gli studi si arruolò nell’Esercito e al massimo rispetto dell’autorità paterna e dell’obbedienza al Re sovrano.

L’Eroe trascorreva le giornate sui libri di latino e greco del Liceo Classico, difficilmente gli era consentito di frequentare altri ragazzi che non fossero dell’ambiente sociale della sua famiglia e forse per questa ragione si sviluppò nel suo animo il forte desiderio di vivere una vita avventurosa, fuori dei canoni abituali.

A 17 anni Lorenzo, conseguì in anticipo la licenza classica (1) e chiese ai genitori di potersi arruolare in Marina.

Gli fu concesso, anche perché in quel tempo i giovani rampolli dell’alta-media borghesia italiana e quelli appartenenti alla nobiltà vicina a Casa Reale, erano favorevolmente avviati all’Accademia Navale di Livorno, in alternativa alle classiche destinazioni di Modena e Torino nell’Esercito. In Accademia Navale fu presentato dalla sua professoressa Maria Piglini.

I cinque anni di Livorno furono per il giovane Lorenzo la prima vera e straordinaria esperienza di vita, nella quale per le sue capacità di applicazione e di adattamento alla vita di mare fu subito notato dai superiori. Si classificò 13mo nella prima classe dell’anno accademico 1920/21 e 21mo l’anno successivo.  Nell’anno accademico 1928/29 è ammesso al Corso superiore per Ufficiali di Vascello. Tra i suoi colleghi c’è Salvatore Pelosi, con il quale condivise tutti gli anni di scuola navale.

Non appena licenziato dall’ Accademia con il grado di Guardiamarina, fu inviato al distaccamento San Marco di Tientsin, in Cina, e successivamente imbarcato sull’esploratore “Libia” a Shanghai.

L’esperienza in Cina segnò profondamente il carattere dell’Eroe che non riuscì a dimenticare l’Oriente, anche perché in loco aveva conosciuto la futura moglie che parlava fluentemente diverse lingue ed era addetta all’Ambasciata d’Italia. Nel 1937 la sua fermezza fu premiata e fu nuovamente inviato presso il governo cinese con incarichi speciali del Ministero degli Esteri.

Un uomo fermo nelle sue decisioni, come detto al limite dell’ostinazione. Quando il 27 giugno 1940, da comandante del sommergibile “Liuzzi”, comprese che la morte gli era accanto, rifiutò le suppliche dei suoi uomini Gaetano Tosti Croce e Alessandro Bonaca che l’invitarono più volte ad abbandonare il battello che stava affondando. Lui rifiutò e sprofondò nell’abisso con la sua unità.

Un gesto che a molti oggi potrà apparire suicida ma non lo è, perché in quel supremo impulso Lorenzo Bezzi mostrava tutta la fermezza d’animo e forza spirituale con le quali era cresciuto: virtù che aveva radicato nell’animo,  per l’educazione ricevuta in famiglia e poi in Accademia Navale.

Lasciò la moglie e due bambine, la prima aveva un anno e mezzo, la seconda non ebbe il tempo di conoscerla.

Avrebbe potuto scegliere la prigionia, la vita, ma la rifiutò con orgoglio e sdegno. Per questo il suo supremo Sacrificio non deve essere dimenticato e merita rispetto e onore.     

 

(1) Presumibilmente al Lice Classico G. Peano di Tortona

 

LORENZO BEZZI.jpg

Edited by zezzabibbi
aggiornato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi permetto d'aggiungere altre notizie riguardanti il CC Lorenzo Bezzi 

delle quali in gran parte già sopra riportate dal Comandate Zezzabibbi :

 

scansione0001.jpg.bb9bcb09ef108b7c85e6e9eb0f56e06d.jpg

 

Nacque a Tortona ( Alessandria ) il 22 ottobre 1906.

Dopo aver conseguito la maturità classica, il 26 novembre 1921, entrò allievo all'Accademia Navale di Livorno e nel

luglio 1926 conseguì la nomina a Guardiamarina. Dopo un breve periodo di imbarco su unità di superficie, nel 1927 fu destinato presso il Distaccamento " San Marco " di Tientsin ( Cina ) e nel febbraio dell'anno successivo imbarcò 

a Shangai sull'incrociatore " Libia ". Rientrato in Patria ebbe varie destinazioni d'imbarco e presso Enti a terra finchè nel 1937 passò a disposizione del Ministero degli Esteri per un incarico speciale presso il Governo cinese. Rientrato in Italia imbarcò su siluranti di superficie e nell'aprile del 1939 , promosso Capitano di Corvetta, ebbe prima il comando della torpediniera " Albatros " , poi del sommergibile " H.4 " , della torpediniera " Carini " ed infine dal 1° giugno 1940, del sommergibile " Liuzzi ", con il quale il 27 dello stesso mese durante una missione di guerra nelle acque del Mediterraneo orientale fu sottoposto a una dura caccia da parte di 5 unità inglesi, subendo gravissime avarie che costrinsero il sommergibile ad emergere. Vista vana ogni possibilità di difesa poiché le avarie avevano provocato il blocco delle armi di bordo, provvide a far porre in salvo l'equipaggio e a predisporre l'unità al suo comando per l'autoaffondamento, seguendone poi la sorte negli abissi.

 

Motivazione della M.O.V.M. ( alla memoria )

Lorenzo Bezzi

Capitano di Corvetta.

 

" Comandante di sommergibile in missione di guerra in acque intensamente vigilate dall'avversario, veniva avvistato e sottoposto a violenta prolungata caccia.

Impossibilitato a mantenere l'immersione per gravi avarie e danni subiti dall'unità , emergeva con l'intento d'impegnare l'avversario in superficie.

Accerchiato a breve distanza e fatto segno al fuoco di cinque Cacciatorpediniere, visto vano ogni tentativo di difesa per il mare agitato che impediva l'uso del cannone, decideva l'autoaffondamento del sommergibile.

Messo in salvo l'equipaggio dopo aver dato l'ordine del saluto alla voce, divideva volontariamente l'estrema sorte

dell'Unità al suo comando rientrando nello scafo e chiudendo , freddo e cosciente atto, su di sé il portello della torretta.

Confermava in tal modo elevate virtù militari e di comando e faceva rifulgere con il proprio gesto la nobile tradizione di eroismo della gente di mare. "

 

( Mediterraneo Orientale, 27 giugno 1940 )

( Decreto C.P.S. 24 giugno 1947 )

 

:Italy::Italy::Italy:

 

RED

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,423
    • Total Posts
      513,428
×