Jump to content
Sign in to follow this  
Totiano

Crittografia nella guera fredda-La Cryptograph-CR

Recommended Posts

Tutelari i segreti nelle trasmissioni è fondamentale e della falla della macchina enigma ne abbiamo fatto le spese tanto noi quanto l'alleato germanico.

Durante la guerra fredda questa necessità non è certo venuta meno, anzi! Ecco quindi cosa le Forze Armate italiane impiegavano negli anni 50 (dalla nostra pagina Fb ringraziando Giovanni Salvi, i cui commenti accompagnano le foto)...

1.jpg

La Cryptograph-CR è una macchina per cifratura elettromeccanica basata su rotori, sviluppata e prodotta dalla OMI, a Roma, alla fine degli anni '50, come successore del Criptografo OMI. Era destinata all'uso da parte delle forze armate italiane,in particolare della Marina Militare.
La macchina è tipicamente alloggiata in un involucro di metallo verde ed è conservata in una valigetta di trasporto anch'essa verde, in legno, con alloggiamenti per rotori ed altri accessori.

2.jpg

L' OMI era una ditta che costruì una serie di macchine per cifratura, a rotore, il cui primo modello, l' OMI Alpha fu costruito nel 1939, poco prima della seconda guerra mondiale. Dopo la guerra, intorno al 1954, vale a dire durante i primi giorni della guerra fredda, seguì il Criptografo OMI, verso la fine degli anni '50, poi il Cryptograph-CR e infine, nei primi anni '60, il Cryptograph-CR Mk II.
Tutti sono stati sviluppati e prodotti dalla società italiana Ottico Meccanica Italiana fondata nel 1926 da Umberto Nistri (1895-1962) a Roma .

 

3.jpg

Nella parte anteriore è presente una tastiera a 27 pulsanti sulla quale manca la lettera "W".
Ciò è stato fatto in quanto la "W" non è utilizzata nella lingua italiana.
Il tasto W è sostituito dalla barra spaziatrice.
Il tasto freccia in basso a destra viene utilizzato per il trasporto continuo della carta.

 

4.jpg

Un contatore ripristinabile è visibile attraverso il coperchio superiore. Mostra il numero di caratteri inseriti.

5.jpg

Le ruote di cifratura si trovano all'interno della macchina, a sinistra del centro, con l'asse longitudinale che scorre dalla parte anteriore della macchina verso la parte posteriore. Ogni ruota ha 26 contatti su entrambi i lati e, quindi, ha 26 possibili posizioni, ognuna delle quali è identificata da una delle lettere dell'alfabeto latino (AZ). Le lettere sono stampate in modo tale da essere leggibili dalla posizione dell'operatore. Ci sono 7 ruote in totale,
Quando il coperchio superiore della custodia è in posizione, le 7 ruote sporgono dalla superficie superiore del coperchio in modo che la loro posizione possa essere visualizzata e modificata. Ciascuna delle ruote ha le 26 lettere dell'alfabeto stampate attorno alla sua circonferenza, in modo tale che possano essere lette dall'operatore durante l'utilizzo della tastiera.
6.jpg

Quando si digita un carattere sulla tastiera, la ruota più vicina alla parte anteriore della macchina si sposta in senso antiorario (dal punto di vista dell'operatore) alla posizione successiva. Ciò significa che dopo "A" deve essere visibile la "B". La seconda ruota farà un singolo passo dopo un giro completo della prima.
Nelle due fotografie accostate si può notare il movimento antiorario compiuto del rotore inferiore dopo un paio di battute

7.jpg

 

Aprendo una serratura munita di chiave posta sul lato sinistro della macchina è possibile rimuovere il coperchio metallico che ne protegge i meccanismi interni.

8.jpg
L'immagine mostra i vari controlli e le caratteristiche di un OMI Cryptograph-CR al quale è stato rimosso il coperchio superiore.
Le ruote di cifratura sono a sinistra, con l'asse che va da davanti a dietro e il disco di entrata più vicino all'operatore. Lo statore e il riflettore sono nella parte posteriore.
Le ruote di cifratura sono azionate da una serie di ruote dentate che si trovano al centro della macchina, appena sotto l'accoppiamento delle ruote.
Un accoppiamento elettrico (cioè un solenoide) assicura che l'intero meccanismo compia un giro completo ad ogni pressione del tasto.
Nella parte anteriore della macchina è presente una doppia stampante per il messaggio in cifra e quello in chiaro..
9.jpg
 
Il tamburo è composto da cinque rotori o ruote di cifratura mobili, uno statore e un riflettore.
Le ruote di cifratura vengono spostate quando viene immesso un messaggio sulla tastiera.
Lo statore non si muove, ma può essere impostato su una delle sue 26 posizioni.
Neanche il riflettore si muove, ma come lo statore può essere impostato su una delle sue 26 posizioni.
Possono essere rimosse solo le 5 ruote cifrate.
Sono tutte montate su un mandrino.
10.jpg
Il funzionamento del tamburo e il flusso della corrente elettrica è molto simile a quello dell'Enigma. Il cablaggio della tastiera è collegato al disco di entrata all'estrema destra, che consiste di 26 contatti piatti. Da lì, la corrente entra in uno dei contatti a molla della ruota più a destra. Il cablaggio all'interno della ruota trasporterà la corrente su uno dei suoi contatti piatti sul lato sinistro. In questo modo, la corrente passa attraverso tutte e 5 le ruote di cifratura e lo statore (S), fino a quando non arriva al riflettore (R) sulla sinistra. La corrente viene quindi restituita.
Il diagramma schematico semplificato sopra mostra come la corrente fluisce dalla ruota di entrata, attraverso le ruote di cifratura, lo statore, il riflettore e il retro. Il percorso di ingresso è mostrato in rosso, mentre il percorso di ritorno è blu. Nell'esempio, la lettera "A" è codificata in "D". A causa del fatto che viene utilizzato un riflettore, il percorso è reversibile (reciproco). Ciò significa che, nelle stesse impostazioni e posizioni delle ruote, la lettera "D" verrebbe codificata in "A", proprio come sull'Enigma. Significa anche che la macchina ha la stessa debolezza di Enigma, in quanto una lettera non può mai essere codificata in se stessa. In altre parole: se si preme "A", può diventare qualsiasi lettera, ma mai "A".
11.jpg
 
Come già detto quando si digita un carattere sulla tastiera, la ruota più vicina all'operatore si sposta in senso antiorario alla posizione successiva. Poiché ogni telaio ha una sola tacca di rotazione, significa che la seconda ruota farà un singolo passo dopo un giro completo della prima, e così via per tutte le altre.
12.jpg
 
Le 5 ruote di cifratura (cioè le cinque ruote più a destra quando si guarda il tamburo dal lato sinistro della macchina) sono montate su un asse che può essere rimosso rilasciando le leve di bloccaggio del tamburo su entrambe le estremità del tamburo. Prima di fare ciò, tuttavia, l' ingranaggio del cambio dietro le ruote (di nuovo quando si guarda dal lato sinistro) dovrebbe essere disinnestato per primo . Ora è possibile rimuovere il mandrino.
13.jpg
Ogni ruota di cifratura è composta da tre parti principali: un telaio metallico, un nucleo di cablaggio rosso e un nucleo di cablaggio nero, come mostrato nell'immagine sopra. Sebbene ogni telaio abbia un numero univoco (da I a V), sono tutti identici e presentano una tacca sul giro delle ruote alla lettera "A". Ogni ruota è dotata di due nuclei di cablaggio unici: uno nero e uno rosso. Quello nero è sempre montato a destra (o davanti quando lo si vede dalla prospettiva dell'operatore) con i contatti a molla rivolti verso l'esterno. Allo stesso modo, il nucleo rosso è sempre a sinistra con i suoi contatti a faccia piatta rivolti verso l'esterno.
Il telaio non è altro che un supporto pressofuso per i due nuclei, ognuno dei quali può essere inserito in 26 diverse posizioni. L'anima rossa viene sempre inserita da sinistra, in modo tale che i 26 contatti a molla si accoppino con i 26 fori nella parte centrale del telaio. Il nucleo viene quindi avvitato al telaio utilizzando la clip pieghevole al centro. Allo stesso modo, l'anima nera può essere inserita nella parte destra del telaio in 26 modi ed è fissata in posizione con la clip.
14.jpg
 
A differenza di Enigma, l' OMI Cryptograph-CR possiede una stampante integrata.
Due
strisce di carta fuoriescono in basso nella parte destra della macchina, proprio dietro la tastiera.
Le strisce di carta poi rientrano superiormente per raggiungere la stampante.
Su una striscia verrà stampato il testo in chiaro, sull'altra il testo cifrato.
16.jpg
 
Sulla destra della tastiera sono presenti i settaggi per la stampante
17.jpg
 
La fotografia mostra le due testine di stampa, che sono identiche, montate sullo stesso asse.
Un doppio commutatore assicura che ciascuno dei martelli da stampa venga rilasciato esattamente nel momento giusto.
Alla destra delle testine vi sono i tamponi rotanti per l'inchiostro ed a sinistra il rullo trascina-carta, appena davanti al contatore delle battute.
18.jpg
 
Le due striscioline di carta attraversano poi una finestrella tramite la quale l'operatore può controllare l'esattezza di quanto ha scritto
19.jpg
 
Le stampate in chiaro e criptate infine fuoriescono alla sinistra dell'operatore.
20.jpg
 
Nella parte superiore del coperchio in legno della custodia della macchina è presente un cassettino ribaltabile nel quale sono riposti i nuclei di cablaggio rossi e neri per i rotori, il cavo di alimentazione, chiavi, un mandrino ed altri accessori.
21.jpg
 
Nella fotografia un contenitore per fusibili di riserva
22.jpg
 
Infine, al di sotto del cassettino porta oggetti ci sono due alloggiamenti per le bobine di carta della stampante
 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi pare che alla fin fine sia una evoluzione di enigma, con il risultato che una volta decodificata quella, tutte le altre non sono un problema. Quindi i messaggi non erano affatto criptici. Le altre nazioni cosa usavano?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,451
    • Total Posts
      513,875
×