Vai al contenuto
av02254

Aiuto e consigli di navigazione a vela nell'Atlantico

Messaggi raccomandati

Buongiorno Comandanti,

 

le mie poche conoscenze di mare e marineria mi spingono a chiedere l’aiuto delle vostre conoscenze, confidando sulla vostra disponibilità e buona predisposizione a perder tempo con un terrazzano.

 

Sto provando a scrivere un racconto ambientato in mare e più precisamente nell’Oceano Atlantico.

La storia si svolge nel 1874, e vede tra i protagonisti:

-      un Cutter di 70 piedi circa (escluso il bompresso), di circa 90 ton di stazza, con scafo affilato e un albero maestro, armato con vele auriche (randa, controranda, trinchetta, fiocco e controfiocco) del tipo del cutter CSS Shenandoah, utilizzato dai Confederati durante la guerra civile americana per forzare il blocco navale dell’Unione (non ci sono fotografie in internet; c’è soltanto un modellino scala 1:50)

-      un Brigantino a palodi circa 150 piedi (sempre escluso il bompresso), di circa 190 ton di stazza, 20 uomini di equipaggio, due o tre alberi, del tipo come nella foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Goletta#/media/File:Schooner_Linden.jpg

 

Ho ipotizzato vento costante da nord-est (come soffia nel periodo invernale fino a maggio) 

 

Il cutter (per motivi di racconto) salpa da Saint Vincent e Grenadines; segue una rotta est e superata Barbados vira per nord, risalendo il vento di bolina per giorni. Soltanto giorni dopo prenderà una rotta per ovest due quarte nord per attraccare a Bermuda. (sempre vento da nord-est)

Il brigantino lo segue sulla stessa rotta più o meno, ma comunque sempre risalendo il vento.

 

Ho ipotizzato che con andature di bolina e bolina stretta, il cutter – con tutte le vele al vento – possa raggiungere una velocità di 12-13 nodi conservandola anche per ore. Andando di lasco-gran lasco, invece, una velocità di 9,5 nodi con velatura normale (randa e trinchetto)

 

Per il brigantino (armato con vele auriche) ho ipotizzato una velocità di 16 nodi (di bolina e al traverso).

Regolandomi sulla scala Beaufort ho pure ipotizzato un vento variabile fra brezza, brezza tesa e vento moderato.

 

Ho ora il dubbio di aver esagerato. Brani letti in internet – qua là – dicono che nell’Atlantico si può tenere una velocità del genere, ma…

Per la verità mi sono rifatto a informazioni lette a proposito dei clipper della rotta del the, che raggiungevano velocità di 18 nodi tenendole per parecchi giorni, e anche a certune battute del film Master and Commander: in una scena, inseguendo nave francese, ha una velocità di 12,5 nodi (vento di poppa), poi però perdono un pennone della maestra.

 

Insomma – mascherandomi dietro la bandiera della letteratura – mi sarebbe davvero utile qualche informazione al riguardo, perché è bella la fantasia sempre a patto che non si scrivano castronerie.

 

Spero che le informazioni fornite siano sufficienti per inquadrare il quesito, e ringrazio tutti gli uomini di buona volontà per avermi letto fino a qui, conscio di averla fatta un po’ lunga cercando di spiegare al meglio.

Semmai deciderò di pubblicarlo, prometto che nella prefazione citerò i comandanti che mi aiutano come “fonti autorevoli”, già ho avuto aiuti da Moreno (Malaspina)

 

Erberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un quesito davvero ineressante! La mia esperienza è solo sui libri di O'Brian e temo non siano di aiuto. Forse Danilo43 potrebbe essere utile, oppure andremo a chiedere al futuro comandante del Vespucci, ottimo velista...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace Erberto, ma le mie scarse esperienze veliche non mi permettono di aiutarti a dovere.

In attesa di un responso del futuro comandante del Vespucci, proposto da Marco, sentirei anche l'opinione di Marcello Polacchini (Marpola in Betasom), ottimo velista e, nel passato, regatante oceanico

Modificato da danilo43

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 hours ago, danilo43 said:

Mi dispiace Erberto, ma le mie scarse esperienze veliche non mi permettono di aiutarti a dovere.

In attesa di un responso del futuro comandante del Vespucci, proposto da Marco, sentirei anche l'opinione di Marcello Polacchini (Marpola in Betasom), ottimo velista e, nel passato, regatante oceanico

 

per Totiano e Danilo43

 

innanzitutto grazie per le risposte.

seguendo i consigli di Danilo ho mandato - minuti fa - un messaggio privato a Marpola, pregandolo di una risposta se non lo disturbo.

ora attendo fiducioso.

erberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 3/15/2019 at 2:43 PM, av02254 said:

 ho mandato - minuti fa - un messaggio privato a Marpola, pregandolo di una risposta se non lo disturbo.

ora attendo fiducioso.

erberto

Ti ho risposto.... 😉

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buona domenica Comandanti

 

devo fare un aggiornamento.

 Totiano ha assicurato che porrà il quesito in “alto loco”, e grazie per la disponibilità che apprezzo molto, ma dovendo continuare il racconto, su segnalazione di Danilo, ho scritto a (Marcello) Marpola con messaggio privato.

Purtroppo gli scambi sono proseguiti con la medesima modalità privata, e riferire ora le sue osservazioni in ordine ai miei quesiti… è cosa non semplice.

Totiano auspicava uno scambio che coinvolgesse altri soci interessati all’argomento, quindi, riporto qualche frammento dello scambio avuto, cercando di riepilogare:

 

secondo Marcello ho un tantino esagerato (per il vero, ho postato la discussione proprio perché avevo questo forte dubbio, instillato da un scambio epistolare con Moreno-Malaspina).

Grazie ai suoi 

- suggerimenti, tenendo conto  di condizioni del vento “reale”, del dislocamento dei due legni e della loro armo, e 

- rimandi a siti di internet che descrivono i brigantini a palo, e

- precisazioni sulle andature che maggiormente sfruttano il vento (in considerazione dei fattori di cui sopra)

 

con le mie limitate conoscenze dell’argomento ho concluso che – per i due scafi in questione – siano più ragionevoli le seguenti velocità, senza andar troppo per il sottile:

 

andature (dalla più veloce a quella meno veloce)

per il cutter:

traverso: max 11 nodi

lasco: max 10,5 nodi

bolina (stretta a circa 33° e 45°): 9,5 – 10 nodi

bolina stretta con vento teso, mare mosso e pioggia: max 7 nodi con velatura ridotta (randa terzarolata, tormentina e fiocco)

per il brigantino:

traverso: max 15 nodi

lasco: max 14 nodi

bolina (stretta a circa 33° e 45°): 13,5 - 14

bolina stretta con vento teso, mare mosso e pioggia: max 10 nodi (anche per il brigantino velatura ridotta),

 

Marcello, che ringrazio ancora per l’aiuto, ha ritenuto accettabile la nuova impostazione.

Ahimè questo comporta l’onere di rivedere le parti già scritte del racconto che, come a lui ho già detto, non può tenere conto di molti altri fattori che devono essere considerati andando per mare; mi riferisco a deriva e scarroccio, che sono interessantissimi ma che “annoierebbero” i miei scarsi lettori non esperti degli argomenti. In definitiva si scrive per divertirsi e divertire ma senza “stufare”.

Non mi voglio giocare quei pochi che mi regalano il loro tempo.

 

Resta inteso che – parlando di mare, marineria e argomenti correlati – essendo io un terrazzano ogni altro suggerimento è fortemente auspicato. 

 

Voi marinai avete un lessico che è fortemente suggestivo, ma non sempre facile da trasferire in scrittura, e io – qualche anno fa – ero militare di leva nel “battaglione trasmissioni folgore” a treviso, ben lontano dal mare - non sono stato mai marinaio. 

Le mie uniche relazioni col mare, escluse le vacanze, sono rappresentate da mio padre marinaio di carriera per sedici anni e poi congedatosi alla fine della guerra, e una passione da ragazzo per la barca a vela (una deriva di 3,70 mt).

Quotidianamente io “parcheggio” l’auto… Scrivendo di mare devo ricordarmi di “ormeggiare” la nave, e la cosa non è per me così immediata e spontanea come lo è per voi.

E vi risparmio le facili battute sul “cazzare” le vele… o altre con le quali ho dovuto riprendere confidenza, come “cime/cavi” invece di corde o “alare/issare/ammainare” invece di sollevare o tirare su o abbassare. Mi sono qualche volta confuso (poi correggendomi) fra drizza e scotta, e altri lemmi tipicamente vostri.

Ma, come si dice? Una sfida è una sfida!  Ci proviamo e ce la mettiamo tutta. 

Come dice Marcello: buon vento!

 

Grazie 

Erberto

 

Modificato da av02254

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 hours ago, Marpola said:

Ti ho risposto.... 😉

 

 

sì. e mi hai aiutato non poco. grazie

 

Modificato da av02254

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi Subito

Sei già registrato? Accedi da qui.

Accedi Adesso

  • Statistiche Utenti

    • Utenti Totali
      11806
    • Record Utenti Online
      625

    Ultimo iscritto
    marianna.pirolo
    Iscritto
  • Statistiche forum

    • Discussioni Totali
      43455
    • Messaggi Totali
      499068
  • Compleanni di oggi

    1. Borghese
      Borghese
      (compie 48 anni)
    2. edornei
      edornei
      (compie 41 anni)
    3. markoramius
      markoramius
      (compie 46 anni)
    4. ValentinKOvirvot
      ValentinKOvirvot
      (compie 35 anni)
×