Jump to content
Sign in to follow this  
malaparte

Scontro Ct Usa E Mercantile Filippino

Recommended Posts

Almeno sette marinari statunitensi sono dispersi e tre sono rimasti feriti nello scontro tra il cacciatorpediniere americano USS Fitzgerald e una nave mercantile delle Filippine. - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Giappone-scontro-tra-cacciatorpediniere-Usa-e-mercantile-filippino-7-dispersi-2ff12d2f-8534-40d4-b263-d34e053bd107.html

 

 

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Giappone-scontro-tra-cacciatorpediniere-Usa-e-mercantile-filippino-7-dispersi-2ff12d2f-8534-40d4-b263-d34e053bd107.html

 

 

EDIT. Qui un aggiornamento http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2017/06/17/cacciatorpediniere-usa-contro-mercantile-dispersi-marinai_5KLSvJYnDPvLd1DOCadMCO.html

dalla foto sono evidenti i danni al caccia.

2rcyid1.jpg

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Ct è rientrato in porto, proseguono le ricerche dei dispersi:

http://www.foxnews.com/world/2017/06/17/uss-fitzgerald-massive-search-underway-for-7-missing-sailors-after-collision.html

 

http://edition.cnn.com/2017/06/16/politics/us-navy-destroyer-collides-with-merchant-ship-japan/index.html

 

Ci sono video e dichisrazioni della US Navy.

Edited by Massimiliano Naressi

Share this post


Link to post
Share on other sites

per quanto possa essere trafficato il tratto di mare non capisco come possa essere accaduto con una nave militare, ma chi era in plancia cosa guardava .....le margherite?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma c'era nebbia o qualche altra situazione particolare che ha causato un tale incidente oppure semplicemente erano tutti a farsi un goccio in entrambe le plancie?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regolamento internazionale per prevenire gli abbordi in mare - 1972

 

Parte B - Regole di governo e manovra

Sezione II - Condotta delle navi in vista l'una dell'altra

 

Regola 15

Situazione di rotte incrociate:

Quando due navi a propulsione meccanica navigano con rotte che s'incrociano in modo da implicare rischio di abbordaggio, la nave che vede l'altra sulla propria dritta, deve lasciare libera la rotta all'altra e, quando le circostanze lo permettono, deve evitare di passarle di prora.

Edited by chimera

Share this post


Link to post
Share on other sites

La guardia costiera giapponese parla di negligenza professionale per l'ACX Crystal. Zona trafficata ma tempo bello al momento della collisione.

 

http://www.abc.net.au/news/2017-06-18/missing-us-sailors-found-dead-on-board-navy-ship-after-collision/8628742

 

Ritrovati i corpi dei dispersi, ora ufficialmnte morti

 

https://www.reuters.com/article/us-usa-navy-asia-idUSKBN199020

Edited by Massimiliano Naressi

Share this post


Link to post
Share on other sites

non per aprire contestazioni, ma l'ufficiale di guardia su caccia, non poteva manovrare per mettere in sicurezza la rotta o quanto meno rallentare per lasciare sfilare la nave mercantile che notoriamente sono meno manovrabili?

Che cavolo pensava? forse tanto mi danno il passo perchè noi siamo noi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti due guardie: guardia in Plancia e guardia in COC... entrambe potevano prevedere e anticipare.

Ma attendiamo i risultati, in genere simili incidenti accadono per una serie di concause e mai per colpa del singolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Passa il cargo filippino... (..)... ma i CT classe" Burke" hanno sensori che percepiscono l'avvicinarsi di uno spillo... e riescono ad intercettarlo con precisione millimetrica...

Con la strumentazione di bordo e le dotazioni elettroniche questi CT sono in grado di manovrare al buio più assoluto.... tra l'altro sono dotati di sensori IR e, visto la loro spiccata attitudine alla guerra elettronica sembra impensabile che ciò sia accaduto....

 

Per assurdo, mi ricorda quello che successe al Belknap, sebbene la situazione e i tempi erano ben diversi...

 

Mi spiace per i marinai morti cosi assurdamente...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su Youtube...

 

https://www.youtube.com/watch?v=Ooe8psOq3Ys

 

Dalle immagini il cargo sembra non aver riportato danni.... a parte le strisciate di vernice....

Mentre il CT Fitzgerlad sembra che prosegua con un'andatura leggermente sbandata a dritta.... ma forse è solo una mia impressione...

se così fosse vuol dire che si sono danneggiati gli stabilizzatori....

Edited by drakkar

Share this post


Link to post
Share on other sites

il CT ha avuto due compartimenti allagati, contigui e a quanto pare per uno erano implicate le macchine.

E' arrivato in porto perché a specifiche militari, altrimenti restava li.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non per aprire contestazioni, ma l'ufficiale di guardia su caccia, non poteva manovrare per mettere in sicurezza la rotta o quanto meno rallentare per lasciare sfilare la nave mercantile che notoriamente sono meno manovrabili?

Che cavolo pensava? forse tanto mi danno il passo perchè noi siamo noi?

la nave statunitense doveva lasciare rotta libera, in quanto mostrava il verde. le foto rappresentano un contatto iniziato a poppavia del traverso del cannone prodiero e termina poco oltre l'aletta di plancia, le grinze della lamiera lo evidenziano, o almeno cosi pare.le norme per prevenire gli abbordi in mare non prevedono precedenze di unità militari su quelle civili.si possono azzardare numerose ipotesi, ma non credo che vedetta e radar, oltre all'ufficiale di guardia in plancia, stessero tutti "off line".anche se il mercantile avesse mantenuto spente le luci di via, i radar non hanno dato il warning... che ci sia stato un black-out?possiamo escludere l'intenzione degli statunitensi di voler fare un abbordaggio per controllo traffico armi/droga, in quel caso il comandante doveva essere in plancia, ma risulta che lo stesso sia rimasto ferito proprio nella sua cabina. certamente imperizia c'è stata e come previsto dalle norme internazionali c'è concorso di colpa, anche se la usn doveva lasciare acqua.

Edited by nostromodiroma

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nuovo incidente tra nave da guerra USA e mercantile, sempre in acque asiatiche http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2017/08/21/nave-da-guerra-usa-urta-tanker-dispersi_cc72b032-075c-4a52-9279-9e4b66393c1c.html

Stavolta è toccato a alla antimissile Jhon McCain contro nave cisterna Alnic MC.

Per inciso , nello stesso articoklo che il comandante della Fitzgeral è stat rimosso dopo l'inchiesta relativa al suo incidente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Mare in oggetto è uno scenario difficile, mi sorge il dubbio che non sia una questione di precedenza ma di ombreggiamento dei mercantili e tantativo di evasione degli stessi... anche se non sembrano collegati con la Cina o con la Corea del Nord....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Almeno questa volta la precedenza era loro, e credo che il cargo abbia messo indietro tutta, la falla sembra causata dal buldo di prua, senza che la prua sia venuta a contatto con la nave

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ormai mandano tutti per mare. è risaputo che i mercantili impostano il pilota automatico e vanno dritti, seppur le "norme per prevenire gli abbordi in mare" indicano diversi accorgimenti quali le vedette di giorno e di notte, ma una nave militare non può essere sorpresa in questo modo. personale non adeguato e non addestrato, questa è l'unica spiegazione. giusto rimuovere il comando e di conseguenza andrebbe indagato tutto il personale di guardia in plancia e c.o.c. (centrale operativa di combattimento).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal sito dell US Navy http://www.navy.mil/submit/display.asp?story_id=102060

 

ci sono informazioni sul ritrovamento dei rest di alcuni marinai del McCain proprio a bordo dell' unità

 

questa mattina su Repubblica cambio al comando della settima flotta

http://www.repubblica.it/esteri/2017/08/23/news/troppe_collisioni_silurato_il_comandante_della_settima_flotta_usa-173661125/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S3.4-T1

 

altre info : http://navylive.dodlive.mil/2017/08/21/uss-john-s-mccain/

 

 

Claudio / Darth

Edited by darth

Share this post


Link to post
Share on other sites

ammesso e non concesso che un hacker sia in grado di "bendare" i sistemi di scoperta di superficie, ma il personale on duty... dormiva?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su Analisi Difesa un lungo articolo analizza le cause degli incidenti e le soluzioni che la US Navy ha adottato per prevenire in futuro che se ne possano verificare altri del genere.

http://www.analisidifesa.it/2017/11/le-lezioni-apprese-dai-recenti-incidenti-alle-unita-della-us-navy/

 

Riporto solo alcuni passaggi

Li abbiamo privati dei fondi necessari per addestrarsi e manutenere gli apparati; stiamo mettendo in pericolo la vita di questi uomini perché non diamo loro un addestramento sufficiente, la giusta manutenzione per il loro approntamento” ha dichiarato il Senatore, ex veterano della Marina- “e questo rappresenta il fallimento della nostra governance”.

 

 

La prima lezione appresa è che il troppo impegno e sacrificio insito nel navigare non può far annichilire per troppa stanchezza psico-fisica o per una stramba confidenza nelle proprie possibilità, la priorità nel mantenimento di un adeguato livello addestrativo per i compiti svolti e nella manutenzione degli apparati di bordo, pena l’insorgere di situazioni pericolose per la stessa sicurezza della nave e personale, anche a prescindere dalla importante funzione ‘’combat’’ che quelle unità svolgono.

Il rispetto del limite massimo lavorativo delle 100 ore settimanali e l’applicazione dei ‘’cicli circadiani’’ con impegni nei turni di guardia, alternati a congrui periodi di riposo (cicli di 3 on, e di 9 off) diverrà subito operativa per tutti i marinai,

 

La seconda lezione appresa è legata alla mentalità delle attuali generazioni ed alla fiducia quasi esclusiva nei sistemi elettronici ed alla spinta automazione che però, talvolta, vanno in avaria e tradiscono, creando panico se non si dispone di back-up più rustici.

 

 

Se a ciò si aggiungono le mancate manutenzioni, ovvero i collaudi scaduti di alcuni apparati vitali perché non si è avuto il tempo, ovvero le occasioni per farli, allora il comandante si accolla una grave responsabilità, in quanto il livello di rischio sale notevolmente.

Da quell’inchiesta emerge che circa il 40% delle navi della Settima Flotta abbia entrambe quelle carenze, professionali e/o manutentive, o di mancati rinnovi ai collaudi.

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

MI ero perso l'articolo, grazie Valeria.

Sono considerazioni valide per la maggior parte delle Forze Armate occidentali, purtroppo, unite a una sempre minore ricerca di soluzioni innovative.

Temo che la Russia di Putin ci sia ormai molto vicina (se non ci ha oltrepassato) tecnologicamente, mentre la Cina non è lontana. I loro Kursk e classe MIng (se ben ricordo) sono ormai storia, mentre i tempi duri potrebbero essere non troppo lontani per noi occidentali. Le prima avvisaglie già ci sono, e non solo in America

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

per me non si tratta di manutenzione o addestramento, quando basta un binocolo e un marinaio poco addestrato. con la scusa della tecnologia hanno imbottito le navi di apparati altamente automatizzati, realizzando unita navali più grandi di un cacciatorpediniere armandole con il personale sufficiente per una fregata, qui siamo al famoso proverbio: pretendere la botte piena e la moglie ubriaca. scaricare la responsabilità su addestramento e scarsità di fondi è una bassa manovra per occultare un errore abnorme, equipaggio troppo ridotto. non concedendo il giusto riposo mantenendo costantemente una turnazione 4/4, ovvero quattro ore di servizio e quattro di mangiare-lavarsi-dormire-bisogni-sigaretta-vita sociale, si fiacca e logora il marinaio. chi lo ha passato, annuisce.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io l'ho passato (il 4 e 4), ma esisteva anche un addestramento differente, credo, dove l'informatica era assente e la graduale perdita dell'automazione era un "obbligo" da governare.

I battelli Italiani e quelli tedeschi durante lìultima guera facevano crociere (in guerra) con turi di 4 e 4. Insomma, possibile che i nuovi ragazzi siano cosi "molli" da non reggere il confronto con gli avi?

 

Però non sono totalmente in disaccordo, Nostromo, e sono errori che si sono fatto anche in passat, poi cortettI: lo stesso Toti, nel corso della sua vita, ha visto quasi raddoppiare i membri dell'equipaggio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

per me non si tratta di manutenzione o addestramento, quando basta un binocolo e un marinaio poco addestrato. con la scusa della tecnologia hanno imbottito le navi di apparati altamente automatizzati, realizzando unita navali più grandi di un cacciatorpediniere armandole con il personale sufficiente per una fregata, qui siamo al famoso proverbio: pretendere la botte piena e la moglie ubriaca. scaricare la responsabilità su addestramento e scarsità di fondi è una bassa manovra per occultare un errore abnorme, equipaggio troppo ridotto. non concedendo il giusto riposo mantenendo costantemente una turnazione 4/4, ovvero quattro ore di servizio e quattro di mangiare-lavarsi-dormire-bisogni-sigaretta-vita sociale, si fiacca e logora il marinaio. chi lo ha passato, annuisce.

Oggi abbiamo "grandi navi" con equipaggi ridotti: il minor affollamento dovrebbe essere un fattore positivo per il morale degli uomini che dovrebbero rendere di più...Ma dopo aver letto questa citazione, forse bisognerebbe aumentarne la consistenza. Ad esempio un "BERGAMINI" di tabella ha 145 persone con possibilità di alloggio per 186 (dati F.de C. 2016): 25 - 30 in più li vedrei volentieri a bordo...

 

Insomma, possibile che i nuovi ragazzi siano cosi "molli" da non reggere il confronto con gli avi?

:sad: Purtroppo temo di sì :sad: ...

 

Comunque la U.S. NAVY ha ancora una notevole capacità di analisi dei propri errori e da tale analisi verranno le soluzioni più opportune.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La USN ha da anni un problema enorme quantitativo e soprattutto qualitativo, sul personale.

 

Chi (e qui ce ne sono diversi) è stato come me a Maddalena quando erano presenti gli americani, ricorda certo che la qualità media, seppure parliamo di navi appoggio, era tutt'altro che elevata, oppure che per un certo periodo il padrone dello LCM che faceva la spola fra Maddalena, Santo Stefano e Palau era uno che soffriva il mal di mare e quando c'era mare la barca la portava un altro, a bordo...

 

Purtroppo sono sempre per mare, e devono racattare tutto quanto possono. Ma è problema comune: pensate solo al fatto che gli inglesi hanno da anni ingegneri dello USCG, lautamente retribuiti, a bordo per mancanza di personale tecnico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci risiamo. Anche se stavolta a quanto pare è colpa di un rimorchiatore giapponese alla deriva che "se l'è presa" con il CT Benfold http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2017/11/19/collisione-tra-cacciatorpediniere-usa-rimorchiatore_4DmORjqGjpyx3sbFO7ihkN.html

http://www.tio.ch/estero/attualita/1174602/nuovo-incidente-per-una-nave-da-guerra-americana

Nessun grave danno, nè feriti.

Però, accidenti! :smiley26:

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi abbiamo "grandi navi" con equipaggi ridotti: il minor affollamento dovrebbe essere un fattore positivo per il morale degli uomini che dovrebbero rendere di più...Ma dopo aver letto questa citazione, forse bisognerebbe aumentarne la consistenza. Ad esempio un "BERGAMINI" di tabella ha 145 persone con possibilità di alloggio per 186 (dati F.de C. 2016): 25 - 30 in più li vedrei volentieri a bordo...

 

:sad: Purtroppo temo di sì :sad: ...

 

Comunque la U.S. NAVY ha ancora una notevole capacità di analisi dei propri errori e da tale analisi verranno le soluzioni più opportune.

 

La Bergamini ora conta 145 di equipaggio, ma quando sono state fatte le prove "pre-affido", ne imbarcava qualche decina in meno ed è stato grazie a quelle prove che sono stati sollevati dubbi sulla quantità di personale e le relative ricadute sull'aspetto operativo.

Edited by nostromodiroma

Share this post


Link to post
Share on other sites

La USN ha da anni un problema enorme quantitativo e soprattutto qualitativo, sul personale.

 

Chi (e qui ce ne sono diversi) è stato come me a Maddalena quando erano presenti gli americani, ricorda certo che la qualità media, seppure parliamo di navi appoggio, era tutt'altro che elevata, oppure che per un certo periodo il padrone dello LCM che faceva la spola fra Maddalena, Santo Stefano e Palau era uno che soffriva il mal di mare e quando c'era mare la barca la portava un altro, a bordo...

 

Purtroppo sono sempre per mare, e devono racattare tutto quanto possono. Ma è problema comune: pensate solo al fatto che gli inglesi hanno da anni ingegneri dello USCG, lautamente retribuiti, a bordo per mancanza di personale tecnico.

 

purtroppo devo confermare che a livello qualitativo a livelli truppa, stanno al concetto carne da cannone. altro esempio è la guardia nazionale, che non viene impiegata solo entro i confini federali, ma anche in aree di minor interesse strategico-operativo. io li ho conosciuti nell'area del sinai e non solo un contingente,ma ben tre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci risiamo. Anche se stavolta a quanto pare è colpa di un rimorchiatore giapponese alla deriva che "se l'è presa" con il CT Benfold http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2017/11/19/collisione-tra-cacciatorpediniere-usa-rimorchiatore_4DmORjqGjpyx3sbFO7ihkN.html

http://www.tio.ch/estero/attualita/1174602/nuovo-incidente-per-una-nave-da-guerra-americana

Nessun grave danno, nè feriti.

Però, accidenti! :smiley26:

 

è un tipo di incidente non anomalo, questo. anche tra le nostre navi ci sono state simili collisioni di modeste entità, causate da un'avaria all'invertitore del rimorchiatore. piu di una volta ho assistito a rimorchiatori giungere a velocità sostenuta e che neppure l'arresto di emergenza ha potuto evitare la classica "bugna" a paratia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo su Difesa on line http://www.difesaonline.it/mondo-militare/processo-cinque-ufficiali-dellusnavy-pericoloso-precedente-finalmente-vista

 

"La decisione della Marina statunitense di accusare cinque ufficiali di omicidio colposo per il loro coinvolgimento nei due incidenti subiti, dai cacciatorpediniere lanciamissili classe Arleight Burke, potrebbe essere una decisione importante. Soprattutto perché, se fosse provato un loro diretto coinvolgimento, questo porterebbe ad una condanna per almeno tre anni di reclusione."

 

Si ipotizza un processo per alcuni ufficiali in seguito agli incidenti della Fitzegarld e McCain. Non è però ancora detto che si arrivi a un processo

 

Ma rimane inusuale che un caso come questo finisca in un processo che potrebbe portare alla reclusione, perché come continuato da Fidell questi casi solitamente terminano con un patteggiamento, con gli ufficiali accusati che oltre ad essere licenziati, perdono la loro pensione o subiscono una sanzione amministrativa. Il tutto ovviamente è legato a doppio filo con il capo di imputazione iniziale.

 

L'articolo ricorda ovviamente anche l'incidente del Cermis, nonchè il caso del sottomarino Greenvill che durante un'esercitazione di emersione rapida affondò un peschereccio giapponese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo davvero interessante, grazie Valeria.

E' davvero una novità vedere personale delle forze armate satunitensi condannato, anche perché già il licenziamento e il demerito sono una punizione pesante nel mondo americano.Credo si voglia dare un segnale a chi effettua addestramento nelle forze armate....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Calma... SAREBBE una novità. Ancora non è neanche certo che si vada a processo. Al momento, a quanto ho capito, è nuova

la disponibilità della Marina ad accettare il processo, mentre di solito nascondevano sotto al tappeto (v. Cermis)

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

IL 3 settembre u.s. sono usciti gli esiti (datati 3 agosto) dell'indagine del NTSB sull'incidente tra il cacciatorpediniere USS Fitzgerald e il portacontainer ACX Cristal. Proprio come anticipava @Nostromodiroma la nave militare avrebbe dovuto "dare la precedenza" ma ci sono molte cose inspiegabili, dal non avvenuto cambio di rotta ordinato al mancato intervento (e comunicazioni tra loro) dei team plancia e COC. A guardare i grafici sembra persino che abbiano cercato la collisione... l'articolo è disponibile al link   https://news.usni.org/2020/09/03/ntsb-unexplained-course-change-was-a-critical-error-in-fatal-uss-fitzgerald-collision 


 

Quote

 

NTSB: ‘Unexplained’ Course Change Was ‘A Critical Error’ in Fatal USS Fitzgerald Collision

Screen-Shot-2020-09-03-at-1.56.18-PM.png

Federal investigators highlighted an “unexplained course change” by a U.S. guided-missile destroyer as “a critical error” that put the warship on the path to the fatal 2017 collision that would kill seven sailors, according to a new report released Thursday.

Eight minutes before the collision with the merchant ship ACX Crystal in a busy shipping lane off the coast of Japan, USS Fitzgerald (DDG-62) – traveling at 20 knots – adjusted its course 10 degrees, setting the stage for the collision, according to the National Transportation Safety Board report.

“This course change proved to be a critical error, and investigators were unable to determine the reason for it,” reads the report.
“The study found that if the Fitzgerald had not made the course change from 190° to 200° 8 minutes before the collision, the destroyer would have passed ahead of the ACX Crystal with a [closest point of approach] of about 1,000 yards, or about a 1/2 nautical mile. Therefore, the NTSB concludes that the Fitzgerald’s unexplained small course change to starboard minutes before the collision put the vessel on a collision course with the ACX Crystal.”

Screen-Shot-2020-09-03-at-5.18.55-PM.png
NTSB Image

The course change was entered into the ship’s log, but investigations were unable to find a reason for the adjustment. The revelation of the course change was one of the few new pieces of information contained in the first independent assessment, which was released today, almost three years after the Navy’s own probe.

The independent assessment of the collision places most of the blame on failings of the watch team on the bridge of Fitzgerald. The bridge team had failed to move out of the way of the container ship that had the right of way, according to the maritime rules of the road.

The NTSB “determines that the probable cause of the collision between U.S. Navy destroyer Fitzgerald and container ship ACX Crystal was the Fitzgerald’s bridge team’s failure to take early and substantial action to avoid collision as the give-way vessel in a crossing situation,” reads the report.
“Contributing was ineffective communication and cooperation among the Fitzgerald crew on the bridge and in the combat information center (CIC), and the Fitzgerald commanding officer’s (CO) insufficient planning for the hazards of the vessel’s intended transit.”

Screen-Shot-2020-09-03-at-3.26.04-PM.png
NTSB Image

The report faults the Navy’s “ineffective oversight of the Fitzgerald in the areas of operations scheduling, crew training, and fatigue mitigation,” as contributing factors to the collision.

“The Fitzgerald’s aggressive schedule leaving port to comply with certification requirements and to return to its deployment schedule provided little rest on the day before the accident. The schedule for the Fitzgerald was developed with the assistance and input of the ship’s shoreside command and this type of schedule appeared to be the norm for this area of Navy operations,” reads the report.


 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di notte, con tre navi vicine fra loro e provenienti dalla medesima direzione, l' operatore radar del ct. statunitense deve aver fatto un pò di confusione...

Tra l' altro l' ACX CRYSTAL, a mio parere, aveva ben poche possibilità di manovra avendo due navi ai propri lati.

 

Come al solito vorrei sentire altre idee.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,150
    • Total Posts
      508,189
×