Jump to content
Sign in to follow this  
Squadrag54

Affondamento Della Leonardo Da Vinci

Recommended Posts

http://www.cefalunews.net/cn/news/?id=50720

 

 

2 agosto 1916 affonda la corazzata Leonardo Da Vinci.

La corazzata Leonardo da Vinci, consegnata alla Regia Marina dai Cantieri Odero di Genova il 17 maggio del 1914, dislocava a pieno carico 24677t, era lunga ft 176m larga 28 e pescava 9.4m; era circondata da una cintura corazzata spessa 280mm al centro nave che assottigliava raggiungendo i 130mm verso poppa e gli 80 verso prua, la protezione verticale variava da 40 ai 24mm, la corazzatura dei torrioni raggiungeva i 280mm; l’armamento principale era composto da 13 cannoni da 305/46 sistemati in 5 torri, poste 2 a prua, una trinata e una binata, una trinata al centro ed ancora 2 , una trinata e una binata a poppa; l’armamento secondario era composto da 18 cannoni da 120/50 posizionati in batteria 9 per fianco, protetti da una cintura corazzata di 130mm; come armamento antisiluranti disponeva di 16 cannoni da 76/50, terminavano l’armamento 3 tubi lancia siluri. L’apparato motore era composto da 20 caldaie (12 a combustione mista e 8 a nafta) che alimentavano tre gruppi di turbine Parson che trasmettevano alle 4 eliche una potenza di 32800CV pari ad una velocità di 21.6 nodi; l’autonomia era di 4800mg a 10 nodi; l’equipaggio era formato da 31 ufficiali e 969 sottufficiali, sottocapi e comuni. La nave fu inizialmente basata a La Spezia, dove assieme al Dante Alighieri ed alla gemella Giulio Cesare formò la prima squadra navale. Con l’approssimarsi dell’entrata in guerra, venne dislocata a Taranto, entrando a far parte della 1^ divisione.

Il giorno 2 agosto, la nave ormeggiato all’interno del mar Piccolo, effettuò operazioni di munizionamento, in vista di un esercitazione di tiro che doveva svolgersi il giorno dopo. Alle 23.00 venne avvertita una lieve vibrazione nella zono poppiera contemporaneamente alla fuoriuscita di fumo da un condotto di aereazione in prossimità di un elevatore dei proiettili da 120. Il comandante C.V, Galeazzo Sommi Picenardi, fece rapidamente mettere in atto tutte le misure antincendio compreso l’allagamento delle santabarbare poppiere, ma cercò di controllare la situazione con i propri mezzi. Qualche tempo prima un caso analogo era accaduto a bordo di un'altra unità, il suo comandante aveva prontamente chiesto aiuto ad altre unità salvo poi risolvere il problema con i propri mezzi, per questo era stato ufficialmente ripreso dal comandante in capo della flotta Luigi Amedeo di Savoia-Aosta Duca Degli Abruzzi, memore di questo il comandante Summi Picenardi, cerco di controllare l’incendio senza diramare l’allarme, ma ormai questo era fuori controllo, si susseguivano le esplosioni di proiettili di piccolo calibro, mentre la nave era invasa dal fumo, l’incendio raggiunse le riservette di pronto impiego sotto le torri principali poppiere, alle 23.30 circa avvenne l’esplosione delle suddette cariche, che provocarono grandi falle su entrambi i lati della nave che iniziò ad appopparsi e inclinarsi a sulla sinistra. Fintanto che alle 23.45 la nave si capovolse ed affondò, causando la morte di 21 ufficiali, compreso il comandante morì 2 giorni dopo in ospedale per le ustioni riportate e 227 uomini dell’equipaggio.

L’inchiesta che seguì l’affondamento, dopo aver analizzato i fatti giunse alla conclusione che si trattava di un incendio doloso.

Subito dopo l’affondamento, si iniziarono le operazioni di recupero, la nave fu messa in pressione e si inizio il recupero delle munizioni, lavorare all’interno della nave in pressione era snervante, i locali erano bui, con temperature che si avvicinavano ai 40° con un tasso di umidità altissimo ed costante pericolo di esplosione. Poi furono staccate le torri principali e tutte le sovrastrutture, si costruirono poi dei grandi cilindri che furono collegati alla nave, il 5 agosto del 1919, uno dei palombari che lavorava intorno alla nave, ritrovo il cofano che conteneva la Bandiera di combattimento, e che oggi si trova al sacrario delle bandiere presso il Vittoriale. il 19 settembre del 1919 la nave fu riportata a galla e immessa in bacino per ulteriori lavori, nel gennaio del 1921, la nave fu portata fuori dal bacino ed in uno specchi d’acqua appositamente predisposto, con l’ausilio di 1500t di catene e di più di 800t fu raddrizzata, dopo un attenta valutazione dei costi di ricostruzione, la nave fu venduta per la demolizione nel maggio 1923.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sacrario delle bandiere presso il Vittoriano (il Vittoriale è un'altra cosa).

 

Veramente un bell'articolo, noi spesso ci sottovalutiamo, ma nella nostra storia abbiamo spesso fatto cose incredibili che oggi sembrerebbero impossibili con i mezzi dell'epoca in cui furono compiute.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non erro, a Scapa Flow, per il recupero della flotta tedesca autoaffondata , si ispirarono al recupero della nostra corazzata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sacrario delle bandiere presso il Vittoriano (il Vittoriale è un'altra cosa).

 

Veramente un bell'articolo, noi spesso ci sottovalutiamo, ma nella nostra storia abbiamo spesso fatto cose incredibili che oggi sembrerebbero impossibili con i mezzi dell'epoca in cui furono compiute.

devo decidermi a togliere il correttore automatico, chiedo scusa.

ci sottovalutiamo anche a causa dell'ignoranza storica. i media parlando del recupero della Concordia, lo definivano un fatto storico senza precedenti.

Edited by Squadrag54

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abbiamo nel forum il diglio dell'ing Andri, autore del recupero della corazzata, senza contare il bel libro, anche se molt tecnico, che lo stesso ha scritto (ed è stato recentemente ristampato). Quel recupero non solo è stato un punto di riferimento per il recupero della flotta tedesca autoaffondatasi a Scapa Flow, è una pietra miliare dei recuperi navali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Quella dell'Ing. Armando Andri fu una impresa veramente grandiosa...

Se non ricordo male, c'è un'altro libro che parla dell'Impresa... si, perché di impresa si tratta...

il titolo è "La corazzata capovolta"... comunque potrò essere più preciso al rientro dalle ferie per i primi di settembre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,689
    • Total Posts
      518,776
×