Jump to content
Sign in to follow this  
danilo43

La Vasca Belloni

Recommended Posts

Nella recensione di 50 anni di mare – memorie 1900 – 1950, di Angelo Belloni, http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=28835 GM Andrea menziona il testo Tener famiglia del maggiore GN Petrillo, dove l'autore rievoca un esperimento eseguito nel '29 con la "vasca Belloni", alla presenza dell'omonimo inventore. Nel suo libro Petrillo evidenzia che di tale esperimento non vi è però menzione nelle memorie del Belloni, da lui consultate grazie ai famigliari.

Prendo spunto per riportare quella narrazione, che ho corredato con un disegno illustrativo d'epoca, non facente parte del succitato testo.

 

...Angelo Belloni era indubbiamente eccezionale. Di grande intelligenza e anche di grande fantasia e intraprendenza, si dedicò per tutta la vita alle imprese sottomarine, dal salvataggio dei smg alla pesca delle perle e delle spugne, tanto che aveva entrambi i timpani sfondati per le profonde immersioni fatte. In quanto al problema del salvataggio, fu il primo nel mondo ad impostarlo sull'equilibrio fra la pressione interna ed esterna de smg, criterio razionale da tutti adattato, anche se risolto da altri con mezzi più idonei.

Belloni si basava su questo concetto: se nell'interno del smg si può stabilire una pressione uguale a quella esterna, può lasciarsi libera un'apertura da cui gli uomini possono tornare in superficie. A tale scopo egli ideò un tubo di tela (i smg più moderni disposero in seguito di una garitta utilizzabile come il tubo) che, collegato in alto con un portello di uscita, pescava in basso in una vasca pure di tela. Bastava mettere il locale in pressione con l'aria compressa di bordo (o di un aiuto esterno), riempire d'acqua la vasca, equilibrare la pressione con l'esterno fino a riempire il tubo fino al portello e aprire questo. Gli uomini non avevano che da tuffarsi nella vasca, infilarsi nel tubo e venire a galla. Per rendere più agevole la fuoriuscita, Belloni aveva ideato un cappuccio di gomma con occhiali che,con la sua sacca d'aria, consentiva all'uomo di respirare anche sottacqua per qualche minuto prima di arrivare alla superficie.

Lo Speri fu il primo a fare questo esperimento.

Finalmente a Spezia, alla presenza dell'ammiraglio dei smg e di una commissione, facemmo le prove della vasca Belloni con immersione simulata. E cioè, restando in superficie, riempimmo la vasca e, aumentando la pressione d'aria nel locale di prua riempimmo anche il tubo. Fu così aperto il portello ed io fui il primo a tentare la prova: indossai il cappuccio, mi immersi nella vasca, sottacqua imboccai il tubo, e per spinta propria uscii dal portello. L'unica esigenza da rispettare era quella di tenere la testa ben verticale sia nell'immergersi nella vasca e sia nell'imboccare il tubo, cosa non facile data la piccola profondità della vasca: se si inclinava la testa, l'aria fuoriusciva dal cappuccio e si aveva l'acqua alla bocca. Fatto l'esperimento, lo volli ripetere senza cappuccio: per chi è abituato a nuotare sottacqua l'operazione era molto più rapida. Ma in condizioni reali, e cioè con il smg ad una certa profondità e quindi con una fuoriuscita di maggior durata, l'uso del cappuccio era necessario per la riserva d'aria che esso conteneva. Belloni 1 fu molto soddisfatto....

 

1 purtroppo nelle proprie memorie inedite, che ho potuto consultare grazie alla liberalità del nipote Emanuele

Vinassa de Regny, Belloni non fa cenno di questa prova con lo Speri [Nota del curatore]

v2NlJX.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto il mondo ha diversi debiti verso Angelo Belloni, precursore in tante invenzioni (e in tante azioni). grazie Danilo

Share this post


Link to post
Share on other sites

A seguito degli ultimi riferimenti ad Angelo Belloni, con immutato piacere ho ripreso in mano le sue memorie; mi sono accorto che il disegno del post precedente, a spiegazione del funzionamento della vasca Belloni, è opera nientemeno che di Rudolf Claudus (pag. 157 del testo).

A seguire l'immagine di copertina della vasca installata sul sommergibile brasiliano Humaità (1928).

 

wHrERd.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

... mi sono accorto che il disegno del post precedente, a spiegazione del funzionamento della vasca Belloni, è opera nientemeno che di Rudolf Claudus (pag. 157 del testo).

R. CLAUDUS è maggiormente noto come pittore, ma il suo vero "lavoro" da giovane era quello di Uff. del Genio Navale della Marina Austrungarica: quindi doveva per forza aver dimestichezza anche col disegno tecnico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,349
    • Total Posts
      511,956
×