Jump to content
Sign in to follow this  
Totiano

Sea Shepherd A Venezia

Recommended Posts

da vela veneta al link http://www.velaveneta.it/2016/01/21/a-venezia-arriva-la-nave-bob-barker-di-sea-sherpherd/

 

 

A Venezia arriva la nave Bob Barker di Sea Sherpherd

 

Sea Shepherd visita Venezia con la nave M/V Bob Barker, la nave protagonista delle vittorie per la protezione della vita degli Oceani.
La MV Bob Barker è una delle navi più temute dai balenieri illegali giapponesi e dai bracconieri che minacciano i mari del mondo. Durante la campagna antartica del 2015 questa gloriosa nave ha segnato un record assoluto nell’inseguimento (durato 110 giorni) di una delle navi più distruttive dell’ecosistema antartico, la nave bracconiera del merluzzo dell’Antartico Thunder e ne ha chiuso la carriera per sempre.
La Bob Barker è il simbolo delle azioni dirette di Sea Shepherd e dell’impegno nella protezione degli ecosistemi marini, dai quali dipende la nostra stessa sopravvivenza su questo Pianeta.
La nave sarà a Venezia dal 28 al 31 gennaio a disposizione della Città e di tutti i supporter. Tutti potranno visitare la nave e contribuire a sostenere la Mission dell’Organizzazione.

 

Sea-Shepherd-Italia-venezia-550x300.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seguivo spesso il loro documentario che facevano su un canale satellitare.

 

Hanno anche avuto un incidente con un loro motoscafo di recente se non ricordo male, uno di quei motoscafi super veloci fù speronato (secondo loro) da una baleniera giapponese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho dato un'occhiata alla faccenda (che non conoscevo) dell'inseguimento tra Bob Barker e Thunder, una nave bracconiera. A quanto pare, non è proprio vero che sia stata direttamente la Bob Barker a "chiudere la carriera per sempre" della Thunder, che invece a quanto pare si è autoaffondata. Mi meravigliava un po' anche la faccenda del merluzzo, che mi risulta pescabile. Invece si tratta di un tipo particolare di merluzzo, il toothfish (piuttosto bruttino...), che è protetto

Qui alcune notizie in dettaglio

http://www.promiseland.it/2015/04/07/la-thunder-ha-concluso-la-sua-fuga/

http://www.theguardian.com/environment/2015/apr/07/captain-deliberately-sank-illegal-fishing-vessel-claim-sea-shepherd-rescuers

Qui una serie di scatti sull'affondamento

http://www.seashepherd.org/news-and-media/2015/04/06/poaching-vessel-thunder-sinks-in-suspicious-circumstances-1681

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da base artica, marco.

Se riesco faccio un salto a vederla e dare un contributo.

Salutoni marco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma non ti sfugge proprio nulla!

...La bandierina bianca e rossa significa "Pilota a bordo" :biggrin: Da http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2016/02/06/news/venezia-la-nave-bob-barker-finisce-in-secca-1.12907709#gallery-slider=undefined

Non me ne vogliano gli amici Piloti del Porto di Venezia :smile:

 

OGPhZw.jpg

 

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel porto di Venezia il pilotaggio è obbligatorio per unità superiori a 500 tsl. Il Barker ne stazza 1200: in teoria il pilota avrebbe dovuto trovarsi a bordo. C'è da dire però che quello dell'Isola della Certosa non è un accosto commerciale, bensì un marina per il diporto; la banchina esterna è riservata ai grossi yacht ed è situata nel canale dei Marani, che da San Nicolò porta ai bacini di carenaggio. La maggior profondità (12-18 m) si trova al centro della canaletta, delimitata da briccole da entrambe le parti; per approdare in banchina è necessario accostare ai margini ma comunque non è facile andare in secca. Nel canale la corrente è forte sia in fase di entrata che di uscita; potrebbe essersi verificata una qualche avaria alla macchina od al timone. Al di là della facile ironia assolverei il pilota.

Tengo lì la mia barca, appena il tempo migliorerà sarò in Isola e mi farò raccontare cosa è esattamente successo dai marinai addetti all'ormeggio.

 

EDIT: da altra fonte leggo che l'incidente è avvenuto davanti al collegio navale Morosini, durante il trasferimento dalla Certosa a San Biagio (Museo Navale). Lì si il fondale è veramente basso e non segnalato, ma per incapparlo bisogna accostare fuori canaletta di grande navigazione.

A questo punto dubito fosse imbarcato il pilota.

http://www.veneziatoday.it/cronaca/sea-shepherd-secca-venezia-6-febbraio.html

 

EDIT EDIT: saltato l'appuntamento a San Biagio (Museo Navale) la visita alla nave si è tenuta comunque alla Certosa, ma la comunicazione mi è giunta appena nel pomeriggio. L'ho vista solo adesso, ma avrei sfidato il maltempo per sapere con esattezza cosa è veramente accaduto....

https://www.dropbox.com/s/87ravrg1z12qpls/Barker.pdf?dl=0

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco spiegato l'arcano: sono stato oggi finalmente sotto bordo del Bob Barker che è tuttora ormeggiato all'accosto dell'Isola della Certosa in attesa, prima di poter ripartire, del nulla osta conseguente all'esito della visita in carena che verrà effettuata domani per conto dell'ente tecnico ( R.I.N.a.) preposto; visita necessaria essendo stata depositata in Capitaneria la dichiarazione di “evento straordinario occorso in navigazione”. Avvicinandomi già dal vaporetto all'imbarcadero del pontile mi sono reso conto che qualcosa non quadrava: vista dal vivo l'ex nave baleniera è un “battellino” che non può in alcun modo raggiungere il tonnellaggio di 1200 tsl dichiarato da Wikipedia e che, mea culpa, non ho verificato su siti di maggior affidabilità 142.GIF

Le tsl effettive, infatti, sono solamente 488 e pertanto la nave non ha obbligo di pilotaggio. Qui Iscandar aveva ragione, il pilota è salito a bordo dopo l'incaglio e solamente dopo il suo imbarco è stata esposto il relativo segnale bianco/rosso. Mi è stato riferito che dopo l'uscita dal canale dei Marani il comandante, invece di proseguire alla via, con leggera accostata a sinistra per seguire la cunetta fino alla meda elastica gialla e tenere a dritta la successiva verde (v. mappa/plotter) in direzione del Bacino di San Marco, ha accostato subito decisamente a dritta, seguendo (e ingannato) dalla rotta dei battelli di sevizio pubblico, con immersione intorno ai 2 m. Il Barker ne pescava in quel frangente quasi 6, a poppa e poco meno di 5 a prora.

Tuttavia nella cartografia elettronica/gps, sempre in funzione ed estremamente dettagliata, la posizione della nave è chiaramente indicata. In plancia inoltre sono presenti più di un ecoscandaglio, strumentazioni queste da tenersi in funzione qualora non si conosca perfettamente la zona: la laguna, in apparenza priva di pericoli, può anche essere traditrice !

 

Q0NXXk.jpg

 

u8Wqul.jpg

 

8z1Vfe.jpg

 

GIYVm4.jpg

 

TOgFOd.jpg[/url

 

2VgHCj.jpg

Vista aerea dell'area, anteriore alla realizzazione del pontile esterno, dove è attualmente ormeggiato il Barker. In alto a sinistra la rotta seguita dai motoscafi conduce alla zona di incaglio. Clicca sulla foto per ingrandire.

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sai cosa fa ridere? I "denti da squalo".

Lo troverei comunque inappropriati perchè esagerati, ma dopo questo incidente.. :biggrin:

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,100
    • Total Posts
      507,595
×