Jump to content
Sign in to follow this  
LColombo

Convoglio Tarigo

Recommended Posts

Credo di fare cosa gradita (magari anche per il nuovo sito...) nel postare il link a quest'anteprima di un libro su Google Books ("The War at Sea in the Mediterranean 1940-1944") in quanto vi si possono leggere (pagine da 77 a 84) i rapporti dei comandanti di Jervis, Janus, Nubian e Mohawk sull'attacco al convoglio "Tarigo": https://books.google.it/books?id=ddKwBAAAQBAJ&pg=PA82&lpg=PA82&dq=%22destroyer%22+%22tarigo%22&source=bl&ots=vGB2xH8_dj&sig=Mk04uN1fbQJthZylGGH1lZeTQgw&hl=it&sa=X&ved=0CFsQ6AEwDDgKahUKEwjJhqWQvafIAhWLORoKHZGjD-I#v=onepage&q=%22destroyer%22%20%22tarigo%22&f=false

Share this post


Link to post
Share on other sites

Domanda: il comandante del Lampo in quello scontro è universalmente indicato come "capitano di corvetta E. Marano". Il nome completo era forse Enrico Marano, poi comandante da capitano di vascello, nel 1944, della Cesare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Domanda: il comandante del Lampo in quello scontro è universalmente indicato come "capitano di corvetta E. Marano". Il nome completo era forse Enrico Marano, poi comandante da capitano di vascello, nel 1944, della Cesare?

 

Confermo, Enrico Marano, dal marzo 1944 com.te del Cesare (ma da capitano di fregata)

 

Quanto al Tarigo, ricevo da Enrico Cernuschi e pubblico volentieri :

 

I rapporti inglesi citati sul Forum in merito all’azione del convoglio Tarigo usano la formula standard “no damage from enemy action”, aggiungendo che l’esplosione del mercantile Sabaudia “showered” il caccia Jervis con “piece of ammunition” .

Questo per i documenti da dare in pasto al pubblico (è curioso che alcuni parlino del Tarigo mentre altri si limitino alla semplice menzione di caccia della classe “Navigatori”. Delle due l’una: o il comando di squadriglia inglese non ha letto i rapporti delle singole unità prima di fare la propria relazione, oppure i documenti britannici sono molto posteriori quell’azione).

In ogni modo la pubblicazione riservata dell’Ammiragliato O.B. 3001 (42) Progress in Naval Gunnery 1942, afferma che oltre alla perdita del Mohawk gli “other three destroyers suffered no casualties and slight damage from splinters”, aggiungendo che gli “only hits scored were by shells which descended from the sky after an ammunition ship had been blown up”.

Si passa, pertanto, da “no damage from enemy action” a “slight damage from splinters” su tutti i restanti cacciatorpediniere britannici.

In seguito le splinters (schegge) sono poi promosse a shells (proietti), quindi almeno due, sia pure parlando di “piece of ammunition” discesi dal cielo dopo l’esplosione del Sabaudia.

A pensar male si fa peccato però …

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma non vedo cosa ci sia di strano. Per quanto riguarda il nome del Tarigo, i comandanti dei cacciatorpediniere britannici avranno redatto i loro rapporti ognuno per conto suo, e di conseguenza ognuno ha riportato quello che ha visto: Jervis, Nubian e Mohawk soltanto un cacciatorpediniere classe Navigatori, il Janus, che doveva essere riuscito a leggere la sigla "TA" nonostante il buio (fu il ct cui Mack ordinò di affondare il Tarigo una volta per tutte, quindi forse gli si avvicinò di più) anche l'identificazione esatta dell'unità.

La discrepanza tra "nessun danno" e "danni da schegge" immagino sia stata dovuta alla trascurabilità di questi ultimi. Per quanto concerne i proiettili, a conferma che provenivano dallo sventurato Sabaudia, ho letto anche il racconto di un marinaio imbarcato su uno dei ct britannici (non ricordo quale): raccontava che, quando il Sabaudia esplose, la sua nave venne irrorata da una pioggia di munizioni provenienti da quella nave. Qualcuno dell'equipaggio raccolse qualcuno dei proiettili caduti a bordo e li identificò come di produzione tedesca (a conferma del fatto che facevano parte del carico di munizioni, dell'Afrika Korps, che quella nave trasportava).

L'azione del Tarigo è uno dei pochi casi in cui già all'epoca i britannici, almeno in privato, non ebbero problemi a riconoscere il valore di una nave italiana: nel Weekly Intelligence Report del 4 luglio 1941 si legge tra l'altro, in proposito dello scontro del 16 aprile, "The destroyer Luca Tarigo, which had put up a very good fight and had continued to use her torpedo-tubes after she had been torpedoed [sic - il Jervis riteneva di averlo probabilmente colpito con un siluro a poppa alle 2.40, ma era in errore], was well on fire, unable to move and had been supposed to be out of action, finally sank before 0333 after repeated battering by Jervis, Mohawk, Nubian and Janus".

Edited by LColombo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,689
    • Total Posts
      518,776
×