Jump to content
Sign in to follow this  
BERILLO

25 Aprile 1945 - 25 Aprile 2015

Recommended Posts

Tratto da Wikipedia :

 

Il 25 aprile 1945 è il giorno in cui, alle 8 del mattino via radio, il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia - il cui comando aveva sede a Milano ed era presieduto da Luigi Longo, Emilio Sereni, Sandro Pertini e Leo Valiani (presenti tra gli altri il presidente designato Rodolfo Morandi, Giustino Arpesani e Achille Marazza) - proclamò l’insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti, indicando a tutte le forze partigiane attive nel Nord Italia facenti parte del Corpo Volontari per la Libertà di attaccare i presidi fascisti e tedeschi imponendo la resa, giorni prima dell’arrivo delle truppe alleate; parallelamente il CLNAI emanò in prima persona dei decreti legislativi[2], assumendo il potere «in nome del popolo italiano e quale delegato del Governo Italiano», stabilendo tra le altre cose la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti[3] (tra cui Mussolini, che sarebbe stato raggiunto e fucilato tre giorni dopo).

«Arrendersi o perire!» fu la parola d’ordine intimata dai partigiani quel giorno e in quelli immediatamente successivi.

Entro il 1º maggio tutta l'Italia settentrionale fu liberata: Bologna (il 21 aprile), Genova (il 23 aprile) e Venezia (il 28 aprile). La Liberazione mise così fine a venti anni di dittatura fascista ed a cinque anni di guerra; la data del 25 aprile simbolicamente rappresenta il culmine della fase militare della Resistenza e l'avvio effettivo di una fase di governo da parte dei suoi rappresentanti che porterà prima al referendum del 2 giugno 1946 per la scelta fra monarchia e repubblica – consultazione per la quale per la prima volta furono chiamate alle urne per un voto politico le donne – e poi alla nascita della Repubblica Italiana, fino alla stesura definitiva dellaCostituzione.

Il termine effettivo della guerra sul territorio italiano, con la resa definitiva delle forze nazifasciste all'esercito alleato, si ebbe solo il 3 maggio, come stabilito formalmente dai rappresentanti delle forze in campo durante la cosiddetta resa di Caserta firmata il 29 aprile 1945: tali date segnano anche la fine del ventennio fascista.

ONORI ai Caduti di entrambi gli Schieramenti.

BERILLO

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trascorsi ormai settant'anni da quei tragici eventi, sarebbe bello poter festeggiare il 25 aprile quale Festa della liberazione e della pacificazione nazionale.

Speriamo che finalmente i tempi siano maturi per questo. Secondo me ne abbiamo bisogno.

Auguri alla nostra amata Nazione.

C.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon 25 aprile a tutti :smiley19::smiley19::smiley19:

Onore a tutti quelli che ovunque resistettero

Mi riconosco bene nelle parole del Presidente dell Repubblica;

Pietas per caduti del fronte opposto, senza equiparare i due campi: da una parte si combatteva per la libertà dall'altra per la sopraffazione.

In liguria ricordiamo con orgoglio la resa della guarnigione tedesca di Genova del gen. Meinhold alle forze partigiane del CLN fatto unico in Europa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon 25 aprile a tutti :smiley19::smiley19::smiley19:

Onore a tutti quelli che ovunque resistettero

Mi riconosco bene nelle parole del Presidente dell Repubblica;

Pietas per caduti del fronte opposto, senza equiparare i due campi: da una parte si combatteva per la libertà dall'altra per la sopraffazione.

In liguria ricordiamo con orgoglio la resa della guarnigione tedesca di Genova del gen. Meinhold alle forze partigiane del CLN fatto unico in Europa.

 

Mi associo a quanto sopra detto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon 25 aprile a tutti :smiley19::smiley19::smiley19:

Onore a tutti quelli che ovunque resistettero

Mi riconosco bene nelle parole del Presidente dell Repubblica;

Pietas per caduti del fronte opposto, senza equiparare i due campi: da una parte si combatteva per la libertà dall'altra per la sopraffazione.

In liguria ricordiamo con orgoglio la resa della guarnigione tedesca di Genova del gen. Meinhold alle forze partigiane del CLN fatto unico in Europa.

Parole sante. Perché è vero che c'era chi ci credeva, ma i morti non sono tutti uguali.

 

Ed è bene ricordarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Superando se stessi non resta che pregare per tutti !!!

Il Giudice Supremo è e rimarrà sempre Iddio nostro !!!

Io credo che quando si fa del male si è coscienti.........

Caino si nascose alla vista di Dio dopo aver ucciso suo fratello....

Egli ha già molto giudicato e giudicherà ancora tanto !

E' a Lui che spetta il giudizio finale !!!

 

W L'Italia !!!

W La Libertà !!!

 

RED

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sagge parole C.te Red!

Crimini effetati e becere violenze tali rimangono sotto qualsiasi bandiera esse vengono compiute.

C.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bah,... stamattina presto, alle 6, ascoltando una trasmissione su Radio 2: Domanda : "cosa si festeggia il 25 aprile?"

 

- Francamente non lo so

- Boh...

- la fine della 2 guerra mondiale

- Eeeeeh....

- la repubblica

- la festa della Repubblica

- ??????

- il momento in cui ...conciossiacossacchè.... :wacko:

- Ahhhhh...

 

 

PS: in effetti, anche sulla fine della 2 GM in Italia ci sono problemi calendariali : la butto lì: 1 maggio per l'Italia? (cessazione delle ostilità tedesche sul suolo nazionale)

Poi ci si meraviglia se l'Expo non rispetta i tempi...

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bah,... stamattina presto, alle 6, ascoltando una trasmissione su Radio 2: Domanda : "cosa si festeggia il 25 aprile?"

 

- Francamente non lo so

- Boh...

- la fine della 2 guerra mondiale

- Eeeeeh....

- la repubblica

- la festa della Repubblica

- ??????

- il momento in cui ...conciossiacossacchè.... :wacko:

- Ahhhhh...

 

Ho paura che sia così per qualsiasi festività nazionale... ormai questo è il livello d'istruzione (?) dell'italiano moderno. Chi è che diceva, chi dimentica la propria storia...

Edited by LColombo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è questione di festività nazionale. Mettiamola sul religioso.

Romania, 15 agosto. Lì la religione si sente , eccome. Il 15 agosto le chiese erano piene di torte, arrostini, ecc, preparati per i poveri delle parrocchie ( e non per i turisti affamati!!!!)

Domanda di una compagna di viaggio, laureata in ingegneria: "ma perchè, il 15 agosto è festa religiosa????"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premesso che mi esprimo a titolo esclusivamente personale, ricordo e onoro quanti sono caduti e hanno combattuto onestamente, distinguendo - per quel che mi riguarda - tra galantuomini e criminali, idealisti e opportunisti, benefattori e grassatori. Categorie che la Storia ha saputo distribuire con ammirevole equanimità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il punto è: nessuno nega che anche tra i partigiani (e tra gli Alleati) vi fu chi commise crimini. Criminali ve ne sono sempre stati in qualunque esercito, regolare o meno.

E nessuno nega nemmeno che vi fossero "galantuomini", o semplicemente gente che era onestamente convinta di ciò che faceva e non si macchiava di crimini, nella RSI.

Ma nondimeno, questi ultimi (oltre a combattere una guerra fondamentalmente inutile e dannosa - le sorti dell'Asse erano segnate già dalla metà del 1943, i restanti due anni di guerra furono soltanto inutile carneficina e distruzione per colpa della fanatica follia dei capi di una parte) combattevano dalla parte di chi gestiva i lager, deportava ebrei, oppositori politici, "imperfetti" d'ogni tipo e minoranze, e di tutte queste categorie aveva in mente di "ripulire" l'Europa...

Mentre non si può far colpa di ciò ai "giusti" che militavano nella RSI, se (e solo se) non erano a conoscenza di quanto sopra, noi invece oggi lo sappiamo, e non si tratta di particolari marginali che possano essere lasciati fuori di una valutazione storica complessiva.

Il giudizio non è rivolto ai singoli, ma alla "parte". Gli Alleati (e i partigiani) erano lungi dall'essere i buoni da fiaba, ma ciò che si proponeva il nazifascismo era sbagliato e criminale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, se vogliamo dirla proprio tutta anche l'ideologia cui si ispirava una parte del composito FLN non è che fosse meno nefasta del nazifascismo (che detto chiaramente anche io depreco).

I milioni di morti delle purghe staliniane mi sembra siano una realtà storica così come gli ottimi rapporti tra Togliatti e la "democratica" Unione Sovietica.

In realtà se dal 1945 alla caduta del muro di Berlino l'Italia è RIMASTA una nazione libera e democratica è grazie alla scelta "atlantica" voluta da De Gasperi.

Diversamente avremmo fatto la fine della Germania dell'est (e sui barconi ci sarebbero scappari gli italiani) o, peggio, dell'Ungheria, la cui voglia di libertà è finita, come sappiamo, nel sangue nell'autunno del 1956.

E quanto fecero in quella occasione (e molte altre) l'URSS e i comunisti non fu meno sbagliato e criminale di quanto fecero i nazifascisti da noi.

Se avesse prevalso una parte del movimento partigiano saremmo passati da una dittatura ad un altra.

Quindi, per favore, basta con questa ipocrisia lunga 70 anni.

C.

Edited by chimera

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà se dal 1945 alla caduta del muro di Berlino l'Italia è RIMASTA una nazione libera e democratica è grazie alla scelta "atlantica" voluta da De Gasperi.

Diversamente avremmo fatto la fine della Germania dell'est (e sui barconi ci sarebbero scappari gli italiani) o, peggio, dell'Ungheria, la cui voglia di libertà è finita, come sappiamo, nel sangue nell'autunno del 1956.

E quanto fecero in quella occasione (e molte altre) l'URSS e i comunisti non fu meno sbagliato e criminale di quanto fecero i nazifascisti da noi.

Se avesse prevalso una parte del movimento partigiano saremmo passati da una dittatura ad un altra.

Quindi, per favore, basta con questa ipocrisia lunga 70 anni.

 

Per la verità, tra Italia da una parte, e Germania/Ungheria (...e Cecoslovacchia, e altre ancora) dall'altra, la differenza è che queste ultime furono occupate dalle forze dell'URSS, che vi esportarono il "modello" stalinista. Non fu portato al potere da gruppi armati "interni" come i partigiani.

Su Togliatti son d'accordissimo, quanto scrisse in merito al trattamento da riservare ai prigionieri italiani in mano all'URSS e la vicenda giuliana bastano a definire il "personaggio".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, se vogliamo dirla proprio tutta anche l'ideologia cui si ispirava una parte del composito FLN non è che fosse meno nefasta del nazifascismo (che detto chiaramente anche io depreco).

I milioni di morti delle purghe staliniane mi sembra siano una realtà storica così come gli ottimi rapporti tra Togliatti e la "democratica" Unione Sovietica.

In realtà se dal 1945 alla caduta del muro di Berlino l'Italia è RIMASTA una nazione libera e democratica è grazie alla scelta "atlantica" voluta da De Gasperi.

Diversamente avremmo fatto la fine della Germania dell'est (e sui barconi ci sarebbero scappari gli italiani) o, peggio, dell'Ungheria, la cui voglia di libertà è finita, come sappiamo, nel sangue nell'autunno del 1956.

E quanto fecero in quella occasione (e molte altre) l'URSS e i comunisti non fu meno sbagliato e criminale di quanto fecero i nazifascisti da noi.

Se avesse prevalso una parte del movimento partigiano saremmo passati da una dittatura ad un altra.

Quindi, per favore, basta con questa ipocrisia lunga 70 anni.

C.

 

Parole sacrosante, che sottoscrivo in pieno.

 

Aggiungerò inoltre, che non mi riconosco per nulla nell'appropriazione totale e totalitaria della festività del 25 aprile perpetrata a suo favore dalla sinistra italiana, soprattutto quella più estrema.

Alla resistenza hanno partecipato forze non soltanto comuniste, ma anche elementi che - nel dopoguerra - hanno dato vita a partiti dell'altra parte dell'arco costiruzionale: dalla Democrazia Cristiana al Partito Liberale della "Prima Repubblica".

Se mai, sono stati proprio questi partiti a farsi soffiare, per loro ignavia e incuria e da sotto il naso, l'opportunità di sedere al tavolo dei vincitori (vincitori che, senza gli anglo americani, non avrebbero peraltro vinto alcunché), e quindi i loro leader dal 1945 al 1990 - senza larghi giri di parole - in questo specifico ambito sono stati sicuramente e senza attenuanti degli autentici fessi.

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,109
    • Total Posts
      507,693
×