Jump to content
Sign in to follow this  
bezukhov

E' Morto Horst Bredow, Fondatore Del Deutsches U-Boot Museum

Recommended Posts

Il 22 febbraio, all'età di 90 anni, si è spento Horst Bredow. Come accade per ogni veterano che ci lascia, dobbiamo rattristarci per la perdita di un pezzo di storia e di memoria; tuttavia, grazie alla sua instancabile attività dedicata alla creazione e all'accrescimento del Deutsches U-Boot Museum, Horst Bredow ci ha lasciato molto più che il ricordo di sè, contribuendo in modo determinante a tramandare la memoria di un'intera generazione di sommergibilisti.



Berlinese, classe 1924, Horst Bredow scelse di diventare ufficiale di marina subito dopo aver terminato la scuola, nel 1942. Il suo periodo di addestramento durò fino al 1944, quando fu assegnato all'U 288. Su quel sommergibile completò la sua prima e unica missione operativa nelle acque norvegesi, venendo ferito nel corso di un attacco aereo. Il successivo ricovero in ospedale gli salvò la vita, dato che l'U 288 venne affondato durante la seconda missione, con la perdita dell'intero equipaggio.


Horst Bredow venne quindi riassegnato quale comandante di un'unità dragamine di stanza a Genova, dove si trovava al termine del conflitto. Ritornato in Germania, lavorò fino al 1983 come insegnante di scienze.



Se l'esperienza diretta della guerra fu soltanto una parentesi nella vita di Horst Bredow, tale non fu invece il ricordo dei suoi compagni dell'U 288, scomparsi mentre lui si trovava in ospedale. Dopo la guerra, Horst Bredow dedicò infatti tutte le sue energie e le sue risorse economiche per raccogliere informazioni su di loro e sulla loro sorte (che all'epoca era ignota). Il suo desiderio di conoscere e tramandare la storia dell'U 288 si estese ben presto fino a comprendere l'intera storia degli U-Boote e dei loro equipaggi.



Con il passare degli anni, Horst Bredow raccolse un'enorme mole di informazioni e memorabilia legate alla storia degli U-Boote, che confluirono nella fondazione - da lui diretta fino alla sua morte - denominata Deutsches U-Boot Museum (DUBM). Il DUBM (situato ad Altenbruch, nel Nord della Germania) comprende due sezioni distinte: il museo e l'archivio. Il museo contiene un gran numero di reperti - parti di sommergibili, bandiere, uniformi, medaglie, quadri, modellini - che costituiscono l'attrazione principale per la maggior parte dei visitatori; alcuni, però, ritengono che la parte più preziosa e interessante sia l'archivio. Attualmente, esso raccoglie oltre 165.000 fotografie legate alla storia degli U-Boote (la più grande collezione al mondo in questo campo) e una mole veramente notevole di documenti originali o copiati da altri archivi sparsi in tutto il mondo.



Non è esagerato affermare che, mediante la sua fondazione, Horst Bredow abbia contribuito più di chiunque altro a preservare e tramandare la storia degli U-Boote. Il suo nome compare invariabilmente nella sezione "Ringraziamenti" di tutti i più importanti libri dedicati all'argomento, e realtà oggi comunemente usate da molti ricercatori (per esempio l'insostituibile sito uboat.net) non sarebbero state possibili senza il suo lavoro di ricerca, raccolta e catalogazione dei documenti originali.



Personalmente, ricorderò sempre il mio incontro con Horst Bredow nel 2013, nel quale - ormai era quasi cieco - mi porse la mano salutandomi in italiano, e mi raccontò i suoi ricordi su Genova risalenti all'epoca della guerra.


Lo aiutai quindi a comporre alcuni numeri di telefono, dato che aveva difficoltà a leggere i tasti; nonostante l'età e i problemi alla vista, infatti, lavorava ogni giorno nel suo ufficio per gestire almeno in parte la numerosa corrispondenza con ricercatori, famiglie di veterani e semplici appassionati che, anche grazie al suo lavoro, si sono interessati alla storia degli U-Boote.



2l8hueb.jpg



Horst Bredow (1924-2015) nel suo ufficio, all'interno dell'archivio da lui fondato e diretto.



Sito del DUBM (inglese):


http://www.dubm.de/lang1/index.html



Necrologio pubblicato dal DUBM (inglese):


http://www.dubm.de/lang1/files/nachruf_bredow__en_.pdf



Qualche foto e descrizione del DUBM:


http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=42270&hl=


http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=42275&hl=


Edited by bezukhov

Share this post


Link to post
Share on other sites

temo che in Italia noi di Betasom saremo gli unici ,o quasi, a ricordarlo... Bravo, Bezhukov!!!

.Devo avere in giro una sua risposta scritta dei tempi in cui le mail non erano ancora d'uso comune e mi ero fatta aiutare da una collega di tedesco per scrivere all'Uboot Museum......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero una persona eccezionale, anche in un contesto come quello tedesco. Peraltro ha iniziato a lavorarci in un periodo in cui l'avversione per le forze armate era ancora molto forte e di questo bisogna rendergli ancor più merito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,616
    • Total Posts
      517,460
×