Jump to content
Sign in to follow this  
malaparte

Baglietto Anniversary Book 1854-2014

Recommended Posts

Leggo su QN di oggi che ieri al Museo della Sciena e della Tecnica di Milano è stato presentato il libro in oggetto (curatori Roberto Franzoni, Dominique Gabirault e Justin Ratcliffe, ed. Compositori).

L'articolo di Corrado Ricci ripercorre rapidamente la storia dei cantieri Baglietto, che iniziarono a Varazze con gozzi e leudi per poi puntare sullo yachting con un committente...decisamente d'alto bordo: il papa Leone XIII , nel 1888 (v. foto) convinto che solcare i mare avvicina a Dio. Con la Prima GM, Baglietto come noto inizia gli affari con la Regia Marina e nascono i MAS. Fra le due guerre , nel 38 costruisce per Vittorio Emanuele il ME91, di 15 metri, e il 12 metri Alcyone per Gabriele d'Annunzio.

Dai MAS derivano le carene della serie dedicate alle isole mediterranee (Elba, Ischia, Capri, Minorca, Maiorca) del 2 dopoguerra, quando i nuovi ricchi vogliono "la barca". E nel 1962 costruisce anche per Giovanni Agnelli. Alla fine anni '70 la famiglia Baglietto si ritira, sostituita dalla famiglia Rodriquez, leader degli aliscafi, e nel 1999 vengono acquistati i cantieri Ferrari della Spezia, dove ora si sta consolidando l'era di Gavio.

Tra gli obiettivi di Beniamino Gavio, al timone dai cantieri dal 2012, ci sono il ritorno alle barche a vela, motoscafi di nuova generazione che partano dal disegno dei MAS e la realizzazione di unità per la Marina Militare.

Il cantiere comprende 56 dipendenti, più duecento nell'indotto.

 

baglietto_zps7fd2673e.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra gli obiettivi di Beniamino Gavio, al timone dai cantieri dal 2012, ci sono il ritorno alle barche a vela, motoscafi di nuova generazione che partano dal disegno dei MAS e la realizzazione di unità per la Marina Militare.

 

Spero prendano a modello la serie '500 :dribble: anche se visti i gusti odierni (scafi stretti, prore dritte) temo che si ispireranno piuttosto alle "scialuppe" della Grande Guerra.

Il ritorno alle barche a vela lo vedo molto difficile. Il mercato è saldamente in mano ai giganti del settore, forse potrebbero trovare uno spiraglio nella costruzione di barche tradizionali o di esemplari unici per ricconi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,531
    • Total Posts
      516,314
×