Jump to content
Sign in to follow this  
danilo43

Costruzioni Navali In Legno E Attrezzature Veliche

Recommended Posts

Nostromo di Roma mi ha colto in fallo per uno sproposito in campo velico di cui, a dir il vero, mi ero accorto subito e che sinceramente ero certo di aver corretto, ma qualcosa è andato storto …e ciò mi disturba assai :sad:

A parziale giustificazione accampo la tarda ora, ma probabilmente causa principale è l'incipiente rinc...rimbambimento senile.

In contropartita, per farmi perdonare, vorrei riprodurre due fascicoli d'annata riguardanti la marineria d'antan: costruzioni navali in legno – velatura e attrezzature.

Si tratta di due quaderni rilegati di appunti e schizzi eseguiti da mio nonno tra il 1907 e il 1908, all'epoca allievo della I. R. Scuola Reale Superiore di Trieste.

@GM Andrea ben sa che l'Austria era un paese ordinato ! e questo si denota anche dall'accuratezza della grafica che, a mio giudizio, costituisce un piccolo capolavoro: disegni e schizzi eseguiti in inchiostro di china senza una sola sbavatura costituiscono un discreto trattato di una tecnica oramai in gran parte scordata, che metterei con piacere a disposizione degli appassionati.

Ho trovato il modo di allegare file in PDF, impiegando un sito di hosting (per ora) GRATUITO.

Non è cosa da poco ma, sempre che sia di comune interesse, inizierei intanto a faticare con il primo.

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caricata la prima parte ed essendo la prima volta che impiego dropbox, faccio una prova per vedere se il link permette di aprire il doc.

 

https://www.dropbox.com/s/vtmapkxkl52uxrk/Costruzioni%20navali%20in%20legno.pdf?dl=0

 

EDIT: OK, pare che funzioni :smile: e si può pure zoomare ! Un po' lento da aprire, ma sono un centinaio di pagine.

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie, DANILO 43, di condividere con noi i Tuoi ricordi di Famiglia!

Pur non comprendendo tutto quanto non posso che apprezzare la finezza dei disegni: quei disegni che aiutavano l' Allievo a diventare Maestro d' ascia!

 

P.S. Suggerirei ai Moderatori di trasferire questo PDF ed il prossimo nella nostra Biblioteca digitale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Grazie infinite Danilo.. sono senza parole.

Tuo Nonno ha fatto un lavoro spettacolare.. dice bene l'amico Alfabravo, sembra proprio un libro per maestri d'ascia.

Grazie ancora.

:smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

P.S. Suggerirei ai Moderatori di trasferire questo PDF ed il prossimo nella nostra Biblioteca digitale.

Fatto. Danilo43, se mi mandi il nome e cognome del nonno lo inserisco in Indice. E grazie! Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a te Malaparte per l'iniziativa, a Navy 60 e a Alfabravo per l'apprezzamento. Il nome del nonno è: ing. Arturo Antonini ( italianizzazione di Antonsich come da interno copertina). Avrei da postare anche qualcosa d'altro, intanto qui in fuori discussione, poi si vedrà........

Share this post


Link to post
Share on other sites

.. dice bene l'amico Alfabravo, sembra proprio un libro per maestri d'ascia.....

 

Pare anche a me. La cosa strana è che l'istituto citato era una scuola superiore della durata di sette anni e non comprendeva nei programmi (reperibili tuttora in internet per quel periodo) l'indirizzo nautico. Oltre a questi due quaderni ne trovo un altro dello stesso stile, ma molto più ponderoso sulle costruzioni navali in ferro. Mi viene da pensare che mio nonno stesse approfondendo la materia in proprio; mi narrava infatti che, per non gravare sul bilancio familiare, dopo le ore di frequenza scolastica, lavorava come operaio allo Stabilimento Tecnico Triestino.

Aggiungo un breve cenno biografico.

Post laurea conseguita a Vienna, trovò il primo impiego nel 1912, come ingegnere navale, all'ufficio tecnico del "riparto guerra" al CNT di Monfalcone, da poco aperto dai Cosulich.

Nel 1919, al rientro dal conflitto, passato in parte in Galizia dove l' I.R. governo dislocava di norma irredentisti e sudditi di etnia italiana, passò al reparto costruzioni del cantiere navale San Rocco di Muggia.

Nel 1932 venne dislocato a Venezia come direttore tecnico dei Cantieri Navali e Officine Meccaniche CNOMV) appartenente allo stesso gruppo.

Epurato nel dopo guerra (il cantiere lavorava a pieno ritmo per la Kriegsmarine e il nonno vista la sua perfetta conoscenza della lingua ne era elemento di punta), dopo un breve periodo trascorso ai cantieri Celli, passò alla libera professione. Morì a Venezia nel 1966.

 

Vorrei allegare un altro interessante documento d'epoca: Il capitolato della costruzione N.33 del San Rocco, il primo incarico assegnatogli nel '19.

La specifica è del 1913; lo scafo venne impostato il 3.1.14 e varato in piena guerra il 10.12.14. Il piroscafo venne però allestito e consegnato alla Gerolimich & C. sotto nuova amministrazione e bandiera, il 10.6.1920 e registrato con il nome di Generale Petitti.

In prima di copertina la firma caratteristica di mio nonno: A.Antonsich, all'interno sue annotazioni.

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo dedico agli amici che seguono i quiz di "navi mercantili" che si saranno così spiegati il motivo del mio interesse per questo settore....

Una specifica di una pignoleria inusitata, del tutto austriaca: nell'inventario del cuoco non mancava lo stampo per il Kugelhupf, (o gugelhupf) classico dolce ancora in voga a Trieste.

Interessante la nomenclatura che trova analogia con molti termini riportati nel primo allegato" costruzioni in legno"; molti erano termini impiegati nella dizione locale; riscontro nei quaderni alcuni errori ortografici, ma è risaputo che la lingua italiana non è il forte delle genti giuliane che parlano prevalentemente in dialetto :wink: Figurarsi cent'anni fa !

 

https://www.dropbox.com/s/usf6vcjaeh50nt0/Specifica%20piroscafo%20da%20carico%20ad%20un%20elica%20.pdf?dl=0

 

Per dovere di correttezza rendo noto che avevo postato tempo fa questo fascicolo in un forum triestino, dove è di molto interesse la storia locale.

Ecco il Generale Petitti, che con questo post .....mi sono giocato per i quiz :biggrin:

rYXnxq.jpg

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi spiace per quel che ho suscitato, ma almeno un fatto positivo ne è uscito, un'altro argomento. vorrei aggiungere che pare in dirittura d'arrivo la realizzazione di un punto di manutenzioni legni a vela presso la mia attuale destinazione... aggiungo che sempre ove mi trovo, ho avuto modo di visitare la sala cimeli di mariscuola. MOOOOlto interessante... ho scattato foto ma non riesco a estirparle dalla memoria del telefono. ci sono resti e ricordi del trieste, alcuni ricordi legati alla base atlantica e a sommergibili che erano di stanza qua.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono io a doverti ringraziare, In caso contrario probabilmente non me me sarei accorto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il secondo album di appunti: Attrezzatura velica" datato anche questo 1908. L' affrettata calligrafia e la realizzazione interamente a matita, mi fanno pensare che siano più appunti personali che quaderni di corso;

 

https://www.dropbox.com/s/tm958ir5oxv9vk7/Velatura%20ed%20attrezzature.pdf?dl=0

 

Un terzo album, il migliore come accuratezza della grafica, verte sulle costruzioni in ferro (chiodate); reputo che l'argomento non sia qui di eccessivo interesse, eventualmente ...

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Il secondo album di appunti: Attrezzatura velica" datato anche questo 1908. L' affrettata calligrafia e la realizzazione interamente a matita, mi fanno pensare che siano più appunti personali che quaderni di corso;

 

https://www.dropbox.com/s/tm958ir5oxv9vk7/Velatura%20ed%20attrezzature.pdf?dl=0

 

Un terzo album, il migliore come accuratezza della grafica, verte sulle costruzioni in ferro (chiodate); reputo che l'argomento non sia qui di eccessivo interesse, eventualmente ...

Dalle mie parti si usa dire: "Lo vuoi, si dce agli ammalati"... :biggrin: :biggrin:

Comunque, credo che sia un argomento interessante anche quello...

:smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque, credo che sia un argomento interessante anche quello...

:smile:

Infatti...Non vedo motivi per cui non si debba postare anche la 3° parte! tra l' altro, sinceramente, a me interessa più il ferro rispetto al legno!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dalle mie parti si usa dire: "Lo vuoi, si dce agli ammalati"... :biggrin: :biggrin:

Comunque, credo che sia un argomento interessante anche quello... :smile:

 

Non avrei voluto esagerare....

Provvederò, ma devo ancora iniziare a scansionarlo. Abbiate un po' di pazienza :smile:

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dalle mie parti si usa dire: "Lo vuoi, si dce agli ammalati"... :biggrin: :biggrin:

Comunque, credo che sia un argomento interessante anche quello...

:smile:

 

Anche dalle mie parti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per fare un lavoro ben fatto la cosa si prolunga. Ne anticipo per ora una parte, per poi sostituire il file al completamento della scansione.

"Appunti di costruzioni navali in ferro - 1908" 1^ parte pagg. 79. Il formato dell'originale è cm 16,5x 20,5.

Visto il periodo, si trova perfino un accenno alle strutture rinforzate di prora per supportare il rostro nelle costruzioni del naviglio da guerra !

Da notare che il compilatore all'epoca aveva solo 17 anni.

 

https://www.dropbox.com/s/mtjk4uk3xkbjcua/Costruzioni%20in%20ferro.pdf?dl=0

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per condividere con noi questi tuoi ricordi. Non ho potuto ancora aprire e scaricare gli appunti sulle costruzioni in ferro, ma gia' il volume sulle costruzioni in legno che ho potuto scaricare e' un testo pregevole che permette recuperare conoscenze dimenticate e soprattutto trascurate. Un vero patrimonio anche per tutti noi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ho scaricato il file "parziale".. Chissà quanto tempo ha dedicato a realizzare queste pregevoli opere.. Sono veramente uno spettacolo.

:smiley19: :smiley19:

Share this post


Link to post
Share on other sites

........ Ne anticipo per ora una parte, per poi sostituire il file al completamento della scansione.

"Appunti di costruzioni navali in ferro - 1908" 1^ parte pagg. 79. Il formato dell'originale è cm 16,5x 20,5.

 

https://www.dropbox.com/s/mtjk4uk3xkbjcua/Costruzioni%20in%20ferro.pdf?dl=0

 

Terminata la scansione e sostituito il file; il link rimane lo stesso, ma il precedente non è più attivo.

Costruzioni in ferro - 1908 pagg. 190

 

https://www.dropbox.com/s/mtjk4uk3xkbjcua/Costruzioni%20in%20ferro.pdf?dl=0

 

EDIT: devo ricredermi sulla stupidità del pc. Avendo lo stesso nome Dropbox ha automaticamente sostituito il file: è attivo ed aggiornato anche il

precedente.

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,582
    • Total Posts
      517,097
×