Jump to content
Sign in to follow this  
Urso de Segestro

Il Bombardamento Navale Di Tripoli Aprile '41

Recommended Posts

Il mattino del 18 aprile '41 la MF salpò da Alessandria con 3 corazzate 2 incr. e numerosi Ct, dopo 3 giorni di navigazione, la mattina del 21 apr. alle ore 4,10 si presentò davanti a Tripoli e in contemporanea con un bombardamento aereo apri' il fuoco sul porto e sulla città, il fuoco circa 50 minuti, colpi' alcune navi nel porto e subi numerosi danni la città, i danni nel complesso furono relativamente contenuti non cosi' i danni morali che furono senz'altro più estesi..cosi' la racconta Cunningham:(dopo il bomb.).".dirigemmo per NE ad alta velocità preparandoci a forti attacchi aerei......ma non accadde nulla...la mancata reazione nemica fu tanto gradita quanto fuori programma...".(ne aveva ben donde visto che l'aereoporto di castelBenito distava pochi minuti di volo) ma continua "La navigazione di ritorno fu abbastanza tranquilla, lungo la rotta si uni' a noi una formazione che agli ordini di Pridham W.aveva cannoneggiato la costa tra Bengasi e Tobruk".

Il 23 Apr. dopo 3 giorni navigazione la MF fece ritorno ad Alessandria. L'unico avvistamento da parte italiana fu un ric dell'Egeo il mattino del 22 Apr.

Viene da chiedersi come fu possibile che la MF scorrazzasse in lungo per il Med. per ben 6 giorni senza subire ne avv. e ne offesa da chicchessia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo sull'argomento probabilmente in uscita a breve a firma di un amico. Restate sintonizzati su questa onda....

 

Tripoli_zps15c4f5ba.jpg


:smile: :smile: :smile:

Ciao,

C.

Edited by chimera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solo parzialmente in argomento.

Trattasi di due foto, scattate da mio Padre, di alcuni danni subiti da Tripoli quel giorno.

Ho ancora i negativi.

 

20ubscl.jpg

 

142y3py.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

BdA, RM o SM ? :wink:

Mantengo il più stretto riserbo.... :ph34r:

Ciao,

C.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su STORIA MILITARE di Agosto 2015 c'è un articolo a firma di Anthony VITALI HIRST e Claudio RIZZA su questo evento accaduto, tra l' altro, proprio in occasione dell' anniversario della Fondazione di Roma, una data a cui il regime fascista ha sempre dato molta importanza.

Viene da chiedersi come fu possibile che la MF scorrazzasse in lungo per il Med. per ben 6 giorni senza subire ne avv. e ne offesa da chicchessia.

Forse perchè dovevamo riprenderci dalla "legnata" materiale e morale di Matapan, circa un mese prima...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissimo articolo (quello di Storia Militare, Agosto 2015) relativo ad un argomento poco (o mai) trattato.

Questo mese mi son piaciuti anche vari altri articoli.

Peppe - F21

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su STORIA MILITARE di Agosto 2015 c'è un articolo a firma di Anthony VITALI HIRST e Claudio RIZZA su questo evento accaduto, tra l' altro, proprio in occasione dell' anniversario della Fondazione di Roma, una data a cui il regime fascista ha sempre dato molta importanza.

Forse perchè dovevamo riprenderci dalla "legnata" materiale e morale di Matapan, circa un mese prima...

Tra il 16 e il 20 dicembre '40 la MF bombardò Rodi si riforni' a Suda prosegui per lo Jonio e bombardò Valona, forse dovevamo riprenderci dalla "legnata" di Taranto....

Il 9 Febbraio '41 la MF bombardò Genova.......il 21 aprile appunto Tripoli, si trattò di imprese che videro impegnate decine di navi e migliaia di uomini per diversi giorni lontani dalle loro basi, alle quali peraltro tornarono senza subire danni di sorta. Aldilà dei danni causati che furono relativamente modesti, i danni morali invece furono incalcolabili, si pensi al bombardamento di Genova polo industriale di prima grandezza nell'Italia di allora a 50 mg dalla principale base della Regia, misero a nudo a tutti la cattiva organizzazione e la mancanza di iniziativa degli Alti comandi della Regia e dimostrarono che il mare nostrum era solo uno dei tanti slogan dell'Italia di allora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso, Claudio, puoi dirci qualcosa di piu!

 

Carissimi c.ti,

scusate il ritardo nel rispondere, ma il post mi era sfuggito.

Che dire? La grandissima parte del merito di questo lavoro va ad Antony che ha fatto le ricerche sulle fonti primarie (TNA) e secondarie inglesi e ha impostato la struttura di tutto l'elaborato. Poi c'è stata un brillante intuizione del Direttore Maurizio Brescia che ha suggerito all'autore d'inserire nell'elaborato anche la versione dei fatti italiana e, sapendo che in quel periodo mi stavo recando all'USMM per un altra ricerca, mi ha messo in contatto con Antony.

E' quindi nata questa inaspettata collaborazione che mi ha permesso di conoscere, seppur solo telefonicamente (per ora) Antony, persona davvero squisita oltre che autore molto bravo e preparato.

Il mio modestissimo contributo è stato dunque relativo alla stesura dei paragrafi basati sui documenti relativi all'episodio trovati nei fondi "Attacco alle basi" e "Marilibia". In realtà all'inizio mi sono limitato a spedire per posta elettronica tutto il materiale acquisito ad Antony, poi lui ha insistito perché i paragrafi basati sul materiale acquisito all'USMM li scrivessi io e l'articolo fosse a nome di entrambi. Ci ha messo un po' per convincermi (per la doppia firma) perché, come detto, la maggior parte del lavoro l'ha fatta lui.

Non da ultimo un grandissimo ringraziamento va a Peppe-F21 che è stato così gentile da metterci a disposizione e concederci l'autorizzazione alla pubblicazione di ben cinque foto inedite scattate all'epoca dal suo papà che impreziosiscono ancora di più l'iconografia che già poteva contare su foto acquisite da Antony all'I.W.M. di Londra e su immagini messe gentilmente a disposizione dal Direttore Brescia appartenenti alla sua collezione e a quella del comandante Bagnasco.

Concordo, infine, con Peppe: anche a me sono piaciuti moltissimo tutti gli articoli di questo numero di S.M. che, tra l'altro, ha un sedicesimo di pagine con foto a colori.

Davvero complimenti a tutti gli autori (oggi vado a prendermi un caffè con l'amm. Cosentino e a lui li potrò fare di persona) e, ovviamente, al Direttore Maurizio Brescia-Alagi.

Ciao,

C.

Edited by chimera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,689
    • Total Posts
      518,777
×