Jump to content
Sign in to follow this  
uomoditerra

Presentazione Uomoditerra

Recommended Posts

Salve a tutti,

 

sono Piero da Vercelli, classe 1954.

Sono appassionato di modellismo (ferroviario) e da alcuni anni anche da quello navale statico (sommergibili/sottomarini).

In particolare quest'ultimo hobby è stato stimolato dal fatto che sono figlio di un sommergibilista (mio padre era imbarcato sul BARBARIGO) e dalla scoperta di questo bellissimo sito.

 

Spero che quando inizierò ha costruire il mio primo modello qualcuno mi possa dare una mano.

 

Grazie e un saluto a tutti

 

Piero (Uomoditerra)

Share this post


Link to post
Share on other sites

benvenuto a bordo, sicuramente troverai valida collaborazione, comunque ti consiglio di offrire un brindisi virtuale, io intanto inizio ad alzare il calice. :smiley27:

Share this post


Link to post
Share on other sites

O.K., grazie.

 

Un giro (virtuale) di spumante italiano (magari piemontese) per tutti. :smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

:smiley25::smiley27::smiley28: WWWELLCOME ABOARD!!! :smiley25::smiley27::smiley28:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuto a bordo...

Speriamo di vedere presto qualche tuo bel lavoro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuto a bordo!!!

 

... figlio di un sommergibilista (mio padre era imbarcato sul BARBARIGO) ...

 

molto interessante!!! potresti raccontarci qualcosa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo mio padre è morto nel '74 e quindi vado a memoria, ormai sono passati molti anni e i particolari sono sfumati (me li raccontò quando ancora ero un bambino); non amava ricordare quel periodo e penso che, probabilmente aveva ragione.

 

Se adesso sono qui ha raccontarvi questa storia (che tutto sommato ha un certo fascino) è perchè si sono verificate una serie di circostanze a dir poco incredibili.

 

Classe 1921, fu arruolato in marina all'inizio del '42; solita trafila e quindi spedito alla base di La Spezia dove fece l'addestramento su un sommergibile di cui non ricordo il nome.

Nella primavera del '43 fu spedito alla base di Bordeaux con destinazione sommergibile Barbarigo.

 

Alla fine di maggio del 1943 gli fu data una licenza di 15 gg; ritornò quindi in Italia (abitava in un paese vicino a Vercelli) dove passò alcuni giorni con la famiglia.

 

Terminata la licenza, riprese il treno e ritornò alla base di Bordeaux; ad alcuni chilometri dalla base però ci fu un pesante bombardamento alleato che distrusse tutte le vie di comunicazione (terrestri e ferroviarie) con la nostra base.

 

Da buon militare fedele, ritornò alla base a piedi (impiegò 2 giorni !!); purtroppo (?) il Barbarigo era già partito da alcune ore per quello che poi sarebbe stata la sua ultima missione.

 

Restò quindi alla base (impiegato a terra, perchè oramai avevamo più personale che navi) fino al fatidico 8 settembre 1943, dove a lui come a molti altri compagni fu offerto di passare con i tedeschi.

Ovviamente si rifiutò, guadagnandosi (diceva proprio così) una vacanza di 2 anni a Berghen-Belsen (campo di concentramento dove i militari italiani, assieme a quelli di altri eserciti venivano "usati" per riparare i danni dei bombardamenti alleati.

 

Di questi ultimi 2 anni di prigionia raccontò sempre pochissimo sia a me che a mia madre; ricordo solo che quando raccontava di quel periodo, il suo tono di voce cambiava.......

 

Alla fine del '45, liberato dagli alleati, ritornò in Italia al paese natio; i nonni stentarono parecchio per riconoscerlo....

 

O.K.ragazzi, vi ho detto tutto (credetemi, ma mi sento ancora emozionato come quando ero bambino ha ricordare queste cose).

 

Un saluto a tutti quanti.

Edited by uomoditerra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuto a bordo!!!

 

E complimenti per i trascorsi sommergibilistici del tuo babbo che hai voluto condividere con noi!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benapprodato alla Base atlantica! abbiamo un reduce del Barbarigo con noi, è molto schivo e ha difficolta a collegarsi ma se vuoi ti metto in contatto.

 

Non dimenticare di offrire lo Spalletti quale brindisi di buon imbarco!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ben arrivato! :smiley19:

 

Grazie per il racconto ... immagino quanto quei fatti (e ricordi) lo abbiano turbato e quindi la sua reazione nel raccontarli. Non faccio difficoltà a pensare a quanto ancora emozionino te nel richiamarli nella tua memoria.

 

Roberta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie ammiraglia88 e a tutti gli altri per le belle parole.

 

Mio padre era un uomo di poche parole (al contrario di mia madre :rolleyes: ); quando, io ragazzino, cercavo di farmi raccontare le sue "avventure" (ero troppo giovane per capire), il suo viso cambiava espressione e la sua voce cambiava di tono.

E quindi il discorso scivolava lentamente su altri argomenti.

 

Ora che ho una certa età (59) credo veramente che certi ricordi siano molto difficili da sopportare.

 

Piero

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,302
    • Total Posts
      510,405
×